Home / ComeDonChisciotte / LA SOIA NELLA NUTRIZIONE UMANA: L'EVIDENZA SCIENTIFICA AL 2011

LA SOIA NELLA NUTRIZIONE UMANA: L'EVIDENZA SCIENTIFICA AL 2011

DI CARLO MARTINI
ComeDonChisciotte

SOIA: ALLARMISMO CIARLATANO E RICERCA BIO-MEDICA

La maggioranza delle campagne mediatiche contro la soia trae origine dalle teorie di un’organizzazione statunitense, la Weston A Price Foundation (WAPF), impegnata da anni in una campagna per la promozione dei cibi di origine animale e lo screditamento delle diete vegetariane/vegan (di cui, comunque, la soia non è un alimento essenziale, come del resto qualunque altro singolo cibo). Il gruppo ha influenzato anche giornali ad ampia diffusione come The Ecologist, con la direzione di Zac Goldsmith (membro onorario) e gli articoli di Stephen Byrnes (supporter della WAPF, morto d’infarto a 42 anni).

Il metodo utilizzato da quest’organizzazione e realtà analoghe si basa sui principi fondanti di qualsiasi gruppo interessato a promuovere tesi completamente al di fuori da qualsivoglia idea di realtà scientifica, compresi ovviamente quelli che operano in realtà accademico-istituzionali:

– Modelli animali. La sperimentazione animale, oltre ad essere di per sè messa in discussione dall’ampio movimento internazionale dell’anti-vivisezionismo scientifico, ed essere comunque il tipo di studio (insieme alla colture in vitro) di più basso livello nella ricerca biomedica-nutrizionale – è particolarmente inutile nel caso della soia, viste le differenze specifiche tra umani ed altre specie nel metabolismo degli isoflavoni.

– “Teorie” biochimiche. Supposizioni sugli effetti a breve e a lungo termine di determinati composti (come i fitati o gli isoflavoni) senza ricerche su umani in grado di supportarle.

– Ricerche su umani decontestualizzate. Risultati contrastanti sono un fenomeno fisiologico della ricerca scientifica, ed il motivo per cui delle certezze possono essere raggiunte solo considerando il complesso della ricerca su un determinato tema.

La WAPF e i suoi metodi sono comunque già stati analizzati per esteso altrove. Si vedano, ad esempio:

Justine Butler, Ignore the anti-soya scaremongers, The Guardian (Thursday 1 July 2010 11.08 BST)

Leo Babauta, Finally, the Truth About Soy, Zen Habits (30 May 2011)

Riguardo alla soia, considerare il complesso della ricerca (ed in particolare le rassegne e le meta-analisi di pubblicazioni scientifiche) è quello che ha fatto Jack Norris di VeganHealth.org in Soy: What’s the Harm?, forse la più completa ed aggiornata analisi sulla soia che si possa trovare oggigiorno. Quanto segue è prevalentemente un riassunto del lavoro di Norris, a cui rimandiamo per approfondimenti e per i link agli abstract delle pubblicazioni originali. Da notare che, nelle righe seguenti, lo scopo non è enfatizzare i potenziali benefici della soia (per esempio, non trattiamo la questione della funzionalità renale e dell’osteoporosi), bensì focalizzarsi sui punti di controversia che sono stati sollevati negli anni e vedere cosa emerge dalla ricerca bio-medica effettiva.

“FITO-ESTROGENI”

Gli isoflavoni, ossia i fito-composti alla base delle controversie sulla soia, sono spesso definiti come “fito-estrogeni”. Il termine rischia di essere fuorviante, in quanto l’estrogeno vero e proprio si lega ad entrambi i tipi di recettori specifici (Estrogen Receptors Alpha & Beta) dell’organismo umano, mentre gli iso-flavoni si legano prevalentemente ai Beta, producendo risultati fisiologici diversi se non opposti. Il termine tecnicamente più corretto sarebbe quindi quello di SERM (Selective Estrogen Receptor Modulators).

Oseni T, Patel R, Pyle J, Jordan VC. Selective estrogen receptor modulators and phytoestrogens. Planta Med 2008;74:1656-65.

CONSUMI IN ASIA

In Giappone, Cina, Shangai e Corea il consumo di prodotti a base di soia (fermentati o meno) è stato frequente nell’arco della storia e lo è tutt’ora, sia negli ambienti urbani che in quelli rurali, aggirandosi intorno a 1.5 porzioni al giorno. Parte dell’interesse scientifico nei confronti della soia è nato per capire se quest’ultima potesse avere un ruolo nell’incidenza storicamente bassa di tumore della prostata e della mammella nei paesi asiatici.

Messina M, Nagata C, Wu AH. Estimated Asian adult soy protein and isoflavone intakes. Nutr Cancer. 2006;55(1):1-12.

CANCRO

Tumore della mammella

Alcuni studi prospettici condotti in Asia su popolazioni a frequente consumo di soia (Singapore Chinese Health, Shanghai Women’s Study, Japan Public Health Center) hanno riscontrato che a maggiori consumi corrisponde un minor rischio di tumore della mammella, mentre non sono state trovate correlazioni significative in altre ricerche (Japan Collaborative Cohort, Japan Life Span ed EPIC-Oxford). Una delle più accreditate spiegazioni per le discrepanza dei dati è che la soia si riveli protettiva soprattutto se consumata durante l’adolescenza, quando i tessuti del seno sono ancora in fase di sviluppo.

Tra le donne a cui è stato diagnosticato un tumore della mammella, svariati studi hanno riscontrato una migliore prognosi (minor rischio di morte da tumore) tra le donne che consumavano frequentemente soia (Cancer Hospital of Harbin Medical University, Shangai Breast Cancer & Shanghai Breast Cancer Survival, Long Island Breast Cancer, Life After Cancer Epidemiology, Women’s Healthy Eating and Living).

Boyapati SM, Shu XO, Ruan ZX, Dai Q, Cai Q, Gao YT, Zheng W. Soyfood intake and breast cancer survival: a followup of the Shanghai Breast Cancer Study. Breast Cancer Res Treat. 2005 Jul;92(1):11-7.

Butler LM, Wu AH, Wang R, Koh WP, Yuan JM, Yu MC. A vegetable-fruit-soy dietary pattern protects against breast cancer among postmenopausal Singapore Chinese women. Am J Clin Nutr. 2010 Apr;91(4):1013-9.

Caan BJ, Natarajan L, Parker BA, Gold EB, Thomson CA, Newman VA, Rock CL, Pu M, Al-Delaimy WK, Pierce JP. Soy Food Consumption and Breast Cancer Prognosis. Cancer Epidemiol Biomarkers Prev. 2011 Feb 25.

Den Tonkelaar I, Keinan-Boker L, Veer PV, Arts CJ, Adlercreutz H, Thijssen JH, Peeters PH. Urinary phytoestrogens and postmenopausal breast cancer risk. Cancer Epidemiol Biomarkers Prev. 2001 Mar;10(3):223-8.

Hilakivi-Clarke L, Andrade JE, Helferich W. Is soy consumption good or bad for the breast? J Nutr. 2010 Dec;140(12):2326S-2334S.
Fink BN, Steck SE, Wolff MS, Britton JA, Kabat GC, Gaudet MM, Abrahamson PE, Bell P, Schroeder JC, Teitelbaum SL, Neugut AI, Gammon MD. Dietary flavonoid intake and breast cancer survival among women on Long Island. Cancer Epidemiol Biomarkers Prev. 2007 Nov;16(11):2285-92.

Guha N, Kwan ML, Quesenberry CP Jr, Weltzien EK, Castillo AL, Caan BJ. Soy isoflavones and risk of cancer recurrence in a cohort of breast cancer survivors: the Life After Cancer Epidemiology study. Breast Cancer Res Treat. 2009 Nov;118(2):395-405.

Kang X, Zhang Q, Wang S, Huang X, Jin S. Effect of soy isoflavones on breast cancer recurrence and death for patients receiving adjuvant endocrine therapy. CMAJ. 2010 Nov 23;182(17):1857-62.

Key TJ, Sharp GB, Appleby PN, Beral V, Goodman MT, Soda M, Mabuchi K. Soya foods and breast cancer risk: a prospective study in Hiroshima and Nagasaki, Japan. Br J Cancer. 1999 Dec;81(7):1248-56.

Lee SA, Shu XO, Li H, Yang G, Cai H, Wen W, Ji BT, Gao J, Gao YT, Zheng W. Adolescent and adult soy food intake and breast cancer risk: results from the Shanghai Women’s Health Study. Am J Clin Nutr. 2009 Jun;8
9(6):1920-6.

Nishio K, Niwa Y, Toyoshima H, Tamakoshi K, Kondo T, Yatsuya H, Yamamoto A, Suzuki S, Tokudome S, Lin Y, Wakai K, Hamajima N, Tamakoshi A. Consumption of soy foods and the risk of breast cancer: findings from the Japan Collaborative Cohort (JACC) Study. Cancer Causes Control. 2007 Oct;18(8):801-8.

Shu XO, Zheng Y, Cai H, Gu K, Chen Z, Zheng W, Lu W. Soy food intake and breast cancer survival. JAMA. 2009 Dec 9;302(22):2437-43.

Travis RC, Allen NE, Appleby PN, Spencer EA, Roddam AW, Key TJ. A prospective study of vegetarianism and isoflavone intake in relation to breast cancer risk in British women. Int J Cancer. 2008 Feb 1;122(3):705-10.

Wu AH, Koh WP, Wang R, Lee HP, Yu MC (2008) Soy intake and breast cancer risk in Singapore Chinese health study. Br J Cancer 99(1):196–200.

Tumore della prostata

Da una meta-analisi del 2009 basata su 15 pubblicazioni epidemiologiche, emerge un effetto protettivo della soia rispetto al tumore della prostata, con un rischio ridotto del 26 % tra i gruppi nel livello di consumo più alto rispetto a quelli con consumo più basso. Considerano esclusivamente i prodotti non-fermentati, il risultato sale al 30 %. Da notare che, in questo caso, i gruppi a maggiore consumo erano comunque in un range basso, intorno ad una porzione al giorno (25 mg/d di isoflavoni e 8-10 g/d di proteine della soia)

Yan L, Spitznagel EL. Soy consumption and prostate cancer risk in men: a revisit of a meta-analysis. Am J Clin Nutr. 2009 Apr;89(4):1155-63

Tumore dell’endometrio e delle ovarie

Una meta-analisi del 2009, basata su 5 studi retrospettici e 2 studi prospettici, ha trovato i partecipanti a più alto consumo di soia (appena una porzione al giorno) con un ridotto rischio di cancro dell’endometrio e delle ovarie rispetto ai gruppi a più basso apporto.

Palacios S, Pornel B, Vázquez F, Aubert L, Chantre P, Marès P. Long-term endometrial and breast safety of a specific, standardized soy extract. Climacteric. 2010 Aug;13(4):368-75.

SALUTE CARDIOVASCOLARE

Dai risultati che emergono da 6 rassegne sistematiche delle pubblicazioni scientifiche sull’argomento, il consumo frequente di soia ha un moderato effetto nella riduzione del colesterolo LDL, e potrebbe averne effetti benefici anche rispetto alla funzione endoteliale nelle donne in post-menopausa, così come nella riduzione delle concentrazioni di omocisteina.

Cassidy A, Hooper L. Phytoestrogens and cardiovascular disease. J Br Menopause Soc. 2006 Jun;12(2):49-56.

TIROIDE

Sebbene gli isoflavoni della soia possano inibire la perossidasi tiroidea (enzima coinvolto nella sintesi degli ormoni tiroidei), la maggior parte degli studi clinici non ha riscontrato effetti della soia sulla funzionalità della tiroide, oppure sono stati osservati dei cambiamenti non reputati di importanza fisiologica. Per contrasto, uno studio randomizzato ed in doppio cieco del 2011 (Hull Royal Infirmary, Gran Bretagna) ha trovato che dei soggetti con ipo-tiroidismo sub-clinico avevano un maggior tasso di progressione verso l’ipo-tiroidismo cronico all’aumentare del consumo di soia. Da notare che lo studio è durato solo 8 settimane e, come suggerito dagli stessi ricercatori, un possibile esito di periodi di supplementazione prolungati potrebbe essere un miglioramento della funzionalità tiroidea come adattamento al carico di fitoestrogeni. Per altro, in questo stesso studio, gli isoflavoni avevano prodotto una significativa riduzione di pressione sanguigna, proteina C-reattiva e resistenza all’insulina. Comunque, per persone che si trovassero in tale condizione sub-clinica, è raccomandabile la limitazione del consumo di soia.

Riguardo ai soggetti in una condizione di ipo-tiroidismo cronico, variazioni significative nel consumo di soia andrebbero valutate singolarmente con il proprio medico di riferimento.

Messina M, Redmond G. Effects of soy protein and soybean isoflavones on thyroid function in healthy adults and hypothyroid patients: a review of the relevant literature. Thyroid. 2006;16(3):249 –258.

Sathyapalan T, Manuchehri AM, Thatcher NJ, Rigby AS, Chapman T, Kilpatrick ES, Atkin SL. The Effect of Soy Phytoestrogen Supplementation on Thyroid Status and Cardiovascular Risk Markers in Patients with Subclinical Hypothyroidism: A Randomized, Double-Blind, Crossover Study. J Clin Endocrinol Metab. 2011 Feb 16. [Epub ahead of print]

FACOLTA’ COGNITIVE

Studi clinici

Tra gli studi clinici, quattro hanno riscontrato che la soia ha effetti benefici sulle funzionalità cognitive rispetto al gruppo placebo; uno non ha osservato peggioramenti cognitivi nel gruppo della soia, riscontrandoli invece in quello del placebo; quattro hanno trovato effetti benefici, ma non avevano un gruppo placebo. Infine, altri tre studi non hanno notato differenze, valutando quindi la soia come neutra. Complessivamente, è probabile che la soia abbia o effetti positivi o si riveli neutra rispetto alle facoltà cognitive.

File SE, Jarrett N, Fluck E, Duffy R, Casey K, Wiseman H. Eating soya improves human memory. Psychopharmacology (Berl) 2001; 157:430-6.

Duffy R, Wiseman H, File SE. Improved cognitive function in postmenopausal women after 12 weeks of consumption of a soya extract containing isoflavones. Pharmacol Biochem Behav. 2003 Jun;75(3):721-9.

Fournier LR, Ryan Borchers TA, Robison LM, Wiediger M, Park JS, Chew BP, McGuire MK, Sclar DA, Skaer TL, Beerman KA. The effects of soy milk and isoflavone supplements on cognitive performance in healthy, postmenopausal women. J Nutr Health Aging. 2007 Mar-Apr;11(2):155-64.

Thorp AA, Sinn N, Buckley JD, Coates AM, Howe PR. Soya isoflavone supplementation enhances spatial working memory in men. Br J Nutr. 2009 Nov;102(9):1348-54.

Kritz-Silverstein D, Von Mühlen D, Barrett-Connor E, Bressel MA. Isoflavones and cognitive function in older women: the Soy and Postmenopausal Health In Aging (SOPHIA) Study. Menopause. 2003 May-Jun;10(3):196-202.

Islam F, Sparkes C, Roodenrys S, Astheimer L. Short-term changes in endogenous estrogen levels and consumption of soy isoflavones affect working and verbal memory in young adult females. Nutr Neurosci. 2008 Dec;11(6):251-62.

Kreijkamp-Kaspers, S., Kok, L., Grobbee, D.E., de Haan, E.H.F., Aleman, A., Lampe, J.W., van der Schouw, Y.T. Effect of soy protein containing isoflavones on cognitive function, bone mineral density, and plasma lipids in postmenopausal women: A randomized controlled trial, JAMA. 2004;292:65-74.

Ho SC, Chan AS, Ho YP, So EK, Sham A, Zee B, Woo JL. Effects of soy isoflavone supplementation on cognitive function in Chinese postmenopausal women: a double-blind, randomized, controlled trial. Menopause. 2007 May-Jun;14(3 Pt 1):489-99.

Celec P, Ostatnikova D, Hodosy J, Putz Z, Kúdela M. Increased one week soybean consumption affects spatial abilities but not sex hormone status in men. Int J Food Sci Nutr. 2007 Sep;58(6):424-8.

Ostatníková D, Celec P, Hodosy J, Hampl R, Putz Z, Kúdela M. Short-term soybean intake and its effect on steroid sex hormones and cognitive abilities. Fertil Steril. 2007 Dec;88(6):1632-6.

Celec P, Ostatníková D, Cagánová M, Zuchová S, Hodosy J, Putz Z, Bernadic M, Kúdela M. Endocrine and cognitive effects of short-time soybean consumption in women. Gynecol Obstet Invest. 2005;59(2):62-6.

Pilsáková L, Riecanský I, Ostatníková D, Jagla F. Missing evidence for the effect one-week phytoestrogen-rich diet on mental rotation in two dimensions. Neuro
Endocrinol Lett. 2009 Mar;30(1):125-30.

Honolulu-Asia Aging Study

Uno studio prospettico, condotto alle Hawaii su anziani di provenienza asiatica, ha associato il consumo di tofu alla degenerazione senile, ma un’editoriale di accompagnamento faceva notare che il campione di riferimento era piccolo, la variazione standard ampia, e che – soprattutto – all’interno di questa popolazione di migranti il tofu (più economico delle carne) poteva essere una variabile confondente per un basso status socio-economico, che è di per sè un fattore di rischio per uno scarso sviluppo cerebrale e il conseguente declino delle funzioni cognitive, soprattutto se la condizione di povertà è stata vissuta durante l’infanzia. Tali tesi è stata recentemente ribadita in un’altra analisi sulla rivista ufficiale della International Brain Research Organization.

Grodstein F, Mayeux R, Stampfer MJ. Tofu and cognitive function: food for thought. J Am Coll Nutr. 2000 Apr;19(2):207-9.

Hogervorst E, Mursjid F, Priandini D, Setyawan H, Ismael RI, Bandelow S, Rahardjo TB. Borobudur revisited: Soy consumption may be associated with better recall in younger, but not in older, rural Indonesian elderly. Brain Res. 2010 Oct 28. Epub ahead of print.

White LR, Petrovitch H, Ross GW, Masaki K, Hardman J, Nelson J, Davis D, Markesbery W. Brain aging and midlife tofu consumption. J Am Coll Nutr. 2000 Apr;19(2):242-55.

Tofu and Tempeh Study (Indonesia)

Uno studio dall’Indonesia, indagando le capacità cognitive in un gruppo di persone tra i 52 e i 98 anni, ha riscontrato che il consumo del tempeh era associato a migliori risultati nei test di memoria, mentre il consumo del tofu sortiva effetti opposti. Anche in questo caso, si è trattato molto probabilmente di un fattore confondente, per una specifica pratica dell’industria alimentare indonesiana: l’aggiunta di formaldeide come preservante del tofu, che mette a rischio di danni ossidativi il tessuto dell’ippocampo e la corteccia frontale. Ad oggi, il governo dell’Indonesia non ha ancora posto fine a questo tipo di pratica. Da notare che, stranamente, in un follow-up di questo stesso studio, il tofu è stato invece associato a miglioramenti nelle facoltà cognitive nel gruppo al di sotto dei 73 anni.

Hogervorst E, Sadjimim T, Yesufu A, Kreager P, Rahardjo TB. High tofu intake is associated with worse memory in elderly Indonesian men and women. Dement Geriatr Cogn Disord. 2008;26(1):50-7. Epub 2008 Jun 27.

