AGGRESSIONE RUSSA

DI PEPE ESCOBAR

facebook.com

Aggressione Russa…Aggressione Russa…Aggressione Russa…Aggressione Russa…Aggressione Russa… Aggressione Russa…

Non è trapelato granchè dall’incontro di ieri sera tra Medusa Merkel, il Generale Hollande e Vlad. Un trio teso a Mosca. Eppure John Kerry, come al solito, sta già mentendo tra i denti sul loro viaggio al Cremlino.

Ha detto che Putin aveva inviato “un paio di idee” a Francia e Germania, e che la Merkel e Hollande rispondevano.

Un nonsense: la Merkel e Hollande – nella disperazione – sono andati a Mosca per parlare con Putin perché è solo lui ad avere un possibile piano per stabilizzare l’Ucraina – ed è così da mesi. In caso contrario, ci sarà la guerra, che è esattamente ciò che a Washington vuole l’impero del Caos.

Kerry ha mentito ancora di più quando ha detto che gli USA vogliono una soluzione diplomatica. Ma poi è arrivato come al solito a parlare di “rivedere tutte le opzioni”, tra cui “la possibilità di fornire sistemi di difesa per l’Ucraina”.

Fallo pure – e la risposta russa sarà devastante.

Non ci si deve meravigliare se la maggioranza assoluta dell’Unione Europea – a parte i folli lituani – si oppone alla sicari guerrafondai di Kiev.

Il Süddeutsche Zeitung – un quotidiano decente – Domenica scorsa ha interpellato un esperto militare russo Yevgeny Buchinsky che ha avvertito che se ciò dovesse accadere, “la Russia dovrà intervenire”, e poi, senza mezzi termini ha parlato, “di occupare Kiev. La NATO quindi sarebbe in una situazione difficile. Infine inizierebbe la terza guerra mondiale, che nessuno vuole.”

Queste dichiarazioni possono sembrare un po’ da dottor Stranamore sopra le righe – ma la Süddeutsche Zeitung in modo preciso ha sottolineato che le azioni dei guerrafondai Washington e dei sicari di Kiev sarebbero interpretate dalla Russia come una dichiarazione di guerra.

Medusa-Merkel, ha puntualizzato che è contro tutto ciò. Ma l’isterico “Chocolateshenko” ha detto: “senza alcun dubbio che gli Stati Uniti e gli altri partner forniranno aiuto con armi letali in modo che l’Ucraina sarà in grado di difendersi”.

Se tutto ciò accadrà, si scatenerà l’inferno. La Russia agirà. E l’Impero del Caos risponderà con “più aggressività”. L’ escalation sarà inevitabile. E così tutte le scommesse saranno perdute.

Com’era prevedibile, i media corporativi occidentali girano tutta questa faccenda che è ora a causa della paura del Diavolo – naturalmente Putin. La paura visibilmente dilaga a Bruxelles e in diverse capitali europee (tra i clown, di sicuro, ma non nelle strade).

La retorica poi è davvero inquietante.

Carl Bildt, ex ministro degli esteri svedese, ha dichiarato che la guerra “tra la Russia e l’Occidente” è adesso POSSIBILE.

Il Generale Hollande, in via ufficiosa, ha parlato di rischio di “guerra totale”.

Il Generale Sir Richard Shirreff, grande capo, ops scusate, “comandante” della NATO fino o al marzo scorso, ha detto che bisogna mandare a Putin un “messaggio forte” se l’Europa continentale (!!!) vuole evitare una “guerra totale”.

“Fogh of War” Rasmussen – della serie: il ritorno dei morti viventi! – Ha detto che Putin potrebbe espandere il suo “revisionismo sovietico” contro la NATO e l’UE. Mentre nei paesi baltici, Putin invece farebbe un po’ di esercitazioni per una “guerra ibrida”.

Questo lunedì ci saranno ulteriori (minori) sanzioni dell’UE. Le sanzioni economiche fondamentali contro le banche e le società russe scadranno solo nel mese di luglio. L’Italia e la Grecia possono silurarle per sempre quando questo accadrà.

Anche i burocrati europei ammettono – in via confidenziale – che le sanzioni sono ridicole, sanzionano di fatto l’UE per almeno il 15% delle esportazioni verso la Russia. Gli inglesi, prevedibilmente – ancora con le ombre del “Grande Gioco” mai svanito – conducono le folle pro-sanzione.

Qualche idiota facente parte dei Grauniad (termine slang per il Guardian, ndr) spacciato come “Editor Europe” (Dove trovano queste persone? Mentre pisciano in un pub dopo una partita dell’Arsenal ?) Ha scritto che “Putin è sempre più visto come un giocatore d’azzardo spericolato che bleffa e azzarda, ed è imperscrutabile, paranoico e imprevedibile”. Questa roba sembra che sia stata scritta da un dilettante ghostwriter di un Dipartimento di Stato.

