Home / Notizie dall'Italia / Saluto a Matteo Renzi, eroe, martire e kamikaze

Saluto a Matteo Renzi, eroe, martire e kamikaze

DI MAURIZIO BLONDET
maurizioblondet.it
Lì per lì mi son chiesto: come mai Matteo Renzi  se l’è giocata così male? Come mai le “riforme”  che ha proposto agli italiani  erano talmente fetenti che anche chi le riforme le voleva (come il sottoscritto) ha dovuto votare no?

Ho dovuto ricorrere alle risorse di fantasia del mio complottismo professionale per ipotizzare:  Renzi si è sacrificato per noi.  Che sia stato obbligato dai poteri forti a “fare le riforme” non c’è dubbio. JP Morgan  gliele aveva dettate nel 2013, a nome dei “Mercati”:   le costituzioni dei paesi sud-europei,   nate come reazione ai fascismi, sono inadatte all’integrazione nella UE   e nel mondialismo.  “Forte influenza delle idee socialiste”,  i “diritti dei lavoratori”   iscritti nella costituzione;   governi deboli  di fronte alle regioni,  e creazione del consenso mediante clientelismo”.  Quindi: cambiare, il mercato globale ve lo chiede.

https://culturaliberta.files.wordpress.com/2013/06/jpm-the-euro-area-adjustment-about-halfway-there.pdf

Renzi, eroico ha capito che doveva obbedire. Ma ha trovato la soluzione per la nostra salvezza nazionale:  le riforme le ha fatte, ma rappezzate malissimo. Anzitutto,  non ha fatto quelle che davvero servono, come la disciplina del sistema giudiziario e la licenziabilità dei parassiti statali  e regionali; doveva abolire le Regioni, ha abolito le provincie – e anche loro così malamente, che le province sono ancora lì.

Ha  concepito  cambiamenti per cui ha insieme prestato il fianco all’accusa di accentramento statalista, e potenziamento politico delle regioni – attraverso la incredibile ‘riforma del Senato’,  consistente nel riempirlo di assessori regionali non eletti, ossia (come ha scritto Economist) “il personale più corrotto della politica italiota”.   Per di più, la “riforma” ha esentato quelle che ne avevano più bisogno, le regioni autonome, in primo luogo la Sicilia –  che andrebbe commissariata affidandola a SS lituane. Ha consegnato il Senato al suo partito in eterno, dal momento che il PD parte con avvantaggiato  dalla presenza delle cinque regioni eternamente rosse.

legislazione-fluviale

Ed  ha giustificato la patologica raffazzonatura del Senato con la scusa che occorre  accelerare l’attività legislativa: quando tutti gli italiani sanno che  il problema delle camere è il profluvio, l’eccesso di leggi prodotti a manetta. Al 30 giugno, apprendo da una tabella di Iceberg finanza,  le leggi approvate sono state 224; a fine anno saranno più di 500 –   quasi due leggi al giorno.  E  nell’80 per cento dei casi le leggi  sono state approvate con una sola  lettura in ciascuna delle due camere, quindi rapidissime. Evidentemente, è l’incontinenza legislativa dei nostri (anzi loro) deputati da frenare, non il contrario.

E  non basta:  ha tentato una riforma costituzionale senza riunire  un’assemblea costituente,  facendola votare da parlamentari ormai illegittimi perché eletti con una legge dichiarata non-costituzionale, e con un atto di forza del suo governo non-eletto.  Poteva bastare? No,  ha anche sparso monete sulle clientele, sperando di guadagnarle al suo  rabberciato pasticcio, aumentando la spesa pubblica e il debito pubblico.

Ha spaccato il suo partito, il PD, la “Ditta”  di Bersani e D’Alema,  ossia il più globalista e servo della UE, cosa  di cui gli saremo eternamente grati.

Infine, ha fatto il capolavoro: ha trasformato un voto sulle riforme costituzionali in un plebiscito pro o contro se stesso, Matteo Renzi: suscitando l’invincibile tentazione, o piuttosto riflesso condizionato del cane di Pavlov  italiota, di mandare a ‘fan k….chi  governa.

