Perché i globalisti e i governi vogliono a tutti i costi un tasso di vaccinazione Covid del 100%?

Brandon Smith
alt-market.us

Non credo di essere l’unica persona ad averlo notato. Nell’ultimo mese c’è stato un improvviso diluvio di propaganda a favore della vaccinazione Covid e del passaporto vaccinale di un’intensità mai vista dall’inizio di quest’anno. Parlo degli Stati Uniti, ed è importante sottolineare che qui l’establishment sta chiedendo a gran voce un tasso di vaccinazione ancora superiore. In località come l’Europa, il Regno Unito e l’Australia i tassi di vaccinazione sono più alti e i governi sono già passati alla fase del passaporto vaccinale, come da agenda.

Alcune persone potrebbero essere confuse dall’ovvia sincronizzazione dei provvedimenti presi dalle varie nazioni per quanto riguarda i lockdown e le restrizioni legate alla Covid. Come è possibile che quasi tutti i governi del pianeta siano d’accordo sul totalitarismo medico? Beh, è piuttosto facile da capire quando ci si rende conto che la maggior parte di questi governi è controllata da istituzioni globaliste come il World Economic Forum, che ha ripetutamente definito la pandemia una “perfetta opportunità” per l’attuazione del suo piano di un “Grande Reset.”

Il “Grande Reset” è la conquista ideologica finale di ciò che è rimasto della libertà individuale e delle economie di libero mercato e il suo obiettivo è l’imposizione di una dittatura socialista/comunista mondiale. I globalisti indorano questi obiettivi con belle parole e aspirazioni umanitarie, ma, in fondo, il “Reset” riguarda la fine della libertà così come la conosciamo. Questa non è un’esagerazione, questa è la realtà; questo è ciò che queste persone desiderano più di ogni altra cosa. Ma come raggiungere un tale obiettivo?

Beh, è interessante notare che il WEF e la Fondazione Bill e Melinda Gates avevano descritto nei minimi particolari tutta la loro pianificazione durante una “simulazione” tenutasi nell’ottobre del 2019 e denominata “Event 201.” Nell’esercizio era stata simulata una massiccia pandemia di coronavirus, diffusasi presumibilmente dagli animali agli esseri umani, che avrebbe facilitato la necessità di restrizioni generalizzate delle libertà individuali, delle economie nazionali, così come di internet e dei social media.

Sono sicuro che è tutta una coincidenza, ma lo stesso esatto scenario con cui i globalisti del WEF avevano giocato durante l’Event 201 si era verificato nel mondo reale solo due mesi dopo.

In ogni caso, la stessa pandemia è stata una manna per i globalisti. Non avevamo assistito ad una conquista del potere da parte di governi e multinazionali di questa portata dall’ascesa dei nazionalsocialisti in Europa e dalla diffusione del comunismo in Russia e in Cina quasi un secolo fa. In effetti, direi che ciò che l’umanità nel suo insieme sta affrontando oggi è molto peggio di quanto quegli sciagurati regimi avrebbero mai potuto realizzare.

Non c’è dubbio: le istituzioni globaliste e i loro “partner” governativi sono i maggiori beneficiari della crisi Covid. Guadagneranno il massimo potere sociale e politico, se solo la loro agenda per sfruttare la pandemia sarà coronata da successo.

Detto questo, ci sono alcuni intoppi nel loro piano e questo, secondo me, è il motivo per cui nelle ultime settimane stiamo assistendo ad una campagna propagandistica così aggressiva. Per esempio, come già avevo fatto presente nel mio articolo ‘Biden’s Vaccine Strike Force Plan Stinks Of Desperation‘, sembra che il tasso di vaccinazione, soprattutto negli Stati Uniti, sia decisamente inferiore a quello voluto dalle élite.

Mentre l’amministrazione Biden e il CDC parlano un tasso di vaccinazione complessivo del 67%, numerose altre statistiche, compresi i dati della mappa statale della Mayo Clinic, indicano che solo quattro stati degli Stati Uniti hanno effettivamente un tasso di vaccinazione superiore al 65% (per una dose o più) e la maggior parte degli stati ha tassi intorno al 50% o meno. Anche gli stati democratici molto popolati, come la California e New York, non superano il 65% e, francamente, questi numeri non sono destinati ad aumentare perché le vaccinazioni stanno procedendo a rilento.

