Home / ComeDonChisciotte / IL GRANDE RIARMO PLANETARIO

IL GRANDE RIARMO PLANETARIO


di JACQUES DUFOUR
Mondialisation

Il processo di riarmo planetario prosegue allegramente nel 2009 con spese militari che continuano ad aumentare ed esercitano un grave prelievo di risorse che dovrebbero servire allo sviluppo umano. Nello stesso tempo, la crisi finanziaria che imperversa su scala mondiale spinge i governi a prelevare somme astronomiche dai bilanci nazionali per salvare le fortune dei più ricchi. I due fenomeni combinati insieme generano un processo di impoverimento generale e contribuiscono alla disintegrazione delle società.

Il presente articolo ha per obiettivo una breve descrizione delle interrelazioni tra questi due processi e la proposta di un’alternativa adatta a promuovere lo sviluppo, la sicurezza e i diritti umani per tutti.

[Fonte foto:: http://kayleehardman.blogspot.com/)

I. Spese militari in crescita costante

Secondo il SIPRI [Istituto internazionale di ricerca sulla pace di Stoccolma], le spese militari mondiali sono in crescita costante dal 1998 (Figura 1). Nel 2007 hanno raggiunto la somma totale di 1.339 miliardi di dollari, di cui il 45% corrisponde alla quota degli Stati Uniti che hanno speso 541 miliardi di dollari, ossia il 3,4% in più rispetto al 2006. La Gran Bretagna occupa il secondo posto con una spesa di 59,7 miliardi di dollari. La Cina segue di poco con 58,3 miliardi di dollari e poi la Francia con 53,6 miliardi di dollari [radio-canada.ca].

E’ importante ricordare che nel 2008 l’amministrazione Bush, per l’anno fiscale compreso da ottobre 2008 a settembre 2009, ha stanziato una somma di 3.100 miliardi di dollari per l’intero settore della difesa, comprese le spese per le guerre in Afghanistan e Iraq. Il budget nazionale della difesa negli Stati Uniti raggiungerà quest’anno la somma di 606,4 miliardi di dollari che rappresenta il più grande stanziamento dedicato alle spese militari dalla fine della Seconda Guerra mondiale. A titolo di confronto, quello della Russia è di 33 miliardi di dollari per l’anno fiscale 2007 e quello della Cina di 46,7 miliardi di dollari [humanite.fr].

Figura 1 – Le spese militari mondiali 1988 – 2007
(Fonte: globalissues.org)

Con le turbolenze e i capovolgimenti provocati dalla crisi finanziaria globale, si può anticipare un sostanziale aumento dei budget che saranno consacrati quest’anno e nel 2010 alla difesa e alla sicurezza nel mondo, spese effettuate a scapito delle sviluppo umano. Ancora in cantiere ci sono la modernizzazione dei sistemi per assicurare la sicurezza delle infrastrutture e dei dispositivi necessari al buon funzionamento e all’espansione del complesso militar-industriale. Tuttavia, i progetti militari sono concepiti sempre di più per una maggiore sorveglianza dei cittadini e per domare le insurrezioni e le rivolte popolari che rischiano di moltiplicarsi nell’arco dei prossimi anni.

II. I dollari dei piani di salvataggio riciclati nel commercio mondiale degli armamenti

Sembra più che probabile che le somme colossali inscritte nei piani di salvataggio finanziario delle grandi banche saranno in gran parte riciclati nel commercio mondiale degli armamenti così come è avvenuto per i petrodollari nel corso degli ultimi decenni del ventesimo secolo. Lo pensiamo in ragione dei due seguenti fattori: il primo riguarda l’elevata concentrazione spaziale delle risorse finanziarie dei piani di salvataggio nei principali paesi esportatori di armamenti e il secondo risiede nelle regole di funzionamento intrinseche al sistema capitalista stesso.

I principali paesi esportatori e importatori di armamenti

Secondo i dati dell’Istituto internazionale di ricerca sulla pace di Stoccolma (SIPRI), cinque paesi, gli Stati Uniti, la Russia, la Germania, la Francia e il Regno Unito, controllano il 64% del commercio di armi nel mondo. Nel 2007, sono note transazioni di vendita e di acquisto di materiale militare di varia natura dell’ordine di 1.130 miliardi di dollari. Questo commercio è stato per il 48% di competenza degli Stati Uniti [degerencia.com].

Secondo i dati dell’ultimo rapporto dello stesso Istituto reso pubblico la settimana scorsa, il commercio di armamenti ha visto un aumento del 22% tra il 2002 e il 2007. I principali acquirenti sono stati la Cina, l’India, il Medio Oriente e Israele. In America latina, il principale compratore è stato il Cile che ha acquistato il bombardiere olandese F-18 per un importo di 260 milioni di euro [utopiacontagiosa.wordpress.com].

