Home / ComeDonChisciotte / ALMENO LUI NON GLI HA BACIATO LE SCARPE (ULTIMA ORA 2)

ALMENO LUI NON GLI HA BACIATO LE SCARPE (ULTIMA ORA 2)

DI PAOLO BARNARD
paolobarnard.info

Muore come Gheddafi. Un despota laido, egomaniacale, corrotto, detestabile, che però almeno muore per non aver baciato le scarpe al Vero Potere. Silvio Berlusconi
muore così. Nell’epitaffio sobrio che questo uomo merita, ci sarà una sola
riga dignitosa: “Almeno lui non gli ha
baciato le scarpe.
” Una riga che non leggerete sulla tomba di Umberto
Bossi.

L’Italia è finita, già smembrata e i pezzi migliori
già assegnati alle elite Neoclassiche, Neomercantili e Neoliberiste, quelle che
da anni cercano la morte del disubbidiente Silvio Berlusconi, già bollato dal
Wall Street Journal nel 2008 come “un nemico del Libero Mercato, non un Liberista
economico disposto a fare ciò che è necessario
. Quelle elite che
hanno piazzato in Italia i loro sicari De Benedetti, Prodi, Monti, Draghi, La Repubblica, Travaglio,
e il centrosinistra al completo. Quelli che hanno chiamato al telefono Giorgio
Napolitano la settimana scorsa per avere garanzie, hanno cioè chiamato l’uomo
che dagli anni ’70 lecca le scarpe alle elite finanziarie americane, l’uomo che
già allora diceva a Business Week
Noi non ci opponiamo alle multinazionali.
L’impresa privata lavorerà meglio in un’Italia governata in modo migliore
”,
mentre il suo partito pugnalava alle spalle i lavoratori italiani.

Lo
ha scritto il Financial Times ieri: “L’Italia
dovrà cercare un salvataggio finale
(entri il Fondo Monetario, nda), e con esso arriverà una interferenza
inaudita nella sua sovranità politica
”. E’ già tutto deciso, la Spirale della Deflazione Economica Imposta
lavora da un pezzo per rumenizzarci
ai piedi della Germania. Leggete il Più Grande Crimine 2011.

Questa
mia gente non si rende conto di cosa significhi, di cosa l’attende. L’ho già
scritto mille volte, non lo ripeto, mi si torce lo stomaco, sono e saranno
sofferenze impossibili da rendere in parole.

Ma
quello che mi fa imbestialire è vedere lo sgangherato drappello dei
contestatori italiani che va a ramengo a protestare a casaccio perché non ha
voglia di studiare chi sia il Vero Potere Neoclassico, Neomercantile e
Neoliberista che ci ha distrutti, né di capire dove stia veramente (oh! abbarnard!!… a far le 3 del mattino ai
centri sociali ci si diverte. Studiare? Cheee??). Il pietoso drappello che si
fa guidare da uomini come Franco Berardi Bifo, che all’oscuro totale dell’Abc dell’economia
predica su Micromega soluzioni alla dittatura del Vero Potere come “Entrare nei loro sistemi informatici,
pubblicare i crimini finanziari con iniziative di tipo Wikileaks, cancellare le
loro reti assassine di scambio finanziario in tempo reale
”. Non ci sono
parole, ma il grave è che sto tizio sta su Micromega, cioè loro, i sicari del
Vero Potere, e nessuno se ne rende conto. Il drappello che da una parte attacca
la Banca d’Italia, sì, fuochino, ma dall’altra è però Popolo Viola D.o.p. e
attacca come causa di questo disastro l’unico premier italiano che negli ultimi
18 anni non ha baciato le scarpe al più devastante colpo di Stato finanziario
delle storia dell’umanità, Silvio Berlusconi. Drappello: fate pena.

Chiedo:
è data all’empio la possibilità di redimersi in punto di morte con un unico
gesto? Credo che il cattolicesimo dica di sì, io non concordo. Ma se siete
cattolici allora perdonate l’uomo di Arcore, perché ieri il suo grido
d’orgogliosa ribellione ai padroni del mondo ha strappato a me un grido
nell’anima. Almeno lui non gli ha baciato le scarpe per non morire.

Paolo Barnard
Fonte: www.paolobarnard.info
Link: http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=241
25.10.2011

Pubblicato da Davide

  • metallaroforever

    Paolo il tuo > è inaccettabile.
    Le tue conclusioni sarebbero giuste se berlusconi non fosse uno dei due Buldozer responsabili della distruzione della nostra conoscenza politica globale e nazionale(dopo ti dirò chi è l’altro).Un carrarmato che ci ha lobotomizzati per 15 anni creando fenomeni come: Santoro e Travaglio, La sinistra da votare ad ogni costo, l’isteria di massa berlusconiani/antiberlusconiani, quella cultura della polemica(o delle zitelle sorde come la chiamo io) alla Amici che domina nelle scuole in italia e che ha distrutto ogni forma di dibattito civile in questo paese… e tanta altra roba che conosci benissimo…Ma soprattutto l’assoluta ignoranza che abbiamo in merito alla geopolitica e al vero potere. Come fai a separare berlusconi da tutto quello che c’è successo??…come è sbagliato dare la colpa esclusivamente a lui è altrettanto sbagliato assolverlo e dare la colpa esclusivamente agli altri( ee poi cavolo…ti stai dimenticando delle Guerre che- colui che non avrebbe baciato il culo ai potenti…-coi suoi cari amichetti neo-cons ci ha fatto fare)MA PERCHE’ PRIMA DICI CHE DOBBIAMO DIMENTICARCELO,DOBBIAMO PARLARE DELLE COSE CHE CI STANNO UCCIDENDO…. E POI SEI TU IL PRIMO CHE NE PARLA??(e anzi LO GIUSTIFICA?)
    Ma non capisci che finchè ci sarà lui la sinistra continuerà a essere votata con il naso tappato??e che nessuno ti prenderà mai sul serio se continui a parlarne come se fosse un martire(e invece è un buono a nulla puttaniere che sta ritardando un processo ormai quasi irreversibile) MA LO CAPISCI CHE CON LUI AGLI OCCHI DELLA GENTE NAPOLITANO E DRAGHI SEMBRANO DEI BENEFATTORI??
    ….. ah dimenticavo ovviamente l’altro responsabile siamo noi(mussolini ce l’abbiamo nel dna)…

  • Break74

    Anche a me è successo lo stesso! ho esultato!

  • Break74

    Il problema è che comunque ora la sinistra sarà votata col naso tappato e con pseudo feste in piazza per festeggiaare la caduta del tiranno. La maggiorparte della gente si rilasserà per un lasso di tempo necessario che servirà alla sinistra a darci in pasto definitivamente. Capisci, quel nervosismo, quell’incazzatura che ora cresce leggermente potrebbe anestetizzarsi in quel lasso di tempo(con la caduta del governo Berlusconi) e per noi sarebbe la fine. In pochissimo una fetta più consistente della popolazione si renderà conto del danno subito grazie ai salvatori prodiani, ma ormai sarà troppo tardi. Ecco, penso che stia tutto qui. Lasciamo ancora un po il nervo scoperto, non bendiamoci le ferite con garze sporche e sudicie che manderebbero inevitabimente in cancrena l’arto.

  • glab

    eeeh! non è mica ancora morto! è ben ben assediato questo sì ma sta ancora combattendo.
    il fatto che gli diano addosso come zombi infuriati prova che non è loro servo, almeno non come “loro” lo vorrebbero altrimenti non gli sarebbero nemici così laidamente accaniti.
    quel che non si capisce è che cosa se ne faranno mai di tutto ciò che stanno freneticamente spoliando nel mondo.
    ho letto i tuoi scritti e li ho trovati interessanti ma difficili, nel senso che capire quel che hai descritto fa star male e il volgo disperso preferisce forse stare a guardare senza partecipare, neanche solo stando solo un pò male.
    così solleva la testa, intende l’orecchio e guarda la pugna tra il nuovo che avanza ed il vecchio che soccombe, ben sapendo che alla fine entrambi gli staranno sul collo.
    gli si può dare torto? penso di no;
    forse anche il volgo disperso sente inconsapevolmente che è finita l’epoca degli uomini del fare ed impazza furiosa l’epoca degli uomini dell’avere i quali stanno saccheggiando quel che han fatto gli uomini del fare, quando il saccheggio sarà terminato, di questo passo non ci vorrà molto, quale sarà la situazione esistenziale?
    penso che questo sia il punto su cui occorre prepararsi, resistere al saccheggio degli uomini dell’avere pare essere una battaglia persa.

  • metallaroforever

    SI ma berlusconi fa parte della causa…non della soluzione…la soluzione siamo noi e quanto siamo disposti a sgolarci per spiegare alle persone comuni cosa sta accadendo!!

  • tania

    Insomma .. il rivoluzionario Berlusconi , che piace tanto a Paolo Barnard , ha sostenuto in parlamento tutte le privatizzazioni dei governi D’Alema e Amato , con annesso bombardamento alla Jugoslavia e con annessa entrata nell’Euro… Berlusconi ha servito fedelmente la Guerra Infinita di Bush e Obama , è andato alla Knesset ad elogiare il Sionismo e la pulizia etnica di Gaza … in Italia si è genuflesso a Marchionne e Montezemolo ( siamo già ai contratti individuali ) ecc.. Capitolo Gheddafi : Che Jibril sarà molto più servile rispetto a Gheddafi è sicuramente vero ( la guerra è servita a questo ) .. Ma non toglie il fatto che Gheddafi , negli ultimi 10-15 anni ha comunque iniziato sempre più a servire il “Vero Potere” , direttamente con lui ( Shell , British Petroleum, ENI , Total , Occidental Petroleum Corp , Conoco-Phillips , Marathon Oil Corp ecc.. ) o indirettamente con alcuni suoi bracci armati ( accordi militari e d’intelligence con Italia , Israele ecc.. ; carceriere di SubSahariani in fuga al soldo della Comunità Europea ecc.. ) . Capitolo Bifo : Paolo Barnard come al solito diffama e offende altri attivisti ( è la sua missione evidentemente ) ma i discorsi di Bifo vanno ben al di la di una frase estrapolata da Barnard a suo uso e consumo .

