Home / ComeDonChisciotte / ALITALIA, VICENDA SIGNIFICATIVA MA NON ISOLATA

ALITALIA, VICENDA SIGNIFICATIVA MA NON ISOLATA

DI GIANFRANCO LA GRASSA
Ripensare Marx

Non sono un tecnico e inoltre non ho sufficienti elementi a disposizione per discutere nei particolari la vicenda Alitalia. D’altronde, per capire bene i risultati dell’operazione in corso occorre del tempo, alcuni mesi e forse nemmeno basteranno. Alcune considerazioni più generali, e politiche, si possono però fare, magari lasciando spazio ad ipotesi, che tuttavia non mi sembrano cervellotiche.
Intanto, appare secondo me del tutto evidente che la soluzione scelta non è in ogni caso una pura svendita così come si configurava l’operazione del Governo Prodi a favore di Air France. Se non altro, vi è adesso un minimo di competizione tra questa e la Lufthansa, poiché nel gioco entra pure la Austrian Airlines, anch’essa contesa tra le due appena nominate. Sembra però che Lufthansa si prenderà l’austriaca – e adesso sta mettendo gli occhi pure su Brussels Airlines – mentre la compagnia francese si dice pronta ad accettare una partecipazione di minoranza in Alitalia. Vedremo. Quanto al tentativo della sinistra, assai poco incisivo, di sollevare il problema dei 5-7000 esuberi, l’atteggiamento preconcetto è fin troppo scoperto.
A suo tempo, i sindacati e settori ampi della sinistra, allora al governo, avevano fatto rilevare che i 2200 esuberi previsti da Air France erano nettamente sottostimati, poiché in realtà si sarebbe arrivati ad una cifra tra 5 e 7.000 (qualcuno prevedeva perfino un numero ancora maggiore). Quindi, la situazione non è mutata a tal proposito.

Salvo che per un particolare non irrilevante: l’attuale progetto di scissione della società aerea con la creazione della cosiddetta bad company che si accollerà la parte “malata” di Alitalia, con debiti ed esuberi previsti
. La mossa è strettamente collegata alla volontà di gestire lo sfoltimento del personale in modo soft, con passaggi di dipendenti ad altre amministrazioni e aziende pubbliche (si parla soprattutto delle Poste) o ad altre società, ecc. Si useranno ammortizzatori sociali: quattro anni di Cassa integrazione e tre anni di mobilità garantiti, si dice, a tutti. Inoltre, sembra si intenda riprendere la discussione su Malpensa; e anche in tal caso è meglio soprassedere finché non si vedranno gli effetti concreti di certe scelte. Tutto sommato, comunque, l’operazione – in cui è stata pienamente, e centralmente coinvolta, la banca “amica” di Prodi, l’Intesa (può magari essere che Passera abbia agito adesso con maggior libertà e indipendenza rispetto al suo “padrone ufficiale”, Bazoli) – pare assai più articolata di quella riduttivamente pensata dal precedente Governo che, lo ripeto, era una pura e semplice svendita.

Assai più interessante è però un altro “fatterello”. Su Repubblica e Corrierone, si sono scatenati in scomposte critiche Scalfari (e questo è scontato come il sorgere del Sole ogni mattino) e Giavazzi, economista liberista “di sinistra”, in servizio permanente attivo per quel “partito” di interessi economico-finanziari da me definito GFeID (grande finanza e industria decotta, sempre divoratrice di finanziamenti “pubblici”), che aveva tanto sperato in un pareggio elettorale per muoversi con il suo solito spirito di devastazione e saprofitismo ai danni del sistema-Italia. Tralascio il fatto che questo economista “liberal-sinistro” è stato beccato in flagrante deformazione e sbagliata citazione di fatti da altri commentatori; non mi interessano i dettagli della polemica tra “tecnici”. Il vero fatto è che questo nervosismo – si dice abbia anche determinato reazioni stizzite presso il direttore del Corriere da parte di “amici” e, soprattutto, soci importanti della Rcs (società editrice) come appunto l’Intesa – fa capire come lo scompaginamento di questa sinistra inetta stia determinando un indebolimento delle parti più parassitarie del nostro capitalismo.