Hogervorst E, Mursjid F, Priandini D, Setyawan H, Ismael RI, Bandelow S, Rahardjo TB. Borobudur revisited: Soy consumption may be associated with better recall in younger, but not in older, rural Indonesian elderly. Brain Res. 2010 Oct 28. Epub ahead of print.
The Jakarta Post, Agency wants control on formaldehyde | Wed, 01/05/2011 9:53 AM. Accessed January 6, 2011.

California Seventh-day Adventists

In California, tra gli Avventisti del Settimo Giorno sopra i 65 anni, i vegetariani (tali da almeno 30 anni) avevano un terzo della probabilità di sviluppare demenza senile rispetto ai loro coetanei onnivori, e questa popolazione tende ad avere un frequente consumo di soia.

Giem P, Beeson WL, Fraser GE. The incidence of dementia and intake of animal products: preliminary findings from the Adventist Health Study. Neuroepidemiology 1993; 12:28-36.

Fraser GE. Associations between diet and cancer, ischemic heart disease, and all-cause mortality in non-Hispanic white California Seventh-day Adventists. Am J Clin Nutr. 1999 Sep;70(3 Suppl):532S-538S.

CARATTERISTICHE FEMMINIZZANTI

Ginecomastia

Ci sono stati due case-report che hanno sollevato preoccupazione di caratteristiche femminizzanti dovute al consumo di soia. Uno di questi riguardava un uomo (malato di diabete tipo 1) che sviluppò una disfunzione erettile e bassi livelli di testosterone, mentre l’altro un anziano che sviluppò una condizione di ginecomastia, ossia un allargamento delle ghiandole mammarie. In entrambi i casi, i sintomi sono cessati dopo aver smesso il consumo della soia, che era rispettivamente di 14 e 12 porzioni al giorno, ossia una quantità spropositata che finiva per monopolizzare una parte considerevole delle loro diete. Al contrario, uno studio condotto su 20 uomini malati di tumore della prostata, a cui sono stati dati 450-900 mg/d di isoflavoni (l’equivalente di 18-38 porzioni di soia) per quasi tre mesi ha riscontrato che in solo due di questi si erano verificati dei leggeri casi di ginecomastia, e uno dei due stava assumendo un farmaco che avrebbe potuto sortire lo stesso effetto. Considerate le quantità enormi di isoflavoni che questo gruppo stava assumendo sotto forma di supplementazione, risulta estremamente improbabile che potrebbero emergere casi simili da “normale” consumo di soia, anche se fosse quotidiano e consistente.

Siepmann T, Roofeh J, Kiefer FW, Edelson DG. Hypogonadism and erectile dysfunction associated with soy product consumption. Nutrition. 2011 Feb 23.

Martinez J, Lewi JE. An unusual case of ginecomastia associated with soy product consumption. Endocr Pract 2008;14:415–8. (Abstract)

Fischer L, Mahoney C, Jeffcoat AR, Koch MA, Thomas BE, Valentine JL, et al. Clinical characteristics and pharmacokinetics of purified soy isoflavones: multiple-dose administration to men with prostate neoplasia. Nutr Cancer 2004;48(2):160–70.

Sperma

Una pubblicazione epidemiologica del 2008 ha trovato che gli uomini in una clinica di fertilità avevano minori concentrazioni di sperma se consumavano maggiori quantità di soia, ma la differenza potrebbe essere spiegata dal corrispettivo maggior volume di eiaculazione. Due più recenti studi clinici (62 mg/d per due mesi e 480 mg/d di isoflavoni per tre mesi) non hanno trovato differenze nella quantità, concentrazione o motilità dello sperma.

Beaton LK, McVeigh BL, Dillingham BL, Lampe JW, Duncan AM. Soy protein isolates of varying isoflavone content do not adversely affect semen quality in healthy young men. Fertil Steril. 2010 Oct;94(5):1717-22.

Chavarro JE, Toth TL, Sadio SM, Hauser R. Soy food and isoflavone intake in relation to semen quality parameters among men from an infertility clinic. Hum Reprod. 2008 Nov;23(11):2584-90

Messina M, Watanabe S, Setchell KD. Report on the 8th International Symposium on the Role of Soy in Health Promotion and Chronic Disease Prevention and Treatment. J Nutr. 2009 Apr;139(4):796S-802S.

SINTOMI DA MENOPAUSA

Qualora si consumino almeno 15 mg/d di genistein (uno degli isoflavoni della soia) è possibile ridurre significativamente l’incidenza di vampate di calore.

Messina M, Watanabe S, Setchell KD. Report on the 8th International Symposium on the Role of Soy Health Promotion and Chronic Disease Prevention and Treatment. J Nutr. 2009 Apr;139(4):796S-802S.

