I collegi d’elite offrono agli studenti una “bolla” anti-Covid.

 

Come sempre nei momenti difficili, per alcuni è più facile sopravvivere e andare avanti, specie quando papà può permettersi di spendere circa 50.000 euro/anno per l’istruzione del proprio figliolo. Per gli altri, didattica a distanza e costi aggiuntivi e non previsti di linee dati e personal computers. 

***

Kristen V. Brown – Bloomberg

Mentre molte scuole pubbliche non sanno ancora se potranno tornare alla didattica in presenza, alcune scuole private americane sono aperte e funzionano.

 

Molte scuole superiori stanno lottando per tornare alla didattica in presenza, nonostante i casi di Covid-19 siano in crescita ma, a quanto sembra, il virus non si diffonde nelle scuole private della nazione.

Secondo Peter Upham, direttore esecutivo della Association of Boarding Schools, queste scuole sono state in grado di offrire la didattica in presenza con relativamente poche ripercussioni negative, utilizzando una grande varietà di strategie intensive di mitigazione del virus. “Circa un terzo degli oltre 260 collegi scolastici della nazione ha avuto dei casi di Covid-19” riporta Upham “ma pochissime scuole hanno riscontrato più di un paio di casi.”

In un certo senso, i collegi scolastici sono simili ai “colleges” universitari; la maggior parte degli studenti ci vive a tempo pieno. Ma mentre i colleges hanno a che fare con giovani adulti, alcuni dei quali dormono fuori dal campus, i collegi, che sono più piccoli e con meno iscritti, lavorano con i minorenni. Questo dà agli amministratori scolastici molto più controllo.

Siamo come in una bolla” dice Andrew Caslow, uno studente della Episcopal High School di Alexandria, in Virginia. “Ovviamente, sono ancora costretto a mantenere la distanza di sicurezza ma è un piccolo prezzo da pagare per stare con i miei amici.”

All’inizio del mese di settembre, mentre la Episcopal High School si preparava a tornare all’insegnamento in presenza al campus per la prima volta dall’inizio della pandemia, Caslow ha inviato urgentemente un e-mail al direttore della scuola. Il nonno di Caslow era morto a causa di alcune complicazioni generate dal Covid-19 e Andrew aveva passato del tempo a casa a fare ricerche su Covidwise, un’applicazione per la ricerca di contatti lanciata dal dipartimento della salute dello Stato che si basa su un software sviluppato dalla Apple e da Google.

I collegi sono delle bolle in cui la maggior parte degli studenti e del personale rimane all’interno del campus, con solo poche persone che escono e rientrano” ha scritto lo studente al direttore. “La ricerca di contatti potrebbe aiutare a mantenere la scuola libera dal virus” continua.

La direttrice medica della scuola, Adrianna Bravo, era già in procinto di lanciare un programma pandemico che avrebbe incluso Covidwise, ma fu contenta di ricevere la comunicazione dello studente. “Mi da speranza vedere che i giovani si preoccupano così tanto per la salute pubblica” riferisce la direttrice.

Secondo le norme che Bravo aveva impostato per la struttura, tutti coloro che sarebbero tornati al campus avrebbero dovuto prima fare il test a casa per poi eseguirne un altro il primo giorno del rientro e un terzo dopo una settimana. Con queste regole, solo due studenti sono risultati positivi, uno prima dell’arrivo nel campus e un altro il giorno dell’arrivo. I due studenti positivi sono stati mandati a casa.

Una volta che gli studenti sono risultati negativi al test sono stati messi in piccole gruppi con cui hanno potuto frequentare le lezioni e condividere i pasti. Questa è una strategia volta a mantenere basso il rischio di contagio” continua la direttrice sanitaria del campus.

Quando abbiamo aperto la scuola eravamo in zona rossa, attuando ogni sforzo possibile di mitigazione” prosegue Bravo. “Per la pausa del Ringraziamento non ci sono stati casi di trasmissione nel campus, sebbene sia stato trovato un falso positivo che ha messo la scuola in allarme per un breve periodo. Senza nuovi casi la Episcopal High School ha potuto allentare alcune regole. Per esempio, agli studenti è stato permesso di socializzare all’aperto con altri al di fuori del proprio gruppo.”