Il modus operandi delle operazioni finanziarie del capitalismo

Il modus operandi privilegiato dalle banche è di investire nei settori forti dell’economia e quello della difesa è sempre stato favorito in tal senso perché genera in sé, essendo in costante espansione, immensi profitti sia per i produttori che per i fornitori agli eserciti nazionali e, di conseguenza, per investitori e gestori di fondi. I diversi interventi degli Stati occidentali per salvare l’economia capitalista si sono materializzati nei piani di salvataggio che, secondo le ultime stime [prisonplanet.com], hanno totalizzato la somma di 8,5 trilioni di dollari (un trilione rappresenta 1.000 miliardi). Questa cifra enorme è stata prelevata dai bilanci nazionali minacciando il mantenimento di programmi sociali e rendendo molto più fragili le disposizioni dei contratti collettivi di lavoro.

Per fomentare una recrudescenza o un’effervescenza continua delle spese militari, in vista dell’acquisto di nuovi equipaggiamenti e per il mantenimento delle installazioni e la conservazione del personale richiesto, va da sé che è necessario incoraggiare il commercio internazionale di armi. Mostre e fiere che espongono i più moderni armamenti disponibili sul mercato vengono organizzate un po’ dappertutto nel mondo. La settimana scorsa, la Turchia ha ospitato a Istanbul i “grandi nomi dell’industria della difesa in occasione della nona edizione della mostra internazionale IDEF) [spyworld].

Queste fiere si svolgono nell’ombra o di soppiatto e le informazioni sui contratti di vendita e di acquisto restano segrete. Non vengono divulgate che al momento in cui costituiscano una leva politica nell’ambito di campagne elettorali. Allora ne vengono svelati alcuni frammenti se fanno parte del programma politico dei partiti suscettibili di andare al governo.

Questa mostra, come dozzine di altre che si svolgono ogni anno in tutti i continenti, permette ai produttori ed esportatori di armi di fare conoscere i loro nuovi prodotti agli eventuali acquirenti. Così a Istanbul, la fiera ha ospitato, il 29 e 30 aprile scorsi, 462 espositori provenienti da 45 paesi. All’appuntamento sono giunte 42 delegazioni ufficiali. Si tratta in effetti della più grande esposizione commerciale della Turchia [spyworld-actu.com].

I prodotti per la guerra esposti

I sistemi e prodotti esposti riguardavano dispositivi di difesa terrestre, navale, aerea e aerospaziale, di trasporto e di attività logistiche di supporto ed equipaggiamenti e materiali per l’approvvigionamento di eserciti nazionali [idef07.com].

Dalla cerimonia di apertura:

“Il ministro della Difesa della Turchia ha ricordato che una volta gli approvvigionamenti delle forze armate turche venivano fatti con acquisti diretti o con produzioni comuni, finché a partire dal 2000, l’obiettivo dell’industria della difesa è stato quello di sviluppare idee personali nei campi prioritari e di costituire una struttura idonea alla competizione internazionale nell’industria della difesa, orientandosi verso partnership e cooperazioni in quei casi in cui le possibilità di design non erano possibili. Il ministro ha fornito i seguenti dati: tutti i sistemi concepiti in Turchia sono sistemi operativi ed esportati in diversi paesi: sistemi di puntamento e di visione notturna, radio tattica, sistema radar di controllo del tiro, veicoli blindati, navi pattuglia e sorveglianza marittima, sistemi di difesa aerea a bassa quota, simulatori per aerei ed elicotteri, mappe elettroniche, diverse tipologie di razzi e armi … La maggior parte dei progetti sono progetti RD lanciati con Tubitak nel 2005, dopo altri progetti di Ricerca e Sviluppo (RD) supportati dal Fondo di sostegno all’Industria della difesa e del ministero nazionale della Difesa.” [trtfrench.com].

Il Canada in lizza con quattro esposizioni nel 2009 e 2010

Industria Canada presenta il calendario di queste fiere nel periodo che va da marzo 2009 a luglio 2010 [ic.gc.ca]. I 27 eventi lencati si terranno principalmente nei grandi paesi esportatori di armamenti come gli Stati Uniti, l’Australia, l’Italia, la Francia e il Regno Unito e in altri paesi che rientrano tra i buoni compratori o potenziali intermediari come il Canada, il Cile, Dubai o Singapore. In Canada, avranno luogo quattro mostre a Vancouver, Halifax, Montreal e Ottawa. La capitale accoglierà CANSEC 2009 il 27 e 28 maggio prossimi [defenceandsecurity.ca]. Si tratta della più grande esposizione di materiale per la difesa del Canada. CANSEC 2009 esporrà i prodotti per la difesa e le tecnologie avanzate a favore delle agenzie governative e dei dipartimenti interessati dalla sicurezza, la protezione del pubblico e i piani di emergenza.