  • RicBo

    Il problema è che B. rappresenta l’altra faccia della medaglia neoliberista, quella delle mafie locali e degli imprenditori con le pezze al culo foraggiati dallo Stato clientelare e corrotto. B. ha fatto leva sul sentimento patriottico perchè nell’arte della comunicazione-marketing ancora non lo batte nessuno ma bisogna guardare cosa c’è dietro, per i cittadini italiani una sua uscita di scena sarebbe passare dalla padella alla brace.

  • metallaroforever

    e poi sbagli…perché in teoria siamo già fuori tempo massimo(il potere berlusconi o no ci tiene per le palle)…e di sicuro berlusconi con i complotti dei magistrati non ha aiutato nessuno…ha solo contribuito al caos generale che c’è adesso nella testa di tutti gli italiani che – oltre ad essere degli zombie lobotomizzati dalle tv e inutili link funebri di facebook- Non si immaginano minimamente cosa ci aspetta. Quindi …lasciamo stare i nani e i Travaglini e pensiamo a divulgare finché possiamo.

  • Giancarlo54

    Verissimo tutto quello che dici, a parte Bifo che si diffama da solo (senza offesa), su Berlusconi quindi cosa facciamo? Ci uniamo anche noi al coro dei suoi nemici e scendiamo in piazza esultanti quando cadrà (presto penso)? Lo appendiamo a testa in giù ad Arcore in mezzo alle zoccole piangenti? O ci schieriamo al suo fianco e mandiamo a fare in c…. i poteri che cita Barnard? Guarda che non c’è una via di mezzo. O di qua (tappandoci tutti i buchi possibile ed immaginabili) o di là. Ognuno si assuma le sue responsabilità e la Storia giudicherà.

  • Sokratico

    Barnard compie alcuni paralogismi tipici di coloro che disprezza (non si capisce bene a che titolo, visto che la verità in tasca, neppure la verità storica, non c’è l’ha lui come non l’ha nessuno.)

    Comunque, il paralogismo in questione è di non inserire nella sua critica una consapevolezza della complessità della realtà che vorrebbe descrivere.

    In altre parole, poichè ha identificato in un “potere”, finaziario e mediatico, il vero attore del disastro ecco che tutti gli altri attori non gli paiono più colpevoli.

    Ora, anche se Berlusconi non è stato un banchiere neoliberista, solo un ipocrita o un infoiato potrebbe credere che non sia responsabile di danni, anche sistemici, all’Italia.

    Bien sure, non è l’unico responsabile.
    D’accordo, i media hanno prodotto rappresentazioni distorte, spesso apologetiche della sinistra.

    Ma affermare che Prodi e Micromega sono “i sicari” e Berlusconi crolla perchè non si è sottomesso è una assurdità da Testimone di Geova.

    Berlusconi ha fatto danni cercando il proprio interesse e crolla per le proprie inadeguatezze e per i propri difetti (politici e personali).

    Intorno a lui c’è stata per anni una corte di poteri e personaggi che ne hanno usato l’ascesa ed il potere a fini diversi (dalla mafia, agli imprenditori, alla Lega, ai banchieri nazionali e internazionali, a confindustria etc) e che lo hanno abbandonato o lo stanno abbandonando da quando il suo potere personale ha cominciato a svanire dentro il sogno malato di un vecchio malato.

    Dire questo non significa pensare che le tue ricerche economiche siano errate, Caro Barnard, ma solamente che in un sistema complesso vi sono una quantità enorme di elementi che lo compongono e focalizzarsi su uno solo per quanto grande è un ottimo modo per rendersi ciechi a tutti gli altri.

    Parli di finanza. D’accordo, sono convinto che il mondo sia stato modellato dalla finanza negli ultimi decenni.
    Ma pensi onestamente che, per dire, la stagione stragista della mafia nel ’92 – ’93 non abbia avuto una sua autonoma importanza nel modellare tanto gli eventi quanto le rappresentazioni culturali e emozionali di un paese? O anche i semi-analfabeti Corleonesi erano agenti di J.P.Morgan? Oppure erano partigiani che gli resistevano? Non è un po’ arida come analisi?

    I singoli, anche i singoli, influenzano gli eventi. E’ uno strutturalismo ignorante che pensa che solo i macrosistemi possano influenzarsi tra loro.
    Esistono correnti di cambiamento anche verticali, sia dall’alto che dal basso.

    Pensate che il mondo dell’informatica sia stato rivoluzionato da Steve Jobs…beh, lo è stato molto di più dall’invenzione del Mouse, che ha permesso le interazioni grafiche e iconiche!
    Prima si lavorava a linea di comando, sapete? Anche i Mac, sì!

    Insomma, basta con questo approccio rivelazionistico e manicheo. E’ stupido, irritante e profondamente ignorante.
    Nessuna, e dico nessuna, singola analisi per quanto profonda e ben condotta, potrà mai spiegare perchè le cose sono andate in una certa maniera e non in un’altra.

    Chi lo pensa, semplicemente, è ubriaco di sè stesso e delle sue opinioni. Come il Berlusconi dei tempi d’oro…e, temo, come lei caro Barnard.
    saluti

  • RicBo

    Su Bifo in parte concordo con Barnard, è sempre stato un intellettuale rinchiuso nella sua torre d’avorio, solo da poco è tornato a farsi vedere in giro dopo un periodo in cui letteralmente non usciva di casa.
    E’ un grande esperto di comunicazione ma di economia sa poco o nulla, quello che fa rabbia è che due personaggi così non riescano ad unirsi per incidere davvero sul cambiamento che predicano.

  • Maxim

    Penso che Barnard , insieme ad altri , non abbia capito un tubo di Berlusconi .
    Quell uomo è servo dei suoi interessi e per Barnard noi dovremmo ammirarlo etc ?
    Di tutte le promesse che ha fatto ai suoi elettori non ne ha mantenuta una , non ha liberalizzato , non ha modernizzato , nulla
    Ragionando cosi’ si finisce per dire che Mussolini era un patriota , che ha tentato di difendere l’ Italia dal complotto plutocratico e via dicendo …
    Ma scherziamo ?

  • tania

    ma scusa Giancarlo , se si disprezza quei servi del PD , occorre per forza apprezzare con quel servo di Berlusconi ?

  • metallaroforever

    Ma stiamo scherzando ragazzi?? O DI QUA O DI LA?? no no…non c’è alcun bivio forse non avete capito…queste due strade conducono tutte al baratro…

  • RicBo

    Sokratico sei grande, mandami i tuoi dati e ti invito a partecipare al nostro blog (non scherzo).
    Su B. però concordo con Barnard, nonostante tutto, la ragione principale del suo crollo sta nel suo rifiuto di allinearsi al neoliberismo anglo-franco-tedesco. Che lo abbia fatto per favorire altri tipi di mafie (Putin in primis) mi sembra storia nota. Poi, come dici, c’è tutto il resto..

  • Break74

    E’ innegabile che il nostro tempo è già finito. E’ finito dopo aver firmato il trattato di Lisbona. Ma penso anche che se i vari pd-addicted fossero entrati un anno fa la strada delle privatizzazioni e tutta la turbo decadenza avrebbe fatto ulteriori passi avanti. Nel giro di un mese l’opinione pubblica mondiale sta finalmente virando, quindi potebbe ancora succedere qualcosa. Ormai il tutto ha subito un accellerazione notevole, non si ragiona più in mesi ma in giorni. Tutto questo per dire che l’apatia ci ha avvolti ma la fiducia del malato terminale non mi abbandona. Poi sul resto non posso che essere daccordo con te.

  • metallaroforever

    appunto…allora visto che il cuore pulsa ancora…cerchiamo di non perdere altro tempo demonizzando o incensando gente che non ha mai fatto i nostri interessi…

  • metallaroforever

    beh…se devo dire a me sembra più credibile un’altra ipotesi…. stava sui coglioni a tutti

  • baolros

    “Un despota laido, egomaniacale, corrotto, detestabile, che però almeno muore per non aver baciato le scarpe al Vero Potere. Silvio Berlusconi muore ”
    Dov’è l’ammirazione di Barnard per il Berlusca? Barnard dice una cosa molto semplice: se il PD va al governo, siamo spacciati. Ed è vero. questo non significa tessere le lodi del PDL, significa prendere atto di una realtà. Su una cosa non concordo: Berlusconi ha tuonato contro la UE perchè, come tutti i megalomani, non accetta un potere al di sopra di lui. Non dice certe cose perchè vuole bene agli italiani, dice certe cose perchè è un “egomaniacale”. Ora le cose sono due: utilizziamo questo malato di mente per prendere tempo. In pratica, lasciamolo govermare anzi, non governare per un po’ e aspettiamo tempi migliori.
    Oppure, lasciamo che il PD vada al governo e che lasci passare tutte le leggi e riforme che la UE ci imporrà. A quel punto gli italiani capiranno. e sarà un vera guerra civile.

  • metallaroforever

    SI ma ti sei dimenticato il titolo dell’articolo…

  • Break74

    “Ora le cose sono due: utilizziamo questo malato di mente per prendere tempo. In pratica, lasciamolo govermare anzi, non governare per un po’ e aspettiamo tempi migliori. Oppure, lasciamo che il PD vada al governo e che lasci passare tutte le leggi e riforme che la UE ci imporrà. A quel punto gli italiani capiranno. e sarà un vera guerra civile.”

    esatto è proprio quello che scrivevo pocanzi. e’ il dramma è che proprio da uno psicopatico egomaniaco potrebbe regalarci un po di tempo necessario per armare le folle ed evitare che il clima di tensione si affievolisca inutilmente con la favola della caduta del governo per un mondo migliore.

