COVID-19, formazione per tracciamento contatti: la quarantena “potrebbe diventare obbligatoria e applicata”.

Sembra che le libertà dei cittadini statunitensi siano sempre più a rischio a causa delle misure straordinarie di tracciamento dei contatti COVID-19 messe in atto dai politici liberali.

Doug Mainwaring – Martedì 9 giugno 2020

WASHINGTON, DC, 9 giugno 2020 (LifeSiteNews) – Nonostante il procuratore generale William Barr abbia dichiarato inequivocabilmente che l’obbligo di rimanere in casa “rappresenta un grave precedente per le libertà civili“, sembra che la libertà dei cittadini statunitensi sia sempre più a rischio a causa delle misure straordinarie di tracciamento dei contatti COVID-19 messe in atto dai politici liberali.

Sebbene venga ripetuto sempre più frequentemente da molti funzionari governativi il mantra che la tracciatura dei contatti, la quarantena e l’isolamento sono “volontari”, ciò sembra essere una palese menzogna, suggerendo che simili rassicurazioni sul fatto che le vaccinazioni saranno volontarie potrebbero anch’esse non essere credibili.

E le restrizioni richieste dai governatori e dai sindaci di tutta la nazione hanno in effetti accresciuto i loro appetiti autoritari. La risposta alla pandemia è stata usata “come una meravigliosa giustificazione per accrescere il proprio potere e per perseguitare, tormentare e accusare gli americani che sono ansiosi di riconquistare le loro vite e la libertà dopo mesi di isolamento“, secondo David Krayden, che scrive su Human Events.

Tracciamento dei contatti umani

La formazione online della Johns Hopkins University per gli addetti al tracciamento dei contatti COVID-19, spiega all’inizio che i programmi di tracciamento dei contatti sono un “bene pubblico” che deve essere conciliato con “il diritto alla privacy, alla riservatezza e all’autonomia”.

LifeSiteNews mette a disposizione schermate (1) del corso Johns Hopkins per dimostrare che l’imminente violazione della privacy e delle libertà personali da parte del governo non deriva da inferenze, ma dal materiale del corso richiesto da coloro che desiderano ottenere la certificazione come localizzatori competenti di contatti.

Ai partecipanti viene insegnato che una volta identificate le persone che sono state esposte al COVID-19, devono consigliare loro l’auto-quarantena per 14 giorni. A coloro che effettivamente hanno contratto il virus, si consiglia di isolarsi da soli per 10 giorni. Tuttavia, “in alcune circostanze, queste richieste possono essere imposte e fatte rispettare” (2).

L’applicazione della legge non è una minaccia ipotetica. Il governatore dello Stato di Washington, Jay Inslee, ha già dichiarato che coloro che si rifiuteranno di cooperare con gli addetti al tracciamento dei contatti o che rifiuteranno i test COVID-19 non potranno lasciare le loro case.

E se non lo faranno volontariamente, dice Inslee, incorreranno in sanzioni sia civili che penali.  Inoltre, se i funzionari governativi applicheranno la quarantena o l’isolamento per ordine del tribunale, gli interessati saranno passibili di multe fino a 2.000 dollari al giorno.

Schermata del sito web del Dipartimento della Sanità dello Stato di Washington

I residenti del Kentucky che rifiutano la quarantena sono stati muniti di braccialetti alla caviglia, identici a quelli che i criminali devono indossare quando sono agli arresti domiciliari.

Quando, alla fine di marzo, sono state attuate per la prima volta le norme sul distanziamento sociale e sulla quarantena, gli Stati si sono adoperati per far rispettare i nuovi regolamenti, per lo più stabiliti dall’ordine esecutivo del governatore:

  • I residenti del Maryland e delle Hawaii rischiavano fino a un anno di prigione e una multa di 5.000 dollari
  • I residenti del Texas potevano essere multati fino a 1.000 dollari e rischiavano 180 giorni di prigione
  • Gli abitanti dell’Alaska rischiavano un anno di prigione e a una multa fino a 25.000 dollari.
  • Il Canada ha minacciato i suoi residenti che violano la legge sulla quarantena con una multa fino a 750.000 dollari oltre al periodo di detenzione.

Lo Stato di Washington ha già più di 1.000 tracciatori di contatti; New York ha in programma di assumerne 17.000; la California punta ad assumerne 20.000.