Se qualcuno non si è ancora fatto inoculare, con zero tempi di attesa e ampia disponibilità di dosi ovunque, allora è assai improbabile che lo faccia in futuro.

Queste statistiche contraddittorie mi fanno capire che Biden e il CDC stanno gonfiando i tassi di vaccinazione per creare l’illusione che una maggioranza sempre più ampia di Americani sia favorevole al vaccino. E, se questo è il caso, si spiega perché Biden, Fauci e i media mainstream stanno ingozzando il pubblico di isteria pro-vaccino, in palese contraddizione con la vera scienza. Non stanno ottenendo dal pubblico la paura e l’obbedienza che avevano sperato.
Ma perché vogliono un tasso di vaccinazione al 100%? Perché sono talmente disperati da volere che ogni persona al mondo venga inoculata con un vaccino mRNA?

Dopo tutto, il tasso medio (IFR) di morte per la Covid è solo lo 0,26% degli infettati (questa è una statistica che i media si rifiutano costantemente e deliberatamente di menzionare al pubblico). Questo significa che il 99,7% della popolazione, vaccinata o meno, non corre alcun pericolo di morire per colpa della Covid.

I vaccini danno migliori probabilità [di sopravvivenza]? Beh, secondo le recenti statistiche del Massachusetts, non necessariamente, visto che riportano più di 5100 infezioni e 80 morti in pazienti completamente vaccinati. I media continuano a dirci che solo i non vaccinati stanno morendo, ma questa è una bugia, come le tante altre bugie che hanno spacciato parlando della Covid. Quindi, che senso ha farsi inoculare un vaccino sperimentale quando il tasso di mortalità del virus è così basso e il vaccino non protegge affatto?

Non ha senso. La scienza e le statistiche non supportano una simile decisione. Al vaccino non può nemmeno essere accreditato il calo delle infezioni e delle morti di quest’anno; i numeri erano già crollati a gennaio e, a febbraio, solo il 5% della popolazione risultava vaccinato. L’unica spiegazione è che la popolazione aveva raggiunto l’immunità di gregge già molti mesi fa. Ricordate quando i governi dicevano che bisognava raggiungere il 70% di immunità di gregge o da vaccinazione per uscire dai lockdown e dalle restrizioni? L’obiettivo è stato spostato più volte e la “scienza” del governo cambia tutti i mesi. Ora sostengono che l’immunità di gregge non ha importanza e chiedono la vaccinazione al 100%.

Dobbiamo porre di nuovo la domanda. Perché questa implacabile spinta del governo per una copertura totale dei vaccini? Non stanno salvando vite e le restrizioni rimangono a prescindere, quindi, perché?

Posso solo formulare teorie basate sulle prove attualmente disponibili, ma penso sia chiaro alla maggior parte di noi che i vaccini NON riguardano la salute pubblica e nemmeno il salvare vite umane. Si tratta ovviamente di qualcos’altro…

Come numerosi esperti di virologia e di vaccini hanno avvertito nell’ultimo anno, c’è un grande rischio di effetti collaterali dannosi per la salute quando si tratta di tecnologia mRNA sperimentale. Anche uno dei creatori dei vaccini mRNA ha ammesso che, senza ulteriori test, ci sono pericoli nell’utilizzo di questi cocktail di manipolazione genica. Particolarmente preoccupanti sono gli effetti a lungo termine, come i disturbi autoimmuni e l’infertilità.

I media mainstream e i globalisti sostengono che non c’è “nessuna prova” che i vaccini mRNA abbiano effetti collaterali mortali o causino infertilità. Io ribatterei che non c’è NESSUNA PROVA che siano sicuri. La maggior parte dei [normali] vaccini viene testata per 10-15 anni, prima di essere autorizzata all’utilizzo sul pubblico. I vaccini Covid sono stati imposti al pubblico solo dopo pochi mesi. Onestamente, non ho intenzione di fare da cavia per un vaccino non testato.

Ma cosa succede se le élite sapessero esattamente quali sono gli effetti collaterali? E se i vaccini fossero una parte fondamentale del loro “Grande Reset”?