  • baolros

    Ma l’altra padella è un po’ più grande però 🙂

  • Servus

    Caro Barnard, sono con te e approfitto per ringraziarti del tuo grande lavoro (ilpiugrandecrimine).

    Sono tanti a sinistra e non anche in questi commenti che continuano a denigrare Berlusconi seguendo pedissequamente la stampa mainstream.

    Nemmeno le 100000 registrazioni di Woodcock sono riuscite a mostrare alcunché di illegale nelle conversazioni di SB.

    Io sono cattolico convinto e non c’è necessità di perdonare SB: Silvio è un angelo inviato dal cielo a proteggere l’Italia dal potere finanziario mondiale.

    Gli piacciono le donne? Bene, come a Mozart, e come a San Francesco (prima di diventare frate), e i suoi figli lo adorano. Tanto mi basta, e credo anche a Dio.

  • andreapound

    In realtà, il “Vero Potere” non attacca Berlusconi perché si mette di traverso, ma perché è un incapace che ha avuto tutto il tempo per “riformare” l’economia: http://lavocedelcorsaro.myblog.it/archive/2011/09/28/requiem-for-berlusconi-ovvero-l-impazienza-incontrollata-de.html

  • gabro

    Troppo spesso non ci si sofferma ad analizzare una situazione dalla prospettiva migliore, si reagisce di “pancia”…in fin dei conti non siamo nemmeno dei robot, quindi ci stà un tuffo in Matrix per assaporarne i vecchi “sapori” sempre più celati a chi ha un palato di molto più raffinato risultato della dis-illusione relativa a ciò che è considerata “Realtà”. Berlusconi non è solo un ricco imprenditore che ha deciso di fare anche il “padrone” dell’Italia ma è PRIMA di TUTTO un massone a cui è stato consentito di realizzare ciò che ha in cambio di molte altre cose, il suo programma elettorale è il programma della P2. Quasi tutti i politici europei sono associati ad ordini Cavallereschi come i “Cavalieri di Malta”, “L’ordine della Giarrettiera”, I Cavalieri del San Sepolcro”, l'”O.T.O.” ecc. Questi signori sono il “network” del Nuovo Ordine Mondiale che sta attuando le ultime mosse per arrivare a breve a realizzarlo. Il Vaticano ieri ha auspicato la creazione di un organismo sovranazionale per la gestione di tutto il comparto economico-finanziario a livello globale. Siamo governati da teatranti senza alcun potere reale perchè incastrati tra i piani della piramide di cui sono piccoli mattoni. Pensate davvero che un mattone possa avere un moto di coscienza improvviso nei confronti di un sistema che fino a questo momento gli ha dato Potere e Ricchezza? Vi sembra che ci sia in giro qualche politico che chiameremmo volentieri “ONOREVOLE”? Tutto il mondo è un palcoscenico non servono altre favole! Guarda in alto ed osserva l’Occhio, guarda quello che ha creato ed intuiscine il crollo perchè la sua riuscita è la nostra fine…tutto il resto è una distrazione.

  • Nauseato

    A suo modo, il bello di questo troiaio universale è che si può dire tutto quanto il contrario di tutto senza temere mai di aver torto o ragione …

  • RicardoDenner

    Berlusconi è un essere umano..non una macchina da potere come gli altri politici..e per questo alla fine viene capito da chi è ancora umano e non una macchina da contestazione..

  • yakoviev

    Sono contraddizioni inter-capitalistiche, lotte per l’egemonia o per scaricare i costi della crisi sul/sui più debole/i, ricattandolo o facendogli cedere parte del suo patrimonio. Pestaggi fra bulli, in cui, ovviamente, a prendere la dose più forte di cazzotti sono i lavoratori, il popolo. In altri tempi si sarebbe arrivati a guerre fra stati europei, oggi è meno proponibile. Berlusconi non è certo un eroe dell’indipendenza nazionale, è solo uno a cui scoccia essere preso in giro.

  • tania

    ma poi a me dispiace criticare Paolo Barnard , ma lui veramente se le tira dietro : diffama tutti ( questa volta Bifo ) per fare l’anima bella , quello che va controcorrente , l’originale ( tra l’altro sai che originalità avvisarci che il PD è un fantoccio neoliberista .. basta guardare in faccia Enrico Letta ) ; e , per ottenere questo suo scopo fine a se stesso , si fa “strappare un grido nell’anima” da un servo guerrafondaio ( e altrentanto antisociale ) che non solo ha istituzionalizzato , in Italia , la cultura commerciale e del v.i.p… ma soprattutto ( e questo è imperdonabile ) Paolo Barnard si fa “strappare un grido nell’anima” da Berlusconi i cui sgherri ( Sallusti , Ferrara , Santanchè e Fiamma Nirenstein in testa ) hanno dato , senza vergogna , del terrorista a Vik Arrigoni

  • Kampala

    Come Gheddafi , come Saddam , come Che Guevara , come Mattei , come Falcone , e come Craxi , ultimo Italiano con gli attributi che ha avuto il coraggio a Sigonella di gridare Viva l’Italia contro il Vero Nemico Imperialista e prepotente che come al solito , pretendeva di calpestare la sovranità di uno stato fottendosene altamente dei diritti di chi lo governa.
    Che pena che provo per questo cortiletto di oche starnazzanti che , come i 2 capponi di Renzo nei Promessi Sposi , poco prima di finire in pentola continuavano a baccarsi l’uno con l’altro , inconsapevoli del loro destino segnato. Ecco , questo è il pensiero dell’idiota medio , raggiunge il suo apice non oltre il cortiletto di casa propria , e fatica anche solo per un momento a guardare oltre il Galletto di turno che gli hanno messo di fronte per dargli comunque il suo piccolo nemico quotidiano.
    Hai ragione Barnard , il Nemico è di una bravura diabolica , conosce benissimo i suoi Polli , sa sempre come distigliore la loro attenzione dal Vero problema e sopratutto trova sempre i migliori Convogliatori nel Nulla del dissenso popolare , portieri , leccapiedi , camerieri , servetti e servette a libro paga , che si indignano nelle pubbliche piazze, e che sono riusciti negli anni anche a ridicolizzare e svilire l’unico rimasuglio di democrazia che era l’istituto referendario facendo finta di ridare al popolo il potere di decidere , ma come fanno Paolo , come cavolo fanno questi a stare sempre un passo avanti??? Loro sono bravissimi o noi siamo veremante dei decorticati??

  • cardisem

    Leggo con sempre minore interesse gli articoli di Barnard. L’inizio non mi invoglia ad andare oltre. E me ne dispiace perché avevo letto con interesse e profitto il suo libro “Perché ci odiano”. È come se uno persona avesse capito abbastanza, ma poi non fa un passo ulteriore per capire oltre… Come se qualcosa lo bloccasse.

  • casumarzu

    la tua analisi mi pare alquanto leggera
    Quando si parla dell’Amico Berlusconi si deve parlare di soggetto politico
    manovrato da un potere che ha una sua idea e la vuole perseguire
    se poi è evidente che in qualche misura Berlusconi ostacola il processo di asservimento a favore della loggia massonica internazionale – questo non può che far piacere anche ad un esotericoanarchico – studiare la geopolitica – le trame del potere non è da tutti perchè esige attenzione
    mirata e quindi energia – un proletariato schiavo dell’oggetto che riserva le sue energie nella possibilità di avere beni di consumo per trovare la loro giustificazione ad una vita da Euroschiavi , questo è il vero problema – Quando si fanno delle considerazioni sulla sinistra – si dovrebbe pensare di più ai Signorini che hanno deliberatamente posti in essere l’idea del pacifismo per non essere turbati dalla loro regia.
    Grazie Paolo – provochiamo la nona onda.

  • metallaroforever

    berlusconi sarebbe umano…se invece di inventarsi stronzate come il presunto complotto dei giudici di sinistra,svelasse che cos’è il vero potere…

  • istwine

    non hai tutti i torti, anche io ritengo che la visione di barnard da un punto di vista storico sia troppo stretta (anche se va detto che si sta avverando buona parte del progetto di cui parla nel suo saggio), o quantomeno troppo determinista.

    una cosa è certa però, c’è un pensiero dominante economico che influenza l’aspetto sociale, questo perché società ed economia non sono mai distaccate. sbaglia chi bolla come “economicista” ogni analisi che cerchi di introdurre gli aspetti economici, e sbaglia chi (come storicamente i liberisti) pensa di poter fare a meno dei rapporti sociali per spiegare gli avvenimenti

    il problema di fondo del tuo discorso Sokratico, non è tanto il fatto che in effetti la stagione stragista della mafia nel ’92 – ’93 possa aver avuto “una sua autonoma importanza nel modellare tanto gli eventi quanto le rappresentazioni culturali e emozionali di un paese”, ma il fatto che tu li consideri incisivi quanto altri. Sì hanno inciso a modo loro, ma nulla a che vedere con i dogmi liberisti, proprio nulla. Questi sono ovunque e la società è permeata da tali dogmi (inutile che stia qui ad elencarli).

    detto questo, non si può negare che vi sia un pensiero dominante perpetuato tramite media, scuole ed università, incessantemente, contro ogni logica basilare. questo è il punto, è il terreno sul quale poi avvengono tutti gli altri, che incidono sicuramente, ma che non riescono a scalfire in nessuna maniera il terreno sul quale agiscono.

    poi certo, da qui a descrivere berlusconi come una persona positiva, ce ne passa.

    il punto, comunque rimane sempre questo: i dogmi del liberismo e del capitalismo, sono evidentemente alla base delle principali disfunzioni attuali, economiche e sociali. le due cose non sono e non possono essere distinte.