I Centri per il Controllo delle Malattie (CDC) chiedono, ma non rispondono alle domande implicitamente preoccupanti sulla loro ricerca di contatti nella pagina web COVID-19, sotto “Domande operative da prendere in considerazione”:

  • In quali circostanze la quarantena sarà obbligatoria (in base alle ordinanze della sanità pubblica) e non volontaria?
  • Come saranno monitorati i contatti per il rispetto della quarantena?
  • Quali misure saranno adottate per i contatti soggetti ad autocontrollo che non si presentano come richiesto? Con che frequenza avverrà il controllo (p.es. visita a domicilio il giorno stesso)?
  • Quali misure saranno adottate se un contatto non vuole o non può essere intervistato o non può essere localizzato?

In conclusione? La quarantena, l’isolamento e la ricerca di contatti non sono volontari.

Diritto alla privacy svanito

Ogni americano che è stato paziente di uno studio medico o di un ospedale è ben consapevole del fatto che la sua cartella clinica è tutelata dall’Hipaa (Health Insurance Portability and Accountability Act), ma la tracciatura dei contatti COVID-19 (3) sembra gettare dalla finestra quel diritto alla privacy.

Le informazioni sullo stato COVID-19 di una persona molto probabilmente non verranno inserite soltanto in un database centralizzato. Alcuni stati e giurisdizioni locali condividono attualmente lo stato sanitario COVID-19 con le locali forze dell’ordine.

Il Denver Post riferisce:

Gli indirizzi dei pazienti del COVID-19 nelle contee di Denver, Boulder, El Paso, Adams, Douglas, Arapahoe e Jefferson sono stati forniti ai centri 911 in modo che gli operatori possano avvertire gli agenti di polizia e i primi soccorritori sulla presenza di nuovi casi confermati di coronavirus a quegli indirizzi.

I sostenitori di questa pratica dicono che ciò fornisce ai primi soccorritori un’importante indicazione sulla necessità di cautelarsi indossando dispositivi di protezione avanzati quando si interviene presso quegli indirizzi con casi confermati, mentre i critici dicono che si tratta di una rivelazione inutile e suscettibile di abusi.

A Denver, il dipartimento della sanità pubblica della città ha fornito agli operatori più di 1.000 indirizzi di abitazioni di pazienti COVID-19. L’elenco, aggiornato quotidianamente, comprende anche gli indirizzi dei pazienti in via di guarigione che possono uscire dall’isolamento, secondo una dichiarazione del centro di informazione comune della città.

È interessante notare che il corso di formazione della Johns Hopkins richiama l’attenzione sul sistema della Cina comunista e della Corea del Sud di mantenere “database nazionali centralizzati di numeri di telefono e località” per la gestione del COVID-19 (4).

Il grande fratello in tasca

Oltre al tracciamento dei contatti da persona a persona, gli stati e le grandi aziende tecnologiche stanno lavorando insieme per sviluppare applicazioni telefoniche di tracciamento COVID-19 che potrebbero aprire un nuovo spaventoso scenario di tirannia basato sulla “salute” e sulla “sicurezza”.

Pointr, una società che si occupa di “tecnologia di localizzazione in interni“, ha promosso con entusiasmo la partnership tra Apple e Google per fornire “tecnologia per la ricerca di contatti in tutto il mondo attraverso le applicazioni per smartphone”.

Schermata Pointr

Gli schemi del corso di formazione della Johns Hopkins illustrano come funziona (5).

Una persona con un’applicazione per il tracciamento dei contatti sul proprio smartphone trascorre la tipica giornata di lavoro, inclusi gli stretti contatti con i membri della famiglia a casa, il contatto fisico con gli altri mentre è in viaggio in autobus o in treno o al lavoro, scoprendo in seguito che sta sviluppando i sintomi di COVID-19 dopo il ritorno a casa.

Come illustrato nel grafico, ciascuna delle persone che si trovavano nelle immediate vicinanze della persona infetta veniva messa in quarantena per 14 giorni tramite il proprio smartphone.

In questo esempio che raffigura i movimenti quotidiani di decine di milioni di americani, decine o addirittura centinaia di persone potrebbero essere costrette alla quarantena a causa dell’esposizione a una sola persona nel corso di una giornata.