Non ci si fidi fino in fondo; ribadisco che certe reiterate uscite di Cossiga ci avvertono di manovre di ambienti torbidi – intenti a sfruttare i moderati di sinistra e perfino i pruriti di quella più estrema, piazzaiola e giustizialista – per tentare di rovesciare una situazione sfavorevole a questi settori capitalistici strettamente legati agli interessi del paese predominante centrale, gli Usa. Si sarà notata un’altra cosa ben strana: sulla crisi Russia-Georgia, ampi settori della destra governativa si sono schierati, come gran parte della sinistra, contro i russi; e del resto anche contro i cinesi “tanto cattivi” da reprimere quel modello di “democrazia” e “santità” che è il Dalai Lama, ecc. Tuttavia, il duo Berlusconi-Frattini ha tentato di tenere un atteggiamento nettamente più moderato della Merkel, di Sarkozy-Kouchner (quest’ultimo proveniente dalla sinistra), e di tutti gli altri governi della UE. Non lascia sorpresi e sospettosi questo “strano” fatto, riguardante l’amerikano (Berlusconi) per eccellenza?

La GFeID è ferita, ma non mortalmente, poiché ha alle spalle il capitalismo statunitense ancora predominante, anch’esso scosso dagli ultimi avvenimenti in sede mondiale e che sta tentando un mutamento tattico, o forse qualcosa di più, perché negli anni scorsi, credendosi veramente ormai l’unica superpotenza per l’intero secolo (o almeno mezzo), aveva allungato a dismisura i propri tentacoli imperialistici indebolendo le sue linee logistico-strategiche. Aspettiamoci – e chiunque diventi presidente degli Stati Uniti – reazioni pericolose dagli americani e dai loro più stretti servitori europei; ma italiani in specie, perché il nostro paese è al momento il “ventre molle” d’Europa. E tali servitori vanno indicati senza esitazione: la GFeID e ampi settori sia di sinistra che di destra. Ci sono anche quelli – di destra – che sono contro la GFeID, ma sono talmente e forsennatamente ancora “anticomunisti” (veramente ridicolo, ma questa è la potenza delle ideologie) da darsi la zappa sui piedi. Ci sono poi quelli “di sinistra” che, per tradizione, sono antiamericani (e professano uno sterile antimperialismo); essi sono però un miscuglio di “sbandati”, accecati dall’antiberlusconismo, e di politicanti che cercano il modo di rientrare in Parlamento e negli altri luoghi del “magna-magna” pubblico, per cui si fanno strumentalizzare da un uomo che, secondo la mia opinione, ha agito fin da “mani pulite” in favore degli interessi americani in Italia.

Come ben si capisce, la situazione – in questo paese in cui è ancora presente una sinistra nata dal rinnegamento totale dei propri ideali con un cinismo ed una immoralità raramente visti in altre epoche e in altre parti del mondo – è confusa, pasticciata, dunque un po’ pericolosa. Si pensi ad un’altra fonte di infezione; si sta utilizzando – per gli scopi che persegue la GFeID e i vari settori (filoamericani) cui essa è legata, con il suo Corrierone e i liberali di sinistra che vi cianciano – il battage antifascista. Un antifascismo degenerato, corrompitore, portato avanti da personaggi come Furio Colombo, sempre stato legato ad ambienti statunitensi e filoisraeliano radicale. Un antifascismo che si nutre di totale revisione falsificatrice del significato della Resistenza, fatta passare, presso chi non ne ha più memoria storica, per un movimento solo teso alla “democrazia” e guidato da preti e liberali: un movimento solo sussidiario alla “Liberazione” portataci da eserciti “alleati” che si sono macchiati di crimini non poi così tanto inferiori a quelli nazifascisti. Questo il menzognero e confusionario antifascismo odierno che tuona contro i pericoli del fascismo berlusconiano. E la sinistra, ivi compresa quella che continua a far finta di difendere i lavoratori, il “progresso”, ecc. è complice di una simile mistificazione e deformazione dell’unico periodo veramente dignitoso della nostra storia nazionale.