La questione dell’infertilità, in particolare, è quella che sta suscitando più critiche da parte dell’establishment, e vorrei sottolineare una narrativa particolarmente insidiosa che appare sempre più di frequente sui media. Ogni volta che la gente ipotizza che i vaccini possano provocare sterilità, i burocrati e le teste parlanti dei media vanno all’attacco e dicono “non ci sono prove che i vaccini causino infertilità, ma la Covid-19 potrebbe causarla…” Basta guardare questo recente discorso del governatore dell’Arkansas, dove lui e la sua dottoressa leccapiedi vengono quasi cacciati dal podio da un pubblico stufo di sentirsi ripetere la stessa propaganda:

Ecco fatto. Secondo me, si sta preparando la scena per una infertilità di massa e la colpa sarà tutta della Covid, non di questi vaccini sperimentali. Ecco perché l’establishment ha bisogno di un tasso di vaccinazione del 100%; le persone non vaccinate sarebbero la prova del loro crimine. Lasciatemi spiegare…

Quello che temo è che l’agenda del Grande Reset di Klaus Schwab sia impossibile da applicare in modo definitivo, a meno che la popolazione umana non venga fortemente ridotta in un breve periodo di tempo (una generazione o due). I globalisti parlano costantemente di controllo e riduzione della popolazione. Elites come Bill Gates sono famose per questo. C’è da meravigliarsi che abbiano escogitato un piano per attuarlo?

E se, come molti esperti hanno suggerito, gli effetti collaterali del vaccino creassero la condizione per un calo della popolazione? E se [i vaccini] fossero il mezzo per farlo? Non lo sapremo con certezza per un altro paio d’anni almeno, poiché i disturbi autoimmuni e l’infertilità richiedono tempo per diventare rilevabili a livello di popolazione. La tempistica media per diagnosticare effettivamente un disturbo autoimmune è di 4,5 anni.

L’infertilità potrebbe richiedere da sei mesi a un anno prima di poter essere diagnosticata.

Se fra due anni ci fossero ancora milioni di persone non vaccinate, sarebbero un gruppo di controllo considerevole e impossibile da ignorare. Un gruppo di controllo è un gruppo di soggetti che rappresenta un campione puro e non contaminato da un esperimento eseguito con farmaci o vaccini. Se il gruppo vaccinato si ammala o muore con patologie ben definite e il gruppo di controllo non soffre di quelle stesse condizioni, allora quella sarebbe la prova che il vaccino o il farmaco è un veleno.

Il 50% degli Americani [non vaccinati], e percentuali minori in altre nazioni, sono un gruppo di controllo per i vaccini sperimentali. Se qualcosa dovesse andare storto con i vaccini, noi ne saremmo la prova. Ho il sospetto che questo sia ciò di cui le élite hanno veramente paura.

Devono costringere anche noi a vaccinarci, TUTTI noi, in modo che non esista un gruppo di controllo e quindi nessuna prova di ciò che hanno fatto.

Potrebbero semplicemente dare la colpa di queste patologie generalizzate alla stessa Covid o a qualche altro capro espiatorio.

Se i vaccini sono un cavallo di Troia che causa malattie diffuse o infertilità, e i globalisti venissero scoperti perché esiste un gruppo di controllo, allora per loro significherebbe dover affrontare una ribellione totale, comprensiva di corde e lampioni. Il loro “Grande Reset” crollerebbe.

Di fatto, questo potrebbe accadere comunque. I passaporti vaccinali sono un limite invalicabile per la maggior parte delle persone. A causa di questo draconiano schema di passaporto sanitario stiamo assistendo a numerose proteste e rivolte in luoghi come Italia, Francia, Regno Unito e Australia. Però saranno gli Stati Uniti il Paese dove, secondo me, avrà luogo la lotta più feroce. Abbiamo una popolazione armata, milioni e milioni di veterani e civili addestrati al combattimento, un esercito con circa il 70% di conservatori e indipendenti e un’esperienza storica di guerra asimmetrica. Come abbiamo visto in Paesi come l’Afghanistan, carri armati, jet, missili e droni non sono una garanzia di vittoria contro una forza di guerriglia.

I passaporti vaccinali qui non verranno applicati. Semplicemente, non lo permetteremo.

