Home / ComeDonChisciotte / AHMADINEJAD E L' 11/9

AHMADINEJAD E L' 11/9

DI PINO CABRAS
megachipdue.info/

In qualche modo è giunta a tutti la notizia che il 24 settembre 2010 il presidente iraniano Mahmūd Ahmadinejād ha posto la questione della verità sull’11 settembre 2001 in una sede solenne, l’Assemblea Generale dell’Onu. Sia lo speaker sia l’argomento sono fra i più difficili da trattare nella sfera del pubblico dibattito in Occidente, perché quando si parla di loro i media si mettono l’elmetto in testa, dentro una logica militarizzata, la stessa che ha portato in altre circostanze – che so, «La Repubblica», «Le Monde» – a chiudere un occhio sulle menzogne che poi sostennero l’Occidente nel dare inizio ai massacri iracheni. Sfumature, concessioni, parziali apprezzamenti, atteggiamenti spassionati, sono tutte cose scoraggiate, quando si va come alla guerra.

Nella foto: Il presidente iraniano, Mahmūd Ahmadinejād, parla durante la 65esima Assemblea Generale dell’ONU Gli ostacoli alla guerra diventano altrettanti nuovi Hitler, anche quando dicono cose comprensibilmente politiche, ragionevoli, discutibili, controverse, ma ancora perfettamente dentro il campo del razionale. I nostri giornali non hanno quasi più corrispondenti in Medio Oriente, e al nostro pubblico (ma ho l’impressione anche alle élite) rimangono idee vaghe delle ragioni politiche di quelle comunità.

Se dovesse servire lo ribadisco ancora, per capire come la penso: Ahmadinejād non mi piace, così come non mi piace il suo sottostare a quella specie di Vaticano moltiplicato per dieci che condiziona clericalmente la vivace e dialettica vita politica iraniana. Penso che la società e la repubblica iraniana debbano e possano trovare un modo per “costituzionalizzare” la forte opposizione interna al regime politico degli ayatollah dentro un nuovo compromesso che garantisca certo la sovranità nazionale dell’Iran, ma nei termini di una società con istituti democratici più solidi.

Tuttavia guardo freddamente a come in Occidente viene affrontato Ahmadinejād e scopro abnormi distorsioni del suo pensiero. Vorrei poterlo leggere senza i troppi aggettivi con cui viene filtrato. Magari leggendo il testo autentico e criticarlo con il mio giudizio. Non voglio capitolare davanti all’istupidimento della propaganda di ogni risma, voglio vedere le carte.

[Lo faccio spesso su Ahmadinejād e pertanto, per non farla lunga qui, vi propongo di leggere, quando vi va bene, altri articoli in cui analizzavo i meccanismi con cui sono manipolati i suoi discorsi (QUI e QUI ), o alcune considerazioni sull’uso della recente vicenda Sakineh (QUI ).]

Il discorso al Palazzo di Vetro è stato presentato dai media più importanti secondo la linea poi riassunta da Obama: parole «odiose e offensive».

Per chi voglia leggersi l’intero discorso, c’è invece la traduzione di Massimo Mazzucco.

Per quel che in particolare riguarda il ragionamento del presidente iraniano sull’11 settembre, vi proponiamo qui direttamente gli estratti da noi tradotti. Come potrete vedere, non si tratta di parole «odiose e offensive». Riportano un dubbio che si fa strada sempre di più in merito alle verità correnti della vicenda 11/9 proposte da governi e media occidentali. Sappiamo che questo dubbio può essere utilizzato da Ahmadinejād per criticare l’impianto delle guerre volute dai paesi che hanno invaso i paesi confinanti al suo.