  • cloroalclero

    MA PER PIACERE! se berlusconi fosse stato un politico avrebbe preso tempo, anche con la scusa che era appena cambiato il governo, rallentando la frettolosa e foriera di fregature, entrata nell’euro. Allora aveva la forza politica per farlo senza manco tirar fuori i quattrini per corrompere i simili come sta facendo ora. Perchè è entrato in tutte le coalizioni NATO? perchè ha sempre messo soldi nostri nelle missioni di pace? perchè leccava il sedere a bush? Perchè, se wikileaks ha espresso che c’è questo -diciamo- legame particolare con putin non ha almeno votato come lui alla missione libica? ma ti pare possibile che prima fa una delle poche cose vantaggiose della sua storia “politica” (il trattato italia-libia) e poi manco vota come Putin, ma come sarkozy. Contro la reputazione sua e del paese e contro i nostri interessi.

    Quel che barnard chiama “far da opposizione all’oligarchia dei banchieri” in realtà è una guerra feudale. Evidentemente la banca mediolanum ha interssi contrapposti a quelle in cui lavorano draghi, prodi ecc…ma sempre di $$$ si parla. Non è stato un politico, ma un uomo d’affari che è entrato nel novero dei primi 100 uomini piu’ ricchi del mondo. E pensa di poter fronteggiare goldman sachs per portare acqua al suo mulino e a quello dei suoi amici:l’imprenditoria edile, scolastica, sanitaria, che lo sostengono e gli assicurano elettori (pensiamo al circo di “compagnia delle opere”) Berlusconi di certo i suoi piu’ grossi investimenti non li fa in italia e nemmeno in europa. Noi sappiamo poco o niente della storia economica del berlusca, a dispetto di travaglio. Ha le sue, di consorterie internazionali. Ha la sua fetta di piramide e sta cercando di far crollare uno spigolo a lui pari (o forse superiore). Inoltre ha il contingente problema di portare a casa, in italia, risultati sul piano della tutela delle sue proprietà in caso le questioni giudiziarie gli chiedessero risarcimenti plurimilionari. Se perde il ceto medio, dal punto di vista elettorale è morto, per quello nicchia sulle pensioni.. ma poi cederà, per un semplice calcolo temporale. ma per piacere non parlate di berlusca “fiero patriota” perchè anche se mi schifa nel profondo l’isteria ottusa degli antiberlusconiani, egli è servo e leccapiedi quanto (e piu’) degli altri. Strumento e artefice di piani decisi in logge diverse, ma analoghe. E con la storia de l’aquila e di gheddafi ha scritto la storia piu’ negativa delle leadership italiane. un domani sarà ricordato in modo peggiore di mussolini

  • Giancarlo54

    E che ha mai detto di apprezzare Berlusconi? Io ho semplicemente detto che se al potere va il csx siamo morti, quindi……

  • azul

    Mi sembra indiscutibile che B (“valvassino mancato” secondo la mirabile definizione di Eugenio Orso), sia il male minore e che quelli che lo sostituiranno saranno gli emissari del Vero Potere. Questi saranno di bella presenza, dotti, composti, tecnici, di pratiche sessuali ben comportate e discrete, educati e astemi di gaffe e barzellette. Completeranno la liquidazione dei gioielli pubblici, scampati alla prima svendita da bancarella di Prodi, alla scioglimento progressivo del welfare e magari anche dell’oro della Banca d’Italia.

    Quello che invece è molto discutibile è l’attitudine di Barnard di far ruotare a 360 gradi una spada, sgozzando tutti quelli che gli capitano a tiro e che spesso sono proprio quelli che gli potrebbero essere più vicini (non mi riferisco solo a Bifo, su cui Barnard ha anche ragione). Eppure, se persino Berlusconi riesce a fargli gridare l’anima, il nostro non deve essere poi così insensibile, pessimista e misantropo come vuole apparire.

    Berlusconi si è mosso per un ventennio perseguendo due finalità essenziali: la difesa del proprio patrimonio e l’ambizione vanesia di entrare nella storia come un grande statista. Seguendo come un cane questi due obbiettivi, ha finito alle volte anche in modo secondario, per fare gli interessi dell’Italia.
    Con la stessa presunzione di Mussolini che diceva di avere un fiuto da bestia nel prevedere gli avvenimenti politici, B ha cercato di muoversi in politica estera come su una corda di un abile equilibrista, stringendo alleanze con Putin e Gheddafi, allo stesso tempo con cui correva come un galoppino per adempiere disciplinatamente le commissioni di Bush. Era ovvio che facendo questo finisse solo per collezionare un gran numero di rovinose e goffe cadute.

    Per redimersi in punto di morte B potrebbe fare una sola cosa: dimettersi e denunciare in conferenza stampa e diretta tv le ingerenze dei globocrati e indicare come via di uscita per i posteri la necessità di uscire dall’euro, di uscire dalla Nato e di iniziare a ricostituire lo Stato con un default programmato dagli italiani e non dal FMI, sull’esempio dell’Argentina. Lo farà? Certo che no. E’ e rimarrà marcato nella storia come un nano politico e puttaniere, inferiore anche a Prodi nel disastro procurato. Minima immoralia col fiore all’occhiello di averci regalato una tv cafona, chiassosa e kitch che ha annientato quel poco di senno e di cultura che avevamo.

  • Break74

    Andando avanti con le ipotesi quello che si prospetta domani potrebbe essere uno straordinario boomerang.
    Vi rendete conto, immaginate la scena.Il nano che va li con in mano un pugno di mosche secche.
    Una letterina insignificante e insulsa perlopiù scritta con l’aiuto di Brunetta. Un cazzotto nello stomaco per Bruxelles. Un affronto bello e buono per il gotha dei tecnocrati.
    Ma alla fine cosa volete che facciano? pensate proprio che succeda qualcosa. Io penso di no. altro richiamo. blablabla. tutti di nuovo dietro i ll tavolo per altre 3 settimane coi neuroni che affondano.
    Ecco che il B. potebbe (sempre involontariamente) farci avere un po di tempo utile. Ma voi direte per cosa. Lo ripeto per parlare conforntarsi, far fermenatare nuovi dubbi nelle menti dell’italiota troppo preso(giustamente) dai suio problemi quotidiani per pensare e dubitare dell’unico baluardo sinistroide che gli si spalmerà inevitabilmente sul di dietro. Ipotesi a parte, per me un mese in più è meglio di un Enrico Letta che sbraita e ci svende come un paio di calzini al mercatino rionale.

  • mikaela

    A me non dispiace criticare te ,soprattutto quando come tutti gli ipocriti ti fai scudo e ti ripari dai futuri attacchi dietro la memorie di un Eroe ucciso sul campo..

    Sei solo una finta ribelle e devi salvare la tua parrocchia di sinistra e il Manifesto che non si e’ neanche sognato di fare la censura sul libro di Paolo Barnard “Perche’ ci odiano” solo perche’ attaccava il vero potere Sionista ed altri poteri internazionali.

    Altro che autofinanziato. Ti fai scudo di Vittorio e sia tu che il Manifesto e ne avete fatto il vostro porta bandiera di liberta’ postando i suoi scritti ma non tutto quello che ha detto, ma solo quanto bastava per salvare le apparenze. Io ho sentito in rete quando gli hanno chiesto se il Manifesto lo ricompensave – ha detto neanche un centesimo per la causa palestinese. Falsi ipocriti

    E a proposito di Chiesa che nel post precedente mi dici che non ti piace piu’ ed e’ un opportunista, non mi meraviglio che tu lo dica solo ora e non prima quando scriveva per il Manifesto,prima lo hai messo sull’altare nei tuoi commenti e anche in quel paio di mail che mi hai scritto. Ma mi sembra anche giusta la tua scelta ,da vera ruffiana ti rode che ora scrive per il Fatto Quotidiano.

  • epicblack

    Barnard ha studiato troppo intensamente l’economia monetaria ed ora è un po’ confuso. Bisogna comprenderlo e aspettare che torni in sè.

  • MarkSC192

    Per carità di Dio, mai dovrà accadere che B. dichiari chi e cosa sia il Vero Potere: sarebbe il colpo di grazia per tutti noi. Basterebbe che pronunciassimo alla gente: “la moneta sovr…” che immediatamente verremmo additati come servi del cav oppure che dicessimo le sue stesse “stronzate”, in poche parole: ridicolizzati (in parte accade già ora, ed io ne so qualcosa purtroppo, ma in quel caso sarebbe veramente la fine).

  • BarnardP

    Kampala ha risposto per me. Noi perdiamo perché non vogliamo mai studiare quanto diabolicamente abile è il Vero Potere. Sottolineo però che alla sua abilità il pubblico aggiunge molto del suo. Osservate i lettori di questo sito, l’elite che s’informa oltre la propaganda. Bè, non sanno neppure leggere poche righe semplici, ciò che c’è veramente scritto in italiano semplice. Ho scritto che Berlusconi è un miserabile, ho scritto però che ha fatto un ultimo gesto molto apprezzabile. Nulla di più. Ma no, i lettori non leggono le parole che ho scritto, leggono i loro impulsi e giù a dirne di cotte e di crude su ciò che NON c’è scritto. Ecco come vince il Vero Potere: sa che non siete capaci di leggere, figuriamoci studiarlo e combatterlo. In ultimo su Bifo. Micromega è De Benedetti, non padre Zanotelli, De Be-ne-det-ti. Forse non avete capito, ripeto: De Be-ne-det-ti. Bifo è stolto o in malafede? Lo avete letto l’articolo da cui ho tratto quella sua frase? Stava anche su CDC. In esso Bifo silura ogni singolo vero rimedio al disastro dell’Euro, ma con una precisione inquietante, poi spara quella ricetta ridicola. E solo stolto o in malafede? Voi che neppure l’avete notato siete stolti e basta. Non sono offese, è il motivo per cui il Vero Potere vince.

  • istwine

    concordo in pieno.