ACIDO FITICO E ASSORBIMENTO DEI MINERALI

L’acido fitico è presente in molti cibi vegetali integrali, ma la soia ne ha quantità mediamente maggiori. Questo tipo di composto è importante per la prevenzione della perossidazione lipidica, l’ossidazione del ferro nei tessuti del colon-retto e la calcolosi renale, ma inibisce l’assorbimento di alcuni minerali. Inibizione non significa però che l’assorbimento non avvenga: il calcio viene generalmente assorbito a livelli comparabili con quelli dal latte di mucca; lo zinco tra il 10 e il 20 %, ed il ferro fino al 30 % (che è un valore elevato, e alcuni prodotti a base di soia sono particolarmente ricchi di questo minerale, senza contare che cibi ricchi di vitamina C possono aumentarne ulteriorme
nte l’assorbimento). I prodotti fermentati (tempeh, miso, natto) hanno di per sè una migliore bio-disponibilità.

Egli I, Davidsson L, Zeder C, Walczyk T, Hurrell R. Dephytinization of a complementary food based on wheat and soy increases zinc, but not copper, apparent absorption in adults. J Nutr. 2004 May;134(5):1077-80.

Hallberg L, Rossander L. Effect of soy protein on nonheme iron absorption in man. Am J Clin Nutr. 1982 Sep;36(3):514-20.
Heaney RP, Weaver CM, Fitzsimmons ML. Soybean phytate content: effect on calcium absorption. Am J Clin Nutr. 1991 Mar;53(3):745-7.

Hidvegi M, Lasztity R. Phytic acid content of cereals and legumes and interaction with proteins. Periodica Polytechnica Ser Chem Eng. 2002;46(1–2):59–64.

Hotz C, Gibson RS. Traditional food-processing and preparation practices to enhance the bioavailability of micronutrients in plant-based diets. J Nutr. 2007 Apr;137(4):1097-100.

Lopez HW, Leenhardt F, Coudray C, Remesy C. Minerals and phytic acid interactions: is it a real problem for human nutrition?. International Journal of Food Science & Technology, 2002;37:727–739.

Macfarlane BJ, van der Riet WB, Bothwell TH, Baynes RD, Siegenberg D, Schmidt U, Tal A, Taylor JR, Mayet F. Effect of traditional oriental soy products on iron absorption. Am J Clin Nutr. 1990 May;51(5):873-80.

Murray-Kolb LE, Welch R, Theil EC, Beard JL. Women with low iron stores absorb iron from soybeans. Am J Clin Nutr. 2003 Jan;77(1):180-4.

Sandström B, Kivistö B, Cederblad A. Absorption of zinc from soy protein meals in humans. J Nutr. 1987 Feb;117(2):321-7.
Tang AL, Walker KZ, Wilcox G, Strauss BJ, Ashton JF, Stojanovska L. Calcium absorption in Australian osteopenic post-menopausal women: an acute comparative study of fortified soymilk to cows’ milk. Asia Pac J Clin Nutr. 2010;19(2):243-9.

Zhao Y, Martin BR, Weaver CM. Calcium bioavailability of calcium carbonate fortified soymilk is equivalent to cow’s milk in young women. J Nutr. 2005 Oct;135(10):2379-82.

Zhao XF, Hao LY, Yin SA, Kastenmayor P, Barclay D. [A study on absorption and utilization of calcium, iron and zinc in mineral-fortified and dephytinized soy milk powder consumed by boys aged 12 to 14 years]. Zhonghua Yu Fang Yi Xue Za Zhi. 2003 Jan;37(1):5-8. Chinese.

ESANO

L’esano è un composto impiegato da alcune industrie per separare la componente oleosa da quella proteica nei fagioli di soia. Le proteine vengono poi utilizzate per produrre “carni” vegetali e altri prodotti basati su isolati proteici. L’esano è potenzialmente pericoloso sia per i lavoratori che per l’ambiente, ma non ci sono evidenze di pericolosità per i consumatori, e l’Unione Europea pone dei limiti di 30 mg/kg (30 ppm) come residuo massimo nei prodotti di soia. Comunque, qualora si consumino isolati proteici, come forma cautelare sarebbe preferibile scegliere aziende biologiche, che prediligono processi meccanici come l’estrusione ad alte temperature o i trattamenti a vapore.

Cornucopia Institute, Toxic Chemicals: Banned In Organics But Common in “Natural” Food Production Soy Protein and Chemical Solvents in Nutrition Bars and Meat Alternatives, November 2010

Directive 2009/32/EC of the European Parliament and of the Council of 23 April 2009 on the approximation of the laws of the member states on extraction solvents used in the production of foodstuffs and food ingredients. Official Journal of the European Union.

FORMULE FOR L’INFANZIA

Le formule per l’infanzia a base di soia (oggigiorno fortificate con iodio, e idealmente con DHA) sono considerate sicure sia dall’American Academy of Pediatrics che dal National Toxicology Program, in quanto non pongono rischi per lo sviluppo infantile o la funzionalità endocrino-riproduttiva una volta adulti. Uno studio attualmente in corso (Beginnings Study), dedicato specificamente a studiare gli effetti delle formule sullo sviluppo infantile, ha confermato tali posizioni, non avendo riscontrato alcun effetto negativo sullo sviluppo generale, sessuale e neurologico rispetto a bambini alimentati con formule basate sul latte di mucca.