CANSEC 2009 rappresenterà la decima edizione del genere che si tiene ad Ottawa “il che dimostra, secondo gli organizzatori, il grande valore che viene accordato al fatto di fare incontrare gli esperti di sicurezza con i rappresentanti dell’industria. Riconoscendo l’importanza della sicurezza nazionale e continentale nella congiuntura attuale, l’esposizione presenterà le capacità industriali e i servizi offerti idonei ad aiutare il Canada a onorare i suoi impegni in materia di sicurezza nazionale ed internazionale” [defenceandsecurity.ca].

Si ha cura di notare che la fiera è riservata esclusivamente ai dipendenti del governo, al personale militare e della sicurezza canadese e ai membri dell’Associazione canadese delle industrie della difesa e della sicurezza (CADSI). Non saranno ammesse eccezioni.

IV. Come sarebbe possibile destinare i piani di salvataggio ad altri scopi

Investimenti nei settori dell’educazione, della salute e nella ricostruzione e protezione dell’ambiente sarebbero molto più redditizi e ne potrebbero beneficiare tutti. In effetti, secondo le stime dell’Organizzazione mondiale della Salute (OMS), riprese dal Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (PNUE) in GEO-4, “i costi e i benefici necessari per raggiungere gli obiettivi del Millennio per lo sviluppo nel campo dell’acqua e dell’igiene, assommavano a un totale di circa 26 miliardi di dollari con un rapporto costi/benefici da 4 a 14. Differenti scenari preparati dalla Banca mondiale, pur raddoppiando i costi stimati dall’OMS, presentavano ancora un rapporto costi/benefici che andavano da 3.2 a 1 che potrebbero salvare la vita a più di 1 miliardo di bambini di età inferiore ai 5 anni nel periodo 2015 – 2020” [PNUE, 2007, p. 492]. Secondo i dati del Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente, “la somma necessaria nel corso dei prossimi 15–20 anni per raggiungere gli obiettivi del Millennio per lo sviluppo allo scopo di garantire la conservazione dell’ambiente (obiettivo n. 7) si situa probabilmente tra 70 e 90 miliardi di dollari all’anno” [PNUE, 2007, p. 492].

Alcune organizzazioni operanti nella cooperazione internazionale per lo sviluppo hanno cercato di misurare l’ampiezza considerevole di tali risorse finanziarie che sono state concesse per salvare l’economia capitalista dei paesi ricchi da un naufragio inevitabile. Secondo Duncan Green, globalmente i salvataggi, alla data di gennaio 2009, mostrano secondo le stime Oxfam che le somme accordate o promesse alle banche e ad altri istituti finanziari erano fino ad allora dell’ordine di 8.424 trilioni di dollari, di cui 903 miliardi di dollari di fondi governativi, 661 miliardi di dollari per l’acquisto di assets tossici, 1,38 trilioni di prestiti e più di 5,48 trilioni a garanzia dei debiti. L’equivalente di 1.250 dollari per ogni uomo, donna o bambino del pianeta [whitebandaction.org].

Secondo lo stesso autore, una somma di 173 miliardi di dollari sarebbe il costo annuale per mettere fine all’estrema povertà nel modo, ossia una somma che permetterebbe all’ 1,4 miliardi di abitanti con un reddito inferiore a 1,25 dollari al giorno di uscire dal loro stato di povertà. Egli conclude sottolineando il fatto che le risorse destinate al salvataggio finanziario globale sarebbero sufficienti per mettere fine alla povertà nel mondo per i prossimi 50 anni [whitebandaction.org].

Conclusione

Il processo di riarmo planetario non sembra, ai nostri occhi, ipotecato o arrestato dalla crisi finanziaria. Al contrario, i piani di salvataggio di economie ampiamente basate sulla produzione di armamenti non possono che essere ad essa favorevoli, come è il caso degli Stati Uniti e dei membri dell’Unione Europea. L’impatto del disastro finanziario si prospetta molto pesante per l’insieme delle condizioni di vita della popolazione mondiale. Non può che rendere ancora più vulnerabili le popolazioni povere o in via di impoverimento a causa dell’aumento della disoccupazione e delle difficoltà di accesso a risorse vitali come l’acqua e il cibo.