  • mikaela

    *”Falsi ipocriti” lo dico a te e al Manifesto io.

  • istwine

    tu invece, l’hai studiata? o aspetti il prossimo giornalista a farti un riassunto?

  • namincazza

    Paolo Barnard, hai ragione, nell’affermare che B non ha baciato le scarpe a chi vuole papparsi noi e l’Italia. Ragione da vendere.
    Ma il punto su cui indirizzare il nostro sguardo è un altro.
    Se B fosse uno “statista”, cioè in grado di guardare un po’ più in là della bella gnocca di turno, e di fare i veri interessi di noialtri, da tempo avrebbe messo mano a quelle poche riforme strutturali che da sole potrebbero tirarci fuori dal pantano, e soprattutto si sarebbe circondato di persone con un poco più di spessore intellettuale.
    Con tutto il rispetto per Brunetta, Gelimini, Brambilla & Co., non è coi tagli che si fanno le riforme.
    E soprattutto, non si fanno le riforme con l’obiettivo primario di contenere i costi.
    Questa è una delle più grandi cazzate che si siano mai dette e pensate.
    Ciò che la gran parte della gente non capisce, o non vuole capire, è che il vero obiettivo delle riforme non deve essere il contenimento dei costi, ma deve essere la costruzione di un “sistema intelligente” di gestione.
    Il nostro problema è tutto qui.
    Per farmi capire meglio, ti faccio un esempio. Ti sei occupato di sanità, e dello scandalo dei farmaci prescritti a man bassa. Come è possibile questo fenomeno che costa a tutti noi un mucchio di soldi? E’ possibile studiare un “sistema intelligente” di gestione e monitoraggio delle prescrizioni dei medici di base? Se si trova (ammesso che lo si voglia trovare) quel “sistema intelligente” di gestione, il risparmio sulla spesa farmaceutica diventa automatico.
    Nello stesso modo, con un altro esempio, parlando di università: è possibile trovare un “sistema intelligente” di monitoraggio della qualità dell’insegnamento, della qualità della ricerca, della qualità di trasferimento alle aziende del sapere scientifico? Se un tale “sistema intelligente” fosse trovato ed applicato, sia i risparmi e sia la qualità delle università ne uscirebbero automaticamente migliorati.
    In altre parole, l’obiettivo primario di qualsiasi riforma, non deve essere il “risparmio”, ma “l’uso intelligente delle risorse”. Se quest’ultimo obiettivo viene raggiunto, il contenimento dei costi diventa un risultato secondario che viene da solo. Ed è accompagnato da maggiore efficienza, e minore spreco di tempo e di denaro.
    Berlusconi è tutt’altro che stupido, queste cose le sa benissimo. Se così non fosse, non sarebbe arrivato dov’è arrivato.
    Nelle sue aziende si è circondato di persone capaci, in grando di svolgere perfettamente i loro compiti. Per quale motivo, da Presidente del Consiglio si è invece circondato da gente che – a parte una o due eccezioni – ha la limpidezza e la profondità di pensiero di una pozzanghera?
    Il dramma è tutto qui. Poteva essere l’uomo giusto al posto giusto. Si è rivelato l’uomo sbagliato nel posto di un altro.
    Per diferendere sé stesso e noialtri, dalle elite finanziarie, ha levato uno scudo. Di cartone. E nulla ha fatto per farlo diventar d’acciaio. Non mi riferisco alla sua vita personale. Sono cazzi suoi. Mi riferisco all’azione di Governo.
    La sua strategia è stata rinviare le decisioni che da anni sapeva di dover prendere e non ha mai preso. Attribuendone le colpe agli altri. Ma se si è circondato da quaquaraqua, da lui scelti e voluti, non gli rimane che prendersela con sé stesso.
    Domani in sede europea, potrebbe ancora salvare la sua faccia ed il nostro culo. Insistendo a che la BCE diventi la prestatrice di ultima istanza in tutt’Europa, e condizionando le riforme che ci vengono chieste, all’accoglimento di questa condizione.
    La cosa importante che tutti noi dimentichiamo, è l’atteggiamento mentale che abbiamo quando facciamo una certa scelta. All’università, quando mi sedevo davanti al professore per un qualsiasi esame (dopo averlo studiato ben bene) partivo da un semplice concetto: doveva essere lui (il prof di truno) a dimostrare che io non sapevo, e non io a dimostrargli che sapevo.
    Il nostro depito pubblico è enorme? Rispondo con una battuta di Wall Street. Se hai cento dollari di debito, il problema è tuo. Se hai un milione di dollari di debito, il problema è del creditore.
    Non dobbiamo essere noi a dimostrare ai mercati di essere in grado di pagare le banche francesi e tedesche che hanno i nostri governativi. Devono essere i mercati a metterci in grado di pagare. Possibilmente con nostro comodo. E se non ci mettono in grado di pagare (con nostro comodo), si tengano i nostri governativi e ci si puliscano il culo.
    Tre anni di crisi dura, e poi si vedrà. A condizione che si studino “sistemi intelligenti” per risolvere i nostri atavici problemi. Altrimenti, sarà come e peggio di prima.

  • ottavino

    A un certo punto ho capito: ci sono delle persone che pensano che i problemi derivino dalle élite e dai loro movimenti. Le osservano, le squadrano, cercano connessioni, incroci, abusi di potere, fanno il tifo per l’uno o per l’altro…hai, hai, hai, quale errore macroscopico…devi imparare a osservare l’uomo della strada, altro che i potenti….

  • unodipassaggio

    Ma lasciate stare Bifo. L’ho conosciuto in “Paz”, interpretava se stesso, in mezzo a dei personaggi che venivano dai fumetti di Pazienza. Lui era perfettamente a suo agio. Anzi, gli altri sembravano veri, e lui un fumetto. Che ci si puo’aspettare? DeBenedetti lo usa come si usa un fumetto: per distrarre la mente.

  • cloroalclero

    “Con tutto il rispetto per Brunetta, Gelimini, Brambilla & Co., non è coi tagli che si fanno le riforme.
    E soprattutto, non si fanno le riforme con l’obiettivo primario di contenere i costi.
    Questa è una delle più grandi cazzate che si siano mai dette e pensate.
    Ciò che la gran parte della gente non capisce, o non vuole capire, è che il vero obiettivo delle riforme non deve essere il contenimento dei costi, ma deve essere la costruzione di un “sistema intelligente” di gestione. ”

    A parte che io quando già sentivo i sinistri quand’erano al potere (prodi, veltroni ecc..) che tutti i giorni si riempivano la bocca della parola “riforme” mi veniva l’orticaria. Le riforme storicamente andavano a favore della moltitudine. Oggi parliamo di “controriforme”, casomai. E quelle che ha fatto berlusca sono servite non a dare una gestione intelligente del servizio che veniva chiuso (un esempio? i corsi serali del comune di milano, chiusi dalla giunta moratti. Oggi quella clientela, che è tanta, che è disposta anche a fare sacrifici economici a medio termine, è andata al gruppo CEPU/grandi scuole) ma a passare i profitti in mani private appartenenti alle consorterie politiche e affaristiche. Anche berlusca ha applicato il “Modello alitalia”: profitti ai privati, debiti al pubblico: continuiamo a pagare eccessivamente servizi che non esistono piu’, perchè i debiti sono rimasti a livello della cosa pubblica, con ridimensionamenti minimi, rispetto allo svantaggio di averli ceduti ai privati che han ribaltato ogni rapporto qualità/prezzo. Berlusconi è il vero artefice del “modello formigoni” : tutto al privato, dalle colonie estive ai consultori per i tossicodipendenti. Salvo restar sul groppone della collettività edifici da ristrutturare, piccoli ospedali abbandonati con grande spreco di attrezzature seminuove, personale pubblico che ha perso le mansioni ma che riceve giustamente lo stipendio. E intanto i prezzi dei servizi salgono al punto che qualche politico ha proposto che ce li si possa comprare abbassandoci lo stipendio. Non c’è stato, da parte del berlusca, non dico il tentativo, ma neppure l’intenzione di riqualificare l’italia senza svenderla.

  • cloroalclero

    boh? ci avrai ragione pure te eh…ma a me ‘sta frase “Come Gheddafi , come Saddam , come Che Guevara , come Mattei , come Falcone , e come Craxi , ultimo Italiano con gli attributi che ha avuto il coraggio a Sigonella di gridare Viva l’Italia contro il Vero Nemico Imperialista e prepotente che come al solito , pretendeva di calpestare la sovranità di uno stato fottendosene altamente dei diritti di chi lo governa. ”
    che tu condividi mi sembra un totale delirio

  • tania

    ascoltami Mikaela , io non ce la facciao ad arrabiarmi con te , nemmeno quando fai la squadrista e racconti balle ( pubblica pure la mail che ti ho inviato se ti va ) . Su Chiesa ti ho già detto : non mi interessa difenderlo , ma comunque condivido la sua battaglia sull’ 11/9 ( mi ha dato l’impressione di essere opportunista quando si è candidato alle elezioni europee )
    Il Manifesto non ha risorse nemmeno per la tipografia . Comunque , Su Vik e il Manifesto : http://www.youtube.com/watch?v=YKNbxOANm28

  • vimana2

    ” Un despota laido, egomaniacale, corrotto, detestabile…” l’unico desposta sei tu e i tuoi articoli fanno tutti schifo.

  • tania

    PS : non so se ilManifesto abbia pubblicizzato “perchè ci odiano” . Ma io l’ho fatto

  • ale5

    Ma non aveva chiuso il blog ..peccato

  • yiliek

    Cloro sei una figa!!! 🙂

  • sheridan

    Paolo Barnard, spiace veramente che uno del tuo livello sia potuto cadere vittima dei peggiori cazzari del web. Purtroppo ti sei impegolato in una materia che non sei in grado di padroneggiare e han fatto di te un megafono per le loro strampalate quanto grottesche teorie. Barnard, l’Albania, il Marocco, la Bulgaria, il Venezuela, il Congo, la Somalia e altre centinaia di nazioni hanno tutte la loro moneta sovrana, stampano a volonta’ per riempire il contenitore. Peccato che la loro moneta se la possono solo infilare su per il cul, quelle volte che vogliono mangiare son costretti a procurarsi dollari.

