AstraZeneca cambia nome: ora è Vaxzevria. Ecco il nuovo bugiardino solo per l’Europa

Ma Draghi e la moglie hanno fatto AstraZeneca o Vaxzevria questa mattina?

* * *

iltempo.it

Sarà perché il nome negli ultimi tempi non era popolarissimo in Europa, ma dal 25 marzo il vaccino AstraZeneca ha cambiato nome, ribattezzato ufficialmente come “Vaxzevria”, non proprio semplicissimo da pronunciare. Dal giorno dopo sul sito di Ema, l’Agenzia europea del farmaco, è stato pubblicato anche il nuovo bugiardino del vaccino, che mette in guardia anche sui recenti eventi avversi tromboembolici, per quanto rari.

Ecco le nuove avvertenze: “È stata osservata molto raramente una combinazione di trombosi e trombocitopenia, in alcuni casi accompagnata da sanguinamento, in seguito alla vaccinazione con Vaxzevria. Ciò include casi severi che si presentano come trombosi venosa, inclusi siti insoliti come trombosi del seno venoso cerebrale, trombosi della vena mesenterica e trombosi arteriosa, concomitante con trombocitopenia.

La maggior parte di questi casi si è verificata entro i primi sette-quattordici giorni successivi alla vaccinazione e si è verificata in donne di età inferiore a 55 anni. Tuttavia ciò potrebbe riflettere l’aumento dell’uso del vaccino in questa popolazione. Alcuni casi hanno avuto esito fatale.

Gli operatori sanitari devono prestare attenzione ai segni e ai sintomi di tromboembolia e/o trombocitopenia. I soggetti vaccinati devono essere istruiti a consultare immediatamente un medico se sviluppano sintomi quali respiro affannoso, dolore toracico, gonfiore alle gambe, dolore addominale persistente dopo la vaccinazione. Inoltre, chiunque manifesti sintomi neurologici tra cui cefalea severa o persistente o visione offuscata dopo la vaccinazione oppure ecchimosi (petecchie) in una sede diversa da quella della vaccinazione dopo alcuni giorni, deve consultare immediatamente un medico”.

Nel bugiardino del vaccino AstraZeneca si avverte che “La durata della protezione offerta dal vaccino non è nota in quanto è ancora in fase di determinazione dagli studi clinici in corso” e che “la protezione inizia da circa 3 settimane dopo la prima dose di Vaxzevria. I soggetti potrebbero non essere completamente protetti fino a 15 giorni dopo la somministrazione della seconda dose”.

Anche se ora è concessa la somministrazione del vaccino a tutte le fasce di età più anziane, Ema non ha modificato l’avvertenza originaria secondo cui “I dati degli studi clinici attualmente disponibili non consentono una stima dell’efficacia del vaccino in soggetti di età superiore ai 55 anni”.

Quanto alle altre possibili reazioni avverse lievi vengono indicate le seguenti: “Le reazioni avverse segnalate più frequentemente sono state dolorabilità in sede di iniezione (63,7%), dolore in sede di iniezione (54,2%), cefalea (52,6%), stanchezza (53,1%), mialgia (44,0%), malessere (44,2%), piressia (include lo stato febbricitante (33,6%) e febbre >38°C (7,9%)), brividi (31,9%), artralgia (26,4%) e nausea (21,9%). La maggior parte delle reazioni avverse è stata di severità da lieve a moderata e di solito si è risolta entro alcuni giorni dalla vaccinazione. Se confrontate con la prima dose, le reazioni avverse riferite dopo la seconda dose sono state più lievi e segnalate meno frequentemente”.

Fonte: https://www.iltempo.it/attualita/2021/03/29/news/astrazeneca-cambia-nome-vaxzevria-nuovo-bugiardino-europa-documento-pfd-integrale-rischi-trombosi-effetti-collaterali-26709740/

Pubblicato il 29.03.2021