La soia non è però raccomandata a bambini con ipo-tiroidismo congenito (vedi paragrafo sulla tiroide), e a quelli nati prematuri, in quanto le formule con latte di mucca si sono rivelate più efficaci per lo sviluppo osseo in questo caso specifico. Tra i bambini nati normalmente, invece, i dati dal Beginnings Study suggeriscono maggiori benefici per la salute ossea dalle formule a base di soia.

Badger TM, Gilchrist JM, Pivik RT, Andres A, Shankar K, Chen JR, Ronis MJ. The health implications of soy infant formula. Am J Clin Nutr. 2009 May;89(5):1668S-1672S.

Bhatia J, Greer F; American Academy of Pediatrics Committee on Nutrition. Use of soy protein-based formulas in infant feeding. Pediatrics. 2008 May;121(5):1062-8.

Merritt RJ, Jenks BH. Safety of soy-based infant formulas containing isoflavones: the clinical evidence. J Nutr. 2004 May;134(5):1220S-1224S.

National Toxicology Program Center for the Evaluation of Risks to Human Reproduction Expert Panel Evaluation of Soy Infant Formula December 16-18, 2009. http://www.niehs.nih.gov/news/media/questions/docs/soy-infant-formula- expert-panel-summary-conclusion-12-18-09.pdf. Accessed February 23, 2011.

Strom BL, Schinnar R, Ziegler EE, Barnhart KT, Sammel MD, Macones GA, Stallings VA, Drulis JM, Nelson SE, Hanson SA. Exposure to soy-based formula in infancy and endocrinological and reproductive outcomes in young adulthood. JAMA. 2001 Aug 15;286(7):807-1

CONCLUSIONE

Decenni di molteplici ed estese ricerche scientifiche sul consumo di soia in Asia e nei paesi occidentali parlano chiaro: a meno che non si viva in Indonesia (visto il possibile uso di formaldeide nei processi di produzione del tofu), le uniche situazioni di potenziale rischio sono allergie, ipo-tiroidismo, o comunque una dieta che non fornisca un apporto sufficiente di iodio. Al riguardo, ricordiamo che il sale iodato, consumato in moderazione, è una fonte affidabile.

Per il resto della popolazione, edamame, tempeh, miso, natto, tofu, latti e yogurt di soia possono essere una piacevole aggiunta alla propria dieta. Anzi, considerata non solo la sicurezza, ma soprattutto i potenziali benefici salutistici (ad esempio nella prevenzione dei tumori), il consumo di prodotti a base di soia andrebbe incentivato attivamente fin dall’infanzia, possibilmente preferendo prodotti da coltivazioni biologiche (OGM-free), parimenti agli altri legumi che troviamo in natura.

Carlo Martini
www.comedonchisciotte.org
02.08.2011

Pubblicato da God

  • Eshin

    C’è un problema di base….la SOIA al quasi 100% ormai è OGM

    LA SOIA TRANSGENICA
    http://www.autocoscienza.org/soiatrans.php

    La ricerca è stata messa in piedi da Surov e colleghi per verificare se la Soia Geneticamente Modificata prodotta dalla Monsanto – soia che cresce sul 91% dei campi di soia USA – causi problemi di crescita e riproduzione.
    Quello che ha scoperto potrebbe spazzare via un’industria che fattura molti miliardi di dollari.

    http://www.naturopataonline.org/articoli/32-inquinamento-e-salute/1308-i-pericoli-per-la-salute-della-soia-ogm/1.html

  • Tonguessy

    Parole sprecate, mio caro. L’importante è dare significato ad un certo fondamentalismo alimentare.
    When I began studying holistic health and nutrition, I kept running across risks associated with eating soy. Endocrine disruption? Check. Digestive problems? Check. I researched soy’s deleterious effects on thyroid, fertility, hormones, sex drive, digestion, and even its potential to contribute to certain cancers. For every study that proved a connection between soy and reduced disease risk another cropped up to challenge the claims.

    Read more: http://www.utne.com/2007-07-01/Science-Technology/The-Dark-Side-of-Soy.aspx#ixzz1Tzs4wTs6

    Conclusione: per ogni ricerca che prova il collegamento tra la soia e la riduzione di rischi (relativi a malattie) un’altra ricerca dimostra il contrario.
    Perchè non lasciare quindi la libertà ad ognuno di avvelenarsi secondo coscienza e/o necessità? Cui prodest questo furor sanandi?