Ma occorre andare oltre i suoi interessi. Porre fine a quei massacri e pericoli è interesse suo come nostro. La guerra afghana e quella irachena non sono risolte. L’evento fondante della Guerra Infinita, la rappresentazione mitologica dell’11/9, va rivisto, senza fermarsi alle verità fin qui ufficializzate. Per fare un esempio storico: in Italia si tentò di ragionare sulla Strategia della tensione che coinvolse nello stragismo pezzi importanti degli apparati statali in un disegno politico dagli effetti duraturi: parlare di settori deviati e complici con coperture statali fu il primo passo di un’ipotesi investigativa seria, anche nel caso delle stragi del 1992-1993. Sono segreti difficili da scardinare. Pensate cosa ha detto il procuratore Roberto Scarpinato in un’intervista a Marco Travaglio in merito alle complicità dello stragismo italiano: «Molte stragi d’Italia nascondono retroscena che coinvolgono decine, se non centinaia di persone. Pensi a Portella della Ginestra: la banda Giuliano, i mafiosi, i servizi segreti, esponenti delle Forze dell’ordine, il ministero dell’Interno. Pensi alle stragi della destra eversiva. Così quelle politico-mafiose del 1992-93. La storia insegna che quando un segreto dura nel tempo sebbene condiviso da decine e decine di persone, è il segno che su quel segreto è impresso il sigillo del potere. Un potere che cavalca la storia riproducendosi nelle sue componenti fondamentali e che eleva intorno al proprio operato un muro invalicabile di omertà, perché è così forte da poter depistare le indagini, alimentare la disinformazione, distruggere la vita delle persone».

Per molti versi è anche il ritratto dello stragismo globale conosciuto a partire dalla fase inaugurata l’11 settembre 2001 (si pensi al 7 luglio 2005 londinese).

Nell’intrico bellico mediorientale non potranno mai funzionare delle “exit strategy” che vogliano fare a meno di questi elementi: 1) un coinvolgimento politico dell’Iran; 2) una revisione delle ragioni fondanti della “guerra al terrorismo”, ossia una seria inchiesta; 3) un piano di lungo termine per la questione della Terra Santa.

L’alternativa è più guerra ancora. In quest’ottica, le parole che seguono non appaiono affatto gli insulti del pazzo che qualcuno dipinge, bensì i ragionamenti di un uomo politico con cui converrà parlare.

Ecco gli estratti sull’11 settembre del discorso di Mahmūd Ahmadinejād all’Assemblea Generale dell’Onu:

L’evento dell’11 settembre (…) ha condizionato il mondo intero per circa un decennio.

Tutto ad un tratto, le notizie dell’attacco alle torri gemelle sono state trasmesse utilizzando numerosi filmati dell’incidente.

Quasi tutti i governi e i personaggi noti condannarono duramente questo incidente.

Ma poi si attivò una macchina della propaganda in tutta la sua potenza; si considerò implicito che tutto il mondo fosse esposto a un grandissimo pericolo, chiamato terrorismo, e che l’unico modo per salvare il mondo fosse quello di dispiegare delle forze in Afghanistan.

Alla fine l’Afghanistan, e subito dopo l’Iraq, sono stati occupati.

Prego prendete nota:

È stato detto che circa tremila persone sono state uccise l’11 Settembre e per questo tutti noi ci siamo tutti molto rattristati. Come, fino ad oggi, in Afghanistan e in Iraq centinaia di migliaia di persone sono state uccise, ci sono milioni di feriti e sfollati, e il conflitto è ancora in atto e si sta espandendo.

Nell’identificare quei responsabili degli attacchi, ci sono state tre versioni.

1) Che un potentissimo e complesso gruppo terroristico, capace di raggirare con successo tutti i livelli dell’intelligence e della sicurezza americana, effettuò l’attacco. Questa è la versione ufficiale sostenuta dagli statisti americani.

2) Che qualche segmento all’interno del governo USA ha orchestrato l’attacco per invertire il declino dell’economia americana e la sua influenza in Medio Oriente con lo scopo di salvare il regime sionista. La maggioranza del popolo americano così come delle altre nazioni e politici concordano con questa versione.

3) E’ stato commesso da un gruppo terroristico, ma il governo americano lo ha supportato e ha approfittato dalla situazione. Apparentemente, questa versione ha pochi sostenitori.

La prova principale di colpevolezza che viene collegata all’incidente erano alcuni passaporti trovati in mezzo a un’enorme massa di detriti e un video di un individuo il cui domicilio era sconosciuto ma era noto che fosse coinvolto in affari petroliferi con alcuni funzionari americani. È stato anche omesso e detto che, a causa dell’esplosione e del fuoco, nessuna traccia degli attentatori suicidi è stata trovata.

