12 sintomi (spesso sottovalutati) dell’infarto

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

I SINTOMI CHE SEGNALANO L’ARRIVO DI UN INFARTO possono essere vari, diffusi nel corpo e confondibili con altri disturbi o problematiche che in realtà non hanno niente a che fare con il cuore. È quindi molto importante sapere quali possono essere questi sintomi perché, riconoscerli il prima possibile, in caso effettivo di infarto, può essere fondamentale per salvarsi la vita o salvarla a una persona a noi vicina.

Ecco 12 SEGNALI importanti DA NON IGNORARE:

1 – Dolore al petto che può comparire per brevi intervalli temporali e risolversi spontaneamente prima di manifestarsi in modo più duraturo. Oppure si può anche avvertire un forte peso sul petto, come una sensazione di pressione.

2 – Dolori ad un braccio, ad entrambe le braccia o anche alla mascella. Il dolore può essere graduale o improvviso e può risultare intermittente prima di diventare intenso.

3- Dolore che si concentra nella parte alta della schiena interessando il collo e la porzione di colonna vertebrale che sta fra le due scapole.

4 – Male allo stomaco o alla pancia, sensazione di aver fatto indigestione, senso di nausea e di stimolo al vomito (sintomi che possono essere causati da una scarsa circolazione del sangue a livello addominale per via dell’infarto in corso).

5 – Tosse persistente. A volte può costituire il sintomo di un infarto in arrivo a causa dell’accumulo di fluido nei polmoni (attenzione, la tosse può avere tante diverse cause, ci può essere tosse persistente anche semplicemente in caso di bronchite o polmonite).

6 – Difficoltà a respirare, come se si restasse a corto di fiato.

7 – Capogiri e vertigini. Possono essere collegati ad aritmie e alterazioni improvvise del ritmo cardiaco.

8 – Una sensazione di profonda stanchezza non giustificata. A volte può manifestarsi anche alcuni giorni o settimane prima del malore vero e proprio.

9 – Una sudorazione fredda

10 – Gonfiore a livello dei piedi, delle caviglie, delle gambe.

11 – Un intenso stato d’ansia che può essere accompagnato da tachicardia.

12 – Insonnia. Alcune persone hanno rivelato di aver affrontato episodi di insonnia nei mesi che hanno preceduto l’infarto. Potrebbe trattarsi di un segnale del nostro organismo per indicare che qualcosa non va.

I casi di infarto, anche in giovane età, sono aumentati del 25% nell’ultimo anno. Se sono presenti sintomi sospetti è bene chiamare subito un’ambulanza e raggiungere il più vicino ospedale per gli accertamenti (elettrocardiogramma, esami ematici, controllo radiologico, ecocardiogramma) così da attuare tutte le misure di intervento possibile al fine di limitare i danni e le conseguenze più gravi.
__

VB

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix