Home / ComeDonChisciotte / ALTRO FRACKING PREVISTO PER SIENA E GROSSETO

ALTRO FRACKING PREVISTO PER SIENA E GROSSETO

DI MARIA RITA D’ORSOGNA
dorsogna.blogspot.it

I permessi della European Gas Limited – ditta australiana che dice di avere depositato le proprie valutazioni di impatto ambientale per estrarre Coal Bed Methane e Shale Gas con fracking presso la regione Toscana.

E così, come un domino ecco altri progetti per fare fracking di Coal Bed Methane in Italia e di Shale Gas.

Da quanto mi pare di capire, questa ditta, la European Gas limited, ha avuto le concessioni nel 2007 ma sta ancora chiedendo i permessi e le autorizzazioni a procedere al nostro governo.

Sono tutti e tre allo stadio preliminare e sono in Toscana.

E’ tutto nel silenzio, e come sempre, se nessuno sa, dice, chiede, esige risposte, quelli gliele danno le autorizzazioni, perché fondamentalmente non sanno neanche cosa sia il fracking!

E così finirà che si arriva al fracking in Italia senza neanche chiederlo a nessuno, e poi in Toscana,
come se la regione più turistica d’Italia potesse essere allo stesso
tempo un distretto minerario con acqua inquinata, esalazioni tossiche e tremori piu’ o meno forti nel sottosuolo.

Dicono che:

Reports on Environmental Impact Study’s for the three permit areas have been completed and lodged with the office of the Regione Toscana.

I rapporti sugli studi di valutazione ambientale per tutte e tre le aree sono stati completati e giacciono con gli uffici della regione Toscana.

Ma la regione Toscana ha qualcosa da dire? Lo sanno? Cosa pensano? Perché la gente normale non sa niente di tutto ciò, che magari vorremmo dire anche la nostra, no?

 

Siena  – 478 chilometri quadrati – Coal Bed Methane e Shale Gas
Belforte – 511 chilometri quadrati – Coal Bed Methane e Shale Gas
Cinigiano – 564 chilometri quadrati – Coal Bed Methane e Shale Gas

Ma chi sono questi che non sanno neanche scrivere Siena e scrivono Sienna?

Intanto, questa European Gas Limited, European non e’.

La Kimberley Oil infatti nasce nel 1996 nell’Australia del Nord e *fin dal 2003* “entra in accordo” per una joint venture per trivellare carbone alla ricerca di metano in Italia e Francia.

Fin dal 2003!

Fra i suoi partner fin dal 2006 una certa Heritage Petroleum, americana.

Poi divestono dall’Australia e si cambiano il nome in European Gas Limited, chissà, per sembrare più benigni forse.

Anche loro parlano dei disastri minerari della Toscana e dell’alto contenuto di metano nell’area.

Dicono che

“CBM exploration activities by others in adjacent permits is encouraging”.

“Le attivita’ di esplorazione di CBM di altri in permessi adiacenti e’ incoraggiante”

Ricordiamo che il CBM e’ il coal bed methane che viene estratto con metodi di fracking.

E poi, ma chi sono questi altri? Quelli della Independent Resources? O altri ancora?

La cosa che fa rabbrividire è che dalle loro carte l’intera città di Siena è coperta dal permesso esplorativo!

Non ho che dire.

La Francia e la Bulgaria hanno bannato il fracking. Noi neanche lo sappiamo che degli australiani ed inglesi vogliono venire a farcelo in alcuni dei più bei posti d’Italia se non del pianeta.

Evviva l’Italia.
 

Maria Rita D’Orsogna
Fonte: http://dorsogna.blogspot.it
Link: http://dorsogna.blogspot.it/2012/06/altro-fracking-previsto-per-siena-e.html
7.06.2012

Pubblicato da Truman

3 Commenti

  1. Ed ecco che si può dare una mano terraformando…COME?
    WEATHERMODIFICATION e RILASCIO di SOSTANZE CHE ALTERANNO LE CONDIZIONI DEL TERRENO…ED IL TRADIZIONALE MUORE…

    GLOBALWIDE QUESTO SISTEMA O
    RA…

  2. Dott.ssa D’Orsogna grazie infinite per i suoi “Report” !! Che sono delle vere indagini giornalistiche da “Report”, quello vero, quello di una volta .. Eh già ma la Gabbanelli come mai non sa e non dice niente di queste cose ?.

    Vista l’inizio della bagarre anche in seno all’informazione cosidetta più indipendente ( vedi la scissione del Fatto Quotidiano), mi sa che in questo gigantesco e oramai UNICO comitato d’affari (Banche + Industria + Politica un blocco unico con infiniti consigli d’amministrazione ..) nel quale viviamo, anche l’informazione non sa più quale padre-padrone-finaziatore seguire. E così tocca a noi informarci direttamente e agire.

    Tocca solo ed esclusivamente a noi e persone come la Dott.ssa D’Orsogna sono preziose.

  3. Sì, ma sarebbe il caso di girare tutte le informazioni alla magistratura, forse si può riuscire a bloccarli.
    Comunque, questi sono i risultati di venti anni dominati da una classe politica di incapaci il cui unico interesse è il tornaconto personale, e intanto il paese sprofonda (letteralmente) sempre di più.

    Mi viene voglia di emigrare su Marte.