Rimangono, comunque, alcune questioni a cui occorre rispondere:

1) Non sarebbe stato ragionevole che una prima indagine approfondita fosse condotta da gruppi indipendenti per identificare definitivamente gli elementi coinvolti nell’attacco e poi elaborare un piano razionale per prendere dei provvedimenti contro di loro?

2) Prendendo per buona la versione del governo americano, è razionale scatenare una guerra classica con un amplissimo dispiego di truppe che ha provocato la morte di centinaia di migliaia di persone per combattere un gruppo terroristico?

3) Non è stato possibile agire nel modo in cui l’Iran ha combattuto il gruppo terroristico Riggi che ha ucciso e ferito 400 persone innocenti in Iran? Nell’operazione iraniana a nessun innocente è stato fatto del male.

Si propone che le Nazioni Unite istituiscano una commissione d’inchiesta indipendente sugli eventi dell’11 settembre affinché in futuro non sia proibito esporre punti di vista sulla questione.

Desidero annunciare qui che l’anno prossimo la Repubblica Islamica dell’Iran ospiterà una conferenza di studio sul terrorismo e sui mezzi per affrontarlo. Invito funzionari, studenti, intellettuali, ricercatori e istituti di ricerca di tutti i paesi a partecipare a questa conferenza.

Traduzione per Megachip a cura di Cipriano Tulli

Il testo completo del discorso di Ahmadinejad all’Onu: IRNA.

La traduzione per luogocomune.net a cura di Massimo Mazzucco: (QUI)

La traduzione e trasmissione curata da Russia Today:

Pino Cabras
Fonte: www.megachipdue.info/
Link: http://www.megachipdue.info/finestre/zero-11-settembre/4631-ahmadinejd-e-l119.html
25.09.2010

Pubblicato da Davide

  • nomorelie

    admin, forse non funzionano i link:
    [Lo faccio spesso su Ahmadinejād e pertanto, per non farla lunga qui, vi propongo di leggere, quando vi va bene, altri articoli in cui analizzavo i meccanismi con cui sono manipolati i suoi discorsi (QUI e QUI), o alcune considerazioni sull’uso della recente vicenda Sakineh (QUI).]

  • GRATIS

    potrebbero essere stati oscurati i link in questione.

  • ottavino

    I love you, Ahjmadinejad. Un coraggioso che dice la verità in questo mondo di bugiardi.

  • Xeno
  • Tao

    I link ora sono funzionanti, grazie.

  • cardisem

    A me Ahmadinejad piace. Per quel che ne ho potuto capire, è un capo di stato onesto, coraggioso, perfino umoristico, come quando disse che in Iran di omosessuali non c’è ne sono, quasi a dire: ce li avete tutti voi in America. Quanto poi al sistema giuridico iraniano, per quel che possiamo veramente saperne, non credo che abbiamo il diritto di imporre ad altri popoli le nostre istituzioni, che in realtà sono bacate. Durante gli anni del colonialismo ci siamo serviti della religione per portare morte, distruzione, rapina ed ogni genere di sozzura. Adesso pensiamo di ripetere la stessa operazione servendoci di di artificiose nostre costruzioni come i “diritti umani”, nella cui violazione siamo davvero specializzati…

  • nomorelie

    non c’è di che

  • vic

    Qui, nella prima ora, la recente opinione di R. Gage, il rappresentante della societa’ americana degli ingegneri civili, sull’11 settembre 2001 e sul recente discorso di Ahmadinejad:

    http://www.coasttocoastam.com/show/2010/09/23

  • Alfio200

    Il livello più basso di tutta la vicenda si è toccato quando i rappresentanti di tutti gli stati dell’unione europea (minuscolo) hanno abbandonato l’aula dell’ONU al seguito del rappresentante americano. La solita, rinnovata, squallida, avvillente performance di un gregge di SERVI PECORONI dietro al loro padrone. Povera Europa, senz’anima, volontà e orgoglio.