Situazione mefitica, di grande corrompimento ideale e politico, infestata da imbroglioni e “giocatori delle tre carte”, con un ceto intellettuale e politico “di sinistra” mediocre e narcisistico, che certo capitalismo continua a blandire e finanziare perché sa che, con il suo antiscientismo e finto progressismo (in realtà solo un lassismo assai negativo sul piano del costume ormai corroso e degradato), fa di fatto scudo al parassitismo dei settori produttivi e finanziari più arretrati, che morirebbero di asfissia – per mancanza di assistenzialismi e favoritismi “pubblici” – se si ponesse in atto una vera politica di difesa di interessi miranti ad un più autonomo sviluppo nazionale.

*****

Visto che siamo in discorso, aggiungiamo qualche altra cosetta. Intanto, vi è Trenitalia – altra azienda di trasporto merci e viaggiatori che potrebbe avere un ruolo non indifferente – in condizioni di decozione non dissimili da quelle dell’Alitalia. Per il momento, non si muove certo bene; pensa solo a soppressione di linee e di treni (perfino pendolari), a eliminazione di personale (e senza troppi “ammortizzatori sociali”) e a continui aumenti di prezzi e tariffe. Soprattutto però vi è un’altra impresa importante in piena crisi: la Telecom. Ripeto che non sono un tecnico, ma ho sempre sentito dire che le telecomunicazioni sono uno dei settori di punta, uno di quelli dell’ultima “ondata innovativa”; la Telecom, però, mi sembra proprio tutto salvo che innovativa.

Ho letto ieri sui giornali che ha venduto Alice France, insomma la banda larga in quel paese, per 800 milioni di euro con cui ha ridotto il suo debito assommante…….a 37 miliardi. Non ho capito se si tratta di una battuta di spirito; o forse non capisco l’importanza di una sia pur così minima e irrisoria riduzione dell’esposizione debitoria (uhm!). In realtà, credo si prepari invece a chiedere il licenziamento (previsto) di 5000 dipendenti; e senza alcuna bad company, senza tanti ammortizzatori sociali. Del resto, sono anni che tale azienda sta liquidando tutto il personale tecnico più preparato professionalmente (e quindi meglio pagato); inoltre riempie i nefasti call center, un vero incubo, di lavoratori che non hanno certo colpa alcuna, perché mal retribuiti e assunti a tempo determinato e per periodi brevi in cui non val la pena di imparare nulla. Resta il fatto che è esperienza generale il degrado di tale compagnia telefonica. Non parliamo poi del clamoroso imbroglio dei “numeri speciali” – di cui sono stato anch’io vittima a causa di continue e kilometriche telefonate alle Barbados – per i quali la Telecom declina sempre le proprie responsabilità dopo averli attivati. Adesso l’Authority ha stabilito che debbono essere disattivati dal 1° ottobre; qualcuno ha letto nell’ultima bolletta telefonica (almeno in quella cartacea l’ho letto) quante eccezioni ci sono? Qualcuno ci ha capito qualcosa? Se si, me lo spieghi perché sono terrorizzato da nuove ondate di “mie” telefonate alle Seychelles.
Anche in tal caso, ammetto di non essere un esperto. Ma un’azienda di telecomunicazioni, e di proporzioni non tanto modeste, non potrebbe essere utile al paese? Non vi è alcuna possibilità –ammetto sempre la mia ignoranza in merito – di cosiddette sinergie con certe altre nostre imprese di punta? In ogni caso, non mi sembra ammissibile che si siano spese barcate di soldi detti pubblici per imprese come la Fiat (ed è solo il caso più eclatante; e poi continua ancora adesso a chiederne) e si lasci andare alla deriva un’impresa di un settore di tale importanza. Si discute soltanto di “virtuosa” concorrenza, per cui ci si scontra sulla prospettiva, cui Telecom si oppone, di separarla dalla rete in modo che le competitrici non siano ostacolate dal ricorso al “monopolista” per il famoso “ultimo miglio”.

