In nome della “sicurezza pubblica” l’Australia si è trasformata in un orwelliano stato di polizia

Robert Bridge
strategic-culture.org

Il territorio conosciuto come Down Under [*] sembra essere ritornato al suo status originale di colonia penale mentre i funzionari governativi, che assomigliano sempre di più a secondini di una prigione che a servitori del popolo, reprimono selvaggiamente dimostranti stanchi di altri lockdown Covid.

Una forte presenza di polizia nelle principali città australiane nel fine settimana non ha impedito a migliaia di manifestanti di scendere in strada in quello che molti hanno visto come un ultimo sforzo per proteggere le libertà civili gravemente minacciate.

Le proteste sono arrivate dopo che il Nuovo Galles del Sud aveva annunciato il suo secondo lockdown totale, che mette i 5 milioni di abitanti di Sydney sotto stretto coprifuoco fino a metà settembre. L’attesa sembrerà tuttavia ancora più straziante, vista l’alta probabilità che l’obbligo di confinamento venga prorogato fino a gennaio.

Nel frattempo a Melbourne, la seconda città più grande dell’Australia dopo Sydney, i cittadini devono affrontare restrizioni simili e questo significa che (a parte andare a fare shopping entro un raggio designato dalle proprie case, fare esercizio fisico per un’ora al giorno all’aperto e andare al lavoro, purché in un “impiego essenziale”) sono praticamente diventati prigionieri all’interno delle loro stesse case.

A questo punto della storia dell’Australia, l’unica cosa certa è l’incertezza, che rende i lockdown ancora più insopportabili.

Le immagini di sabato provenienti dalle due principali città australiane hanno mostrato una situazione da polveriera, con i manifestanti che si scontravano con la polizia, che rispondeva con manganelli, spray al peperoncino e arresti in massa (sarà interessante vedere se i Big Media descriveranno le azioni della polizia contro i manifestanti anti-lockdown nello stesso modo compassionevole in cui avevano descritto le azioni intraprese contro le proteste di Black Lives Matter in Australia, nello stesso periodo dell’anno scorso. Come aveva benevolmente riferito il Guardian: “Almeno 20.000 persone hanno partecipato alla marcia [BLM] di Sydney, che si è svolta pacificamente, tranne che per le brutte scene in cui gli agenti di polizia avevano usato spray urticante sui manifestanti che si erano riversati nella stazione centrale dopo la fine della manifestazione.” Meglio però non farci troppo affidamento). In un filmato in diretta ottenuto dall’utente di Facebook “Real Rukshan,” si vedono folti gruppi di poliziotti affrontare singoli cittadini, colpevoli solo di essere lì.

In una scena (al minuto 2:10), un uomo anziano che sembra uscire da una caffetteria Starbuck’s viene circondato da almeno cinque poliziotti, che procedono ad ammanettarlo e, presumibilmente, a portarlo in prigione. In un’altra scena (al minuto 0:30), si vedono due uomini in piedi davanti alla Bank of Melbourne affrontati da sei agenti. Davanti a loro, sulla strada, ci sono quattro agenti in sella a cavalli recalcitranti. La sensazione evocata da questi episodi è la stessa: un uso eccessivo della forza da parte della polizia.

Data la massiccia presenza della polizia in mezzo alle manifestazioni di protesta per il costante deterioramento dei diritti umani fondamentali, si potrebbe avere l’impressione che l’Australia stia davvero affrontando una crisi esistenziale.

Mentre questo può essere vero per quanto riguarda l’obesità, l’abuso di droga e i senzatetto, sembra essere una vera e propria esagerazione quando si tratta di Covid-19. Dopo tutto, mentre le prove delle emergenze sopra menzionate sono visibili ovunque nel Paese, l’unico posto in cui il coronavirus sembra esistere in Australia è nei canali dei notiziari notturni (che, tra l’altro, hanno fatto un pessimo lavoro nel tenere il loro pubblico aggiornato sugli ultimi sviluppi. Fonti in Nuova Zelanda, per esempio, ci dicono che i media del Paese hanno praticamente ignorato le proteste anti-lockdown avvenute appena al di là del Mar di Tasmania).

