Covid: cremati i morti, cancellate le prove. E 400 anni di metodo scientifico

Il Dott. Daniele Tedeschi denuncia le colpe del comitato tecnico scientifico che, imponendo la cremazione dei corpi morti durante i primi drammatici mesi di covid, non ha dato la possibilità alla comunità scientifica di affrontare la questione con la trasparenza che dà credito al metodo scientifico. Il rischio di analizzare pazienti deceduti potenzialmente pericolosi è ben conosciuto dagli scienziati, ed è gestibile, oltre che fondamentale per comprendere l’accaduto.

Daniele Tedeschi

Cheventochetira.altervista.org

Gli asintomatici nelle “attività virali” sono una norma di cui nessuno si accorge se non effettuando eventualmente un esame diagnostico che ne riveli la presenza o la risposta anticorpale. Migliaia di virus quotidianamente ci colpiscono e non portano a malattia (asintomatico significa senza sintomi: senza malattia), questo è ciò che accade da millenni. Ad oggi non c’è mai stato un “accanimento diagnostico” nel cercare quante persone siano asintomatiche ai coronavirus ed ai vari virus dell’influenza se non con SARS-CoV-2.

L’errore che viene commesso quotidianamente durante i vari “quesiti diagnostici” su soggetti assolutamente sani è considerarli “Covid positivi”: Covid significa Corona Virus Disease ovvero Malattia da Coronavirus che di fatto e per assioma della medicina e della biologia non è presente nell’asintomatico.

La diffusione di un virus è assolutamente normale così come le sue mutazioni che vengono replicate continuamente se e solo se l’ospite vive (non malato mortalmente) inducendo così l’immunità di gregge e ciò avviene proprio grazie agli asintomatici ed agli ammalati.

Un virus che uccide non potrà più replicarsi dato che l’ospite non c’è più, un virus mutato che non uccide più si replicherà e farà si che l’immunità di gregge si completi naturalmente, questo è nella natura delle cose (di medicina e di biologia) da sempre. Se un parassita uccide l’ospite non potrà andare avanti, se un parassita mutando non uccide più l’ospite, sarà la specie (virale batterica etc…) che continuerà ad essere presente su questa Terra.

L’accanimento diagnostico sugli asintomatici è una scelta politica (ovviamente non sta a me né giudicare né valutare una scelta politica) che non ha un fondamento scientifico soprattutto se, come dimostrato negli ultimi mesi, esistono terapie adeguate anche a persone con diverse comorbidità (altre malattie).

E’ altresì una scelta politica (ribadisco che non ho da giudicare) ma non scientifica far si che i decessi (ogni giorno muoiono persone perché l’immortalità non fa parte dell’essere vivente) vengano registrati come Covid qualora, indipendentemente dalla vera causa di morte (incidente stradale, cancro, patologie dell’apparato cardio-vascolare) il paziente deceduto non abbia effettuato alcuna diagnostica per SARS-CoV-2 o sia risultato positivo al contatto con SARS-CoV-2. Se queste scelte sono indirizzate al governo dal comitato tecnico scientifico è opportuno che vengano giustificate scientificamente e non politicamente da tale comitato “scientifico” (che però è stato selezionato dalla politica, sigh!): in medicina ed in biologia si chiama “rationale” ovvero il motivo (scientifico, né amministrativo né politico) per il quale si giustifica un accanimento diagnostico o una terapia.

Inserisco una nota di rammarico rispetto ai nostri connazionali cremati durante il trimestre orribilis°°°: in scienza se un fatto non è immediatamente spiegabile o dimostrabile va spiegato secondo il criterio del “metodo scientifico” (Galileo Galilei) da circa 400 anni.

Il metodo scientifico si basa su alcuni presupposti, ad esempio che gli eventi naturali osservati hanno delle cause precise ed identificabili, che ci sono degli schemi utilizzabili per descrivere quanto accade in natura, che se un evento si verifica con una certa frequenza alla base c’è la stessa causa, che ciò che una persona percepisce può essere percepita anche da altri, che si applicano le stesse leggi fondamentali della natura, indipendentemente da dove e quando si verificano determinati eventi.

Il metodo scientifico o sperimentale si articola in due fasi:

  • Fase induttiva (cioè dallo studio di dati sperimentali si giunge alla formulazione di una regola universale)
  • Fase deduttiva

La fase induttiva si divide inoltre in:

  • Osservazioni e misure (in questa fase si utilizza la strumentazione opportuna e si raccolgono i dati)
  • Formulazione di un’ipotesi, si tenta cioè di spiegare il fenomeno, mediante la “lettura” dei dati sperimentali.