Ancora una volta, si vede bene a che cosa serva l’ideologia del vantaggio per il consumatore; il quale ha visto certo diminuire il costo dei telefoni, ma non migliorare il servizio da parte di nessuno dei competitori “in gara”. E poi non credo che il miglioramento del servizio, per il potenziamento complessivo di un paese, sia quello riguardante i “privati cittadini”; nemmeno solo quello rivolto alle “imprese”. Le telecomunicazioni non possono servire a nient’altro? Anche se non dobbiamo “entrare in guerra” con nessuno, non vi sono altri vantaggi per un determinato paese nel controllo e uso adeguato di un ben articolato ed efficiente sistema di comunicazioni? E magari nel suo realmente decisivo perfezionamento e potenziamento, che forse non comporterà un’apprezzabile discesa dei prezzi per i consumatori ma altri vantaggi di carattere più generale? Domande a cui non mi azzardo di rispondere. Tuttavia, tutta questa sedicente concorrenza ha degradato il servizio persino per i singoli. Per altri scopi, figuriamoci!

La Telecom è ormai “privata”; ma non ha proprio alcuna importanza la forma proprietaria, salvo che per i…..formalisti. Il problema è sempre politico, di scelte di un potere centrale che faccia o non faccia gli interessi nazionali. Credo si dovrebbe azzerare l’attuale management e nominarne un altro in grado di progettare e poi attuare un vero piano industriale, non invece di seguire ossessivamente l’andamento delle borse, l’indebitamento, gli utili conseguibili o meno con la Tim Brasile, ecc. Qui però casca l’asino! Gli interessi del paese non sembrano certo nelle corde di un Governo come quello in carica, ma nemmeno in quelle dell’opposizione. Occorre una svolta, proprio di potere politico e quindi di decisioni autonome concernenti l’intero paese. Dagli schieramenti attuali – molto più obliqui e intricati di quanto non appaia dai giochetti di fittizia contrapposizione tra maggioranza e minoranza – non ci si aspetti nulla di buono, salvo la nostra continua dipendenza dai predominanti centrali. Siamo avvolti in una rete di inganni, di melassa ideologica che afferma il bianco per tingere di nero, e viceversa. Occorre una continua opera di demistificazione, in una situazione difficile e con pochi strumenti a disposizione. E poi, alla fine, non basterà la demistificazione, perché “in ultima analisi” contano i rapporti di forza. Tuttavia, continuiamo a fare quanto è per il momento possibile fare, in attesa……speriamo “non di Godot”.

Gianfranco La Grassa
Fonte: http://ripensaremarx.splinder.com
Link: http://ripensaremarx.splinder.com/post/18206571/ALITALIA%2C+VICENDA+SIGNIFICATIV
29.08.08

Pubblicato da Davide

  • Tao

    C’E’ L’ASSOCIAZIONE MA MANCA LA DEFINIZIONE DEL REATO PER QUESTA GENTE RISPETTABILE


    FONTE: PENSARE IN PROFONDO (BLOG)

    Proviamo ad immaginare un tavolo intorno al quale si ritrovano Colanino padre e figlio, Letta nipote e zio,Berlusconi padre e figlio, Calearo e Benetton, Tronchetti Provera e Milly Moratti, Garrone (quello della Erg) e Burlando,Chiamparino e qualche nobile palazzinaro di Torino, Gavio ed il presidente della regione Piemonte.
    Tutta gente rispettabilissima.

    Questa gente rispettabilissima nella vita si occupa di politica ed affari.E così capita che siano,contemporaneamente, proprietari di TV e squadre di calcio ed è naturale che con il genitore discettino di frequenze e diritti TV, budget della TV pubblica e mercato delle TV private, soldi da dare per poter concedere al popolo bue, e sfigato, di continuare ad avere quel piccolo diritto di ritagliarsi 10 minuti di goal alla televisione.