Per esempio, il premier del Nuovo Galles del Sud, la signora Gladys Berejiklian, nel tentativo di dipingere la pandemia come il nemico numero uno, ha espresso dal tubo catodico le sue “più profonde, più profonde condoglianze” alle famiglie di tre persone morte durante la notte per/con il coronavirus. Chi erano queste vittime? Il pubblico non è stato informato delle loro identità, ma la Berejiklian le ha descritte come “un uomo di 80 anni, un uomo di 90 anni e una donna di 90 anni.”

È solo un’intuizione, ma in ognuno di questi “tragici” casi il killer silenzioso non potrebbe essere stata la comorbidità, conosciuta a livello popolare come “veneranda età”? Sì, ogni vita è preziosa e vale la pena salvarla, ma l’amministrazione australiana sta forse puntando in segreto all’immortalità assoluta della propria popolazione e non solo alla prevenzione? Questo, se fosse vero, sarebbe certamente il massimo dell’ironia, considerando che lo sforzo sta uccidendo praticamente tutti. Infatti, sembra che la vera pandemia che affligge il popolo australiano sia la paura sponsorizzata dal governo.

Nel frattempo, il premier di Victoria, Daniel Andrews, ha aggiunto l’insulto al danno quando, dal suo pulpito di prepotenza ha detto ai cittadini, ora privati del lavoro e anche dei bar dove far passare il tempo, che era vietato togliersi la mascherina per bere alcolici all’aperto. Se anche il consumo di bevande analcoliche all’aperto ricada negli stretti confini del regolamento sulle mascherine, il caro leader non l’ha detto. Tuttavia, la risposta sembra abbastanza chiara, dal momento che lo stato sta usando gli elicotteri della polizia per allontare dalle molte e famose spiagge della nazione anche chi si limita a prendere il sole.

Tutta questa follia si è abbattuta sugli abitanti di Down Under dopo che il continente aveva assistito solo ad una minima impennata dei casi di Covid. Nello stato del Nuovo Galles del Sud, per esempio, dove si trova Sydney, sabato sono stati registrati appena 825 casi positivi, un aumento rispetto ai 644 del giorno precedente. Nello stato di Victoria, dove si trova Melbourne, la situazione appare ancora meno preoccupante, con solo 61 casi segnalati a partire da sabato. Questi bassi tassi di infezione, insieme ad un alto livello di scetticismo pubblico per quanto riguarda la sicurezza dei vaccini Covid, si traducono in appena un 29% di popolazione che, fino ad oggi, ha scelto di essere vaccinata.

Così, mentre l’unica preoccupazione dei meschini tiranni di Down Under sembra essere quella di iniettare ad ogni singolo cittadino australiano il vaccino di Big Pharma  (insieme ai richiami a vita e ai lockdown che certamente seguiranno), quella della popolazione è cercare di salvare la propria salute collettiva, la sanità mentale e il lavoro.

Non è un compito facile quando la polizia dà del filo da torcere anche a chi viene trovato a portare a spasso il cane senza mascherina. In questi giorni, in Down Under, anche il migliore amico dell’uomo sembra essere in una situazione migliore delle persone che lottano per la sopravvivenza.

Robert Bridge

[*] Il termine Down Under è un colloquialismo utilizzato in riferimento all’Australia, alla Nuova Zelanda o a qualsiasi Paese insulare del Sud Pacifico, come le Fiji e le Samoa. Il termine deriva dal fatto che questi Paesi si trovano nell’emisfero sud, “al di sotto” di quasi tutti gli altri Paesi, nella disposizione abituale di una mappa o di un globo con il nord in alto [Wikipedia].

