Home / Notizie dal Mondo / La grande fragilità di papa Bergoglio dopo la sconfitta di Hillary Clinton (e di George Soros)
popefrancisphoto14sep222

La grande fragilità di papa Bergoglio dopo la sconfitta di Hillary Clinton (e di George Soros)

DI FEDERICO DEZZANI

federicodezzani.altervista.org

Si è chiuso, senza gloria né echi, il Giubileo straordinario della Misericordia indetto da papa Jorge Mario: il buon senso avrebbe consigliato al pontefice una pausa per riflettere sul sostanziale fallimento dell’Anno Santo. Il papa, invece, ha moltiplicato gli sforzi per blindare la svolta modernista impressa alla Chiesa: nuova creazione di cardinali a lui fedeli e concessione a tutti i sacerdoti della facoltà di assolvere l’aborto. Forse Bergoglio ha fretta, perché sa che il contesto internazionale che lo ha portato sul Soglio Petrino si è dissolto con l’elezione di Donald Trump. Breve indagine su come l’amministrazione Obama e George Soros hanno introdotto il gesuita argentino, in forte odore di massoneria, dentro le mura leonine.

Jorge Mario Bergoglio? La versione petrina di Barack Hussein Obama

Cesaropapismo: “sistema di relazioni tra Stato e Chiesa, vigente nell’Impero romano d’Oriente e nella Russia degli zar, in virtù del quale il potere civile estendeva la propria competenza al campo religioso anche nei suoi problemi disciplinari e teologiciè la definizione data dell’Enciclopedia Treccani.

L’intervento dello Stato sugli affari religiosi, così da plasmare la Chiesa e la dottrina secondo le esigenze del potere temporale, è davvero circoscritto solo all’impero bizantino e, per riflesso, al mondo ortodosso? Il cesaropapismo è davvero estraneo all’Occidente moderno?

La maggior parte dei cattolici, collegando lo Stato autonomo del Vaticano al concetto di indipendenza, risponderebbero di sì: sono la gerarchia della Chiesa, ed in particolare il Vicario di Cristo in terra, a garantire la corretta osservanza della dottrina, senza che nessun potere esterno interferisca. Una minoranza di cattolici, più smaliziata (per non usare il termine “machiavellico”, che ha acquistato nei secoli una pessima connotazione), è invece consapevole che la Chiesa di Roma subisce, dalla notte dei tempi, gli influssi del mondo esterno: re francesi, imperatori tedeschi, generali corsi e dittatori italiani hanno sempre cercato di ritagliarsi una Chiesa su misura.

È una realtà più vera che mai dal secondo dopoguerra: il Vaticano, inglobato come il resto dell’Europa Occidentale nell’impero angloamericano, finisce inesorabilmente col subirne l’influenza politica, economica ed ideologica. Quanto avviene alla Casa Bianca, presto o tardi, si ripercuote dentro le mura leonine.

Se il potere temporale si sente poi particolarmente forte, se ha fretta di attuare la propria agenda e sa di poterla imporre con facilità alla Chiesa cattolica, indebolita da decenni di secolarizzazione della società ed in preda ad una profonda crisi d’identità, bé, allora, perché adeguarsi ai tempi dello Stato pontificio, che scorrono placidi come in tutte le monarchie? Conclave, fumata bianca, regno del pontefice, morte, conclave, etc. etc., in perpetuum? Non si potrebbe spingere a fondo “la modernizzazione” dello Stato pontificio (termine quasi blasfemo sino al Concilio Vaticano II), cosicché il papa “si dimetta”, come un amministratore delegato qualsiasi, e gli azionisti di maggioranza possano nominare un nuovo “chief executive officer” della Chiesa cattolica apostolica romana, sensibile ai loro interessi?

Durante la folle amministrazione di Barack Hussein Obama, periodo durante cui l’oligarchia euro-atlantica si è manifestata in tutte le sue forme, dal terrorismo islamico all’immigrazione selvaggia, dagli assalti finanziaria alle guerre per procura alla Russia, abbiamo assistito a tutto: comprese le dimissioni di papa Benedetto XVI, le prime da oltre 600 anni (l’ultimo pontefice ad abdicare fu Gregorio XII nel 1415), ed alla nascita di un ruolo, quello di “pontefix emeritus”, sinora mai attribuito ad un Vicario di Cristo vivente.

L’interruzione del pontificato di Joseph Ratzinger, seguita dal conclave del marzo 2013 che elegge l’argentino Jorge Mario Bergoglio, è una vera e propria “rivoluzione” per la Chiesa Cattolica, facilmente intellegibile a credenti ed atei: ad un pontefice “conservatore” come Benedetto XVI ne succede uno “progressista” come Francesco, ad un difensore dell‘ortodossia cattolica succede un modernista che vuole “rinnovare” la dottrina millenaria della Chiesa, ad un papa che aveva ribadito l’inconciliabilità tra Chiesa Cattolica e massoneria1 ne subentra uno che è in fortissimo odore di libera muratoria, ad un pontefice sicuro che solo nella Chiesa di Cristo c’è la salvezza segue un paladino dell’ecumenismo, talmente ardito da osare l’impensabile: “non esiste un Dio cattolico, esiste Dio” afferma ad Eugenio Scalfari nel 2013.