  • mikaela

    Barnard ha lavorato al Manifesto prima di arrivare all TV( tutto trovato in rete naturalmente)Quando e’ uscito il suo libro che attaccava il vero potere era il minimo che un giornale che si dice di sinistra quindi vicino alla verita’ e in nome della liberta’ dei popoli e della divulgazione avrebbe dovuto fare.Se non altro per appoggiare un suo vecchio giornalista. Invece neanche quello.

    Il libro di Barnard non ha avuto neanche mezza recensione anzi se non mi sbaglio prima glie l’hanno messa e poi ritirata credo. E se non sono stati loro di sicuro qualcun altro –

    Ecco ora sono una squadrista solo perche’ ti sto aprendo gli occhi-

    A proposito di Bifo credo d’aver letto l’articolo di cui parla Barnard e anche io ho riscontrato tutto quello che diceva di negativo per le eventuali soluzioni, pero’ siccome mi ero imposta di appoggiare chiunque diceva uscire dall’Euro e siccome era molto complicato da leggere per me) ho messo uno striminzito commento ma solo perche’ lui ha scritto due striminzite righe sull’uscita dall’Euro.

    La stessa cosa per la Napoleoni che ha scritto “Pigs” e sotto c’era un link di Wikipedia (che inizialmente non avevo visto)dove c’e’scritto che i pigs sono cosi’ definiti dai giornalisti inglesi i paesi porci ,spreconi e ignoranti. Renditi conto se una che parla d’uscire dall’Euro, poi mette un link del genere solo per aizzare gli animi.

    Lasciamo perdere questi personaggi e fai letture piu’ sane perlomeno apprendi qualche cosa di utile da portare aventi nelle tue battaglie.

    Guarda che da quando Barnard si e’ dedicato algli studi economici ha fatto la scelta piu’ saggia in questi ultimi anni di aggressione nei suoi confronti.

    Un grande giornalista che aveva la verita’ in mano ma che tutti attaccavo, ora si attaccano tutti al C_____o perche’ Barnard ha ragione da vendere. Tu potresti fare altrettanto e divulgare, sicuramente non ti mancano le basi scolastiche per capire la base monetaria ma devi scegliere liambiente che ti permettera di parlare altrimenti sara’ tutto inutile.

    Non apriro’ il link che mi hai mandato,io quello che ho detto l’ho sentito dalla sua voce, la mia ferita e’ sempre aperta quindi non riesco a guardare, quando vedo la sua faccia o quella di Mariarca passo oltre altrimenti piango e stomale per ore.

  • athos

    davvero non capisco MA QUANTE STORIE… allora berlusconi è un imprenditore. padre di decine di aziende che hanno i loro profitti in italia. l’italia per cause delle elitè finanziarie imperialiste anglo-franco-tedesche e americane, diventerà povera. dunque meno soldi per comprare il decoder mediaset. tutto qua. barnard stavolta non ha ascoltato la sua famosa citazione: FOLLOW THE MONEY…..

  • tania

    ma ascoltami , ma tu non sai a Bologna a quanti amici ho fatto conoscere gli articoli di Paolo Barnard ( molti di loro sicuramente saranno tra quei “fans” che gli mandano le mail ) . Ma se mi attacca Bifo io lo critico , cara Mikaela , è più forte di me , non ci puoi fare nulla . E anche se scrive che Berlusconi lo fa emozionare , io continuo a criticarlo e anche qui non ci potrai far nulla . Ultima cosa : oltre ad essere coscente del fatto che la moneta non dovrebbe essere una merce rara da chiedere in prestito ( a maggior ragione dal 15 agosto 1971 ) per il resto sono veramente ignorante in economia , per questo non intervengo . Mi fido di solito degli articoli di Bellofiore o di Halevi . E anche Paolo Barnard va nella direzione del controllo pubblico … e quindi mi fa piacere . Ma non intervengo perchè non ho gli strumenti ( non riesco a capire la funzione dei titoli di stato ad esempio e tante altre cose.. )

  • pippo74

    sei matto, vuoi veramente affrontare questi temi con Barnard? per lui ormai esiste solo la MMT, i cui principi tra l’altro sono sicuramente interessanti e degni di approfondimento. il signor Barnard, di cui apprezzo l’impegno nel lavoro di ricerca e approfondimento, e il coraggio dimostrato nell’arco della sua carriera di giornalista, non accetta di andare oltre la denuncia del primo velo del potere; non accetta di discutere argomenti quali le scie chimiche, il nwo, la massoneria. dispiace che un giornalista così bravo non pensi sia necessario porsi alcuni quesiti basilari per la comprensione e arrivi addirittura a paragonare Berlusconi a Gheddafi. Gheddafi è morto per il suo popolo in qualità di comandante supremo della resistenza libica contro l’invasione da parte del braccio armato del potere imperialista occidentale, la Nato. Berlusconi si è fatto tirare una statuetta finta per riconquistare popolarità; Berlusconi ha negato la crisi per tre anni; Berlusconi, al pari della sinistra (tranne rare eccezioni), non ha mai spiegato il vero potere ai cittadini italiani; Berlusconi in 17 anni di scena politica non ha fatto nulla per far capire ai cittadini chi manovra i fili; Berlusconi è stato lo strumento finale della decadenza italiana iniziata qualche decennio fa, come ci spiega peraltro molto bene Barnard. altro che “Almeno lui non gli ha baciato le scarpe”.

  • epicblack

    l’ho studiata, ma ho iniziato un po’ prima di Barnard ad occuparmene, quindi ho diluito di più e ho avuto più tempo per organizzare le idee.
    Leggo solo i giornalisti ben preparati in materia. I miei riferimenti culturali non li ho cercati in America, perché i migliori sono in Europa – a mio avviso.

  • pippo74

    per Barnard ormai esiste solo la MMT, i cui principi tra l’altro sono sicuramente interessanti e degni di approfondimento. il signor Barnard, di cui apprezzo l’impegno nel lavoro di ricerca e approfondimento, e il coraggio dimostrato nell’arco della sua carriera di giornalista, non accetta di andare oltre la denuncia del primo velo del potere; non accetta di discutere argomenti quali le scie chimiche, il nwo, la massoneria. dispiace che un giornalista così bravo non pensi sia necessario porsi alcuni quesiti basilari per la comprensione e arrivi addirittura a paragonare Berlusconi a Gheddafi. Gheddafi è morto per il suo popolo in qualità di comandante supremo della resistenza libica contro l’invasione da parte del braccio armato del potere imperialista occidentale, la Nato. Berlusconi si è fatto tirare una statuetta finta per riconquistare popolarità; Berlusconi ha negato la crisi per tre anni; Berlusconi, al pari della sinistra (tranne rare eccezioni), non ha mai spiegato il vero potere ai cittadini italiani; Berlusconi in 17 anni di scena politica non ha fatto nulla per far capire ai cittadini chi manovra i fili; Berlusconi è stato lo strumento finale della decadenza italiana iniziata qualche decennio fa, come ci spiega peraltro molto bene Barnard. altro che “Almeno lui non gli ha baciato le scarpe”.

  • pippo74

    giustissimo, ed è un vero peccato che anche Barnard non faccia nulla per non alimentare le batterie di polli.

  • pippo74

    condivido le tue parole

  • RicBo

    scusate se mi intrometto, ma perchè vi schierate così violentemente l’una contro l’altra se Barnard attacca Bifo e viceversa? sono anch’io di Bologna e conosco di persona entrambi, Barnard è un grande giornalista che si è specializzato in economia e monetarismo, Bifo è un grande intellettuale comunicologo, purtroppo la loro storia di delusione e sofferenza li ha portati ad una misantropia estrema, dovrebbe provocare rabbia se non peggio il fatto che siano talmente pessimisti egoisti ed individualisti da ignorarsi o disprezzarsi a vicenda invece di unire le loro potenzialità e prendere parte attiva insieme al cambiamento. Prendendo le parti dell’uno o dell’altro state solo facendo il gioco Divide et Impera di quello che PB chiama il vero Potere.

  • RicBo

    è la seconda che hai detto..

  • RicBo

    Non avevo letto l’intervento di Bifo su Micromega. Ha ragione Barnard: è talmente penoso da chiedersi cosa avesse preso quando l’ha scritto.

  • tania

    Sono perfettamente d’accordo . E’ solo che non credo assolutamente che Bifo si sia mai sognato di attaccare Paolo Barnard , nemmeno se lo leggo ( è impossibile ) . Fino a che Barnard smaschera un Travaglio o un Beppe Grillo , o quei reazionari neoliberisti del PD o dell’ IDV ecc… bè , ok , sono con lui ( anzi credo che faccia benissimo ) . Ma Bifo no , non ci stò . Un conto se critichiamo Bifo io e te … ma Paolo Barnard ha un grosso seguito , e quindi mi sento in dovere di controcriticare Barnard .

  • geopardy

    Non dimentichiamoci mai che la trasformazione dell’italiano da soggetto politico, quale era prima, a semplice consumatore (con tutta l’atrofia cerebrale che ha comportato) è stata lui a veicolarla.

    Se ora la sua fortuna è d’intralcio a certi piani, bisogna ricordare che è stata fatta principalmente sulla vendita della pubblicità.

    Se si è giunti ad una simile bassezza culturale e se si è rotto il patto sociale, oltre a D’alema, Cossiga, Craxi e compagnia briscola, c’è anche lui di mezzo mani e piedi, quindi, può fare tutti gli scatti d’orgolio che vuole, non è credibile, come non lo è la restante classe politica italiana, ma con colpe immensamente superiori.