Ebbene: io non credo che Renzi  abbia fatto tutto ciò per idiozia. Non posso crederci, non è da lui. Quindi o non resta che l’ipotesi complottista: l’ha fatto apposta.  Dovendo obbedire a JP Morgan, ha eseguito il compito in modo tale da farci respingere sonoramente, con un NO di massa, le sue pseudo-proposte. Fino a suscitare in questo popolo addormentato, corrotto e passivo, un momento di ribellione e dignità.

Grazie, Matteo Renzi. Hai fatto un capolavoro. Ti sei sacrificato per noi.  Grazie, mio eroe.

Hai lasciato sola la povera Angela, già orbata di Hollande: dei tre europeisti ne è rimasto uno, che sta come  d’autunno sugli alberi le foglie.   Gli analisti prevedono persino un’uscita dell’Italia dalla moneta unica…no, lo so che non avverrà. O meglio: avverrà senza che l’abbiamo preparato e voluto, ordinatamente. Avverrà come la  rotta di Caporetto, caoticamente e con inutile superficialità e vergogna.

Per intanto salutiamo il nostro grande sovranista-martire, il nostro kamikaze anti-UE, Matteo Renzi.  Hai obbedito malissimo. Quindi, benissimo.

(Naturalmente il pezzo va inteso nel senso del sarcasmo. In Italia occorre pre-avverire)

Maurizio Blondet

Fonte: http://www.maurizioblondet.it

Link: http://www.maurizioblondet.it/saluto-matteo-renzi-eroe-martire-kamikaze/

5.12.2016

Pubblicato da Davide

  • Mylan Key

    Non ho letto vado di fretta. Comunque sia , di MINCHIONI L’ ITALIA NE ‘E ANCORA PIENA, sono quelli che se ne sbattono le palle, e se affonda la nave, affondiamo tutti che tanto loro sono in cambusa, e mal comune alla fine mezzo gaudio.
    Ma sono pure coloro che nei vangeli, lasciano il prossimo al SAMARITANO , unico escluso dalla rivelazione , ma piu’ giusto e salvato , mentre banchettano col culo dai farisei e votano Barabba. . Ignoranti e pure delinquenti.
    COMUNQUE SIA A GUARDARE I SI DEGLI ITALINI ALL’ ESTERO, e’ scandaloso, come siano come questi, NON APPARTENGANO ALLA REALTA’ ITALIANA, VOTINO L’ ITALIA DELLE SCARPE CON I TACCHETTI E COSTITUZIONE SUL PALLONE .
    IL VOTO AGLI ITALIANI DEVE ESSERE TOLTO . PER PRINCIPIO, E NON DI PARTE .
    Pensate solo nel vero senso del giusto, quanto a maggioranza hanno votato SI. Gli unici.
    ESTERO
    Elettori 4.052.341
    Votanti 1.245.929
    Percent. 30,74%
    SI’ 64,70%, pari a 722.672 voti
    NO 35,30%, pari a 394.253 voti
    Veri cazzari a pecorino sul comodino .

    Comunque ribadisco che : E SE NE FACCIA UNA QUESTIONE DI STATO A CHI ANDRA’
    PER NOI IN PARLAMENTO, E CONFIDO AL TOP DEL MOVIMENTO . Quanto segue :
    ( riporto a copia incolla un gia’ scritto )

    A PROPOSITO DI OGGI ELEZIONI E MATITE INDELEBILI .
    = PURE IN UN REFERENDUM, E SPECIFICATAMENTE REFERENDUM E A SEGUIRE NELLE REGOLE DELLE VOTAZIONI DI OGNI TIPO :
    ——> UNA SCHEDA ELETTORALE DEVE RIPORTARE STAMPATO
    1) NOME E COGNOME DELL’ ELETTORE
    2) PARTITO RAPPRESENTANTE NEL GOVERNO DA SEGNARE SULLA SUA SCELTA DI SEMPRE O DEL MOMENTO
    3) VOTARE IL QUESITO PROPOSTO
    4) IN MANCANZA DI PARTITO MAGGIORMENTE RAPPRESENTATIVO PER LUI
    PER IL REQUISITO / VOTO DECISIONALE / E SCHEDA PERSONALE STAMPATA
    …… LA SCHEDA E’ NULLA .
    === IL VOTO E’ PUBBLICO A VISIONE PUBBLICA E DIBATTITO PUBBLICO
    === IL VOTO E’ OBBLIGATORIO O PENALE DI 500 EURO ( icx )
    === SI SEGNA CON PENNARELLO INDELEBILE

    Per il resto si sa’ gia’ : A ) Sulla scheda partito o che / preferenze
    dirette / capo rappresentante del partito / e preferenze sui ministeri /
    elezione diretta capo dello stato /
    VOTAZIONI ISTITUZIONALE VISIBILI A NOME E COGNOME sul voto delle decisioni.

