Home / ComeDonChisciotte / Raccolta fondi per comedonchisciotte.org

Raccolta fondi per comedonchisciotte.org

Grazie al contributo fattivo di tutti, redazione ed utenti, Comedonchisciotte.org continua a crescere.

Dalla volta che abbiamo comunicato il superamento del milione di pagine al mese, sono passati 5 mesi circa, durante i quali abbiamo affrontato dei cambiamenti legati alla messa in sicurezza delle connessioni di tutto il sito, oltre a qualche problema tecnico fisiologico.
C’è stato un momento, durato un mese circa, quando Google ha iniziato a fare terrorismo mediatico, bollando le nostre pagine come insicure, che abbiamo perso letture, eravamo tornati ai livelli di ottobre/novembre, il che è stato abbastanza deprimente, ma poi sono successe due cose.
La prima è che ci siamo accorti, da un’apposita indagine, che la maggior parte dei siti di informazione, nello stesso periodo, ha subito la stessa fase di recessione, comprendendo le testate più importanti e, anzi, possiamo affermare che CDC ha perso meno degli altri, assestandosi intorno al 5% mentre gli altri andavano dal 6 al 27%, onore al merito ai nostri lettori più assidui che non si sono lasciati spaventare.
La seconda è che abbiamo risolto la questione, criptando le connessioni, adesso abbiamo certificati validi e connessioni protette su tutti i domini e sottodomini che usiamo, quindi il problema è definitivamente risolto.
Sicuramente, essendo una situazione contingente che ha coinvolto tutte le testate o quasi, non può essere ricondotta solo al discorso connessioni, ma la corrispondenza è significativa.
Infatti, da quando abbiamo risistemato la criptazione, le letture sono ricominciate al ritmo di crescita costante che aveva contraddistinto i primi mesi della nuova veste di CDC, ovvero da metà settembre.
In sostanza, a maggio 2017 abbiamo fatto una punta di 1.031.122 pagine lette e se può sembrare poco l’incremento, va considerato che stavolta è calcolato su 30 giorni e non su 31 come l’altra volta, il che significa che, a parità di giorni, l’incremento è di oltre 60.000 pagine.
La conclusione è che il lavoro che facciamo, tutti, sta lentamente dando i suoi frutti e l’informazione sta raggiungendo un numero, sempre esiguo ma sempre crescente di lettori, il che è quello che ci si propone in un sito di informazione, di qualunque tipo.
Perché diciamo questo? è semplice: perché è ora di batter cassa 🙂

Abbiamo quasi finito i fondi della raccolta dello scorso anno e i servers continuano a dover essere pagati, ci serve il vostro aiuto, come al solito.

comedonchisciotte controinformazione alternativa utenti online
nell’immagine uno screenshot di utenti online, il vecchio server saltava a 140, con questo abbiamo superato i 240 senza problemi

A proposito di server, chi segue il forum lo sa, da novembre siamo passati da un sistema a server dedicato che ci costava circa 250$ al mese, ad un cloud, cambiando hosting e attivando una infrastruttura modulare che ci consentirà di ampliare le risorse nel caso serva, ma per ora stiamo abbondantemente sotto le potenzialità, mentre abbiamo radicalmente migliorato le prestazioni.
Il tutto, ad un costo della metà di prima, ovvero circa 120$ al mese.
Oltre a questo, abbiamo attivato un sistema CDN che ci permette di essere immediatamente serviti da qualunque parte nel mondo, con la stessa latenza, oltre a migliorare la sicurezza e la fruibilità in caso di brevi interruzioni del server.

Ci sono ancora molte cose da fare: migrare di nuovo il forum, cambiare l’interfaccia del sito, con una ancora migliore, soprattutto per i mobile il cui utilizzo è lievitato, implementeremo estensivamente il protocollo AMP di Google e altre migliorie nel corso dell’anno.
Abbiamo deciso, analisi di mesi di utilizzo alla mano, di continuare a tenere il sistema di commenti di Disqus, dato che ha portato molti più vantaggi che disagi, incrementando i commenti e, soprattutto, apportando nuovi commentatori che, nella maggioranza delle volte, si sono rivelati un buon acquisto, con contributi interessanti.
Certo, sono arrivati anche i problemi, rappresentati dai soliti nullafacenti e nullapensanti, ma questo succede nelle migliori famiglie, fortunatamente si possono eliminare facilmente, quando disturbano il civile svolgimento delle discussioni.
Sono arrivati anche i trolls e di questo, però, ne siamo anche orgogliosi.
Stiamo parlando non di semplici coglioni che sparano idiozie tanto per fare casino, ma di veri troll professionisti, debitamente pagati per indirizzare o mandare in vacca la discussione di un determinato argomento.
Questi tizi creano molteplici accounts, intervengono nella discussione con più di uno, si fanno domande, si rispondono come gli pare, provocano e, quando non riescono a far prendere al dibattito la piega che vogliono loro, cominciano ad insultarsi a vicenda, in maniera da demotivare chi invece è interessato alla discussione, ovvero gli utenti normali e civili.
Abbiamo assistito ad un vero e proprio proliferare di questi trolls, nelle discussioni inerenti la campagna elettorale francese, ad esempio, ma in forma minore anche in altri contesti.
Per sfortuna loro, non siamo così sprovveduti e li sgamiamo, magari non tutti e non subito, ma finora stanno perdendo anche grazie agli strumenti di moderazione offerti dal sistema di commenti.
Insomma, pur se ha portato qualche trozzolato (troll prezzolato) e qualche nullafacente, nel complesso Disqus è stato un buon acquisto.
Parlo di acquisto perché, da maggio 2017 i servizi di Disqus sono diventati a pagamento, o meglio, se uno accetta che mettano pubblicità sul sito, restano gratuiti, ma siccome su CDC la pubblicità non c’è e non ce la vogliamo, dobbiamo pagare 10$ al mese per avere l’opportunità di toglierla.