    Se si è giunti ad una pura spettacolarizzazione della politica, con tutto ciò che comporta, lui ne è l’artefice.

    La globalizzazione è la macchina, la pubblicità le sue ruote, il culto dell’immagine, l’approccio aziendalista di tipo neoliberista nella politica, l’idea di nazione come azienda chi ha introdotto tutto, se non lui?

    Chi ha trasformato l’informazione in gossip, se non lui?

    Laciamo perdere l’incredibile caduta di stile della politica e della morale.

    L’aver occupato quasi tutto il settore mediatico italiano, non credo sia cosa degna di alcun paese che aspiri ad una qualche forma di democrazia

    Ha creato, nella seconda metà degli anni ottanta, la categoria economicamente più distruttiva che sia mai esistita, quella degli yuppies, affabulatori di ricchezze immediate, in realtà poveri idioti che si sono mangiati i soldi loro e degli altri in operazioni borsistiche assurde, più qualche consapevole truffatore di successo.

    Non so l’età media di chi commenta, ma se avete 40 anni, dovreste ricordare tutto ciò, un gran guaio l’oblio.

    E’ stato una delle nostre più grandi rovine, ha voluto far passare il messaggio (con ottimi risultati, direi) ai giovani, che fosse inutile studiare od imparare un mestiere, tanto potresti sempre far parte del popolo televisivo; naturalmente nessuno di questi ha mai ragionato sul fatto che a lavorare in rutte le reti nazionali come personaggi sono veramente in pochi, non so come faranno a dar spazio a centinaia di migliaia di giovani in futuro, ma tanti credono, evidentemente, che sia possibile l’impossibile. A questo siamo arrivati, chi ha cervello può solo continuare ad emigrare.

    Ciao

    Geo

  • mikaela

    Si vede che gli ultimi sono tutti penosi perche’ io quando ho detto che ho commentato sotto il suo articolo,sono andata a cercarlo e ho notato che non e’ lo stesso di cui parla Barnard.

  • Nauseato

    Quando leggo simili parole capisco tutto quello che non ostante tutto a volte fatico ancora a capire.

  • mikaela

    Io credo che ha fatto solo prima degli altri. Agnelli, De Benedetti, Bennetton,Todz se allepoca avessero avuto un po’ di perspicacia lo avrebbero fatto loro.

    Nel frattempo si sono fatti soffiare pure le tecnologie precursore del computer non ci dimentichiamo che hanno venduto il brevetto alla IT&T americana quando invece poteva rimanere in Italia.

  • nuvolenelcielo

    Mi sembra abbastanza evidente che il governo berlusconi è stato il governo occidentale meno servo degli interesi bancari-militari dell’élite, vedi in particolare la politica estera passata sull’asse russa e libica e le proposte in ambito internazionale rispetto alla necessità di una riforma del sistema finanziario.
    Ma purtroppo meno-peggio non è abbastanza…
    Comunque ormai l’italia non è più un paese sovrano da anni, quindi c’è poco da aspettarsi. Francamente difficile fare meglio del meno-peggio quando un paese non ha una moneta e non può decidere la sua politica economica e fiscale, e nemmeno militare visto che siamo una portaerei americana…

  • nuvolenelcielo

    comunque questo articolo è molto confuso e inconcludente, e non sapevo che barnard fosse tornato. Di sicuro NON si sentiva la mancanza di paolo barnard – ma non si era già ritirato definitivamente da “quella merda” di internet come la chiama lui 2 o 3 volte? avrà fatto il pieno di libroni ufficiali col timbro ufficae di stato e delle università e adesso torna a fare l’esperto e a darci lezione e a insultare quelli che ama chiamare i complottisti (cioè quelli che sono arrivati e arriveranno sempre alla verità un decennio prima di lui). aspetto il 3° o 4° ritiro da internet con curiosità. saluti.

  • marco76

    Giustissimo Paolo…Da una mezza le frase si riescono a costruire capitoli interi…Mi hai tolto le parole di non bocca…Siamo arrivai davvero al punto di non riuscire neanche piu a leggere?????????????

  • Giancarlo54

    Tania, tra il serio e il faceto, tra la politica e il gossip, ma ci sarà mica del tenero tra te e Bifo……
    Ciao.

  • metallaroforever

    cit” Ho scritto che Berlusconi è un miserabile, ho scritto però che ha fatto un ultimo gesto molto apprezzabile.”

    S’è fatto i cazzi suoi e questo ha impedito un processo irreversibile(se la gente non si da una mossa, ovviamente).
    Peccato … ora andranno tutti in massa a votare il centrosinistra, con i buchi tappati…e cominceranno le privatizzazioni.

    Ti dirò di più…tu che non segui la tv, la dovresti accendere ogni tanto;
    a ballarò la Gelmini ha detto più di una volta che faranno le privatizzazioni e che si toccheranno le pensioni e che in sostanza faranno quello che gli chiede di fare L’europa…Fini ha detto che il governo non lo farà e che ci vorrà un’altro governo per farlo… in ogni caso… applausi per FIni.E la povera gelmini…era lì che arrancava…

    MA PORCA VACCA!!… Nessuno che abbia detto> no…nessuno. tutti d’accordo(che è quello che dici sempre tu…ma che evidentemente ogni tanto dimentichi)
    …Vabè…tralasciamo vendola(w steve jobs) che è meglio…

    CMQ mi spiace constatare che sei tu quello che non sa legge le controargomentazioni degl’altri…( e poi ti vorrei ricordare che in altri articoli hai detto pure che il berlu era un >…quando sai benissimo che lui legge foglietti come tutti gl’altri.)

    Barnard non ti preoccupare…io quando fai la fonte ti leggo volentieri è quando fai l’opinionista che a volte mi lasci perplesso… Ma sono tue idee, sei libero di pensarla come vuoi.
    -Su bifo,taccio… i suoi articoli non mi hanno mai interessato…-

  • marco76

    e chi sarebbero questi che arrivano alla verità un decennio prima di lui?
    a me pare che l’unico che avesse previsto quello che oggi succede, e con largo anticipo, è proprio barnard…quindi o non hai mai letto quello che scriveva oppure se l’hai fatto non sei riuscito a capirlo…peccato

  • AlbertoConti

    Qui non c’entra P.Barnard, o come cavolo si chiami all’anagrafe. Qui è in gioco la stupidità italiota, che di dritto o di rovescio ha creato un personaggio come berlusconi, così come aveva creato un personaggio come mussolini, la cui nipotina ci delizia ancora con la sua presenza in parlamento, anzi in “parlatoio” che fa rima con “sfogatoio” dei più bassi istinti, qual’è diventata la tv che non a caso il nostro “campione” ha occupato e usurpato con metodi mafiosi, peraltro imparati dall’altro ex-socialista (come mussolini, guarda caso) e suo amico bettino, al quale i “nostri” hanno avuto l’impudenza di volergli dedicare qualche importante via o piazza nelle nostre principali città. Qui il “vero potere” non c’entra, o meglio è la versione più “normale” dello stesso potere mafio-massonico che ha portato al potere quella merda di cui parliamo, cosa che sarebbe stata assolutamente impossibile in un paese normale, e di fatto è “vanto” tutto italico, della patria del Machiavelli. Difendere, per QUALUNQUE MOTIVO, il porcocrate, in questo delicatissimo momento è un fatto delinquenziale, che non ha scusanti. Ma sto sbagliando, perchè concentro l’attenzione sul personaggio (ed il suo temporeggiare che gli incoscienti vedono positivamente). L’attenzione invece dev’essere tutta rivolta alla gente, a quella massa di ignoranti, opportunisti, impuniti, mafiosi dentro, ingenuamente bigotti, conformisti, incompetenti con potere di voto, mezze calzette prive di spina dorsale e di comune senso del pudore, ecc. ecc. ecc. che sono RESPONSABILI di questo schifo, perchè lo VOTANO! Certo enrico letta è più cretino, un “utile idiota” in grado di meglio compiere quella che sembra essere la sorte comune dell’occidente, ma la vera domanda che ci dovremmo porre è: vogliamo guardare in faccia la realtà o preferiamo gingillarci nella farsa, come sul ponte di prima classe del Titanic? Andate in giro per l’Italia, guardate in faccia chi gira in suv o peggio, e vedrete il volto della stupidità, dell’ideologia del privilegio, il volto peggiore di questo paese che si è fatto maggioranza. Il degrado della finta opposizione è solo un “di cui” del problema, che non si risolverà mai se non lo affrontiamo di petto.

  • Giancarlo54

    Post lunghissimo ma, e mi scuso, di una sconfortante banalità. Dare la colpa agli elettori del cdx della situazione in cui siamo è veramente penoso. Da te mi sarei aspettato di meglio, molto meglio.
    Articolo che andrebbe bene sul Fatto o su Micromega e questo la dice tutta.

  • Andy86

    “Entrare nei loro sistemi informatici, pubblicare i crimini finanziari con iniziative di tipo Wikileaks, cancellare le loro reti assassine di scambio finanziario in tempo reale”

    Barnard, citi Bifo dicendo che “non ci sono parole”… ma hai ancora fiducia in un meccanismo politico che possa fare pulizia, che possa darci un bel reset?

    Bifo sarà anche un esponente del popolo viola (la penso con te a riguardo dei veri interessi atlantisti che vi stanno dietro), però su una cosa ha ragione. Bisogna agire. Come, rimane questo il nodo da sciogliere. Dubito che manifestare e creare un nuovo golgota politico alternativo, con un suo programma, abbia anche solo un minimo di senso.

