Home / ComeDonChisciotte / ALLA C.A. DELLA REDAZIONE DI COMEDONCHISCIOTTE

ALLA C.A. DELLA REDAZIONE DI COMEDONCHISCIOTTE

Riceviamo e pubblichiamo

Anversa, 23 settembre 2009

Gentile Redazione,

Vi scrivo in risposta al vostro articolo “La Chiquita in America Latina” pubblicato il 23 luglio su www.comedonchisciotte.org
che riporta le voci – totalmente prive di fondamento – circa un ruolo di Chiquita nei recenti sconvolgimenti politici in Honduras. Voglio essere chiaro e diretto: Chiquita non ha avuto alcun ruolo in questi eventi.

Il rispetto per le leggi locali, per le istituzioni e per le comunità costituisce il fondamento della nostra politica di responsabilità sociale. È una parte essenziale del nostro impegno nell’applicazione dei più alti standard legali, etici, ambientali e sociali. Le posso assicurare che intendiamo tenere fede pienamente e consistentemente a questo impegno, e che abbiamo seguito questa linea di principio anche in occasione dei recenti conflitti politici in Honduras.

Nel corso degli ultimi due mesi, siamo stati a stretto contatto con i nostri dipendenti in Honduras, con i vertici del sindacato locale SITRATERCO e con IUF presso i quali abbiamo chiarito la nostra politica di non intervento nelle locali dispute politiche.

Chiquita è stata la prima multinazionale – tuttora, l’unica americana – ad aver siglato nel 2001 un accordo quadro con IUF (International Unionof Foodworkers)
e con COLSIBA (Coordinadora de Sindicatos Bananeros), che garantisce a tutti i dipendenti nelle piantagioni di banane il rispetto delle Convenzioni Internazionali dell’ ILO. Dal 2004, inoltre, tutte le divisioni agricole di proprietà in America Latina sono certificate Sa8000, lo standard volontario di riferimento in materia di lavoro che si basa sulle convenzioni dell’ILO (International Labor Organization), la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e la Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti del Fanciullo.

Non esitate a contattarci per qualsiasi ulteriore chiarimento.

Cordiali saluti

George Jaksch
Senior Director Corporate Responsibility and Public Affairs
Chiquita Brands International
23.09.2009

Pubblicato da Davide

33 Commenti

  1. …..allora andate via dall’honduras e date i vostri latifondi a migliaia di agricoltori che ne hanno bisogno + di voi e che coltiverebbero meglio.

  2. Bisognerebbe avere la decenza di tacere:
    http://www.counterpunch.org/kozloff07172009.html

  3. proprio una persona per bene, dovrà solo rinunciare alla legge del profitto, come chiede il Papa, e potrà essere Santo …. sempre che non ci smentisca dicendo di averla già messa da parte!

  4. “l rispetto per le leggi locali, per le istituzioni e per le comunità costituisce il fondamento della nostra politica di responsabilità sociale. È una parte essenziale del nostro impegno nell’applicazione dei più alti standard legali, etici, ambientali e sociali. Le posso assicurare che intendiamo tenere fede pienamente e consistentemente a questo impegno, e che abbiamo seguito questa linea di principio anche in occasione dei recenti conflitti politici in Honduras ”

    Belle parole senza decenza .

    LASCIATE LE TERRE AI CONTADINI LOCALI
    l’Hoduras non è vostra

  5. Comunque, meglio non consumare banane. Chiquita o non la banana non è un cibo adatto ai nostri climi.

  6. Caro George,
    devi capire che “Le banane c’entrano sempre!” 😛
    Ciao
    Roberto

  7. Ciò che stupisce non è il motivo della contesa in sé, quanto le “attenzioni” che CDC riceve da qualche tempo, guarda a caso dopo la vicenda di Israel…stiamo in campana…questa non è una “precisazione”, è un “pizzino”. Che dietro ai vari DDL (D’Alia, ecc) ci sia già la componente “occulta”?

  8. Riceviamo il seguente comunicato dall’ufficio stampa della Santa Sede in Vaticano.

    Il Santo Padre,

    sentito il Santo Ufficio, la Santa Commissione dei Santi e alcune mammesantissime
    e’ giunto alla conclusione che occorre modificare la corrente procedura di beatificazione.

    Sua Santita’,
    avendo ascoltato attentamente l’opinione dei suoi nunzi in America Centrale, avendo pregato silenziosamente ed intensamente affinche’ lo Spirito Santo lo ispiri col suo saggio afflato, Egli reputa che sia giunta l’ora di un’apertura per dar vita alla nuova procedura di beatificazione delle corporation benefiche.

    Tenuto conto che il cardinale dell’Honduras, giovane di belle speranze, di bella presenza e di grande acume, che un giorno non lontano (lunga vita a Nostra Santita’) salira’ sulla nostra cattedra, considerato che Sua Eminnenza ci ha illuminato dettagliatamente sull’attivita’ caritatevole e votata esclusivamente al bene ed all’educazione al lavoro solidale della popolazione locale, Nostra Santita’ propone che venga avviata la procedura straordinaria di beatificazione della Chiquita Inc..

    Il miracolo richiesto dalla procedura e’ noto a tutti, per cui preghiamo la Santa Commissione di lavorare speditamente.

    Chiquita sia lodata e benedetta

  9. Bravo. Mi associo

  10. non mi meraviglia per nulla. proprio quello che mi aspettavo. credo si