“Il 5G non causa cancro”: tribunale tedesco condanna professore negazionista. 6 mesi di galera se nega l’evidenza del danno!

oasisana.com

Clamorosa notizia dalla Germania. La Corte d’Appello del Tribunale regionale superiore anseatico di Brema ha condannato Alexander Lerchl, professore di Biologia ed Etica della Scienza e della Tecnologia nella facoltà di Scienze naturali e chimica dell’Università di Brema. Motivo? Da oltre un decennio il docente continuava a negare sia il nesso causale dell’insorgenza cancerogena che la possibile rottura del DNA dovuta all’esposizione cronica da radiofrequenze onde non ionizzanti (le stesse del 5G e di tutti gli altri standard wireless). Per questo è stato condannato: nella sentenza si legge anche di una pena da 250.000 euro di multa o la reclusione fino a 6 mesi nel caso di un’eventuale reiterazione del reato. Con questa storico ed inedito pronunciamento, i giudici tedeschi hanno praticamente messo una pietra tombale sul neagazionismo del danno, spostando ora la questione della moratoria 5G dal più blando Principio di Precauzione al più evidente Principio di Prevenzione, considerato poi che gli studi del docente condannato risultano persino tra quelli in esame dalla Commissione Internazionale per la Protezione dalle Radiazioni Non Ionizzanti (ICNIRP), l’ente privato con sede a Monaco, anche questo negazionista, composto da membri già al centro di scandali per conflitti d’interessi con l’industria, ma soprattutto nevralgico a livello internazionale, visto che dall’ICNIRP dipende – a livello mondiale – l’asserita non nocività di wireless e 5G nella riduzionistica teoria dei soli effetti termici.

OASI SANA riporta parte della notizia lanciata sul sito americano Microwave News.

Una corte d’appello tedesca ha ordinato ad Alexander Lerchl di smettere di diffamare gli autori di due documenti che dimostrano che le radiazioni dei telefoni cellulari possono rompere il DNA e possibilmente causare il cancro. Per più di un decennio, Lerchl, professore di biologia alla Jacobs University di Brema, ha accusato, senza prove, che i dati sperimentali del laboratorio di Hugo Rüdiger presso l’Università di Medicina di Vienna ( MUV ) erano stati fabbricati.

Nella sua tanto attesa decisione , datata 11 dicembre 2020 e rilasciata alla fine di gennaio, il tribunale regionale superiore anseatico di Brema ha minacciato Lerchl con una multa fino a € 250.000 (~ US $ 300.000), o sei mesi di prigione, se continua a denigrare falsamente i giornali Rüdiger. Le sanzioni verranno applicate ogni volta che Lerchl viola l’ordine del tribunale. Lerchl deve anche pagare € 20.000 in spese giudiziarie.

Dal 2007, Lerchl ha ripetutamente chiesto che i due documenti che mostrano rotture del DNA indotte da RF vengano ritirati. Il primo, sulle radiazioni 2G, è stato pubblicato su Mutation Research nel 2005; il secondo, sulle radiazioni 3G, è apparso negli Archivi internazionali di medicina del lavoro e dell’ambiente nel 2008. A seguito di indagini approfondite oltre le revisioni tra pari originali, i redattori di entrambe le riviste hanno rifiutato. Gli articoli rimangono nella letteratura scientifica.

Gli esperimenti sul DNA di Rüdiger facevano parte del progetto REFLEX *, uno sforzo di 3,1 milioni di euro per valutare i rischi per la salute delle radiazioni dei telefoni cellulari. Sponsorizzato dalla Commissione Europea (CE), si è svolto dal 2000 al 2004. Una dozzina di laboratori in sette paesi hanno partecipato sotto la direzione di Franz Adlkofer, poi alla Verum Foundation di Monaco. Nel tempo, REFLEX è diventato quasi sinonimo degli studi sul DNA di Rüdiger.

Lerchl “non è riuscito a soddisfare l’onere della prova richiesto che gli studi REFLEX erano stati effettivamente falsificati”, ha affermato la corte nel suo parere di 20 pagine. La nuova decisione non è impugnabile, secondo la sentenza.

“Le accuse di contraffazione si sono ora dimostrate fittizie”, ha detto Adlkofer a Microwave News in uno scambio di e-mail. “Nel corso degli anni, Alexander Lerchl non ha mai evitato qualsiasi tipo di menzogna per raggiungere i suoi obiettivi. È arrivato il momento delle conseguenze.” Adlkofer è un direttore della Pandora Foundation, con sede fuori Berlino. La fondazione ha pagato le spese del contenzioso.

Lerchl è stato il miglior ricercatore di laboratorio finanziato sugli effetti della radiofrequenza sulla salute in Germania e in tutta Europa negli ultimi 20 anni. (Vedi “Ricche ricompense per cattivo comportamento”.) Ora ci sono richieste per la cancellazione del suo più recente contratto governativo e per la sua rimozione da un comitato consultivo internazionale.

Lerchl non ha risposto a una richiesta di commento .

Fonte: https://oasisana.com/2021/02/09/il-5g-non-causa-cancro-tribunale-tedesco-condanna-professore-negazionista-6-mesi-di-galera-se-nega-levidenza-del-danno/

Pubblicato il 09.02.2021

0 0 voti
Valuta l'articolo
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
CptHook
CptHook
11 Febbraio 2021 , 13:16 13:16

Bene, almeno è un inizio…

AlbertoConti
AlbertoConti
13 Febbraio 2021 , 9:23 9:23

Bisognerebbe dirlo al neoministro Colao, chissàmai che si dimetta per tempo … (prima del giuramento sarebbe ancora meglio)