Ricapitolando, qui sotto ci sono i consuntivi delle spese sostenute dall’ultima raccolta fondi e la previsione di quello che si dovrà spendere per il prossimo anno così potete farvi un’idea più precisa di dove vanno a finire i soldi.
Abbiamo attivato una sottoscrizione volontaria a questa pagina, la cifra che chiediamo è pari a quella del preventivo per l’anno prossimo, al momento che si raggiunge, la sottoscrizione chiude automaticamente.
Grazie a tutti quelli che ci hanno sostenuto finora, a quelli che ci sosterranno nel prossimo anno, grazie a chi, semplicemente, ci legge e grazie a chi collabora senza remunerazione.
Senza tutta queste persone, comedonchisciotte.org non potrebbe esistere.

Vai alla pagina donazioni

Consuntivo 2016/2017

Servers hosting ca. 3.100 euro

Allestimento nuovo server ca. 350 euro

Migrazione nuovo server ca. 350 euro

Imprevisti e manutenzione servers ca. 600 euro

Totale ca. 4.400 euro, quasi tutti gli importi sono in USD, quindi abbiamo arrotondato per difetto.

Rimanenza in cassa praticamente zero, siamo un po’ in ritardo con la questua.

 

Preventivo di massima 2017/2018

Servers hosting ca. 1.500

Disqus ca. 120 euro

Manutenzione servers e fondo imprevisti 1.100 euro*

Totale 2.720 euro

La sottoscrizione cesserà automaticamente al raggiungimento dei 2.700 euro.

Correzione, ci fermeremo a 2.500 euro per evitare inutili adempimenti fiscali.

 

*Importo stimato in base ai lavori programmati, se il fondo non verrà utilizzato per spese impreviste, verrà girato alla normale mantenimento del server, allungando la data della prossima campagna di sostegno.

Manutenzione e spese impreviste sono considerate per l’intervento di tecnici esterni, i quali vogliono essere pagati e sono tutti interventi relativi strettamente all’amministrazione fisica del server.

Vai alla pagina donazioni

Pubblicato da Davide

  • oriundo2006

    Scusate, ho provato ma la connessione a PayPal non funge…

    • WM

      Ciao, ho visto che hai provato due volte, ma non saprei che dirti, le altre donazioni arrivano correttamente, magari riprova tra un po’ o domani.
      Nel caso che non ci riesci, fammi sapere dal modulo contatti, con cosa ti colleghi e che problemi incontri, in che punto della procedura ti si intoppa, se no non posso cercare di aiutarti.

      Grazie in anticipo

  • Ziome

    Ho donato con paypal, e volevo chiedervi se stavate pensando, per un prossimo futuro, di poter donare con criptomonete, tipo bitcoin, o meglio ancora con waves.

    • WM

      Intanto grazie per il tuo contributo 🙂
      per quanto riguarda le criptovalute, non so dirti ma non credo, comunque da qui al prossimo anno, chissà? la Redazione deciderà, grazie per l’input.
      In ogni caso, i nostri fornitori di hosting ragionano in termini di USD, EUR e GBP, non ci sarebbe facile utilizzare i bitcoins

      • maurizio

        Non voglio allungare la discussione e andare ot, ma tutte le criptomonete possono essere convertite in monete fiat (USD EURO ecc) con pochi click. Semplice veloce economico sicuro e nessun mediatore a cui pagare commissioni assurde.

        • WM

          Su questo hai perfettamente ragione.
          Grazie

  • Nicolass

    Fatto… contribuite non fate i tirchi… ne va della vostra libertà di informazione. Ciao.

  • WM

    Vedo che ci sono diverse donazioni in stato “pendente”, ciò significa che in qualche punto della procedura di Paypal l’operazione si è interrotta per qualche motivo.
    Ora, se l’interruzione è dovuta ad un ripensamento dell’ultimo momento, tutto ok, ma se è dovuta ad una qualche causa tecnica che non si riesce a superare e si ha ancora la volontà di contribuire, invito a contattare la Redazione per trovare una soluzione alternativa.
    Grazie in ogni caso