Quarantena perpetua

E se foste uno di quelli contrassegnati come persone che sono state su un bus vicine a una persona infetta, e dopo essere usciti da 14 giorni di quarantena ed essere tornati al lavoro, vi fosse notificato che qualcuno nel vostro ufficio ha contratto il COVID-19?  Dovreste ritornare immediatamente in quarantena per 14 giorni.

Lo schema potrebbe ripetersi continuamente, intrappolandovi in una quarantena perpetua. Non sarebbe volontario: sarebbe obbligatorio, imposto dalle autorità sanitarie e dalle forze dell’ordine. E se vi rifiutaste di rispettarlo, potreste andare incontro a pesanti sanzioni e al carcere.

L’unica via d’uscita dalla quarantena perpetua?

Tutto questo, naturalmente, porta alla conclusione che la via d’uscita per coloro che sono intrappolati in una quarantena perpetua nelle loro case sarà la vaccinazione anti-COVID-19, se e quando sarà disponibile.

La vaccinazione contro il virus diventerebbe allora, a tutti gli effetti, necessaria, se si vuole avere libertà di movimento nella società. Sarebbe l’unico modo per evitare gli “arresti domiciliari”.

Tuttavia, acconsentire alla vaccinazione potrebbe rivelarsi estremamente problematico, soprattutto per i cristiani pro-vita, se il vaccino è derivato da cellule fetali abortite, come lo sono alcuni dei vaccini in corso di sperimentazione.  Oltre a ciò, qualsiasi vaccino o farmaco sviluppato in fretta comporta rischi intrinseci per la sicurezza a causa di effetti collaterali sconosciuti.

Si prospetta inoltre uno scenario ancora più agghiacciante.

Vaccinazione obbligatoria da parte del governo?

Mentre il presidente Trump ha dichiarato che un potenziale futuro vaccino COVID-19 sarà volontario, c’è una chiara manovra in atto da parte di alcuni per imporlo ai cittadini.

A maggio, un comitato della New York State Bar Association (NYSBA) ha chiesto all’associazione di raccomandare che il vaccino COVID-19 venga considerato obbligatorio non appena disponibile.

Il rapporto del comitato ha sostenuto che la presunta gravità della pandemia di coronavirus “rappresenta una giustificazione convincente per le legislature dello Stato e per il Congresso al fine di imporre la vaccinazione COVID-19”.

L’avvocato delle celebrità, Alan Dershowitz, ha già espresso analoghe opinioni in una video intervista:

Non avete il diritto costituzionale di mettere in pericolo la popolazione e di diffondere una malattia anche se non siete d’accordo, non avete il diritto di non essere vaccinati. Non avete il diritto di non indossare una mascherina. Non avete il diritto di aprire la vostra attività… dovete assolutamente [essere vaccinati] e se rifiutate di essere vaccinati, lo Stato ha il potere di portarvi letteralmente in uno studio medico e di infilarvi un ago nel braccio, se il vaccino è studiato per prevenire la diffusione della malattia.

Dershowitz ha fatto una distinzione:

“Se la vaccinazione è finalizzata a prevenire la diffusione della malattia; se la vaccinazione è solo per prevenire una malattia che puoi contrarre, per esempio una malattia che ti ucciderà, hai il diritto di rifiutarla. Ma non hai il diritto di rifiutare il vaccino contro una malattia contagiosa. La salute pubblica… il “potere di polizia” [che si trova nella] Costituzione dà allo Stato il diritto di imporla”.

Doug Mainwaring

Fonte: https://www.lifesitenews.com/blogs/covid-19-contact-tracker-training-telling-people-to-quarantine-may-be-mandated-and-enforced

Scelto e tradotto da Cinthia Nardelli per ComeDonChisciotte

Doug Mainwaring è un giornalista di LifeSiteNews, autore e attivista per i diritti del matrimonio, della famiglia e dei bambini. Ha testimoniato di fronte al Congresso degli Stati Uniti e agli organi legislativi statali, è stato autore e co-autore di amicus briefs per la Corte Suprema degli Stati Uniti, ed è stato ospite di numerosi programmi televisivi e radiofonici.  Doug e la sua famiglia vivono nei sobborghi di Washington.

 

Comments are closed.