Con la combinazione della crisi finanziaria e del massiccio riarmo il mondo è entrato in una spirale di deficit e di debiti pubblici giganteschi che mettono in pericolo la difesa dei diritti umani e delle libertà fondamentali. Il processo di impoverimento della maggioranza sembra svilupparsi più che mai a ritmo accelerato [Michel Chossudovsky, La débâcle fiscale des États-Unis], perché le soluzioni adottate dai governi non servono che ad accentuare la dinamica di questa spirale di precarietà, di schiavitù, di malattia e di morte, con l’unico scopo di salvaguardare gli averi e di accrescere il potere degli individui più ricchi del pianeta.

Riferimenti

AFP. 2009. Istanbul accueille l’industrie de la défense. 29 aprile 2009. [Spyworld Actu] Défense International. Istanbul accoglie questa settimana i grandi nomi dell’industria della difesa nel mondo in occasione della nona edizione del Salone internazionale IDEF. Online:
http://www.spyworld-actu.com/spip.php?article10581

AHMAD, Noora. Islamic.2009, Total Bailout Costs Estimated More Than Combined Historical Expenditures. Filed under: Business/Economy, January Volume I- 2009, National | Tags: Bailout. 2 gennaio 2009. Online : http://islamicpost.wordpress.com/2009/01/02/total-bailout-costs-estimated-more-than-combined-historical-expenditures/

ANNAN, Kofi A. 2005. Dans une liberté plus grande. Développement, sécurité et droits de l’Homme pour tous. New York, Nations Unies. Settembre 2005. 95 pp.

Army Recognition,
Online:http://www.armyrecognition.com/index.php?option=com_content&task=view&id=818

APUNTES INTERNATIONALES. 2008. Panorama actual del comercio de las armas en el mundo (I parte). Cinco países controlan el 64% del comercio mundial de armas. 11 aprile 2008. Online: http://www.degerencia.com/actualidad.php?actid=17834=17834

BAUDET, Marie-Béatrice e Adrien de Tricornot. 2008.
Comprendre les plans de sauvetage. Le Monde.fr. 10 ottobre 2008. Online:
http://www.lemonde.fr/la-crise-financiere/article/2008/10/18/comprendre-les-plans-de-sauvetage_1108469_1101386.html

BRUCE, Dr. 2008. The Real Cost Of The Bailout. 5 dicembre 2008. Faith and Facts. Online:
http://www.faithandfacts.com/2008/12/05/the-real-cost-of-the-bailout/

Calendario degli eventi del settore aerospaziale e della difesa 2007-2008:
http://strategis.ic.gc.ca/epic/site/ad-ad.nsf/fr/ad03575f.html

Canadian Association of Defence and Security Industries – CANSEC:
http://www.defenceandsecurity.ca/cansec2007/

COLECTIVO UTOPIA CONTAGIOSA. 2009. Nuevo informe del SIPRI sobre comercio internacional de armas.
Online: http://utopiacontagiosa.wordpress.com/2009/04/30/nuevo-informe-del-sipri-sobre-comercio-internacional-de-armas/

CORN, David. 2008. That $700 Billion Wall Street Bailout May Be Closer to $3 Trillion. Mother Jones. 11 novembre 2008. Online: http://www.motherjones.com/mojo/2008/11/700-billion-wall-street-bailout-may-be-closer-3-trillion

CHOSSUDOVSKY, Michel. 2009. La débâcle fiscale des États-Unis. Montréal, Centre de recherche sur la mondialisation (CRM). 23 marzo 2009. Online:
http://www.mondialisation.ca/index.php?context=va&aid=12865

DUFOUR, Jules. 2006. Guerres ou Paix. Des mouvements de solidarité pour la survie de l’humanité. 4 ottobre 2006.
Online: http://www.mondialisation.ca/index.php?context=viewArticle&code=DUF20061004&articleId=3380

DUFOUR, Jules. 2007. Réarmer le Canada aux dépends du développement humain.
Pauvreté au Canada et priorité à la défense nationale. Centre de recherche sur la mondialisation, Montréal, 17 maggio 2007. Online:
http://www.mondialisation.ca/index.php?context=viewArticle&code=DUF20070517&articleId=5675

DUFOUR, Jules. 2007. La nouvelle course aux armements. Montréal, Centre de recherche sur la mondialisation. 9 luglio 2007.
Online: http://www.mondialisation.ca/index.php?context=va&aid=6270

DUFOUR, Jules. 2007. L`État de la pauvreté dans le monde : un bilan controversé. 50 ans de lutte contre la pauvreté dans le monde : Des efforts mitigés pour un échec retentissant. Montréal, Centre de recherche sur la mondialisation. 31 agosto 2007.
Online: http://www.mondialisation.ca/index.php?context=va&aid=6529