Fonte: strategic-culture.org
Link: https://www.strategic-culture.org/news/2021/08/25/in-name-public-safety-australia-descends-into-nightmarish-orwellian-police-state/
25.08.2021
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Notifica di
22 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
IlContadino
Utente CDC
30 Agosto 2021 8:57

Da considerare che in Australia, quanto meno nelle regioni a cui si riferisce l’articolo, le stagioni sono invertite rispetto le nostre, la nostra estate è il loro inverno, e viceversa. Possiamo quindi dire che quando lì è relativamente tranquillo qui siamo confinati, e viceversa. Una questione di clima insomma, prima o poi l’inverno arriva anche qui, tranquilli, a quel punto avremo meno tempo per pensare ai cazzi degli altri, ne avremo a sufficienza dei nostri. Comunque sia, articolo interessante, come dare uno sguardo al futuro

clausneghe
Utente CDC
30 Agosto 2021 9:22

Dove sono arrivati gli Inglesi troviamo brutture e violenza, colpa del DNA degli Albionesi intriso di omicidi e rapine.
Bruttissima gente che ha sterminato gli Aborigeni e distrutto la natura.
Eredi dei delinquenti che la Regina ha usato come colonizzatori e così come la classe non è acqua nemmeno la cattiveria lo è.

uomospeciale
Utente CDC
Risposta al commento di  clausneghe
30 Agosto 2021 15:09

Già invece dove ci stanno africani, latino americani, e arabi si sta che è una bellezza.
E’ proprio l’essere umano che è marcio dentro, punto e basta.

Divoll
Utente CDC
Risposta al commento di  uomospeciale
31 Agosto 2021 0:50

Non generalizziamo, niente “punti e basta”. Nell’essere umano ci sono bestialita’ e sublimita’, egoismo e altruismo, bene e male. Il vero mrarcio sta in chi si arrampica al potere e se ne ubriaca al punto da perdere ogni vergogna, ogni parvenza di umanita’.

Divoll
Utente CDC
Risposta al commento di  clausneghe
31 Agosto 2021 0:47

Quello degli inglesi e’ lo stesso DNA dei tedeschi. Infatti, discendono da Sassoni, Angli e Juti, che erano tutte popolazioni germaniche, mentre scozzesi, gallesi e irlandesi sono discendenti dei pacifici e civilmente avanzati celti. E gli inglesi, nelle loro colonie, si sono spesso comportati come successivamente si comportarono i nazi. Insomma, il sangue non e’ acqua…..

BrunoWald
Utente CDC
Risposta al commento di  Divoll
31 Agosto 2021 2:13

Prima affermi giustamente che nell’essere umano “ci sono bestialita’ e sublimita’, egoismo e altruismo, bene e male”, per poi aggiungere che inglesi e tedeschi sono kattivi nel DNA, al contrario dei civili celti. Mi sembra un pò contraddittorio.
Noi italiani abbiamo una certa ruggine verso inglesi e tedeschi per via di un inconfessato complesso di inferiorità. Ma in realtà, come scrive uomospeciale, l’umanità in media è la stessa dappertutto, il sublime si esprime solo in certi individui o gruppi specialissimi. Tutti gli altri si comportano allo stesso modo, tutti sono ugualmente bastardi non appena ne hanno l’opportunità.
E chiaramente, i “nazi” non fecero eccezione: solo che si erano messi contro i Padroni del Mondo e hanno perduto, perciò ne hanno fatto il paradigma del Male. Dopo quasi un secolo dovremmo pur capirlo.

PS: gli inglesi mi stanno terribilmente sulle palle, salvo eccezioni, ma non mi illudo certo che noi si sia migliori, o che nelle colonie ci siamo comportati meglio…

Ultimo aggiornamento 20 giorni fa effettuato da BrunoWald
VincenzoS1955
Utente CDC
30 Agosto 2021 9:28

Questa è la crisi sistemica, del sistema liberal-capitalistico per intenderci, il comunismo reale è andato in crisi da tempo. E come tutte le crisi capitaliste non può che sfociare o in una guerra o in una dittatura come in questo caso. Una dittatura instaurata con l’inganno-farsa del Covid per aggirare le costituzioni delle nazioni, che serve a perpetuare il potere di quella stessa criminale casta che l’ha provocata e che ha devastato il pianeta portando l’umanità sull’orlo della catastrofe.
Dunque: quello che resta da fare per i cittadini consapevoli di questo stato di cose è continuare la resistenza, magari alzando il livello dello scontro sempre rimanendo sui binari della disubbidienza civile e pacifica finché c’è lo permettono. Il primo di settembre, contro la “dittatura sanitaria”, c’è la mobilitazione simultanea davanti alle stazioni ferroviarie di 54 città italiane. Io cercherò di non mancare in quella di Napoli.