  • fengtofu

    Articolo completo e ben equilibrato, che fa giustizia delle esagerazioni interessate, in quanto pagate dalle grandi macellerie americane, della weston Price foundation. E’ bene non scordare le tradizioni dei popoli – qui gli estremo-orientali – ed i loro livelli di salute fisica e mentale, di solito alti nel quadro generale: una grossa lancia spezzata a favore dei prodotti TRDIZIONALI Della soia, specie i fermentati. Al contrario, la soia tout-court elaborata come “carne vegetale”o surrogato, con abbondanti ingerenze della chimica più becera, han fatto il danno sul pubblico sopratutto americano. Quindi, no soia industrializzata nè transgenica, che però a sua volta non è in percentuali così disastrose come afferma qualcuno. Si ricordi che riso, mais e patate sono ormai agli stessi livelli di contaminazione Monsanto raggiunti dalla soia, che però essendo più ostica agli occidentali, si prende tutte le colpe, come una sorta di immigrato guardato con sospetto dai leghisti dell’alimentazione, frequenti tra le suore della sinistra italiana.

  • albsorio

    Credo che il problema sia serio, personalmente non uso soia e sto bene, poi il fatto che sia OGM al 90% la rende di sicuro meno “sana”, sembra che in America anche lo zucchero bianco da barbabietola sia OGM nel 90% delle coltivazioni, poi il mais… casualmente hanno modificato quello che si consuma di più.

    Presto forse vedremo anche in Italia l’ormone della crescita sintetico dato alle mucche per aumentare la capacità produttiva di latte, tutti diranno che noi italiani non adotteremo mai una simile schifezza. Sembra però che le “quote latte” spariranno, cioè chiunque voglia fare latte lo farà, la lotta allora sarà più serrata e molti allevatori per un motivo o per l’altro aderiranno. L’ormone della crescita sintetico residuale nel latte sembra interferire con quello naturale dei bambini.

    Personalmente penso che lo stile di vita e gli alimenti proposti creano una società con malattie croniche come il diabete2 che spalanca le porte verso un inferno fatto di altre malattie, sembra che in Italia siano ad oggi 6milioni i diabetici2 e altri 6milioni arriveranno nel 2020.

    Non è solo la teoria della “merendina” ad essere sbagliata, i malati cronici sono un profitto continuo per qualcuno, così come gli OGM.

    Per cambiare le cose dobbiamo ripensare noi stessi, noi pensiamo sempre che quando succede qualcosa di sbagliato a qualcuno non succederà a noi, nel caso particolare è vero cioè se un mio vicino di casa ha il diabete no lo avrò necessariamente anch’io ma se la società promuove uno stile di vita sbagliato io avrò qualcos’altro.

    Tutto nasce dal dire IO invece che NOI, questo misto di egoismo, egocentrismo, avidità alla lunga distrugge la società, la più grande rivoluzione è cambiare noi stessi, senza giustificare in nostri errori con quelli degli altri.

  • laricamatricedionde

    Concordo con il suo ultimo postulato: iniziare dal dire Noi invece che Io, perché questo è il vero cibo, forte e salutare, di cui nutrirsi quotidianamente.La consapevolezza che aiuta a scegliere, decidendo con la propria testa, ma guardando il nostro prossimo.La multinazionale, in fondo, funziona proprio come ideale di spirito di gruppo (non sano, ovviamente) che si impone laddove non c’è una collettività pensante.La logica del più forte è da sempre solo uno spauracchio che bisognerebbe cominiciare ad “usare” per smuovere il nostro lato “debole”.Davanti ad una ricerca del vero, in quanto giusto e bello, i parametri del forte e del debole diventano margini immaginari.
    Riguardo al latte, esiste già una sottile forma di manipolazione, basti pensare ai cosidetti integratori e alle vitamine chimiche che vengano aggiunte e, senza andare troppo lontano, le formule hd etc della Parmalat.L’America in questo è maestra:vende una immagine di Paese all’avanguardia nel cibo (nei supermarket trovi tutto, davvero “di tutto”..) o nelle strutture per disabili, un inganno per la vista forse, dal momento che non potrebbe fare altrimenti, essendo la principale responsabile nella maggior parte delle malformazioni.
    E’ un po’ come la formula del marketing integrato: non funziona solo con le lavatrici e i detersivi, ma anche su scala più ampia: prima ti creo il vaccino, poi la malattia, prima il cino geneticamente modificato, poi l’intolleranza alimentare.
    Un uomo sano, invece, non costa nulla allo Stato, si sa.
    Io personamente non consumo prodotti di origine animale per svariati motivi, ma non amo nemmeno i “confezionati” seppur vegetali, ma sono una promotrice dell’autoproduzione in cucina, perché, alla base credo sia giunto il momento di riprendersi il propri tempo, in tutto.

  • Riccardo

    sì, la soia è quasi tutta transgenica, ma se è biologica non è transgenica e in altri casi anche se non biologica il produttore indica sulla confezione che usa soia ogm free. In realtà la soia transgenica è quasi esclusivamente usata per nutrire gli animali allevati, ed è quando si compra carne, latte, formaggi e uova che non si può sapere se l’animale è stato nutrito con soia transgenica. Anche negli allevamenti biologici è ammessa una percentuale del 10% di soia ogm. Maggiori info qui: http://www.saicosamangi.info/sociale/ogm-cibo.html
    Finchè continueremo ad uccidere e mangiare animali è difficile che l’industria della soia ogm venga spazzata via…