I globalisti hanno messo in moto il gioco finale – potrebbe essere il gioco finale per noi, ma potrebbe anche essere il gioco finale per loro. Devono rispettare una linea temporale rigorosa. Devono ottenere tassi di vaccinazione vicini al 100% nei prossimi due anni o meno. Devono riuscire ad imporre i loro passaporti vaccinali nei prossimi due anni o meno. E devono, nel breve termine, imporre condizioni di isolamento permanenti per soffocare il crescente dissenso. Siamo in una sorta di gara, in cui i globalisti devono attuare la loro agenda il più velocemente possibile, mentre noi dobbiamo resistere e trattenerli fino a quando la verità diventerà ovvia alle masse; la verità che i lockdown, le restrizioni e i vaccini non hanno mai riguardato la sicurezza ma sono sempre stati una questione di controllo, dal controllo sociale al controllo della popolazione.

Brandon Smith

Fonte: alt-market.us
Link: https://alt-market.us/why-are-globalists-and-governments-so-desperate-for-100-vaccination-rates/
29.07.2021
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Notifica di
28 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
gix
Utente CDC
9 Agosto 2021 12:27

Verosimile abbastanza, il problema in effetti sono le prove che rimarranno disponibili sul campo (in questo caso assai evidenti), e se non riusciranno a cancellarle, sarà molto difficile difendersi, non davanti alla giustizia divina, ma davanti a quella umana, anche relativamente presto. Inoltre è vero, probabilmente la partita finale si giocherà in America, e, forse, il popolo americano avrà finalmente l’occasione di combattere una guerra moralmente giusta e benedetta da chi vorrà la sopravvivenza degli esseri umani. Gli americani avranno semmai l’occasione, salvando se stessi, di salvare anche altri popoli, compresi quelli che hanno contribuito a vessare nel corso degli ultimi decenni, grazie ad una propaganda insulsa ed aggressiva.

Lestaat
Utente CDC
9 Agosto 2021 12:38

Penso che si stia dando troppo credito all’intelligenza di certe persone. Chi pensa che siamo troppi su questo pianeta, e loro lo pensano, è semplicemente un idiota, soprattutto se quel qualcuno è nella posizione per capire davvero i problemi e trovare soluzioni. Non credo quindi che questi idioti siano capaci di architettare tali macchinazioni. Credo molto più semplicisticamente che hanno bisogno della massima copertura possibile per rendere il virus endemico. Non rendendo immuni ma contrastando gli effetti peggiori, i cosiddetti vaccini attuali sono l’alleato perfetto del virus. Rendono le persone “asintomatiche” e quindi perfette per la diffusione. Se non si spicciano però il rischio è che il virus si diffonda normalmente in troppi individui scatenando la naturale immunità di gregge che farebbe sparire il virus prima o poi

BrunoWald
Utente CDC
Risposta al commento di  Lestaat
10 Agosto 2021 1:38

Penso anch’io che non siano migliori delle vecchie case regnanti, ma più maligni e psicopatici. Sul fatto però che non siano capaci di macchinazioni complesse, ho i miei dubbi. Anche perché dispongono di battaglioni di esperti in tutti i campi.
Poi c’è chi sostiene che il mondo è gestito da scuole iniziatiche risalenti ai Sumeri, chi assicura che sono in contatto con gli alieni… Quand’anche fosse, all’atto pratico tali speculazioni non sono di alcuna utilità.

jeints
Utente CDC
Risposta al commento di  BrunoWald
17 Agosto 2021 12:54

Dice che sono capaci di macchinazioni ma che la sapienza iniziatica non ha utilita’: contraddizione in termini. Se sono capaci di macchinazioni e’ proprio perche’ possiedono sapienze antiche.

Lestaat
Utente CDC
Risposta al commento di  jeints
17 Agosto 2021 13:40

Io non ho sapienza iniziatica eppure potrei mettere in piedi macchinazioni ben più complesse.
Dall’altro lato per poter usare correttamente certe conoscenze bisognerebbe capirle nel modo corretto e questi, lo ripeto, mostrano molta poca intelligenza pensando che siamo troppi sul pianeta e altre vaccate ancora peggiori. È la loro posizione che gli consente alcune macchinazioni, sebbene io non li creda capaci del livello di raffinatezza di cui parla BrunoWald, non c’è nessuna contraddizione

Holodoc
Utente CDC
Risposta al commento di  Lestaat
8 Settembre 2021 4:30

Non è necessario raggiungere il 100% per fare in modo che vengano generate varianti che rendono impossibile l’immunità di gregge.