DUFOUR, Jules. 2008. Canada: Course effrénée aux dépenses militaires Montréal, Centre de recherche sur la mondialisation. 17 gennaio 2008. Online:
http://www.mondialisation.ca/index.php?context=va&aid=7826

DUFOUR, Jules. 2009. Une guerre mondiale au secours de l’Empire américain. Montréal, Centre de recherche sur la mondialisation (CRM). 3 marzo 2009.
Online: http://www.mondialisation.ca/index.php?context=va&aid=12533

GREEN, Duncan. 2009. G20: Global bailout enough to end world poverty for 50 years.. News Blog, Oxfam. aprile 2009. Online:
http://www.oxfam.org.uk/applications/blogs/pressoffice/?p=4080&newsblog

INDUSTRIE CANADA. 2009. Calendrier d’événements du secteur de l’aérospatiale et de la défense. 2009
Online: http://www.ic.gc.ca/eic/site/ad-ad.nsf/fra/ad03575.html

Istanbul. IDEF ’09. Scope of the Fair:
http://www.idef07.com/idef.php?main=kapsam&lng=eng

Istanbul. IDEF ’09. Delegation List:
http://www.idef07.com/idef.php?main=heyetlistee&lng=eng

Istanbul. IDEF’09. 464 exposants:
http://www.idef07.com/idef.php?main=katilim2009e&lng=eng

Istanbul accueille l’industrie de la défense. Journal le Devoir, le 29 avril 2009, p. A9:
http://www.ledevoir.com/2009/04/29/247944.html

LESECHOS.FR. FRANCE. 2008. La zone euro adopte un plan de sauvetage sans précédent du système financier. 13 ottobre 2008. Online: http://www.lesechos.fr/info/france/4784146-la-zone-euro-adopte-un-plan-de-sauvetage-sans-precedent-du-systeme-financier.htm

Gli obiettivi per lo sviluppo del Millennio: http://www.un.org/french/millenniumgoals/

Magazine de défense. Force terrestre mondiale:
http://www.armyrecognition.com/index.php?option=com_content&task=view&id=818

MONCI, Peter. 2009. La stratégie d’Obama, l’énorme déficit fédéral, est insoutenable. Sun Sentinel.com et Montréal, Centre de recherche sur la mondialisation (CRM) . 13 aprile 2009. Online: http://www.mondialisation.ca/index.php?context=va&aid=13160

PRESSE CANADIENNE. 2009. É-U: un nouveau plan de sauvetage financier. Le 6 febbraio 2009. Les affaires.com. Online: http://www.lesaffaires.com/article/0/gouvernement/2009-02-05/488899/eteacuteu-un-nouveau-plan-de-sauvetage-financier-lundi-.fr.html

PNUE. 2007. GEO-4. L’environnement pour le développement.
http://www.unep.org/geo/geo4/media/

Radio-Canada.ca con Associated Press. 2008. International / Dépenses militaires. Toujours armés jusqu’aux dents. 9 giugno 2008.
Online: http://www.radio-canada.ca/nouvelles/International/2008/06/09/008-depenses-militaires.shtml

RITHOLTZ, Barry. 2008. Big Bailouts, Bigger Bucks. The BIG PICTURE. 25 novembre 2008 Online: http://www.ritholtz.com/blog/2008/11/big-bailouts-bigger-bucks/

SILICONINDI NEWS BUREAU. 2008. World bailout 10 times higher than Indian economy. 7 dicembre 2008. Online:
http://www.siliconindia.com/shownews/World_bailout_10_times_higher_than_Indian_economy-nid-49651.html

STOCKWEB. 2009. Total sum of bailouts – $8.5 trillion.. 19 gennaio 2009. Online: http://stockweb.blogspot.com/2009/01/total-sum-of-bailouts-85-trillion.html

ZERROUKYL, Hassane. 2008. Explosion des dépenses militaires américaines. États-Unis . Quand il quittera la Maison-Blanche, Bush laissera une lourde ardoise. Il a sollicité un budget record pour la défense, aggravant le déficit. L’Humanité. 6 febbraio 2008. Online:http://www.humanite.fr/2008-02-06_International_Explosion-des-depenses-militaires-americaines

Jules Dufour, Ph.D., è presidente dell’Associazione Canadese per le Nazioni Unite (ACNU)/Sezione Saguenay-Lac-Saint Jean, professore emerito all’Università del Quebec a Chicoutimi, membro del circolo universale degli Ambasciatori di Pace, cavaliere dell’Ordine nazionale del Quebec.

