Home / ComeDonChisciotte / A PROPOSITO DI LICIO GELLI

A PROPOSITO DI LICIO GELLI

DI MARCO TRAVAGLIO
L’Unità

Caro Antonio, ho letto il tuo bellissimo editoriale di ieri. Tanto più bello in quanto raro, visti gli incredibili attacchi e insulti scagliati contro AnnoZero e contro chi ci lavora dalla stragrande maggioranza dei politici e dei giornali. Ti rispondo per la parte che mi riguarda, cioè per il post scriptum. La lettera di Licio Gelli era, ovviamente, frutto della mia fantasia, ma fino a un certo punto.

Nel 1997 ho avuto modo di intervistare il cosiddetto Venerabile a proposito della Bicamerale che allora, sotto la presidenza D’Alema, si adoperava alla riforma costituzionale della giustizia a colpi di bozze Boato. Gelli era entusiasta di quelle bozze, tant’è che mi disse: «Dovrebbero darmi il copyright». Poi, fortunatamente, il suo discepolo Silvio fece saltare il banco perché pretendeva ancora di più (cioè, se possibile, di peggio).

Quell’intervista m’è tornata in mente quest’estate quando, con la scusa di scongiurare l’entrata in vigore dell’ordinamento giudiziario Castelli, l’Unione ha approvato in fretta e furia l’ordinamento giudiziario Mastella. Che, pur essendo un po’ meno peggio della Castelli (quisquilie), separa di fatto le carriere tra giudici e pm: per passare dall’una all’altra, ora il magistrato penale dovrà cambiare regione. Così gli scambi dalla requirente a quello giudicante, che l’Europa raccomanda agli stati membri di agevolare in ogni modo, saranno difficilissimi, dunque rarissimi. Ci avevano provato Gelli, Craxi e Berlusconi, a separare le carriere. Invano. L’Unione, con la riforma Mastella, di fatto ci è riuscita. È tanto paradossale immaginare che il venerabile Licio ne sia felice?Per questo – hai capito bene – l’altra sera parlavo sul serio. Non so te, ma se io avessi saputo che il ministro della Giustizia sarebbe stato Mastella e che costui avrebbe, nell’ordine, sponsorizzato l’indulto, separato di fatto le carriere dei giudici, vietato ai giornalisti di parlare delle indagini giudiziarie e di pubblicarne gli atti, perseguitato i magistrati più coraggiosi ed esposti del Paese, io l’anno scorso non sarei andato a votare per l’Unione, come purtroppo ho fatto. E credo che molti, come me, se ne sarebbero rimasti a casa.
Come hai scritto nel tuo editoriale, AnnoZero ha mostrato una realtà che esiste: un pm isolato e sotto attacco, sia da parte del governo sia da parte della ’ndrangheta; una società civile, quella calabro-lucana, che si è svegliata e fa scudo con migliaia di cittadini, perlopiù giovanissimi, ai suoi (pochi) magistrati veri. Questi sono i fatti che abbiamo mostrato. Un sondaggio condotto da Sky dopo AnnoZero dice che l’85% dei cittadini sta con De Magistris e con la Forleo, contro i politici che li attaccano. Un sondaggio condotto da la Repubblica dice che l’82% dei lettori sta con Santoro e contro chi lo insulta o addirittura lo vorrebbe riepurare. Con chi sta il governo Prodi? Purtroppo, visto il ricatto permanente che Mastella esercita su Prodi, su tutta la maggioranza e sulla Rai, il governo è contro quei magistrati, contro AnnoZero e contro la stragrande maggioranza dei cittadini.

Lo so anch’io che Prodi non è Berlusconi, Padoa-Schioppa non è Tremonti e – aggiungo – Di Pietro non è Lunardi (altrimenti non avrei votato per l’Unione). Che Mastella sia diverso da Castelli, a parte un cambio di vocale e uno di consonante, ho i miei seri dubbi: e comunque lo penserò quando manterrà una sola delle promesse elettorali dell’Unione in materia di giustizia, cancellando tutte le leggi vergogna, anziché mandarle in vigore con qualche ridicolo ritocco (ordinamento giudiziario) o aggiungerne di nuove o perseguitare i magistrati migliori. E comunque i governi non si giudicano solo per le facce che esibiscono: si giudicano soprattutto, per la politica che fanno. Bene, anzi male: in tema di giustizia e di informazione siamo ancora, più che mai, nell’èra Berlusconi. Tu dici: «Certi partiti e certi ministri commettono errori». Eh no, caro Antonio: errare humanum, perseverare diabolicum. Errori potevano essere quelli dell’Ulivo nella legislatura 1996-2001, quando non fu risolto il conflitto d’interessi, non fu varata la legge antitrust sulle tv e furono approvate una dozzina di leggi contro la Giustizia in perfetta sintonia (e con i voti) del centrodestra. Se le stesse persone di allora ricadono nelle stesse vergogne e omissioni di dieci anni fa, vuol dire che quelle non sono (e non erano) “errori”: sono (ed erano) i frutti di un progetto politico ben ponderato, che considera i poteri di controllo – informazione libera e magistratura indipendente – come fastidiosi intrusi da scacciare dal tempio della casta.