La fase deduttiva si distingue in:

  • Verifica dell’ipotesi (si sottopongono i dati ad una verifica rigorosa, si fanno delle controprove, ecc.)
  • Formulazione di una teoria, nel caso in cui l’ipotesi venga confermata.

In pratica il metodo scientifico è un modo di conseguire informazioni sul meccanismo di eventi naturali proponendo delle risposte alle domande poste: per determinare se le soluzioni proposte sono valide si utilizzano dei test (esperimenti) condotti in maniera rigorosa.

La rigorosità del metodo scientifico risiede nel fatto che una teoria NON è MAI DEFINITIVA MA è SUSCETTIBILE DI MODIFICHE E SOSTITUZIONI, qualora vengano alla luce nuovi aspetti non ancora considerati.

Il metodo scientifico richiede una ricerca sistematica di informazioni e un continuo controllo per verificare se le idee preesistenti sono ancora supportate dalle nuove informazioni. Se i nuovi elementi di prova non sono favorevoli, gli scienziati scartano o modificano le loro idee originarie.

Il pensiero scientifico viene quindi sottoposto ad una costante critica, una modifica ma anche ad una rivalutazione: è questo che lo rende così grande ed universale. (Bibliografia: Enger – Ross – Concepts in biology – McGraw Hill 2002 —- Lilia Alberghini – Franca Tonini – Biologia – Arnoldo Mondadori Scuola 2005 (ISBN 88-247-2452-3) —- Isaac Asimov – Breve storia della biologia – Zanichelli 2005 (ristampa) (ISBN 88-08-02472-5)

°°°Far “sparire” cremandole, le persone decedute durante il trimestre orribilis ha di fatto cancellato 400 anni di storia dell’umanità riguardo al metodo scientifico sul quale ci si basa per ogni scoperta scientifica in qualsiasi ambito. Non mi permetto quindi di giudicare la politica, ma di certo un comitato tecnico scientifico, che ha consigliato tutto questo alla politica, è tutto fuorché scientifico nelle sue risultanze e decisioni.
Nel 2020 e non ai tempi del colera: rispondo già adesso riguardo i “rischi che avrebbero comportato i pazienti deceduti”: il <<Biorischio di livello 4>> e gli agenti di rischio biologico <<Categoria A UN 2814 >> sono previsti nelle attività di ricerca (in questo millennio e non nel secolo della peste quando si bruciava tutto). Cancellare con la cremazione ha significato eliminare la possibilità di capire cosa stesse succedendo, è stata eliminata la possibilità di utilizzare correttamente il metodo scientifico da parte di chi, ancora oggi, NEGA l’evidenza di ciò che oggi, e non tre mesi fa, stia succedendo. Negare l’evidenza degli errori commessi e molti ancora in corso NON fa parte del metodo scientifico checché il nome, e solo questo, del comitato resti ancora oggi “tecnico scientifico”.

———

Daniele Tedeschi BSc PhD, Biologo iscr. albo ONB AA_043982, Dottore di Ricerca e post-Doc, Direttore Scientifico Progetto Genobioma

Fonte: https://cheventochetira.altervista.org/asintomatici-un-accanimento-diagnostico-da-giustificare/

9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Mia
Mia
30 Settembre 2020 10:27

Ma io mi domando, ancora, chi avrebbe eseguito tutte quelle autopsie.. con tutti quei morti che ci son stati, soprattutto nella zona di a Bergamo.

Hospiton
Hospiton
30 Settembre 2020 10:31

La questione delle mancate autopsie si ricollega a quella dei dati sulle vittime, completamente privi di attendibilità ma forniti con martellante insistenza dal reparto manipolazione, come al solito pronto a compiere ributtanti opere di sciacallaggio sui morti. Gli adoratori delle favole mainstream sbandierano continuamente i 35.000 morti in Italia, il milione tondo tondo (in attesa di raggiungere il secondo) a livello planetario, numeri che naturalmente non possono avere nessuna validità. Sappiamo che centinaia o addirittura migliaia di decessi sono stati causati da altre patologie, in Italia come nel resto del mondo, spesso viene comunicato sulle stesse gazzette di regime, come può quindi una mente normale prendere per oro colato cifre sparate a puro scopo terroristico e sensazionalistico, senza alcun riscontro obiettivo? A quanto pare molti non hanno gli strumenti per reggere l’impatto del fuoco di fila mediatico cui sono sottoposti da mesi (ed in generale da anni, il terreno covid è stato accuratamente preparato in anni di lavoro indefesso) e non ne farei solo un discorso relativo al grado di istruzione, anzi noto che il bagaglio culturale frutto di molti percorsi universitari (iper-specialistici e quindi inutili per una comprensione più ampia dei meccanismi che muovono la società) costituisce un enorme… Leggi tutto »