Ora posso andare in biblioteca e posso fare sport” dice Caslow. “Tante cose sono tornate relativamente alla normalità, o perlomeno alla nuova normalità di adesso.”

Generalmente, c’è una mancanza di norme nazionali o statali per i collegi” dice Upham. “Ma la maggior parte delle scuole ha le proprie rigide regole sul test, sull’obbligo di utilizzare la mascherina e sul distanziamento sociale. Molti collegi hanno addirittura ridotto il numero di studenti che possono entrare nel campus e che possono riunirsi nei dormitori e nelle classi. Alcune scuole stanno anche migliorando i propri sistemi di ventilazione e i relativi filtri per aiutare a sanificare l’aria.”

Anche se può essere un onere non indifferente, “ne vale la pena per scuole con una retta media annua di 56.875 dollari” secondo un’analisi della Boarding School Review risalente a ottobre 2019.

 

Anche la Philips Academy di Exeter nel New Hampshire ha apportato alcune drastiche modifiche alla propria operatività quotidiana.

Per ridurre il numero di studenti alloggiati in doppio nei dormitori, la scuola ha affittato una pensione del posto per l’anno in corso, trasformandola temporaneamente in un alloggio per studenti. Agli studenti non è stato permesso di praticare sport al di fuori del campus mentre è stato modificato il modo di fare sport all’interno del campus, per ridurre il contatto. Le mascherine sono obbligatorie ovunque al di fuori delle stanze da letto individuali e gli studenti potevano mangiare solo nelle loro stanze o all’esterno della struttura, purché mantenessero la giusta distanza.

Gli eventi tradizionali, come la sfida sportiva autunnale contro la rivale Philips Academy di Andover, sono stati cancellati. Molte lezioni sono state tenute online, anche con gli studenti all’interno del campus. Però, secondo Katy Lilly, direttrice medica della scuola, con l’avanzare della stagione autunnale, alcune norme sono state allentate.

La scuola ha aggiunto alcune aree in cui gli studenti potevano cenare l’uno vicino all’altro al chiuso quando le temperature all’esterno calavano. Inoltre, l’annuale sfida sportiva con l’accademia rivale è stata sostituita con una giornata di sport all’interno. Sono ricominciati corsi in presenza, utilizzando schermi di plastica tra gli studenti, montati sulle famose grandi tavole rotonde che sono un segno distintivo dell’approccio della scuola all’apprendimento.

“Abbiamo detto: ‘distanziamoci fisicamente perché non vogliamo distanziarci socialmente“, ha detto Lilly, una studentessa.

La Hill School di Pottswon, in Pennsylvania, ha assunto due professori della Cornell University per condurre una analisi dei rischi del proprio campus e ha finito per attuare un programma a blocchi per i corsi. Alla Teacher School di Ojai, California, la scuola ha installato un sistema di monitoraggio delle fognature per identificare le epidemie nelle comunità.

Molti collegi offrono corsi anche a studenti pendolari. Un numero maggiore di studenti ed insegnanti pendolari rende più difficile mantenere questi confini, ma Upham afferma che la maggior parte di loro è riuscita “almeno a creare una bolla simulata”.

A gennaio, quando gli studenti torneranno dalle vacanze in famiglia, le scuole dovranno ripetere tutte le procedure. Alla Episcopal High School, Bravo ha detto che il ritorno al collegio il 16 gennaio comporterà test intensivi precedenti al rientro e altri test nelle settimane seguenti.

 

Fonte: https://www.bloomberg.com/news/articles/2020-12-28/elite-boarding-schools-offer-students-a-unique-covid-19-bubble?utm_medium=social&utm_campaign=socialflow-organic&utm_source=twitter&utm_content=business&cmpid=socialflow-twitter-business

Traduzione di Francesco Paparella per ComeDonChisciotte

 

Probabilmente anche questo fa parte del piano. Istruzione per i super ricchi, addestramento digitale per i nuovi poveri.