Neanche il discorso della fertilità regge, perché incaponirsi nel vaccinare tutti gli ultracinquantenni?

Secondo me stanno inasprendo la repressione per un fatto che nell’articolo non è un riportato. Il loro obbiettivo è la vaccinazione ripetuta e perpetua, la repressione non serve per convincere quel 10% (semmai ad individuarli in quanto dissidenti irriducibili), serve a convincere chi ha fatto 2 dosi e credeva di essersi tolto il pensiero a continuare le inoculazioni.

Rnamessaggero
Utente CDC
9 Agosto 2021 13:19

C’è del vero in quanto scritto , aggiungerei che la strategia di “vaccinare” sarebbe passata per i più se si fosse trattato di una siringata unica , i richiami ravvicinati aprono gli occhi anche ai più fiduciosi . La parola vaccino è strategica ma è un’ arma a doppio taglio , chiamare vaccino una terapia genica sperimentale funziona sino a quando appunto non si è costretti a ripetere l’ iniezione , forse perché in un solo colpo avrebbe steso la cavia nel giro di pochi minuti ? Vaccino ha sempre significato per l’ immaginario collettivo , perlopiù una dose e amen . Per quanto riguarda il popolo americano che libera tutto il mondo perché armato e furbo , ho i miei dubbi , i mostri sociali nascono e si nutrono del e nel loro territorio , comunque me lo auguro volentieri .

halak
Utente CDC
9 Agosto 2021 15:01

Un altro motivo per non volere un gruppo di controllo, potrebbe sussistere anche a breve scadenza. Già adesso, a epidemia praticamente ferma, non si nota alcuna diminuzione né dei morti attribuiti al covid, né degli infettati, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, nonostante che, a differenza dello scorso anno, la maggioranza della popolazione sia ormai vaccinata. Ciò fa pensare che i vaccini non siano affatto efficaci. Se in ottobre i numeri riprendono a salire velocemente, come deve accadere se si vuole che l’emergenza continui, potrebbe diventare imbarazzante confrontare i vaccinati con i non vaccinati. La scusa della “variante”, è infatti poco convincente: variante o no, se i vaccinati si ammaleranno quanto i non vaccinati, sarà ovvio concludere che i vaccini non funzionano, altrimenti bisognerebbe sostenere il fatto miracoloso che i vaccinati si ammalano solo di “variante” e i non vaccinati solo del virus originario. Polli sì, ma fino a questo punto? Arrivare al 99% di vaccinati entro ottobre, non è realistico, ma quanti meno saranno i rimasti, tanto meglio sarà per il potere.

Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  halak
9 Agosto 2021 16:01

“… sarà ovvio concludere che i vaccini non funzionano…”

Stanno già progettando di inoculare la terza dose di vaccino agli anziani che sono stati vaccinati per primi a fine dicembre 2020 e a gennaio 2021, e agli immunodepressi, con la scusa che l’efficacia del vaccino sta diminuendo.
Non ammettono che il vaccino è inefficace.
In Israele hanno già iniziato a somministrare la terza dose agli ultrasessantenni.
Unico ostacolo alla serie di vaccinazioni ravvicinate è l’OMS che ha fatto presente che popolazioni povere non hanno ancora ricevuto la prima dose e quindi non sarebbe etico procedere con la terza dose nei paesi più ricchi.

Essendo stato bandito il dibattito scientifico, c’è da aspettarsi di tutto, anche vaccinazioni Covid ogni tre mesi, forse…

BrunoWald
Utente CDC
Risposta al commento di  halak
10 Agosto 2021 0:06

La storia dimostra che alla massa puoi far credere qualsiasi cosa. Di solito per semplice stupidità, ma spesso si “vuole” credere perché aprire gli occhi risulterebbe insopportabile.