Titolo originale: “Le grand réarmement planétaire
Fonte :
Link: http://www.mondialisation.ca/index.php?context=va&aid=13499

05.05.2009

Scelto e tradotto per Come donchisciotte.org da MATTEO BOVIS

Pubblicato da

10 Commenti

  1. Di fatto, la distorsione della giustizia e della coscienza della vita,
    ha preso questo squilibrio, come risultato:
    Poveri da una parte e morti ammazzati, in crescita,
    E crescita degli armamenti mondiali.
    Poi, la fame cresce, come cala la ricchezza dello stare (bene)
    i dissesti fondati su organismi e articolazioni che non si cambiano mai, fanno terremoti con macerie,
    e i pochi che rimangono, nella scrematura di questo difettoso umano,
    si confrontano ad egemonie, guerre, ruberie, ottusita’, e tanto altro.

    Dove volete che arriviamo. Ci sara’ un est e un owest, un alto e un basso,
    un mondo a destra e a sinistra, rappresentato dagli ultimi cretini intelligenti,
    che avendo in mano carte, titoli, e armamenti, mandati da popoli e da affiliazioni,
    se le suoneranno e suoneranno tutti quelli che sono da una parte o dall’ altra.

    E saranno quelli che, catalizzeranno pure il plagio del dissesto delle masse,
    convinte che gli altri, capi e popoli, siano la rovina del mondo.

    La mente umana e mondiale, e’ diventata come tecnorate e misera, che si guasta sempre di piu’ da sola,
    non avendo piu’ nemmeno una bricciola di buon senso, a mo’ di lievito,
    per far fermentare una qualche forma diversa e’ migliore di status.
    Il pazzo impazza, e i pazzi, tacciono e seguono.
    Il meccanismo e’ nelle menti, e sapere che c’e’, sarebbe gia’ una evoluzione,
    e’ per questo, che pensare e dire, e’ diventata una forma sorpassata ed estinta.
    Tutto si dice e no, con una X.
    Nella vita si mettono tante X, e tanti silenzi.
    A parlarne, i nemici spuntano dappertutto, a cominciare da casa propia.
    Figuriamoci, se non bisogna prendere le strade alla larga.

  2. Articolo interessante, al quale vorrei aggiungere una precisazione. Gli stanziamenti militari sono calcolati, ovviamente, sulle stime dei budget delle nazioni per il settore e sul mercato internazionale delle armi. Ora, le cifre sopra esposte – correttissime – devono tener conto che l’esborso è molto diverso secondo i paesi che vendono, acquistano o ristrutturano. Ad esempio, il refitting di un F-5 in Iran costa molto meno che in Arabia Saudita, poiché i costi degli specialisti (nazionali nel primo caso, ipoteticamente stranieri nel secondo) sono molto differenti. Così anche per gli acquisti, che nel “pianeta” ex URSS o nei Paesi del Patto di Shangai sono più bassi, come per le comuni merci d’importazione da quei Paesi. Dunque, a parità di esborsi finanziari, non coincide parità di mezzi. Questo spiega il riarmo (numericamente, in termini di sistemi d’arma) molto consistente di Cina ed India. Sulla “validità” dei mezzi, anche qui, non possiamo basarci sulla semplice spesa, poiché troppi sono i fattori che concorrono a determinare la validità di un sistema d’arma. Ad esempio, la sua “collocazione” all’interno delle strategie di quel Paese: non dimentichiamo che, modesti lanciarazzi a carica doppia, hanno avuto la meglio, nel 2006, in Libano, del miglior carro che esista, il Merkawa israeliano.

  3. Il Merkawa israeliano non e’ considerato dagli esperti il miglior carro armato
    che esista:pare inoltre che gli usa abbiano in dotazione un nuovo carro che
    non e’ mai stato usato in alcuna operazione militare e il cui tremendo
    potenziale e’ sconosciuto al mondo,eccezion fatta ovviamente per alcuni
    papaveri del pentagono.

  4. Mi piace la storia e ho letto molto al riguardo, non certamente tutto, ma per quel poco che so il riarmamento e lo sbocciare di guerre è sempre andato a apri passo con imminenti crisi economiche.
    E’ risaputo che a risollevari le sorti di un paese in crisi costruire armi (usate altrove) per piccole guerre aiuta l’economia(del paese costruttore) a risollevarsi.
    Ma questa faccenda mi sembra al quanto rischiosa.