Altri giornalacci vanno sulla stessa strada: il vero incubo per l’Europa non è l’Ucraina, ma il diavolo VLAD.

NESSUNO osa criticare l’Impero del Caos.

E ora torna ritorniamo all’…

Aggressione Russa…Aggressione Russa…Aggressione Russa…Aggressione Russa…Aggressione Russa… Aggressione Russa…

Pepe Escobar

Fonte: www.facebook.com

Link: https://www.facebook.com/pepe.escobar.77377/posts/10153046945316678:0

7.02.2015

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura della redazione

24 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
robertoz
robertoz
7 Febbraio 2015 11:53

STOP USA

AlbertoConti
AlbertoConti
7 Febbraio 2015 12:15

"NESSUNO osa criticare l’Impero del Caos." Io sì, e tu? Io non conto un cazzo, come te. Ma 100, 1.000, un miliardo di "conto un cazzo" contano molto più di quei 4 cazzoni che dirigono il set di questo film horror di quarta categoria. E mi dispiace per quella minoranza di umani che vivono dentro questo set, quei 300 milioni di immigrati attratti dal fascino subdolo della grande mela e dalla subcultura da far west del far soldi e vivere felici, esportata in tutto il mondo come un virus letale. Siamo tutti nella stessa barca, ma sono loro a rappresentare lo stato canaglia per eccellenza, del sogno per pochi, selezionati figli di p*****a. W l’America, ma non quell’elite che la costringe a comportarsi sempre più da bullo, sempre più fuori tempo, sempre più da criminali. Un’elite internazionale, d’accordo, ma che USA quel pezzo di terra protetto dagli oceani come base del malaffare geopolitico, come una p*****a col trucco pesante e fasullo, fatto di libertà mal interpretata e civiltà a senso unico, esclusiva ed escludente. Basta fette di salame sugli occhi, i fatti parlano chiarissimo, il cosiddetto "occidente anglofono" si comporta inequivocabilmente come il peggior guerrafondaio stato canaglia. Gridiamoglielo in faccia,… Leggi tutto »

giannis
giannis
7 Febbraio 2015 13:07

Lo schifoso ricco e viziato occidente sono 50 anni che vede la guerra in
televisione, magari i prossimi anni tocca a noi e forse ne abbiamo anche
bisogno

sotis
sotis
7 Febbraio 2015 13:36

Se non si trova un accordo sull’Ucraina, "noi sappiamo che l’unico scenario non può che essere la guerra". Lo ha detto il presidente francese Francois Hollande.

ma vaf…..
fgardini
fgardini
7 Febbraio 2015 14:47

http://it.wikipedia.org/wiki/Vladimir_Putin Questa sommaria biografia lo ritrae sicuramente come una personalità autoritaria e, al di la di alcune illazioni mai provate sul coinvolgimento in alcuni piccoli episodi oscuri, ne evidenzia anche la sana determinazione avuta nel tirare fuori la Russia dal pantano in cui l’avevano gettata le oligarchie filo-occidentali dopo il crollo dell’Unione Sovietica. Grazie a Putin il crollo e lo smembramento della Russia, sperato dai famelici oligarchi occidentali, non si è realizzato. Sono state evitate guerre fratricide sobillate dai soliti esportatori di $democrazia e dai loro servi per derubare e vendere armi. Non vedo traccia di stragi e genocidi perpetrati da quest’uomo. E pare abbia pure origini vicentine… Che dire invece dei luridi USA e dei loro presidenti fantocci da sempre al servizio delle oligarchie occidentali? Vogliamo parlare di stragi e genocidi?Bene, gli USA sono nati dai "pionieri feccia" cagati dalla vecchia Europa nel nuovo continente. Questi come prima cosa hanno spazzato via i nativi pellerossa, la prima vera pulizia etnica in grande stile nella storia dell’umanità. Bravi! Democratici! Una grande civiltà la loro!Ma perché ora non ci vanno gli arabi alla conquista del "nuovo continente" sterminando tutti gli americani? Che differenza c’è con quello che hanno fatto loro nell’epoca… Leggi tutto »

fgardini
fgardini
7 Febbraio 2015 14:55

…e aggiungo, proviamo ad analizzare con un po’ di cinico distacco l’ultimo atto atroce propagandato dall’ISIS. E’ stato l’occidente di merda che li ha aizzati e armati.
L’Amerika sta mettendo a ferro e fuoco il loro mondo da molti decenni.