Pfefferminz
Utente CDC
9 Agosto 2021 16:16

https://ocla.ca/a-letter-to-the-unvaccinated/ (in inglese) In una lettera aperta, un gruppo di scienziati canadesi infonde coraggio a tutti i non-vaccinati del mondo. “Lettera aperta ai non vaccinati Non sei solo! Al 28 luglio 2021, il 29% dei canadesi non ha ricevuto un vaccino COVID-19 e un ulteriore 14% ha ricevuto un’iniezione. Negli Stati Uniti e nell’Unione Europea, meno della metà della popolazione è completamente vaccinata, e anche in Israele, il “laboratorio mondiale” secondo Pfizer, un terzo delle persone rimane completamente non vaccinato. I politici e i media hanno adottato una visione uniforme, capro espiatorio dei non vaccinati per i problemi che sono seguiti dopo diciotto mesi di allarmismo e blocchi. È tempo di mettere le cose in chiaro. È del tutto ragionevole e legittimo dire “no” a vaccini non sufficientemente testati per i quali non esiste una scienza affidabile. Hai il diritto di far valere la tutela del tuo corpo e di rifiutare i trattamenti medici se lo ritieni opportuno. Hai ragione a dire “no” a una violazione della tua dignità, della tua integrità e della tua autonomia corporea. È il tuo corpo e hai il diritto di scegliere. Hai ragione a combattere per i tuoi figli contro la loro vaccinazione di… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Pfefferminz
oradaria
Utente CDC
9 Agosto 2021 16:50

Il mio punto di vista è opposto a quello di molti. Non credo il “great reset” sia la mossa finale per creare un potere globale totalitario che di fatto già esiste. Nessuno se ne è accorto ma sono quasi 25 anni che veniamo dominati. La distruzione di ogni identità culturale la creazione di masse di persone sul filo della povertà non sono fenomeni di oggi, la rana era già in acqua a 90 gradi da un bel pò. Il problema è che il LORO mondo non è più sostenibile. A livello economico era previsto un crollo finanziario peggiore di quello del 2008 e che avrebbe decretato la fine di grandi gruppi di potere. Il vaccino, il fatto di renderlo obbligatorio e di creare in molti l’allarme per se e per la propria salute crea un enorme schermo riflettente che non permette di vedere come questi gruppi abbiano risistemato le cose per evitare il crack. Enormi terreni agricoli vengono acquistati come se fossimo tornati ai primi dell’800 e altri riassetti economici sono all’orizzonte. Si tratta di crepuscolo ma non per questo meno pericoloso.

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da oradaria
BrunoWald
Utente CDC
Risposta al commento di  oradaria
10 Agosto 2021 0:30

Senza dubbio l’operazione pandemica è uno schermo usato per distrarci e nascondere le loro manovre, e senza dubbio ha a che fare con la tenuta del sistema finanziario. Probabilmente è appunto per salvare il loro mondo che intendono ridurci in miseria, e instaurare rapidamente una dittatura hitech a salvaguardia di un nuovo feudalesimo: c’è chi parla di un ritorno all’ancien régime, con l’aristocrazia globalista che regna su una massa di straccioni protetta dai suoi robocop e dall’alta tecnologia. In tal modo ridurrebbero drasticamente i nostri consumi, annullerebbero i diritti, lo stato sociale, e persino la libertà di movimento. La loro fretta tradisce un certo affanno… noi d’altra parte siamo una nebulosa in cui qualcosa di definito non ha neppure iniziato a prender forma. In breve, il crepuscolo è davvero cupo e la notte potrebbe essere da incubo.

jeints
Utente CDC
Risposta al commento di  oradaria
17 Agosto 2021 12:57

Non cambia il concetto di fondo: usano la menzogna pandemica non per creare una dittatura, ma per mantenerla.

XaMAS
Utente CDC
9 Agosto 2021 17:04

questo discorso sulla descrescita demografica da attuare in Europa e Nord America mi ha davvero stufato…
se si andasse a guardare i dati degli ultimi 20 anni si vedrebbe che nei suddetti stati la popolazione è aumentata in termini irrisori se non addirittura è in declino ed i numeri sono salvati solo dalle ingenti immigrazioni
Cina, India, Indonesia, Nigeria, Bangladesh, questi sono i paesi che sono cresciuti maggiormenti ed in certi casi in termini esponenziali (soprattutto la Nigeria).
Nel quadrilatero compreso tra Pakistan, Indonesia, Giappone e Cina risiede oltre metà della popolazione terrestre (circa 3,5 miliardi di persone se ricordo bene) mentre Europa e Nord America non arrivano al miliardo.
Anche sterilizzando tutto l’occidente i ritmi assurdi di procreazione di certi paesi bilancerebbero comunque in positivo la crescita demografica globale, quindi sta manfrina della diminuzione della popolazione tramite vaccino fa davvero ridere.
se vogliono ridurre la popolazione in maniera drastica basta levare per 2 mesi la corrente elettrica