  • VeniWeedyVici

    2+2=4. Anything to say?

  • alinaf

    Bisognerà forse aspettare le reazione che ha avuto l’intervista sull’opinione pubblica americana. Non penso che abbia avuto lo stesso impatto che ha avuto su di noi. Inoltre sarà stata senza dubbio preparata, prima di andare in onda e ciò vuol dire molto. Ahmadinejad è considerato , dalla maggior parte degli americani, un folle e quindi tutto ciò che esterna viene considerato lesivo per il radicato patriottismo che esiste, nonostante tutto, nella nazione.
    Quale ruolo ha veramente L. King ? Quale la reale intenzione di questa intervista ? Il terreno è minato. Ciao.

  • ivankupala

    Quoto!

  • buran

    L’argomento 11 settembre è stato affrontato più volte anche da Fidel Castro, contestando la versione ufficiale, così come da Chavez. E’ proprio un’analisi “storica”, tenendo conto di quello che è successo dopo l’attentato, che fornisce credibilità e supporto alle contestazioni tecniche e contribuisce a fare chiarezza.

  • Alenov

    Mah… a quando la BEATIFICAZIONE di Ahmadinejad?

  • stendec555

    la considerazione che hanno gli americani di ahmedinajad non è poi tanto diversa da quella che hanno gli europei, nel bene e nel male…non credere che gli americani siano tutti una mandria di ottusi guerrafondai. vivendo qua non noto tutte queste differenze, c’è gente che crede ciecamente ai media in italia, in europa come in america. ciao

  • dana74

    ma perché non lo abbiamo noi uno così?!!!

    Il sig Obama se trova le parole offensive lo vada a chiedere alle famiglie delle vittime delle quali NESSUNA crede alla versione ufficiale, ma questo fantoccio
    si permette di parlare in nome loro e non mi risulta l’abbia mai incontrati.
    Un esempio della loro democrazia

  • osservatore

    vedo che nessuno riesce a farsi una ragione che non ci sono poteri buoni…ilvecchio De Andrè l aveva detto…
    questo è un mio commento vecchio, forse di un anno fa:
    “secondo me è invece sempre la solita storia, cioè i politici furbi usano e manipolano il popolo ingenuo per loro scopi personali per arrivare al potere, come dappertutto nel mondo (vedere i discorsi ingannevoli di Bush Jr. che ha usato la fiducia degli americani mandando i loro figli in guerra, vedere il governo cinese che fa propaganda dentro le mura chiuse al popolo ignorante che gli crede, perchè non ha possibilità di sentire le info ed opinioni alternative, vedere la russia del putin che lo ha seguito credendo alle balle che raccontava prima delle elezioni sulla diminuzione della povertà, sulla guerra in cecenia, le fesserie che vende berlusconi ogni volta prima delle elezioni e poi puntualmente se li dimentica appena eletto ecc…) sia ahmadinejad che i suoi avversari si stanno approfittando della fiducia dei loro sostenitori, in poche parole li sacrificano. Io non avrei dato nemmeno un gatto morto ne per ahmadi, ne per moussavi e nessun altro dei politici, figuriamoci un voto. Guarda che peccato che invece quanti giovani hanno dato le vite per un mascalzone barbuto isterico con lo striscione verde (ricorda i leghisti in lombardia un pò ) che se ne fotte altamente del popolo iraniano, ma vuole solo il potere…I ragazzi che si sono fatti ingannare e sono stati massacrati dall’altro mostro che ha il potere ed i voti falsi – da ahmadi…come vedete siamo al solito – tra i 2 litiganti la bastonata la prende il terzo che si intromette…tra i bastardi potenti manipolatori del mondo quando litigano la bastonata la prende sempre il popolo che non c’entra un fico…voglio solo ripetere l’ennesima volta il mio appello: per il vostro bene, è megliio se non sprecate il fiato ed energia per cercare di gisutificare gli atti di qualsiasi potente…sprecate inutilmente la vostra energia che spendete per difendere ahmadi o moussavi o bush o putin o berlusconi…a quelli non gliene frega niente di noi. Spero che sia chiaro il mio messaggio. Cito da un blog una frase attualissima e saggissima, chi c’è ce, chi non c’è…niente da fare: “Il più grande complotto mai esistito è sempre stato nel fatto che non esiste nessun complotto. Nessuno ce l’ha con voi. A nessuno importa un tubo se vivete o morite. Ecco, vi sentite meglio adesso?” (Dennis Miller) http://blogghete.blog.dada.net/categorie/59775