    E OGNI PARTITO DEVE AVERE UN PROGRAMMA DA SVOLGERE /
    un tot di contestati a tot reclami , i rappresentanti se ne vanno via /
    2 mandati e finito li . ……………….. per il resto : questo basta e avanza in tema.
    Solo due mandati, affina chi svolge una funzione, ad essere preparato nel
    modo migliore. E crea uno stato trasparente e semplificato .
    E una societa’ che si rende responsabile e dibatte la vita pubblica.

    _________________________________________________________________

    • Lili Armando

      La prego di non generalizzare. A me non é arrivata la scheda; nel mio caso avrei votato NO. Mi ritengo capace di informarmi con responsabilitá e posso dirLe che di solito conosco meglio ció che é in corso nell’Unione Europea di quanto lo siano alcuni dei miei parenti che vivono in Italia. E tenga conto che questa mia manifestazione porta il mio nome e cognome.

      • Mylan Key

        Non si offenda e non prenda la cosa per se’ . Non era per lei.

  • sandrez

    un contentino al popolino prima della prossima mazzata

  • clausneghe

    Bravo Maurissio che hai votato NO, si è sommato con il mio e quello di tantissimi altri, per fortuna.
    Se avesse vinto il SI dovevamo prepararci al peggio, ora con la trombatura del pingue scout e della sua cialtronesca corte dei miracoli, si intravede una lucina in fondo al tunnel..
    Che si sia suicidato politicamente di sua propria volontà ci credo poco, la vedo piuttosto che gli sia capitata come a quelli del medio oriente, che si trovano una bomba in macchina senza saperlo e poi passano da martiri..
    Sia come sia, vai al Diavolo gentile Renzi, e portati tutta l’allegra compagnia.

  • natascia

    Condivido tutto, non il sarcasmo. Credo che veramente sia andata così. Lo scoccare della mezzanotte per la rassegna delle dimissioni ne è il sigillo. La Moglie… così fuori luogo e così Agnus.. suo angelo ispiratore nel bene. Tutto quadra. Chiaro che non c’era consapevolezza, ma questo è irrilevante.

  • abend

    Si, licenziamo i parassiti statali e foraggiamo i parassiti imprenditori (a la job act ed emersione di capitali sporchi) e l’Italia rifiorirà…
    A proposito di vecchiume politico…

    • amaryllide

      Blondet alla fin fine la pensa esattamente come il gran capitale. Privatizzare tutto, così comandano solo loro, e demonizzare il pubblico come parassitario.

      • MarioG

        Eccone un altro punto sul vivo!
        “Privatizzare tutto” ce lo ha letto solo lei. Guai ad alzare la voce contro la cosca pubblica: ci si pone ipso facto dalla parte del “Gran Capitale”! E cosi’ gratificano pure il loro ego (oltre a conservare i loro privilegi): qualunque cosa facciano (o non facciano), l’esistenza dello stipendiato pubblico si legittima da se’: e’ il bastione contro il dilagare del “Gran Capitale”.

        • Apollonio

          Beh, non ha tutto i torti amaryllide Blondet più volte ha difeso Renzi
          e in diverse occasioni, Renzi il job act lo ha fatto per il gran capitale come l’ introduzione del Bail In o la trasformazione in spa delle popolari imponendo il limite a 5 Miliardi.

          • MarioG

            Io parto da quello che ho letto in questo articolo e dal relativo commento. Dal quest’ultimo si evince nettamente che appena uno critica, anche en passant, il dipendente pubblico rimane fulminato: passa subito nei ranghi dei servi del “Gran Capitale”. Ora, vista la prestazione oggettiva della casta pubblica in Italia, il suddetto commento suona come a Napoli il “chiagne e fotti”. Qui il job act non c’entra affatto. Se poi si vuol parlare anche di altri articoli di Blondet, io che lo seguo abbastanza (certo non conosco tutto…) non mi sembra che le sue critiche alla casta pubblica siano in chiave “privatizziamo tutto”. Anche per quanto riguarda il Bail in e le popolari-spa mi sembra che cio’ abbia a che fare con Renzi, non con Blondet.