Il Fondatore de La Repubblica, ben introdotto negli ambienti “illuminati” nostrani ed internazionali, è in effetti un’ottima cartina di tornasole per afferrare il mutamento in seno alla Chiesa: si passa dall’editoriale “Da Pacelli a Ratzinger, la lunga crisi della Chiesa2 del maggio 2012, dove Scalfari ragiona a distanza sul pontificato “lezioso” di Ratzinger, rinfacciandogli una scarsa apertura alla modernità, a Lutero ed all’ecumenismo, al dialogo tête-à-tête del novembre 2016, dove Scalfari discetta amabilmente con Bergoglio di “meticciato universale”, tema tanto caro alla massoneria3.

Jorge Mario Bergoglio è, per usare una definizione sintetica, la versione petrina di Barack Hussein Obama. Si potrebbe sostenere che sia stato il presidente americano ad installare il gesuita ai vertici della Chiesa, ma sarebbe un’affermazione soltanto verosimile. Come vedremo tra breve, infatti, sono gli stessi ambienti che hanno appoggiato Barack Obama (e che avevano investito tutto su Hillary Clinton nelle ultime elezioni) ad aver preparato il terreno su cui è germogliato il pontificato di Bergoglio. È il milieu, per non tenere i lettori sulle spine, della finanza angloamericana, di George Soros e dell’establishment anglofono liberal.

Se si riflette sugli ultimi tre anni di pontificato, l’azione del papa sembra infatti ricalcata sull’amministrazione democratica. Obama si fa il paladino della lotta al surriscaldamento globale, culminata col Trattato di Parigi del dicembre 2015? Bergoglio risponde con l’enciclica ambientalista “Laudato si”. Obama ed i suoi ascari europei, Merkel e Renzi in testa, incentivano l’immigrazione di massa? Bergoglio ne fornisce la copertura religiosa, finendo col dedicare la maggior parte del pontificato al tema. Obama legalizza i matrimoni omosessuali? Bergoglio si spende al massimo affinché il Sinodo sulla famiglia del 2014 si spinga in questa direzione. Obama vara una discussa riforma sanitaria che incentiva l’uso di farmaci abortivi? Bergoglio allarga all’intera platea di sacerdoti, anziché ai soli vescovi, la facoltà di assolvere dall’aborto.

Come è stato possibile insediare in Vaticano un pontefice che fosse in perfetta sintonia con l’amministrazione democratica di Obama e, sopratutto, espressione degli interessi massonici-finanziari retrostanti?

Ebbene, cercheremo di fornire una riposta al quesito col presente articolo.

Alcuni, specie i cattolici più sanguigni, vedono nella caduta di Ratzinger e nella nomina di Bergoglio nient’altro che l’azione del demonio: l’avvento, secondo alcuni, addirittura di quel papa nero che secondo la profezia di Nostradamus spalancherà le porte dell’Apocalisse. Noi, abituati a vivisezionare il potere (sovente “demoniaco”, questo sì) con criteri scientifici, adotteremo però il solito approccio storico-deterministico, cercando i principi di causa-effetto che hanno portato alla caduta di Ratzinger prima, ed all’ascesa al soglio petrino di Bergoglio poi.

Se, malauguratamente, nella nostra ricerca ci dovessimo imbattere in forze demoniache, bé, possiamo solo sperare che la Provvidenza ci protegga.

Ora. Il primo passo in questi casi è, come sempre, sbarazzarsi della vecchia gerarchia, il maggiore intralcio per l’insediamento di quelle nuove figure su cui il Potere scommette tutto: è una dinamica già vista in Italia con Tangentopoli, che spazzò via la vecchia classe dirigente italiana spianando la strada ai governi “europeisti” di Amato, Prodi, etc.; già vista in Germania con la Tangentopoli tedesca che decapitò la CDU e favorì l’emergere della semi-sconosciuta Angela Merkel; già vista a Firenze con lo scandalo urbanistico sull’area Castello che eliminò l’assessore-sceriffo Graziano Cioni ed avviò la scalata al potere di Matteo Renzi; già vista in Brasile con lo scandalo Petrobas che ha causato la caduta di Dilma Rousseff e la nomina a presidente del massone Michel Temer; etc. etc.

Accuse di corruzione (fondante o non), illazioni infamanti, minacce, sinistre allusioni, carcerazioni preventive, battage della stampa, false testimonianze, omicidi: qualsiasi mezzo è impiegato per “scalzare” i vecchi vertici indesiderati. Nel nostro caso, l’obiettivo sono il papa Joseph Ratzinger ed il suo seguito di cardinali conservatori, da defenestrare a qualsiasi costo per l’avvento di un pontefice modernista, il gesuita Jorge Mario Bergoglio.