  5. ogni crisi alimenta tensioni, oltre che cercare sbocchi di guadagno che in un contesto economico in ristagno diminuiscono….quindi l’industria militare diventa il bene rifugio sia per profitto e sia perché intanto sulla scena globale sono apparse nuove realtà economiche, quindi nuovi equilibri, nuove forze determinate a difendere quanto conquistato(cina, venezuela brasile..il nucleare iraniano, la stessa russia)………………………………………………poi è relativo(e francamente non c’ntra un cazzo)che un ingegnere aereonautico iraniano costi meno di un saudita….o che hezbollah con comuni rpg da 2000 dollari abbia lessato i merkawa da un milione di dollari(cifre approssimative) ….come non c’entra il costo dei mezzi, che in definitiva alla fine sono gli stessi, sia per gli iraniani che per i sauditi…dato che i primi hanno dovuto finanziare il programma per esempio dei nuovi missili da 2000km o dei caccia di ultima generazione…mentre i sauditi li comprano chiavi in mano ……………IL DATO DI FATTO è CHE LE SPESE MILITARI SONO AUMENTATE IN TUTTO IL MONDO NON SOLO OCCIDENTALE QUASI A LIVELLO DEGLI ANNI 30-40 ….e non solo perché il capitale a caccia di profitto in tempi di crisi economia globale si butta sulle armi….MA SOPRATTUTTO PERCHé SI STANNO DELINEANDO NUOVI EQUILIBRI, DOVE CERTAMENTE NON MANCHERà L’USO DELLA FORZA PER STABILIRE GERARCHIE E RAPPORTI DI FORZA………………………….siamo cioè al cospetto di una svolta epocale, dove per ora si sta combattendo nell’ambito economico finanziario, ma nel futuro molto prossimo non è escluso che la mappa politico strategica degli anni a venire non venga (ri)disegnata da devastanti conflitti…..(ES,QUANTO SONO DISPOSTI GLI USA-UK-ISRAELE A PERDERE IL PRIMATO POLITICO GLOBALE SENZA REAGIRE DISPONENDO DEGLI ARSENALI TRA I PIù DEVASTANTI ? E QUANTO è DISPOSTA LA SINO-RUSSIA-IRAN CHAVEZ ETC A SUBIRE LE IMPOSIZIONI USA-UK-ISRAELE SENZA REAGIRE?)

  6. Concordo sul Merkava che comunque é tra i più avanzati. Ad ogni modo, gli prg moderni a doppia carica si sono dimostrati molto efficaci.

    Mi permetto però di esprimere seri dubbi sull’esistenza di questo ipotetico carro segreto americano. Di certo avranno dei prototipi e probabilmente ne staranno studiando di tutti i colori ma da qui ad “avere un carro in dotazione”, cioé operativo, ce ne passa. E ho dubbi anche sul “tremendo potenziale” poiché un carro é pur sempre un carro mica ci possono montare gli ICBM sopra, sarebbe anti-economico.

  7. Per tremendo potenziale mi riferivo ovviamente ad eventuali confronti
    con altri carri,non in senso assoluto.Nelle guerre nel deserto tuttavia i
    panzer risultano tuttora decisivi.Gli americani hanno questo carro segreto e penso che presto lo potremo vedere in azione:nuove nubi
    di guerra si addensano sul medio oriente.

  8. Con rispetto alle tue affermazioni: hai dati specifici a riguardo? Fonti?

    Per quanto ne so io, l’M1A2 attualmente in forze all’USArmy rimarrà in linea per un bel pezzo. Il progetto in sè (M1) non é nuovo ma l’ultimo aggiornamento (A2) sì. Prima di un altro carro passeranno almeno una decina d’anni e si parla di 2020 anche su wiki.

    In effetti allo stato attuale l’M1A2 é uno dei migliori carri al mondo (se si trascura il prezzo) contro cui solo le maggiori potenze possono competere. E non credo che gli usa cerchino (o cercheranno) uno scontro campale con una di esse (Cina, Russia, Inghilterra, India, paesi EU) poiché tutte dispongono di deterrente nucleare e/o sono più o meno alleate.

    Possono mettere in linea nel giro di qualche anno un nuovo main battle tank tecnologicamente avanzato? Probabilmente si anche se ho dei seri dubbi sui possibili margini di miglioramento. Ma la domanda vera é: sarebbe conveniente? Secondo me proprio no.

    Se devono combattere paesi del terzo (o quarto) mondo come sono abituati a fare quello che hanno già va benone e costerebbe troppo mandarlo in pensione. Infatti si stanno impegnando per sviluppare e rendere operativi nuovi dispositivi per la guerra asimmetrica come vari aggeggi teleguidati (UAV in primis ma anche mezzi robotizzati in dotazione alle forze di terra) che dovrebbero risparmiare la vita a qualche soldatino impegnato a stanare perfidi terroristi.