Ultimo aggiornamento 21 giorni fa effettuato da VincenzoS1955
ton1957
Utente CDC
Risposta al commento di  VincenzoS1955
30 Agosto 2021 10:53

Si manifesta pacificamente, poi si torna a casa a pagare le tasse che saranno usate per comprare altri vaccini, altri manganelli ed assumere altri kapo.

VincenzoS1955
Utente CDC
Risposta al commento di  ton1957
30 Agosto 2021 11:19

Per adesso… Per adesso.

danone
Utente CDC
30 Agosto 2021 9:54

Anni fa vidi una doc-inchiesta di Michel Moore che raccontava la vicenda di un tipo, in America, che, dopo aver fatto l’esame di amissione nel corpo di polizia, convocato dall’esaminatore, si sentì dire che lo rifiutavano, perchè aveva ottenuto un punteggio più alto del range dei risultati che loro ammettevano per assumere il candidato.
E’ evidente che in una svolta autoritaria del potere politico istituzionale, i corpi di sicurezza devono operare dalla parte del potere, percui quest’ultimo si è già attrezzato al riguardo, garantendosi stuoli di gendarmi dal quoziente intellettivo mediamente inferiore al cittadino medio, ma anche al delinquente medio.
Questo, se da una parte gioca a nostro sfavore, perchè fa presumere che sarà difficile avere l’appoggio dei corpi sub-speciali di sicurezza, dall’altra però garantisce che se riusciremo a metterla sul piano dell’intelligenza anzichè sulla forza bruta, avremo qualche carta da giocarci.

Primadellesabbie
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
30 Agosto 2021 22:37

“…si sentì dire che lo rifiutavano, perchè aveva ottenuto un punteggio più alto del range dei risultati che loro ammettevano per assumere il candidato. …”

Se questo episodio fosse vero e non sporadico sarebbe, da parte mia, motivo di stima e rispetto per un sistema che prevede la possibilità di descriversi con tale disarmante chiarezza.

danone
Utente CDC
Risposta al commento di  Primadellesabbie
30 Agosto 2021 23:02

Pronti :-))

Michael Moore – Se sei intelligente non puoi entrare in polizia
https://www.youtube.com/watch?v=14wHfC4X2pM

Primadellesabbie
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
31 Agosto 2021 8:13

Un Moore magro e combattivo.

Quando c’era la leva obbligatoria si spendevano 3 giorni di visite mediche e prove attitudinali durante le quali ricordo qualcosa di curiosamente affine, e anche i consulenti per le assunzioni, per certi lavori, diffidano delle persone che non sappiano tenere a bada la loro intelligenza.

danone
Utente CDC
Risposta al commento di  Primadellesabbie
31 Agosto 2021 8:38

Se questi metodi di selezione dei corpi di sicurezza sono sistemici in occidente, scordiamoci che possano passare dalla parte della ragione, se non pochi singoli elementi.

emilyever
Utente CDC
30 Agosto 2021 10:19

Già la pazzia australiana si era manifestata l’anno scorso quando i medici di base che avessero usato l’idrossiclorochina per la seconda volta (per la prima sarebbero stati multati) avrebbero rischiato l’arresto per avvelenamento del paziente. Mi chiedo, ma a questo punto, perchè gli australiani vanno a farsi testare? esiste ancora qualche medico che li curi a casa senza fare il tampone? forse no…

