In Georgia si prospetta un colpo di stato in stile ucraino?

Un cambio di potere violento è improbabile, ma le tensioni attuali mettono in luce le debolezze del sistema politico del Paese.

Di Fyodor Lukyanov, rt.com

Un altro Stato ex-sovietico è attanagliato da violente proteste: si prospetta un colpo di stato in stile ucraino?

L’intera storia moderna della Georgia, che risale alla fine degli anni ’80, è una cronaca di tentativi di cambiamento; si tratta di tentativi caotici di attuazione, seguiti dal lavoro per stabilizzare la situazione e costruire una solida struttura statale, prima che inizi un nuovo ciclo.

Ogni volta ci sono presupposti socio-politici oggettivi per queste perturbazioni, a cui si sovrappongono fattori interni ed esterni.

Fattori interni: Eccessiva personalizzazione della politica e ossessione per alcuni leader in ogni fase: Zviad Gamsakhurdia (1991-1992), Eduard Shevardnadze (1995-2003), Mikhail Saakashvili (2004-2013) e Bidzina Ivanishvili (leader de-facto nell’ultimo decennio).

Fattori esterni: una lotta reale, o forse fittizia, per l’influenza tra Russia e Occidente.

Questa volta si tratta del tentativo del governo di introdurre una legge sugli “agenti stranieri“, che l’opposizione sostiene essere molto simile a norme simili già imposte in Russia.

Ma la radice dei problemi è molto più profonda.

Il problema dell’attuale governo è che ha cercato di adottare una posizione distaccata e neutrale in una situazione di crescente instabilità internazionale, riducendo i grandi gesti precedentemente associati alla politica georgiana. L’affermazione di proteggere il proprio popolo dai costi di una crisi politico-militare estera che si sta diffondendo, è legittima. Tuttavia, nel complesso, la crisi è acuta e coinvolge un numero crescente di attori che chiedono certezze.

In secondo luogo, il gioco del distacco presuppone forti posizioni interne (potere) ed esterne (riconoscimento da parte delle élite del diritto a una certa sovranità).

In altre parole, per insistere su una “terza via” pur essendo al centro delle cose bisogna essere la Turchia, o almeno l’Ungheria.

La Georgia non è come questi Paesi, perché la sua identità politica sotto tutti i governi è stata costruita sul desiderio di unirsi all'”Occidente”, con quasi tutti i mezzi possibili. E a qualsiasi condizione. La legittimità di tutte le autorità si è basata sulle promesse di “integrazione europea”.

Un’altra questione è che la Georgia, a causa della sua posizione geografica (transcontinentale e lontana dagli attuali confini dell’UE), non ha mai sperimentato realmente i benefici di questa integrazione. Tuttavia, ciò non ha impedito che l’allineamento con Bruxelles venisse proclamato come un obiettivo e persino come un mezzo per raggiungere un fine.

Il tentativo di ritirarsi dai diktat dell’UE è ora percepito come un tradimento degli “ideali europei”, che comportano il sacrificio di sé.

La Moldavia è un esempio di comportamento europeo “corretto” (sic), mentre quello “sbagliato” è esibito dalla Georgia. Di conseguenza, le pressioni interne da parte di una minoranza in rivolta sono sostenute da pressioni esterne da parte dell’UE e degli Stati Uniti.

Essi sostengono che il governo sia colluso con il presidente russo Vladimir Putin, mentre l’ex favorito occidentale Saakashvili langue in prigione. Il fatto che l’influenza di Mosca, in questo caso, sia completamente fittizia è irrilevante. La questione russa è troppo radicata nella coscienza politica della Georgia.

Un rovesciamento delle autorità in stile Maidan è improbabile; nell’opposizione non ci sono vere e proprie forze di linea dura, come quelle viste a Kiev.

Il fronte principale sarà ora quello esterno: le pressioni dell’UE e degli Stati Uniti per costringere Tbilisi ad abbandonare la neutralità e la capacità (o incapacità) delle autorità di eluderla. Le loro risorse sono limitate.

Di Fyodor Lukyanov, rt.com

Fyodor Lukyanov. Caporedattore di Russia in Global Affairs, presidente del Presidium del Consiglio per la politica estera e di difesa e direttore di ricerca del Valdai International Discussion Club.

Fonte: https://www.rt.com/russia/572683-georgia-is-gripped-by-huge-protests/

09.03.2023

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
7 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
7
0
È il momento di condividere le tue opinionix