Vuoi che proprio nessuno si incazzi e che l’odio non monti? Questi
barbari non sono però tanto più barbari degli americani. Loro sfruttano
questi atti allucinanti per intimorire l’occidente merdoso, ma
l’occidente merdoso ha compiuto per decenni e continua a compiere atti
della stessa crudeltà su più grande scala e nell’ombra.

Ovviamente questa è ormai gente da sterminare ma forse queste carogne
stanno utilizzando l’unico mezzo che hanno, barbaro e disumano, per
aggredire l’occidente contro il quale non possono certo lanciare droni,
bombardamenti e guerre economiche.

La pubblicità su internet non costa nulla e queste luride carogne create
da noi la utilizzano.

Chi semina odio raccoglie terrore…

Ma prego Merkulona e Hollandiota, continuate così fetide puttane!!!!

brumbrum
brumbrum
7 Febbraio 2015 14:57

io toglierei il forse

Truman
Staff CDC
7 Febbraio 2015 15:17

Se tieni presente che l’autore della frase è  uno della razza politica, di quelli che mentono come respirano, la frase assume una sua gradevolezza.
Possibile traduzione:
"In una guerra contro la Russia noi europei siamo fottuti, quindi non abbiamo alcuna intenzione di farla. Ci puoi dare una mano? Perchè il nostro padrone dal viso nero ha detto che dobbiamo negoziare qualcosa.

lanzo
lanzo
7 Febbraio 2015 16:00

Dalla mia bella sedia anatomica (anche girevole) esprimo la mia dotta opinione.  Putin sarebbe dovuto intervenire SUBITO, come in Georgia e non lasciare che la ferita ucraina si incancrenisse.

Ho detto SUBITO, ma anche prima, sarebbero bastati un paio di cecchini per far fuori gli stronzi, invece ha lasciato il campo all’impero del caos.  
lanzo
lanzo
7 Febbraio 2015 16:07

E quel deficiente di Hollande ?  Ma l’ha studiata la storia ? Parla di guerra, ma se guerra ci sara’, il vaso di coccio e’ l’europa.

Mai nessuna citta’ americana e’ stata mai bombardata, anche con i supermissili russi, tranquilli che l’elite americana ha a disposizione migliaia di chilometri di tunnell antiatomici, il territorio e’ vasto e parecchia gente (survivalist) si salvera’ – idem per la Russia.  Sara’ l’europa ad essere incenerita. 
glab
glab
7 Febbraio 2015 16:23

beh! … direi che in prima linea c’è la germania ed in rincalzo ci sono francia e la perfida albione,
la guerra si combatte tra la minaccia ed il minacciato, … penso che il mediterraneo non si sia mai configurato minaccia, in europa come tali si sono finora configurati solo la germania la francia e la perfida albione e su quelli l’aggredito scaglierà i suoi dardi di fuoco.
se il redde rationem ha da venire che venga e faccia un lavoro accurato a fondo e con un risultato che sia per sempre. 😉

makkia
makkia
7 Febbraio 2015 17:52

Tutti i paesi NATO che ospitano testate nucleari sono un pericolo per la Russia. E qualche iskander in più da dedicare al compito non gli manca davvero.
E noi siamo più vicini della Gran Bretagna e quindi più pericolosi.
Certo, sanno che a premere il pulsante di lancio non sarebbe un burattino colla bandierina tricolore sul braccio ma un masticatore di chewing-gum. Tuttavia il pulsantone verrebbe premuto. Dovrebbero risparmiarci e stare lì a guardare i bombardieri salpare e navigare verso di loro? Mmmm…

Friuli (Aviano) e Veneto (Vicenza) li vedo malissimo, lì ci sono le testate attive e gli aerei, ma comunque abbiamo 100 e spicci basi e una stima di 90 testate… obiettivi "qualificati" ce n’è dappertutto, tranne in Val D’Aosta e nel gruppo del Gran Sasso (umbria-marche-abruzzo).

glab
glab
7 Febbraio 2015 18:22

razionale la tua argomentazione ma occorre attivare dei distinguo;

il nemico più prossimo è il primo da affrontare ed annientare, gli altri subito dopo.

le basi "non italiane" in italia non sono mai state territorio italiano ma territorio di chi detiene tali basi e quindi se la base da cui parte l’offesa è americana il suo annientamento è annientamento americano non italiano.
sembra una differenza da poco ma strategicamente è importante;
la base da cui parte l’offesa non è un’offesa della nazione in cui grava la servitù della base ma un’offesa/aggressione della nazione che possiede la base in questione.
pertanto la "retaliation" sarà addebitata a quella base ed alla sua pertinenza e non già al territorio su cui grava.