  • pippo74

    d’accordo con te, ma rimane sempre l’osservazione di fondo: come si può pensare che b. non sia invischiato mani e piedi in questi meccanismi di potere? è incredibile come certe volte il buon Barnard cada in contraddizione persino con se stesso

  • istwine

    “Ha creato, nella seconda metà degli anni ottanta, la categoria economicamente più distruttiva che sia mai esistita, quella degli yuppies, affabulatori di ricchezze immediate, in realtà poveri idioti che si sono mangiati i soldi loro e degli altri in operazioni borsistiche assurde, più qualche consapevole truffatore di successo.”

    dai non puoi essere serio, vada per le altre cose, di cui peraltro lui, assieme a tanti altri (basta con sta balla che lui abbia creato la società), dato che gossip nell’informazione, le cadute di stile ecc ecc non sono un suo marchio.

    ad ogni modo, se leggi cosa dicevano flaiano e pasolini (gente morta prima della salita al trono di berlusconi) ti rendi conto che è un processo che parte da molto prima.

  • AlbertoConti

    Mi sarò sicuramente espresso male, sta di fatto che non hai capito niente. La situazione in cui siamo, se la intendi come crisi del debito pubblico, recessione economica, misure “riparative” in stile Washington consensus di FMI e BCE (cioè predazione di quanto rimasto alle vittime di questo sistema economico-monetario), va ben al di là delle responsabilità di questo o di altri governi. Se appena mi conosci sai che lo penso da molti anni. In questo contesto abbiamo l’aggravante che ho malamente tentato di descrivere, e chiunque preferisca questa aggravante per opportunismo (personale o strategico nella realtà il risultato non cambia) per mè si comporta da delinquente politico. Ogni apologia dei presunti “meriti” di berlusconi fa parte di questo esecrabile atteggiamento. Se poi analizziamo nel merito di queste argomentazioni la cosa diventa ancora più evidente. Scatto d’orgoglio? Indipendenza dimostrata dall’amicizia con Putin e Gheddafi? Zeppa all’ingranaggio eurobancario? Ma mi faccia il piacere …. !!!! (Totò).

  • marco08

    Pienamente d’ accordo, mi unisco a ricbo nel sottolineare la bravura di Sokratico nel rispondere a questo post. La battaglia contro il neoliberismo che porta avanti Barnard è condivisibile ma è veramente incomprensibile questo suo modo di promuovere il suo pensiero come “assolutista”. Credo che fino a quando lui continuerà a promuoverlo in tal senso non riuscirà a ottenere molto. Se come dice lui tutto giornalisti, studiosi, scienziati sono stati influenzati da questo disegno liberista iniziato nel 1943 da Perrau e passato attraverso Friedman come può pensare di cambiarlo se ogni volta che lo rivendica fa intendere agli altri che non capiscono nulla? La verità come dice Sokratico non esiste ed è fatta di molte varianti e comunque non la si può trovare se si passa attraverso personaggi come Berlusconi che non avranno baciato piedi, ma che non l’ hanno fatto certamente per motivi filantropici.

  • cloroalclero

    straquoto gli interventi di A.Conti

  • RicBo

    Bifo è criticabilissimo, non avevo letto il suo articolo su micromega ed effettivamente come contenuti è penoso, senza contare che è su micromega, cioè espresso cioè debenedetti, poi lui rimane un grande comunicologo, ma stavolta ha toppato

  • tania

    Certo che è criticabilissimo , ci mancherebbe … Solo che il pulpito dal quale vengono le lezioni di purezza ha scritto lui stesso per Micromega e Repububblica di DeBenedetti ( o come scrive lui “non padre Zanotelli, De Be-ne-det-ti” ) e per Il Corriere della Sera, La Voce di Montanelli, Santoro e il Sole 24 Ore … non padre Zanotelli .

  • tania

    Mi è simpatico e lo rispetto , tutto qua . Io non esistevo ancora , ma chi ha vissuto le vicende di Radio Alice ( e di tutto il contorno ) me ne ha parlato bene . Detto questo Bifo è sicuramente criticabile .. certo non credo che Bifo concentri le sue energie per dileggiare pubblicamente Paolo Barnard , ma ognuno ha il suo stile .

  • ienaplischi59

    Grazie Paolo,chiarissimo questo articolo.
    Un consiglio ai critici, analizzate bene le parole e prima di criticare INFORMATEVI.
    “Questa mia gente non si rende conto di cosa significhi, di cosa l’attende. L’ho già scritto mille volte, non lo ripeto, mi si torce lo stomaco, sono e saranno sofferenze impossibili da rendere in parole.”
    Meditate su queste parole di Paolo, tra un po’ saranno realtà.
    Oreste Gavazza

  • epicblack

    Accipicchia!! Ha parlato l’oracolo: il futuro è nero, nerissimo, come il suo umore.

  • lucmartell

    Signori…91 commenti!!…per definire cosa chi ha il pisello più lungo???..eppure dovreste avere delle risposte,ve l’hanno sempre messo in quel posto,avrete ben avuto delle sensazioni,in tutti questi anni!!!…quello che non capisco è perchè rimanete impantanati,in queste discussioni INUTILI!!…non vi rendete conto,che l’Italia ha bisogno una classe dirigente e politica COMPLETAMENTE NUOVA DI ZECCA!!!!…di un “sistema”e di un concetto di vita completamente rivoluzionato!!…DI CHE COSA STATE PARLANDO!?!?!…volete ampliare i vostri orizzonti e guardare OLTRE???…OLTRE!!!…una casa marcia nelle fondamenta,non si salva imbiancando le pareti!!..,si salva il salvabile e il resto si abbatte (si parla di edifici non di persone fisiche)..per ricostruire ex novo,nuovi materiali,nuove tecnologie,nuovi stili,nuove prospettive!!..l’Italia non ha bisogno di discussioni,su un presente CHE NON HA FUTURO!!! perchè tutto quello che è rappresentato in questo paese,nel presente APPARTIENE AL PASSATO!!!!! prendetene coscienza.
    Solo la rivoluzione,tutto il resto è lenta agonia!!
    Saluti a tutti:Lucmartell.

  • metallaroforever

    Se parli di classe dirigente e politica…allora hai capito tutto del nostro discordo…bravo complimenti!

  • metallaroforever

    discorso*…cmq voglio spiegarti meglio cosa intendo dire.

    Dobbiamo smettere di optare per una soluzione politica…dobbiamo puntare a far capire alle persone che il sistema politico non conta più nulla, è manovrato da organi sovranazionali che ci stanno riducendo a dei morti di fame

  • istwine

    o poi alla fine, grandi discorsi e sta facendo esattamente ciò che gli hanno chiesto di fare.

  • epicblack

    … e più servile dei suoi servi, ridotto a scolaretto che porta il compito per la correzione. Prima che gli diano la pagella è meglio che qualcuno vada alle udienze generali per cercare di rimediare alla monellaggine del nostro “primo ministro”. Cùcù …

  • epicblack

    “Almeno lui non gli ha baciato le scarpe.”
    Solo perché non gliene hanno dato la possibilità. Lui le avrebbe sbavate quelle scarpe, così come ha sbavato sulle mani di Gheddafi.

  • geopardy

    Affermo esattamente ciò, perchè è esattemente così, che poi lui sia stato imbeccato dall’esterno è molto probabile, che fosse in sisntonia con il craxismo non ci sono dubbi, si è pure rivolto a lui sul come fondare Forza Italia.
    Ha portato in Italia la brutta copia dello stile di vita americano.
    Lo affermo perchè io c’ero, come ci sono ora.
    Ciao

  • geopardy

    Stiamo parlando del fatto che lui non ha baciato i piedi del potere, mica stiamo assolvendo gli altri inciuciatori di professione che citi.
    Quando c’era Bush Junior alla Casa Bianca e si incontrò con Berlusconi, le vignette in Usa lo raffiguravanoin in sembianze di cane al guinzaglio di Bush, talmente fu servile e sottomesso.
    Come vedi, Barnard ha corta memoria.
    Ciao

  • geopardy

    Barnard non ha capito, evidentemente, che non ci sono esempi viventi di politici non sottomessi ai poteri inernazionali nel nostro parlamento.
    Ce n’erano due e si opposero al rinnovo della missione in Afganistan ai tempi dell’ultimo govrno Prodi (al tempo magg. e min. votarono unanimi), sono politicamente spariti da lì a breve.
    Ciao

  • bysantium

    100 commenti! e alla fine cedo anch’io e mi dichiaro d’accordo con te. Aggiungo solo un argomento che forse(non ho letto interamente tutti i post)non è stato evidenziato. Il personaggio ha notoriamente incontrollate pulsioni sessuali e questo è un aspetto su cui i servizi segreti hanno sempre “lucrato”. tutti i servizi segreti ma il KGB era in questo molto specializzato e Putin…Il mio parere è quindi che di leader ricattabili come Berlusconi tutti ne vorrebbero avere perchè tutti ne possono approfittare. Ciò nonostante concordo anche con quelli che sostengono che dopo ne verranno dei peggiori, e non ho neppure un detto latino che possa aiutarmi a sopportarlo.

  • Giancarlo54

    Mi dichiaro sconfitto e dopo aver sostenuto con numerosi post che forse…..però……insomma……prendiamo posizione………c’è chi è peggio di lui…….., bene dopo aver sostenuto, pur coi doverosi distinguo, che il berluska andava sostenuto in questa “battaglia” per la “Patria”, mi cospargo il capo di cenere, le mie erano, parole al vento.
    Il berluska, maestro nella propaganda, ha cercato di infinocchiare i “fessi” (tra cui il sottoscritto) ma uno dei fessi (il sottoscritto) sta facendo ammenda.

  • pippo74

    ti fa molto onore; solo i fessi non cambiano idea di fronte a tali evidenze. resta la domanda di fondo: cosa possiamo fare in concreto? saluti

  • mikaela

    io tutte ste vignete che tu dici non le ho viste in america,pero’ mi sembra che i tempi e le circostanze sono diverse.

  • Georgejefferson

    l’economia e’ la chiave?uscira’ spontaneamente in forma semplice?quanto si riuscira’ a contenere questo nuovo fenomeno?