halak
Utente CDC
Risposta al commento di  XaMAS
9 Agosto 2021 21:53

Non credo neppure io che la finalità delle politiche covidiane, vaccini compresi, sia la diminuzione della popolazione: in questo caso avrebbero scelto il bersaglio sbagliato. Molto più consono sarebbe stato un virus davvero letale. Pare piuttosto che quello che perseguono sia una drastica diminuzione del tenore di vita dei popoli occidentali ed un loro stretto controllo. Questo, almeno, è il prevedibile risultato delle politiche in atto. Ciò che mi sfugge è perché. Che bisogno hanno di questa improvvisa accelerazione visto che già adesso sono al potere? Per consolidarlo e renderlo inattaccabile? O c’è un altro motivo? Sempre che una motivazione a questo livello sia necessaria.Forse la semplice instaurazione di un nuovo regime è motivo sufficiente a se stesso..

danone
Utente CDC
Risposta al commento di  halak
9 Agosto 2021 22:32

Ci sono motivazioni escatologiche, di difficile decifrazione, appunto perchè escatologiche.
In un intervista tempo fa sentii Malanga dire che, per capire il motivo per cui agli alieni interessava l’uomo, a tal punto da addurlo, abbiamo dovuto ri-studiare l’uomo.
Ecco, se studiamo meglio l’uomo, forse capiamo i motivi oscuri che si celano dietro la manipolazione che stiamo subendo da millenni.

BrunoWald
Utente CDC
Risposta al commento di  halak
10 Agosto 2021 0:42

Probabilmente perché possono.

jeints
Utente CDC
Risposta al commento di  halak
17 Agosto 2021 12:59

Accelerare per non dar modo di pensare. Il mantenere un sistema credo sia motivo piu’ che sufficiente.

BrunoWald
Utente CDC
Risposta al commento di  XaMAS
10 Agosto 2021 0:41

Infatti per “loro” il nemico siamo noi (il blocco etnico Europa/Nordamerica), degli altri se ne infischiano. Per questo ci vogliono vaccinati, sterilizzati, microchippati e demoralizzati, in una parola zombizzati. Il calo demografico e l’immigrazione selvaggia che hanno promosso non erano sufficienti, a quanto pare.

oxalidaceae
Utente CDC
9 Agosto 2021 17:13

Questa testimonianza può trovare spazio nella sezione “Eventi avversi Vaccini covid”, ma aldilà di questo, la giovane signora (ex pro-vaccino) che ne è stata vittima, accusa finalmente pubblicamente la Banda Bassetti & Co..
Ci racconta poi il danno ricevuto con estrema lucidità, dichiarandosi peraltro in parte responsabile per aver convintamente firmato il modulo concedendo il consenso.
Ma questo è ancora niente a fronte di quanto di incredibile si è sentita proporre dalla scienza nei mesi seguenti.
Nell’articolo c’è il video completo. Un abbraccio a questa giovane donna.

http://www.strettoweb.com/2021/08/messina-la-testimonianza-della-professoressa-colpita-da-gravi-effetti-collaterali-post-vaccino/1224140/

uparishutrachoal
Utente CDC
9 Agosto 2021 18:09

Giuste le considerazioni dell’articolo. Ma penso che ci sia anche una ragione funzionale: se vogliamo vaccinare l’85% (come richiesto), è necessario puntare al 100%.
Lo disse anche Berlusconi qualche anno fa quando parlava dei suoi progetti:
<<Bisogna puntare sempre a un numero maggiore se vogliamo raggiungerne uno più basso>>.