    la penso ancora più fermamente anche adesso e voglio che anche voi siate coscienti di questi giochi. Non fatevi manipolare, per favore. Ahmadinejad è un bastardo come lo sono tutti altri politic che vedete nel campo, non bisogna essere Einstein per capirlo, è un dittatore, vioilento, isitiga alla violenza e odio tra i popoli, religioni ecc. Ma sopratutto lui è solo un fantoccio…non haalcun valore ne importanza, è solo un altro fantoccio come lo era Bush, deve recitare la sua parte di pazzo per contribuire alla creazione di scuse per la III guerra mondiale…fa parte della stessa squadra con tutti altri leader fantocci manipolati da poteri occulti che girano le ruota del mondo da dietro le quinte: per amor di potere, per soldi, per piacere, per loro ideali perversi, nazisti, per mille altri motivi validi solo per loro…ma il fatto sta che fanno parte dello stesso gioco e vi dividono in frazioni politici, religiosi, sociali, razziali ecc. tra di voi con il motto “dividi et impera”…quanto mi dispiace per quelli che gridano “viva ahmadinejad, amo ahmadinejad, solidarietà a ahmadinejad”….vorrei tanto che l umanità si facesse una ragione smettendo di appoggiare il tiranno di turno. Tempo fa le masse hanno lodato Hitler, Nerone, Stalin, Mussolini ecc. ed abbiamo visto cosa hanno fatto questi tiranni usando il potere che il popolo gli ha consegnato; si sono saziati del sangue di innocenti…ora ricordate le lezioni della storia prima di appoggiare il tiranno populista di turno….
    Ahmadinejad è di origine ebrea….lo sapevate? chissa perchè vi è sfuggita questa sua dichiarazione, ora mi chiedo perchè allora lui ce l ha cosi tanto con i suoi compaesani…
    http://www.youtube.com/user/kaveh0dk
    questo utente denuncia un progetto segreto volto a distruggere Iran dall interno con le mani dei propri leader…
    http://www.youtube.com/watch?v=SlSqbKNTAsM
    http://www.youtube.com/watch?v=igdQJOLT-2M
    http://www.youtube.com/watch?v=i2t6sWp3BX8
    http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/middleeast/iran/6256173/Mahmoud-Ahmadinejad-revealed-to-have-Jewish-past.html
    http://www.stampalibera.com/?p=6112
    http://www.altrainformazione.it/wp/2009/10/04/mahmoud-ahmadinejad-ebreo-ma-cambi-di-famiglia-per-nasconderlo-perch/
    http://www.tgcom.mediaset.it/mondo/articoli/articolo462023.shtml

