Home / Attualità / La visibilità della povertà. Questione di metodo
italia poverta

La visibilità della povertà. Questione di metodo

DI ANTHONY MURONI
facebook.com
400 euro di pensione al mese e un collaudato metodo di sopravvivenza.
Leggo da Antonio Manzini di occhi grandi, disincanto, pelle dura:

“Anzitutto, la scoperta della carne per cani.
Una scatola da 500 grammi costa 80 centesimi e ci si può mangiare per due giorni.
E poi il riso soffiato, anche quello per cani. Una confezione costa un euro e mezzo e può durare anche dieci giorni, una confezione. Con poco più di 16 euro ci si può mangiare per un mese.
Certo, mancano potassio e vitamine. Ma per quelle c’è il mercato. Dopo la chiusura, quando le bancarelle smobilitano, si può trovare di tutto. Frutta e verdura ammaccata, nera, ma ancora buona”.

Quanti di noi sanno qual è il numero di persone – giocoforza assenti dai social, dai dibattiti, dai convegni – che sopravvive così?
E quanti di noi sanno che, entro trent’anni, l’importo medio delle pensioni scenderà del 35% rispetto all’attuale?
E chi, tra noi, sta pensando alla società dei prossimi venti/trent’anni?
Nessuno.
Come nessuno – se non la Chiesa e le associazioni di volontariato – pensa a migliorare la vita dei sopravviventi di oggi.

Anthony Muroni

Fonte:  https://www.facebook.com

30.09.2016

 

Via http://megachip.globalist.it/Detail_News_Display?ID=126562&typeb=0&la-visibilita-della-poverta-questione-di-metodo

Pubblicato da Davide

  • Primadellesabbie

    Provate a chiamare questo link, a volte i paradossi (?)…parlano.

    https://www.google.co.uk/search?num=100&hl=en&site=webhp&source=hp&q=david+rockefeller+heart&oq=david+rockfeller&gs_l=hp.1.1.0i10k1l10.1503.8290.0.13917.16.14.0.2.2.0.101.937.13j1.14.0….0…1c.1.64.hp..0.16.942…0j46j0i131k1j0i46k1.UAA3gH4FBPM

  • Piero61

    …salve
    sono già diversi anni che, quando scendo a Genova (abito nell’entroterra) vedo persone (dimesse ma dignitose) che frugano nei cassonetti dell’immondizia, sopratutto in quelli fuori dai Mercato Orientale di via XX Settembre.
    Da ormai dieci anni (se non di più) partecipo alla “colletta alimentare” e, il numero delle persone che assistiamo cresce ogni anno e, il 95% di loro, sono italiani.
    saluti
    Piero e famiglia

  • ilsanto

    Veramente sappiamo dal 1973 grazie al MIT ed al Club di Roma che così non si può andare avanti, sai come finiva ? Ci sono solo 2 scelte o facciamo qualcosa in merito o ci penserà la natura, sembra che ne esistesse una terza, si salveranno ì pescecani !

    • Piero61

      …e prima del MIT e del club di Roma ci aveva pensato F. Bacon, poi Malthus, Darwin, e l’UNESCO di Julian Huxley…la Fabian Society di GB Shaw…
      saluti
      Piero e famiglia

      • LinCad

        E’ ovvio che il fatto che queste persone debbano mangiare cibo per cani per poter sopravvivere non ha nulla a che vedere con la sovrappopolazione.
        Pero’ e’ anche ovvio che non si puo avere una crescita della popolazione infinita in un sistema finito. Quindi prima o poi un limite alla crescita deve essere messo. E se non lo facciamo noi, ci pensera’ la natura a farlo.

  • Primadellesabbie

    E se un giorno si scoprisse che non c’é poi tutta questa differenza…..

  • uomoselvatico70 uomoselvatico7

    CiT:

    “E chi, tra noi, sta pensando alla società dei prossimi venti/trent’anni?”

    Qualcuno lo fa, ma solo nel suo privato e nelle sue scelte personali nulla più…
    Pretendere che lo facciano i politici siginifica non voler capire che ormai in quasi tutti i paesi del mondo non esistono più ne politici , nè uomini di stato.
    Ma solo burattini nelle mani delle varie multinazionali e totali inetti e opportunisti che si sono messi in politica perchè se dovevano stare sul libero mercato del lavoro in base alle loro capacità personali, sarebbero morti di fame da decenni.

    Un buon sistema per pianificare il proprio futuro a mio avviso è quello di evitare accuratamente di sposarsi e figliare visto che praticamente TUTTI quelli che oggi sono diventati anziani e abbandonati, quelli che oggi li vedi fare la coda alla caritas o frugare nei cassonetti in cerca di cibo, di figli ne hanno fatti spesso anche 3 o 4 ma sono più inutili di un secondo buco di culo sul gomito.
    Cosa questa vista succedere centinaia di volte persino tra i miei parenti..
    Bel ringraziamento in cambio di 30 anni circa di lavoro costi e sacrifici.
    Molto meglio allora investire 30 anni per se stessi,no?
    invece che per gli altri…..
    Anche perchè la miseria è l’unica cosa al mondo che si moltiplica dividendola,altro che i pani e i pesci….

  • Tizio8020

    Mi scappa da ridere .
    Lo Stato ha risorse per accogliere (no: “andare a prendere a casa loro”) migliaia di stranieri “migranti economici”, MA non le ha se si tratta di garantire una vita dignitosa ai suoi cittadini.
    Diciamo che la cosa è voluta.
    Più saremo impoveriti, e più facilmente potranno farci accettare decisioni “impopolari”.
    E pensare che NON stiamo facendo pagare tasse né alle concessioarie delle varie slot e giochi d’azzardo, né ai vari Ebay & compagnia bella.
    Sembra che anche Ikea “paghi” le tasse al suo paese (vattelapesca dove ha la residenza fiscale).
    Nel mentre, chi produce cibo non guadagna (relativamente) un cavolo, eppure al dettaglio costa tanto.
    Quando guardi certe cifre ti incazzi.
    La somma necessaria per garantire il RdC secondo il M5S è di 16,5 miliardi di € all’anno.
    Il deficit aggiun to dal bamboccio dall’inizio dell’anno è di circa 80 miliardi.
    Come a dire che potrebbero campare tutti senza problemi.