    Sempre tra i rispettabili zio e nipote chiacchierano amabilmente dei toni soft con cui, finalmente, maggioranza ed opposizione si confrontano in parlamento.Ognuno di loro rispetterà la missione data e farà in modo che tale tono rimanga per dare del paese un immagine rassicurante, un luogo in cui il conflitto aspro del passato lascia il testimone ad una sorta di centro di gravità permanente in cui gli eletti governeranno e decideranno in nome del mandato democraticamente ricevuto.Senza rotture di coglioni.Con uno sbarramento in parlamento ed uno nelle strade fatto da soldati e posti di blocco

    Intanto Gavio racconta di come è possibile fare soldi gestendo infrastrutture dello stato (autostrade) senza cacciare un euro.Ponendo un suo uomo al vertice di quell’azienda e garantendo una sorta di pax politica a PD e PDL.Un direttore generale a me ed uno a te. Tre consulenti della tua parte e tre della mia.Figli degli amici messi lì ad arricchire il proprio c.v. in qualche call center che fornisce informazioni sulla viabilità.In dote una rendita che ti consente di aumentare i pedaggi in base all’inflazione reale, senza che nessuno alzi un dito per porre una semplice domanda” perché la scala mobile no e aumenti automatici sulle tariffe di questi servizi si?”

    E come perdersi la visone del sindaco di Torino, quello che ha sfruttato le olimpiadi lasciando un’eredità do strutture che nessuno sa come utilizzare (il pala Isozaki ad esempio), un mare di debiti da finanziare con tasse, qualche avventura nella gestione della tesoreria della Città che lascia altri costi (finanziari) da ripianare, un fare autoritario che blinda interi quartieri vietando di consumare cibo ed alcolici per le strade (S.Salvario, il quartiere degli extra comunitari) e dimenticandosi del quadrilatero romano dove forse gli amici gli hanno detto che non è il caso perché lì solo gente chic.

    La conversazione più interessante sarà tra Colanino padre e figlio.Ecco qui immaginate di essere un imprenditore che ha fatto soldi con un’avventura nel mondo delle telecomunicazioni grazie a politici compiacenti, vi offrono di entrare in una società in cui non ci sono debiti, c’è un fatturato consolidato che vi garantisce un flusso di cassa costante (neanche tanto difficile da calcolare per definire il break even point finaziario dell’operazione), 7.000 dipendenti in meno, meno strutture da mantenere,un’azienda normalizzata e senza conflitto (perché qualche sindacalista di belle speranze lo coopterete nel C.d.A.).Insomma neanche l’avviamento da pagare per un operazione di quel tipo. Ecco vi chiedono di mettere qualcuno di quei soldini guadagnati (prima nelle telecomunicazioni) in questa nuova avventura. Magari garantirete il prestito per soldi che non avete con un pacchetto di azioni frutto di qualche stock option non tassata. Insomma una roba molto liberal e capitalista. Mettetevi una mano sulla coscienza, non lo fareste anche voi?
    A chi volete che salti in mente di coniare uno slogano sui “ladroni” ai danni dello stato mentre siamo impegnati in sacre crociate sui “fannulloni” del pubblico. Perché in fondo al vostro stomaco lo sapete che non è proprio una roba bella quella che vi apprestate a fare.
    Però lì viene in soccorso il figliol prodigo, quello con gli occhialini che qualcuno ha paragonato a Marx e Lenin perché anche loro erano (in fondo) borghesi.Sarà lui che spiegherà ai giovani del PD che di mercato e leggi del mercato si tratta. Ed anche quei pochi smetteranno di belare.

    Gli altri commensali ascoltano e prendono appunti. Ognuno di loro trasmetterà agli altri un pò della sua arte. Le relazioni si rafforzeranno, la rete si estenderà e tutti vivremo felici e contenti perché questo è il frutto della democrazia, baby!

    Fonte: http://pensareinprofondo.blogspot.com/
    Link: http://pensareinprofondo.blogspot.com/2008/08/c-lassociazione-ma-manca-la-definizione.html
    29.08.08