Amazon chiede un pezzo della loro azienda ai suoi fornitori

Ad alcuni trai gruppi che vendono attraverso la piattaforma viene proposto l'acquisto di warrant, i diritti ad acquistare azione dell'azienda in futuro a un prezzo concordato oggi, spesso inferiore a quello di mercato

dagospia.com

L’enorme peso di Amazon rende difficile alle aziende rifiutare, anche perchè in cambio vengono garantiti loro grandi acquisti…

Un fornitore che volesse atterrare nell’universo di Amazon per vendere i suoi beni o i suoi servizi potrebbe scoprire che la sua attività ha un problema: il diritto di Amazon di acquistare grandi quote nelle loro aziende con sconti potenzialmente elevati rispetto al valore di mercato.

Secondo documenti aziendali e interviste con le persone coinvolte nelle trattative, il gigante della tecnologia e del commercio al dettaglio ha stretto almeno una dozzina di accordi con società quotate in borsa in cui ottiene i diritti, chiamati warrant, di acquistare le azioni dei venditori in futuro a quelli che potrebbero essere prezzi inferiori a quelli di mercato.

Amazon negli ultimi dieci anni ha concluso più di 75 accordi di questo tipo con società private. In tutto, le quote e le potenziali quote del titano della tecnologia ammontano a miliardi di dollari in società che forniscono di tutto, dai servizi di call center al gas naturale, e in alcuni casi posizionano Amazon tra i principali azionisti.

Gli accordi offrono mostrano come Amazon usa il suo peso sul mercato per aumentare la sua ricchezza e influenza. La società è stata oggetto di un controllo crescente da parte di autorità di regolamentazione e legislatori sulle sue pratiche concorrenziali, comprese le società con cui collabora.

Una portavoce di Amazon ha affermato che i warrant che ottiene negli accordi commerciali sono in genere legati a traguardi che Amazon deve soddisfare. La società ha rifiutato di commentare accordi specifici, o di dire quanti warrant ha esercitato o la quantità di denaro che ha ricavato da tali accordi.

Il distributore di generi alimentari SpartanNash Co. lo scorso anno ha modificato il contratto con Amazon per la consegna di generi alimentari ad Amazon Fresh. La società con sede a Grand Rapids, nel Michigan, riforniva Amazon di cibo dal 2016, ma questa volta Amazon ha aggiunto una condizione: se avesse acquistato generi alimentari per un valore di 8 miliardi di dollari in sette anni, avrebbe potuto ottenere mandati per l’acquisto di circa il 15% delle azioni di SpartanNash ad un prezzo potenzialmente inferiore a quello di mercato. Amazon ha anche affermato di voler essere informato di eventuali offerte di acquisizione per SpartanNash e ha preteso una finestra di 10 giorni per una controfferta.

I dirigenti di SpartanNash sono rimasti sorpresi dalla richiesta. Ma alla fine hanno deciso che essere legati ad Amazon avrebbe potuto aumentare il profilo della loro azienda. Amazon ha ricevuto warrant della società quando è stato annunciato l’accordo che, se esercitato, ammonterebbe al 2,5% delle sue azioni. Se riceverà ed eserciterà warrant per l’ulteriore 12,5%, secondo i termini del contratto, diventerà il secondo azionista di SpartanNash dopo il gestore di fondi comuni BlackRock Inc.

Per circa un decennio, Amazon ha concluso accordi di questo tipo con i fornitori, ma negli ultimi anni ha aumentato in modo aggressivo la pratica. Nel suo ultimo rapporto trimestrale, la società ha valutato i suoi warrant a $ 2,8 miliardi, più di cinque volte il livello di tre anni fa. Amazon non rivela il valore delle quote che possiede a seguito dell’esercizio dei suoi warrant.

Uno degli ex dirigenti di Amazon ha spiegato che la maggior parte delle aziende ha rispettato le richieste sui mandati. Diversi ex dirigenti di Amazon che hanno lavorato a tali accordi hanno detto nelle interviste che hanno trovati ingiusti e unilaterali questi accordi che le società non erano in grado di rifiutare, e che la maggior parte del vantaggio è andata ad Amazon.

Fonte: https://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/amazon-chiede-qualcosa-piu-39-suoi-fornitori-pezzo-loro-275128.htm

Fonte originale: https://www.wsj.com/articles/amazon-demands-one-more-thing-from-some-vendors-a-piece-of-their-company-11624968099?page=1

Pubblicato il 30.06.2021

Notifica di
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Primadellesabbie
Utente CDC
2 Luglio 2021 14:49

Già i grandi distributori cercavano, in un modo o nell’altro, di mettere le mani sulle aziende produttrici di maggior successo e avvenire.

Ho sempre pensato che Amazon trafficasse in questa direzione, nessuna meraviglia.

1
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x