    Poi, militarmente parlando, non esiste l’arma finale. Un dispositivo può avere una finestra di tempo in cui é particolarmente efficace ma prima o poi verrano studiate le contromisure: Il tank indistruttibile (http://en.wikipedia.org/wiki/Panzer_VIII_Maus) é un mito al pari della corazzata inaffondabile (http://it.wikipedia.org/wiki/Yamato_(nave_da_battaglia)).

    Sul fatto che nel deserto i tank la fanno da padroni, anche qui non é sempre così (vedi Libano, appunto). Le variabili da prendere in considerazione sono troppe e troppo dipende da chi si deve combattere nonché dalle dottrine di impiego che oramai non sono specifiche ma joint-force (una volta c’erano dottrine di terra, aeree e navali ma ora tutti gli eserciti moderni hanno una dottrina unica per la coordinazione di operazioni interfoze). Ammetto che senza dubbio il deserto é un teatro perfetto per questi mezzi ma non é detto che questo sia decisivo per lo scontro nel suo insieme. Nelle guerre moderne, una delle cose più importanti é il controllo dello spazio aereo. L’esercito usa non va neanche in bagno senza il controllo aereo. E anche qui abbiamo conferma dai poderosi investimenti fatti nei programmi F22 e F35. In generale, comunque, in fatto di warfare moderno si può solo parlare per linee ideali poiché non ci sono stati di recente scontri alla pari ma solo scontri asimmetrici.

    Molto imho ma mi tengo abbastanza informato sull’argomento.

    Ciao!

  9. GUERRA – 24 giugno 1859 – & PACE – la vittoria recente vittoria della LEGA Nord nel lombardo-veneto: è cambiato qualcosa?

    Chi sale in cima alla Rocca di Solferino può leggere inciso su una grande lastra di pietra il risultato della più sanguinosa battaglia che si svolse da quelle parti su un fronte di 15 chilometri da Solferino a San Martino

    Si scontrarono due eserciti con 230.000 combattenti, sotto gli occhi di 2 imperatori (Francesco Giuseppe aveva soli 29 anni) e il prossimo re d’Italia Vittorio Emanuele II.
    In 10 – 12 ore si svolse la più sanguinosa battaglia della storia italiana.
    I morti, con i feriti che morirono nei giorni seguenti, salirono a 15.000 franco-sardi e altri 14.000 austriaci.

    Questa carneficina sembra aver indotto Napoleone III a firmare l’armistizio a Villafranca, con questo atto concludendo di fatto la seconda guerra d’indipendenza

    In questi giorni per le vie di Solferino ogni casa porta o la bandiera d’Italia o la coccarda tricolore e sventolano molte bandiere della Croce Rossa.
    Sarebbe bene sapere quanti di coloro che hanno contribuito alla vittoria della Lega nord -partito in cui il suo capo BOSSI a Venezia sbottò indicando di cacciare il tricolore nel WC- si sentano italiani…

    Non mi sento certo un nazionalista, anzi, ma in questi giorni mi chiedo con angoscia “tutti quei morti, morirono INVANO?”

    Elìa Villafranca di Verona

  10. E’ ovvio che non esiste un’arma finale in grado di mutare le sorti della
    guerra in breve tempo fatte salve alcune eccezioni:il t-34 russo ad esempio,
    di cui i tedeschi ignoravano l’esistenza,fu quello che probabilmente impedi’
    il crollo dell’armata rossa di fronte alla Wehrmcht e si rivelo’ il miglio carro
    nel conflitto fino al 1943.Nel 1943 i tedeschi misero in produzione i primi
    modelli di carro tigre che erano dei veri e propri prodigi,di gran lunga
    superiori a qualunque altro carro.Era troppo tardi per mutare le sorti della
    guerra e inoltre l’industria tedesca ne poteva produrre troppo pochi sotto
    i continui bombardamenti anglo americani,ma se lo avessero avuto dall’inizio
    della guerra il mondo oggi sarebbe probabilmente diverso.
    Il nuovo carro americano cui si accenna su alcune riviste americane
    specializzate del settore,entrera’ in produzione definitiva nel 2010 e sostituira’
    entro due anni l’M1a2 anche se di fatto e’ una sua evoluzione:corazza semiattiva praticamente imperforabile da qualunque arma anche con proiettili all’uranio,si parla di un cannone dal calibro mostruoso,velocita’ una
    volta e mezzo superiore all’m1 ed un equipaggio ridotto perche’ quasi
    tutto a guida automatizzata.In caso di guerra all’Iran,che a me sembra
    prima o poi inevitabile,lo vedrai in azione.Un saluto