ton1957
ton1957
30 Settembre 2020 10:33

Il metodo scientifico è ancora ampiamente usato nella ricerca di armi batteriologiche ( gli scienziati del settore voglio essere certi di produrre sostanze che ammazzino in sicurezza di ammazzare ) nel civile non viene più usato, risulta obsoleto, si viaggia a protocolli dettati dai comitati economici/tecnico scientifici……fare un’autopsia ha un costo, fà un pò schifo, lo scienziato rischia anche il contagio e potrebbe risultare dannosa economicamente per i baroni della sanità (occhio non vede cuore non duole…ma sopratutto il portafoglio continua a riempirsi). In più, dalla autopsia, gli scienziati potrebbero rendersi conto che emettiamo aria infettata dai virus non solo da naso e bocca….si scoprisse ciò, oltre al tampone ed alla mascherina, saremo costretti alla rettoscopia che, nel caso si risultasse positivi, si dovrebbe ripetere almeno due volte ogni 24 ore sino alla scomparsa dei sintomi e del dolore (niente vasellina perchè altera i risultati del test) e comunque, in via cautelativa,dopo le 18 all’aperto e sempre nei luoghi al chiuso come scuole, uffici, posti i lavoro ci sarebbe l’obbligo del tappo anticovid.

Mario Poillucci
Mario Poillucci
30 Settembre 2020 11:07

La grottesca sceneggiata squallidamente turpe ed oltraggiosa di cui trattasi dice tutto circa la immonda,depravata,oscena,criminale natura delle ”istituzioni” italiote!!! Ma se vi aggrada e vi sta bene così buon pro vi faccia!!!

Maurizio
Maurizio
30 Settembre 2020 11:29

Mi sembra abbastanza chiaro che lo scopo dei protocolli che prevedevano la cremazione non era di salvaguardare il personale sanitario, ma impedire di fatto le autopsie, grazie alle quali probabilmente sarebbe emerso il numero di morti per errati protocolli di cura

CARLO
CARLO
30 Settembre 2020 11:42

Nel letargo dei Procuratori della Repubblica d’Italia (sono passati da allora 6 mesi) e del povero articolo 112 della Costituzione (obbligatorietà dell’azione penale). Gli Italiani, ci ricorda giustamente il Presidente della Repubblica amano la serietà!

Primadellesabbie
Primadellesabbie
30 Settembre 2020 13:39

Queste cose devono far riflettere sul complotto e sulla vasta e capillare adesione al medesimo e, in genere, a provvedimenti autoritari di dubbia natura.

(Possibile che nessuno, per sbaglio o con una scusa, per verificare qualche dubbio, magari relativo ad altre cause di decesso, non abbia ‘disobbedito’.).

Roberto Rey
Roberto Rey
30 Settembre 2020 15:30

Qualcuno le autopsie le ha fatte e ha scoperto che le cure erano sbagliate. Ha evitato migliaia di morti e non solo non l’hanno ringraziato ma si è pure beccato una denuncia.
Tamponano anche i lattanti e nessuno di quelli che corrono a fare il tampone si rende conto che se oggi è negativo e poi passa vicino ad un asintomatico positivo passa anche lui nella categoria dei positivi. A che cavolo serve il tampone se non a far guadagnare chi li produce ? Ma vallo a spiegare ai babbioni in coda alle Asl. Ci ho provato ma mi hanno insultato.
“Avanti poppolo a far tamponi, siamo coglioni che ci vuoi far.”

Holodoc
Holodoc
30 Settembre 2020 16:24

Galileo Galilei, il primo dei negazionisti, negava che la Terra stesse ferma e che fosse il Sole a girarle intorno, come sostenevano le autorità del tempo…

… speriamo che dall’aldilà non veda come siamo ridotti, è tornata l’Inquisizione…