    usate la testa prima di gridare lode al tiranno del turno…non appoggiare mai politici cosi facilmente solo alla base di dichiarazioni populistiche sputa questo tiranno per guadagnare i punti…
    in Iran esiste ancora adesso la lapidazione, andate ad informarvi dai legali delle persone che vi sono condannati in passato, c’è una moratoria che “sconsiglia” l uso della lapidazione, ma essendo uno stato altamente religioso, in Iran quel moratorio conta come una buona nulla e lapidazione, frustazione, altri tipi di tortura anche per adulterio (per essere gay, per andare in giro senza velo, per libertà di pensiero ecc.) continuano ad applicare. Ahmadinejad è un bugiardo patologico come Berlusconi, ne avete uno in casa qui, come fate cascare cosi facilmente? quando mai un politico ammetterebbe i colpi propri o del suo regime? mai ammetterebbero. Come Berlusconi nega le parole dette da lui e registrate nei video, dando a tutti dei comunisti, cosi fa Ahmadinejad, nega tutto dando dei sionisti a chiunque lo sputtana mentre lui stesso è ebreo di origini! Ahmadinejad cerca di fare di tutto affinche la guerra in paelstina continui, non gliene frega niente di palestinesi, ci passerebbe sopra coi carri armati alla prima occasione. La solidarietà silamica dell’Iran finisce quando finiscono interessi del regime, vedere come palrano contro Iraq (guerra con Iraq dove sia Iran che Iraq hanno usato i bambini soldati di 7-10 anni ingannandoli con delle chiavi plastiche appese al collo come le chiavi del paradiso…i bambini erano usati come antimina, gli dicevano che con quelle chiavi di plastica apriranno le porte del paradiso una volta morti come sciahid, martiri di guerra. Una cosa assai disgustosa usare i bambini in questo modo schifoso…). Secondo l Iran tutto il mondo arabo è da buttare nella pattumiera tranne Libano che è il suo alleato nella guerra palestinese…in Palestina non è israele e palestina a far guerra, ma USA e Russia…Israele usato dagli uSA e Palestina usata da Russia&co…Iran è un partner vecchio, sottomesso della russia, hanno interessi comuni in medio oriente e caucaso…Libano è invece è il campo di addestramento per i gruppi terroristici. Il Gladio internazionale vi dice qualcosa? ecco quel gladio internazionale è un esercito di terrore che è stato creato con la collaborazione di servizi segreti russi, americani, europei ecc. per tenere le masse sotto controllo e tensione, strategia di tensione si chiama. Li hanno tutti un unico scopo: fottervi come le masse ignare….mentre ad occhio fingono di non andare daccordo, di sfidarsi a vicenda. Dobbiamo metterci in testa una volta per sempre che questo mondo è fatto solo di 2 parti: sfruttatori e sfruttati, da parte di sfruttatori sono i politici, da parte di sfruttati siete voi. , le masse independentemente chi appogiate politicamente.
    ahmadinejad dice che in iran non esiste omosessulaità…mente fino alle orecchie, in Iran come in altri paesi musulmani di origini persiane (Afghanistan) esiste una cosa disgustosa: scelgono dei maschi bimbi particolarmente belli sin dalla tenera età, da 4-5 anni, li insegnano truccarsi come donna, ballare come donna e fare le “puttane”, li stuprano regolarmente per farli perdere la “maschilità”, poi li usano nelle feste private dei ricchi uomini…questi bambini si chiamano “qulam” o qualcosa del genere…di recente è uscito un documentario “dancing boy” sui bambini trafficati in Afghanistan…guardateli…
    in Iran le torture, le pene di morte veongono applicate maggiormente alle etnie non persiane, guarda caso…voi avete sentito solo un paio di nomi, ma ce ne sono tanti di giustiziati di quali non parla nessun mass media, ne quelli “liberi”, ne quelli venduti…se andate a spulciare nelle statistiche di queste escuzioni feroci in Iran, vedrete che maggiorparte degli impiccati, lapidati ecc, sono etnie non persiane e maggiorparte dei casi non ha una fondamenta giuridica, ma si basa solo sulle supposizioni non dimostrate (tipo “i vicini dicono che era infedele, i vicini dicono che era gay” ecc. ). Non vi ricorda niente questo? a me ricorda tutti regime dove massacrano la gente nel silenzio senza corte, ne giudizio per fare pulizie etniche, politiche, per tenere le etnie diverse sotto paura e controllo, tipo ne sgozzo uno di pecore davanti a tuti per spaventare altri, cosi era in ex soviet, cosi era in regime nazista, cosi è in colombia, argentina, cile ecc.
    non andare dietro le uscite populiste…
    un giorno vi pentirete e vi vergognerete per aver appoggiato questi tiranni… anche se non lo ammetterete agli altri, alla vostra coscienza dovrete ammetterlo, perchè il rimorso di coscienza è tremendo…

  • vimana2

    C’è ancora qualcuno che ha dei dubbi sul perchè ahmadinejad venga descritto come un ” MOSTRO “?

    Se qualcuno ha dei dubbi, gli chiarisco le idee: Ahmadinejad viene descritto come un mostro in quanto dice la verità!