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da uparishutrachoal
GioCo
Utente CDC
9 Agosto 2021 18:56

Devono costringere anche noi a vaccinarci, TUTTI noi, in modo che non esista un gruppo di controllo e quindi nessuna prova di ciò che hanno fatto

Ni. Ci stavo giusto riflettendo in questi giorni, ma è la domanda (nel titolo) che porta a conclusioni fuorvianti, non il ragionamento (che può starci). Putroppo sono le domande più importanti delle risposte e con le domande sbagliate…

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da GioCo
GioCo
Utente CDC
Risposta al commento di  GioCo
9 Agosto 2021 18:58

[completo qui se no pasticcia la formattazione] Il punto centrale (secondo me) non è solo chiarire “la fretta” strana, perché c’è altro. Voglio dire, se avevi “fretta” di imporre qualcosa (tu che sei plutocrate) perché proporre proprio una nuova terapia genica mai sperimentata e pretendere di imporla “moralmente” e semi-legalmente senza aspettare nemmeno la conto-verifica “delle cavie umane volontarie” che hai convinto a sottoporsi alla sperimentazione e senza preoccuparti di raccogliere i risultati delle stesse? Perché non è una sperimentazione di massa? Troppi pasticci, troppe forzature, troppi aspetti che si contraddicono. Qui è peggio della schermata blu di wisgnops perché la conclusione può essere una sola: si sa già tutto sugli effetti collaterali (in certi consessi esclusivi) perché è roba che deve essere stata studiata per anni prima di poterla proporre con tanta studiata prepotenza concludendo che è tossica e che ci voleva troppo tempo per renderla sicura, e devono essere stati coinvolti anche soggetti umani (forse inconsapevolmente) ma senza aver pubblicato niente perché questo genere di prodotti funziona in modo inaccettabile mettendo a rischio l’incolumità di tutti ma allo stesso tempo sono troppo importanti per l’agenda privata plutocratica che di sicuro ha a cuore tutto tranne che i nostri… Leggi tutto »

clausneghe
Utente CDC
10 Agosto 2021 8:23

Articolo che ritengo giusto e illuminante, ci voleva un Americano per dire le cose come stanno..
Mi piace la sua analisi e la sua teoria che trovo plausibile e anche profetica la dove parla di corde e lampioni per la banda del covid erede dei nazifascisti e speriamo destinata alla stessa fine.
Ha ragione l’Autore, resistere un minuto di più dei “Padroni Universali” questo è l’obbiettivo da tenere a mente se vogliamo vincere.

Ghisa
Utente CDC
10 Agosto 2021 9:33

Io propongo una spiegazione diversa.
Ci sono alcuni che dicono che il 30% dei vaccini sono placebo.
I conti li devono aver fatti su una adesione alla campagna vaccinale vicina all’80%.
Se l’obiettivo fosse, come dicono, ridurre la popolazione mondiale, a conti fatti si otterrebbe un -50%
Per come procedono le cose in vece riuscirebbero solo ad ridurre la popolazione di un 30%

La mia, ovviamente è solo una elucubrazione

arkalia
Utente CDC
10 Agosto 2021 19:07

Io incomincio a pensare che questi “vaccini” non siano stati messi a punto in meno di un anno ma bensì fin dalla prima Sars o dalla seconda del 2009. Tutto è stato preparato con cura aspettando l’occasione giusta che dai dai è arrivata ed è andata a buon fine dopo i fallimenti delle precedenti. Il punto però è che questi “vaccini” non sono stati studiati e approntati per avere la funzione propria di un vaccino ma con scopi ben diversi. Al momento concordo con chi ritiene per una drastica riduzione della popolazione mondiale (mai l’uomo è stato demonizzato come oggi per il fatto solo di esistere e inquinare la “tanto divina madre terra”!). Ma non solo, io ritengo anche e soprattutto, che qualche meccanismo di controllo mentale e materiale del genere umano superstite sia stato inventato. Sono troppe le segnalazioni che emergono, le dichiarazioni di persone di governi vari, di ministri che fanno pensare. E poi questa “conditio sine qua non” per cui è questione di vita o di morte vaccinare tutta la popolazione mondiale per una influenza appena più grave di quella annuale! Beh, abbiate pazienza ma a me tutto questo incute paura più della morte. Il pensiero che… Leggi tutto »

jeints
Utente CDC
Risposta al commento di  arkalia
17 Agosto 2021 13:01

Non tornano solo a noi. Ma al popolino torna tutto perfettamente.

28
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x