giannis
giannis
7 Febbraio 2015 18:32

70 anni senza la miseria e la sofferenza della guerra ci hanno fatto diventare
dei pappamolla fifoni rincoglioniti

giannis
giannis
7 Febbraio 2015 18:44

Anche l ‘ Italia sara’ distrutta , informati , in Italia abbiamo circa
130 basi nato e basi  USA ( che sono la stessa cosa ) con caccia
bombardieri e tutto il resto ,e circa 70 bombe atomiche americane

giannis
giannis
7 Febbraio 2015 18:48

Dimentichi la gigantesca base militare americana di sigonella in Sicilia

gimo
gimo
7 Febbraio 2015 19:20

Non era lui che ha sterminato qualche milione di curdi?

glab
glab
7 Febbraio 2015 20:01

la base di sigonella è territorio americano (se non erro) quindi l’eventuale offesa che parta da lì è americana non italiana;
questo il bersaglio dell’offesa in argomento lo sa bene e ne tiene conto nel senso che non disperde sue forze per castigare chi non c’entra niente ma le concentra (le sue forze) sul suo aggressore da annientare.

rebel69
rebel69
8 Febbraio 2015 3:18

Lo faccio tutti i giorni attirandomi l’odio ed il disaccordo di tutti telerincogliniti.Continuero a farlo fino a che non ci cadranno testate nucleari in testa perché facciamo parte delle merdosa Nato.Non sono un fans di Putin ma rispetto la loro pervicacia nel pretendere rispetto ed ordine nel cortile di casa.Se guerra sarà, spero solo che le prime bombe intelligente entrino nel buco del culo dei capi reddatori delle principali testate giornalistiche e radio TV.

giannis
giannis
8 Febbraio 2015 9:02

a guarda , io ho proprio smesso di parlare con chi crede alla televisione e ai giornali , e’ inutile , io e loro siamo due mondi diversi , poi quelli che credono alla televisione che non fa altro che parlare di malattie , virus , cure , medicine , tumori , chemioterapia ecc.  al primo dolorino subito dal dottore a fare esami , prendere medicine , che vita di merda che fanno

giannis
giannis
8 Febbraio 2015 9:15

se guardate i video del canale youtube fort rus , capirete che ormai l ucraina e’ come la germania nazista , stanno succedendo le stesse cose degli anni 30 in germania

makkia
makkia
8 Febbraio 2015 11:33

Vuol solo dire che non tireranno sulle città, ma Aviano e Vicenza (per cominciare) diventano deserti radioattivi. E probabilmente anche i vari strategic commands del mediterraneo, non direttamente anti-russi ma pericolosissimi (Sigonella, Napoli, Taranto, mezza Sardegna)… tanto si è alla fase degli scacchi dove c’è l’orgia di pedine mangiate e sacrificate, poi si vede chi è sopravvissuto e in che condizioni.
Nella disperata speranza (poco convinta) che quando il fumo si solleva ci sia rimasto A CASA PROPRIA abbastanza con cui manovrare.

E’ chiaro che dopo sia Russia che USA saranno semi-distrutte, ma hanno dei territori sterminati dove (forse) poter ricominciare. Noi europei no.

makkia
makkia
8 Febbraio 2015 18:43

Questa è nuova.Il kurdistan è a cavallo fra Turchia e Iraq. Che io sappia, gli sterminatori di curdi sono Saddam e SVARIATI governi turchi, adesso c’è anche l’ISIS ma Putin mi mancava proprio. Forse ti stai confondendo coi ceceni o i georgiani. Ma anche in quel caso, occhio a parlare di sterminio. In Georgia proprio no: è una nazione autonoma e non fa parte della federazione russa (anzi di influenza NATO), e non c’è mai stata una guerra fra Georgia e Russia. Ci sono stati scontri per la regione scissionista dell’Ossezia (presidiata da forze russe riconosciute dall’ONU) ma l’aggressore era la Georgia che ha tentato di riprendersi l’Ossezia con un colpo di mano, alla faccia dell’ONU.Lo scontro è durato un giorno e mezzo, difficile che abbiano sterminato qualcosa o qualcuno, i russi hanno solo dato una veloce legnata e si sono auto-fermati senza spazzare via l’intero ridicolo esercito georgiano (cosa che sarebbe stato perfettamente in loro potere col solo contingente locale e pure con la scusa dell’essere gli aggrediti). In Cecenia (parte integrante della federazione russa, quindi sono questioni interne) ci sono state DUE feroci guerre fatte da separatisti islamici.Con la prima Putin ha stroncato il golpe e il tentativo… Leggi tutto »