ton1957
Utente CDC
30 Agosto 2021 10:32

Non si é trasformato in uno stato di polizia, lo é sempre stato, mancava solo la scusa buona per renderlo palese ai distratti cittadini che credono di vivere in una democrazia. Tra l’altro ci si lagna, in tutto l’occidente, di ció che gli stessi occidentali hanno sempre chiesto (piú sicurezza). Il potere li ha e ci ha accontentati, il popolo é sovrano e se chiede piú manganellate vá ascoltato.
Ricordate il G8 di Genova, i no-tav, i forconi, insultati dai democratici cittadini ben contenti di pagare tasse per acquistare manganelli, pistole elettriche e non e spray urticanti, ben contenti di uno stato di polizia che, da decenni, fighetti perbenesti chiedono a gran voce? beh! adesso c’é e sará potenziato, nessuno negherá un aumento di tasse per la sua sicurezza e le manganellate per chi dissente…….chi semina vento raccoglie tempesta. Vaccino, cetriolo o lager sta tutto nel volere del potere e di quanti soldi in tasse riusciamo a fornire.

Primadellesabbie
Utente CDC
Risposta al commento di  ton1957
30 Agosto 2021 22:47

“Non si é trasformato in uno stato di polizia, lo é sempre stato…”

Se avete qualche conoscente affidabile (che non vanti come un affare il bidone di auto che si è comprato, per intenderci) che abbia vissuto in Australia, provate a chiedergli di descrivervi la vita in fabbrica (quante volte e quando poteva andare a fare la pipì, ad es.), o di parlarvi della scarsità di strutture sociali come asili, case di riposo e dei loro costi …

Ultimo aggiornamento 20 giorni fa effettuato da Primadellesabbie
CaptainWildBillKelso
Utente CDC
30 Agosto 2021 11:23

“Mentre questo può essere vero per quanto riguarda l’obesità, l’abuso di droga e i senzatetto, sembra essere una vera e propria esagerazione quando si tratta di Covid-19.”

L’uso di “mentre” in funzione concessiva, ossia al posto di “anche se”, “sebbene”, “seppure”, è un anglicismo che si potrebbe anche evitare (“while”). “Mentre” in italiano ha solo funzione temporale (“mentre mangio guardo la TV”) o avversativa (“Lui lo sa, mentre lei non ne ha idea). Sono pedante? Forse, ma amo la mia lingua.

Pfefferminz
Utente CDC
30 Agosto 2021 11:24

C’è una correlazione fra numero di vaccinati e misure restrittive? O fra grado di abolizione del contante e misure restrittive? La Svezia ha avuto un trattamento di favore perché ha già abolito il contante?

Percentuali dei NON vaccinati al 29/8/2021 (ZDF)

Francia 29%
Gran Bretagna 29,7%
Italia 30%
Israele 32,2%
Svezia 32,6%
Germania 35,2%
Australia 55,2%
Nuova Zelanda 61,3%
Russia 70,2%
Sudafrica 85%
Egitto 95,1%

Ultimo aggiornamento 21 giorni fa effettuato da Pfefferminz
lurker
Utente CDC
Risposta al commento di  Pfefferminz
30 Agosto 2021 16:12

Italia 30%

Israele 32,2%

Quindi Israele, di solito presentato come lo stato piu’ avanti di tutti nella vaccinazione di massa, e’ dietro l’Italia ed altri stati europei? Questi numeri mi sembrano strani.

Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  lurker
31 Agosto 2021 0:44

“Questi numeri mi sembrano strani.”

Sembrano strani anche a me. La fonte è la ZDF, il secondo canale della televisione pubblica tedesca.

GioCo
Utente CDC
30 Agosto 2021 18:03

Bene. Noi abbiamo al solito fatto da apripista, mostrando al Mondo come si fa e adesso “il Mondo” applica, perché non deve più crederci, che ha funzionato si è visto. Quindi da adesso, ovunque sia valutato necessario, il metodo verrà applicato.
Metodo che abbiamo ancora da smaltire, qui, non è affatto finita, ancora c’è n’è, ma nel frattempo ha dato i suoi frutti. Lo vediamo, è incontrovertibile: l’adesione massiccia all’assurdo è un dato di fatto. Per ciò adesso chi è senza scrupoli ne avrà ancora meno e se necessario prenderà con la forza ciò che non riesce a ottenere con le buone. La responsabilità di tutto ciò ricadrà poi su chi ha aderito per pavidità.
Non mi sembra difficile da capire.

22
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x