        • amaryllide

          io capisco subito dove vanno a parare certi discorsi. Se lo statale è il parassita da schiacciare, che fine fanno i servizi pubblici e il welfare state? Non c’è alternativa: diventeranno tutti privati.

          • MarioG

            Invece ha capito male. E’ anche una questione di logica: se lo statale e’ un parassita, non c’e’ NULLA da privatizzare: cosa vuole privatizzare, il parassitismo? Quindi vede bene che l’alternativa come la pone lei esiste solo nella sua impostazione un po’ tendenziosa. Dalla quale impostazione discende invece che l’operato del pubblico e’ sempre al di sopra della critica. Pena l’alternativa di “diventare tutti privati”.
            Un ottimo schema ideologico, quanto mai efficace nel giustificare e cristallizzare i peggiori malcostumi.

  • antifemminismoragusa

    renziciricorderemo…. chi approva leggi pedopornografiche la paga

  • PietroGE

    Renzi che si sacrifica per il Paese? Maurizio, con questo articolo, imita Crozza. A Renzi importa solo la carriera di Renzi, il resto può attendere. Anche con il patetico discorso finale si è voluto riservare una possibilità di ritorno, scaricando su chi ha votato NO la responsabilità per il possibile aumento delle tasse che verrà quando la UE boccerà la manovra e ci sarà da salvare due o tre banche. Concordo sul fatto che l’uscita dell’Italia dall’euro sarà un casino, visto che nessuno ha un piano di uscita.

  • Mylan Key

    Blondet e’ sempre una sintesi sicura e garantita, E GLI ITALIOTI del NO e e forzatamente del SI, si dovrebbero studiare questa sintesi A MEMORIA.
    ELLO il prila corrotto, nel contesto, NON CI FA’ , CI E’ , e se ha trovato lustro nel gistricarsi col banchetto di pentole in piazza, E’ PERCHE’ E’ STATO COSTANTEMENTE SUGGERITO ALL PUTTANESCA. Di suo, NON SA’ NEMMENO COME SI CHIAMA, SE NON LO CHIAMANO PER NOME, e piu’ gli dai gli attributi dovuti, PIU’ SI GASA, da tanto scemo che rimane.
    La politica e i politici , sono il puttanismo fatto dal popolo ignorante, ISTITUZIONE.
    1/ 4 sono ignoranti 1/4 sono interessati papponi del grosso 1/4 sono a carriera pensione
    1/4 non sanno perche’ si trovano li . MA TUTTI FUORILEGGE IN TUTTE LE SALSE e senza attenuanti, peche’ appartengono .
    = LE ISTITUZIONI dovrebbero stare Alla Costituzione 1 2 3 4 11 21
    come Cristo stette al vangelo. E’ CHIARO ? E’ etica . Servi milioni di persone .
    E gli unici numeri sono 1 2 3 4 11 21 con BANCA SOVRANA a mai debito .
    E uscire da tutto e da tutti a questo modo, VALE A QUELLO CHE NESSUNO VUOLE CREDERE E FARTI CREDERE, ” che l’ Italia e’ un paese ricco, autosufficiente con politica sana e forte, e che potrebbe essere l’ arbitro e un condottiero a questo modo, su un mondo peggiore del meglio dei taglioni e dei furbi delinquenti. ”
    INVECE SIAMO QUI, a mettercelo e farcelo mettere nella maniera piu’ bieca e imbecille che si possa fare da pederasti passivi . E la fonte intellettiva e di pensiero, rimane una crosta sia degli Italiani che di questi burattini totali EBETIANI .

  • Wal78

    “Ebbene: io non credo che Renzi abbia fatto tutto ciò per idiozia. Non posso crederci, non è da lui. Quindi o non resta che l’ipotesi complottista: l’ha fatto apposta”

    No no è proprio idiota e cmque l’elite lo aveva già abbandonato perchè l’elite non voleva il referendum