Non c’è bisogno di cercare “fili invisibili” o “manovre occulte” per spiegare tutto ciò: come hai scritto, «tutto il bene e tutto il male del governo Prodi lo abbiamo sotto gli occhi». Infatti abbiamo sotto gli occhi il caso di una giudice che chiede il permesso di usare le intercettazioni di alcuni parlamentari forzisti e diessini e viene insultata e attaccata per mesi senza soluzione di continuità (e senza uno straccio di solidarietà dall’Anm); e abbiamo un pm che indaga su Prodi e sui migliori amici di Mastella (da Saladino dell’ex piduista Bisignani) che rischia di essere defenestrato su richiesta di Mastella, cioè del governo Prodi (senza uno straccio di solidarietà dall’Anm). È proprio tutto sotto i nostri occhi che tanti elettori dell’Unione sono inferociti o sconcertati: perché queste cose accadono davvero, non perché AnnoZero ne ha parlato o perché io ho immaginato una letterina del Venerabile.

Il guaio è la luna, non il dito che la indica. L’ha scritto anche Sandra Bonsanti, presidente di Libertà e Giustizia e coordinatrice della lista Veltroni a Firenze: «Il Partito democratico dica esattamente se sta con i ragazzi di Locri o con Mastella». Il Pd dica esattamente se sta con Salvatore Borsellino, con Sonia Alfano, con Rosaria Scopelliti, o se li considera un branco di facinorosi. Risposta: silenzio assordante dai maggiori candidati alla guida del Partito democratico.
Non a te, che hai cortesemente dissentito, ma ai tanti colleghi e politici che mi hanno insultato, vorrei rivolgere questa semplice domanda: che cosa direste oggi se queste cose le facesse (anzi, le rifacesse, perché ha già fatto tutto lui prima di Mastella) Berlusconi? Che i giudici non hanno diritto di parola? Che i giornalisti non hanno diritto di cronaca e di critica? Che il Cavaliere commette qualche “errore” in buona fede? E con quale credibilità potrete criticare Berlusconi se tornerà a manomettere la libertà d’informazione e l’indipendenza della magistratura? Ecco, è questa doppia morale che trovo francamente insopportabile. Perché tende a nascondere e a minimizzare quel che accade e rende impossibile ciò che tutti noi non smettiamo mai di sperare: e cioè che, a furia di frustate, questo governo, proprio perché composto in gran parte da persone perbene, rinsavisca, si dia una regolata, ammetta di avere sbagliato e spenda i prossimi mesi a realizzare ciò che tanti elettori si augurano dal maggio 2006. Anche per questo, a costo di passare per barbaro, esibizionista e disinformatore, intendo seguitare a non nascondere e a non minimizzare nulla sotto il ricatto: «Zitto, se no torna Berlusconi». Anche perché Berlusconi non ha bisogno di tornare: purtroppo, non se n’è mai andato.

Risponde Padellaro: Anche io spero che su giustizia e legalità questo governo spenda i prossimi mesi (e i prossimi anni) a realizzare ciò che gli elettori hanno chiesto e che si può leggere nel famoso programma dell’Unione. Mastella a parte, anche tu concordi che il governo Prodi non è il governo Berlusconi. Non dimentichiamolo mai.
Antonio Padellaro

Marco Travaglio
Fonte: www.unita.it
8.10.07

Pubblicato da Davide

  • Tao

    Su Anno Zero vorremmo dire alcune cose al Ministro Mastella

    A seguito della conferenza stampa tenuta in data odierna dall’On. Mastella appare necessario puntualizzare alcune cose: pur comprendendo la scarsa memoria e la povera conoscenza della storia degli ultimi anni del nostro paese da parte dell’On. Mastella le sottoscritte Alfano Sonia e Scopelliti Rosanna non sono “due giovani qualunque portate negli studi di Anno Zero non si sa bene con quale proposito”, così come affermato dallo stesso Mastella, ma sono figlie rispettivamente di un giornalista e di un magistrato uccisi nel ’93 e nel ’91 dalla mafia, e che da anni sono ormai impegnate nella lotta alla criminalità organizzata attraverso non solo la testimonianza, ma anche le denunce. Le stesse erano ospiti della trasmissione “Anno Zero” condotta da Michele Santoro in quanto fermamente convinte della necessità di difendere non solo l’attività del PM De Magistris ma soprattutto la democrazia intesa anche come libertà e dovere di informazione.
    In riferimento a quanto detto inoltre dall’On. Mastella nell’imbarazzante attacco a Salvatore Borsellino, le sottoscritte a distanza di anni ritengono di aver erroneamente inteso come unico interlocutore le istituzioni per quanto riguarda l’ottenimento di benefici previsti ai familiari delle vittime della mafia; infatti con stupore e imbarazzo abbiamo appreso dalla viva voce di Mastella che è lo stesso a decidere a quali familiare dare più o meno “qualche spicciolo”.

    Fermo restando che nell’approvare totalmente quanto dichiarato dal Movimento “Ammazzateci tutti” circa la richiesta di intervento del Capo dello Stato, non possiamo non richiedere al Presidente Napolitano che un suo intervento pervenga nel più breve tempo possibile.

    Il silenzio da parte delle istituzioni in merito a questa drammatica vicenda ci vedrebbe costrette a consegnare nelle mani dello stesso Napolitano i documenti di identità delle sottoscritte per protesta nei confronti di uno Stato che non solo ci dimentica e ci discrimina ma permette a Mastella di offendere con disarmante disinvoltura chi sulla propria pelle ha già pagato il prezzo più alto nella lotta alla mafia, la cui unica “colpa” probabilmente è quella di voler combattere a testa alta e a viso aperto fino in fondo per smascherare mafiosi e delinquenti travestiti da politici e colletti bianchi. Per questi motivi, pur avendo la consapevolezza di essere per qualcuno le figlie di “Signori Nessuno”, andremo avanti insieme al Movimento “Ammazzateci tutti” nel tentativo di rendere coscienti e consapevoli soprattutto i giovani di questo paese, che appare ormai assolutamente necessario azzerare totalmente questa classe politica al fine di poter sperare veramente di poter cambiare le sorti di questo Paese.

    Sonia Alfano e Rosanna Scopelliti
    ( Non (E’) solo cosa nostra)
    Fonte: http://www.onemoreblog.it/
    Link: http://www.onemoreblog.it/archives/017657.html
    8.1007

  • lucamartinelli

    leggendo tra le righe, cari amici, si scoprono situazioni che da un lato confermano che la nostra è una falsa democrazia e dall’altro, in contemporanea ,suscitano inquietanti interrogativi. ma davvero questi criminali piduisti gestiscono le nostre vite? fino a questo punto è arrivata l’illiberalita’ del sistema? come fare per rientrare nell’alveo della democrazia, con tutte le sovranita’ in mano al popolo, compresa quella monetaria? temo che rientrare in ambito democratico sia a questo punto impossibile. troppa disinformazione e soprattutto da troppi anni. la gente non sa, nemmeno lontanamente queste cose. temo anzi, che il peggio debba ancora venire. saluti a tutti

  • LATELA

    Leggendo l’articolo di Travaglio ed i relativi commenti, mi sono chiesto se e fino a quando saremo ancora liberi di esprimere un’opinione pubblicamente.
    Oggi la libertà di espressione è seriamente minata fin nel profondo; pochi i giornali che si permettono di esprimere dissensi, pochi i politici, anzi, non me ne viene in mente nemmeno uno, che abbiano un minimo di coraggio per denunciare le malefatte dei loro colleghi e proporre soluzioni valide ai problemi del nostro tempo.
    Ho trovato il video tradotto in italiano, del ragazzo che alcune settimane fa fece delle domande scomode al senatore John Kerry, e sono rimasto scioccato del linciaggio che ha subito, tra l’indifferenza e il divertimento di quasi tutti i presenti.
    E mi chiedo se anche in Italia si arriverà a questo grado di inci-viltà.

    questo è il video:
    http://la-tela.blogspot.com/2007/10/il-governo-statunitense-e-lo-strano.html

  • Alby-LatoB

    Non c’è dubbio che il piano di rinascita demoscratica lo stiano mettendo in pratica, anche perchè fa più che comodo a quelli che stanno lì in alto… su Mastella che dire? Io non stringerei mai la mano a uno così, perchè a furia di compromessi… ti comprometti!

  • myone

    Quando il potere politica privato, sotto il filtro di democrazia e di servizio alla gente, alla giustizia, e a tutto quello che si possa fare per vivere e far vivere bene e giustamente, CREA IN TANTI FRANGENTI PICCOLI E MADORNALI, TUTTO L’ OPPOSTO, SIGNIFICA CHE LA DELINQUENZA SI TUTELA, SI GOVERNA, ALLA FACCIA DEI SERVI PIZZATI E SUBDOLI, CHE SI CHIAMANO ITALIANI.
    SE ESISTONO, E’ PERCHE’ VOGLIAMO CHE CI SIANO. I DELINQUENTI, SONO GLI ITALIANI, SOTTO SOTTO, E I LORO RAPPRESENTANTI LI RAPPRESENTANO. NO? ALLE PROSSIME ELEZIONI, SARANNO LI COME I CANI INFILA PER L’ OSSO DELLA GLORIA, PENSANDO DI AVER PURE ESEGUITO UN DOVERE E UN DIRITTO. AZZ QUANTE BALLE. E’ vero anche che, non c’e’ nessuno di onesto che si propone, che si tira fuori dal mazzo, e ce sappia GRILLARE, perche’ , alla fine, l’ unico che sa dire qualcosa di concreto e di sensato, rimane solo lui. Il resto, e’ rebongia.