CONTINUA QUI

Pubblicato da Davide

  • vocenellanotte

    Trovo questa volta l’intervento di Dezzani ineccepibile sotto tutti i punti di vista. Anche quello epidermico: questo Papà non mi è mai piaciuto.

  • PietroGE

    Questa volta Dezzani ha centrato il bersaglio con un articolo informativo e illuminante. Non è il solo a pensarla in questo modo, perché anche Socci è più o meno sulla stessa linea, però è colui che è riuscito a mettere insieme una teoria che ha un senso compiuto e che è supportata dai dati. Condivido in pieno i motivi elencati per le dimissioni sbalorditive di Benedetto XVI, il fatto che sia rimasto ancora Papa, anche se ‘emerito’ è un altro tassello che fa pensare a qualcosa di strano e di forzato.
    Che il papato sia oggetto di pressioni e di tentativi di manipolazione dall’esterno è noto da molti anni, praticamente dal CVII, aggiungo solo il recente nascosto veto della nota lobby alla beatificazione di Pio XII e lo stranissimo comportamento del Vaticano in favore di una immigrazione islamica che minaccia l’esistenza stessa del cristianesimo nel continente che fino a qualche anno fa avrebbe dovuto avere, secondo la posizione ufficiale della chiesa, le radici cristiane.
    Questo è un articolo da leggere e meditare. Bravo Dezzani.

  • cdc_16
  • Toussaint

    COME IL “DOCTRINAL WARFARE PROGRAM” DELLA C.I.A. HA CAMBIATO LA CHIESA CATTOLICA

    Il ‘Doctrinal Warfare Program’ è il nome dato ad un’operazione del Governo degli Stati Uniti che ebbe inizio nel 1953, con un documento intitolato “D33 PSB” indirizzato agli intellettuali, agli imprenditori ed agli ecclesiastici appartenenti a diverse comunità, con l’obbiettivo di ottenere la loro approvazione ai principi dell’ideologia americana. Papa Francesco ne rappresenta il culmine?

    Un’intervista di Jonas E. Alexis a David A. Wemhoff

    ALEXIS: Il suo studio di 990 pagine, “John Courtney Murray, Time/Life, and the American Proposition: How the C.I.A.’s Doctrinal Warfare Program Changed the Catholic Church”, è pieno di documenti e di riferimenti d’archivio. Questo dimostra che lei ha fatto a fondo il suo lavoro. Ci illustri la sua tesi a vantaggio di coloro che non hanno mai sentito parlare del suo lavoro e dei suoi contenuti.

    WEMHOFF: Nel 1953 l’élite socio-economico-culturale della società americana coordinò i suoi sforzi con il Governo degli Stati Uniti, principalmente attraverso i media, dando vita al ‘Doctrinal Warfare Program’ [Programma di Guerra Dottrinale, ovvero ai principi della religione cristiana], per cambiare il pensiero della leadership cattolica e farle accettare, in linea di principio, l’ideologia alla base della società americana ed anche l’”America” come idea di organizzazione sociale, utilizzando quella che potremmo chiamare “guerra psicologica”.

    Ho documentato questi sforzi che erano parte di un più ampio tentativo volto alla cooptazione dei leaders di tutte le religioni. Il piano della leadership americana consisteva nell’utilizzare la Chiesa Cattolica e le altre religioni per diffondere l’ideologia americana, che è alla base della società che conosciamo con il nome di “America”, apparentemente presentata come risposta al comunismo sovietico.

    L’accettazione e la messa in atto dell’ideologia americana sono servite per allineare quelle comunità [religiose] con l’”America” e con gli Stati Uniti per marciare contro l’URSS e il comunismo, ma anche per “riordinare” quelle stesse comunità ed aprirle ai potenti interessi privati.

    Il libro discute di questo piano e delle repliche di alcuni leaders e studiosi cattolici. Si concentra sul periodo che va grosso modo dal 1941 al 1965 e si conclude con il Concilio Vaticano II.

    Il ‘Doctrinal Warfare Program’ è il nome dato ad un’operazione del Governo degli Stati Uniti che ebbe inizio nel 1953, con un documento intitolato ‘D33 PSB’ indirizzato agli intellettuali, agli imprenditori ed agli ecclesiastici appartenenti a diverse comunità, con l’obbiettivo di ottenere la loro approvazione ai principi dell’ideologia americana. La guerra psicologica è meglio definita più in avanti.

    I due aspetti-chiave dell’ideologia americana che il mio libro propone sono i seguenti:

    1) la cosiddetta separazione tra Stato e Chiesa, unita al concetto di libertà religiosa. In altre parole, non c’è una specifica ‘chiesa di stato’ e lo scopo della religione non è quello di formare le basi delle politiche pubbliche;

    2) la cosiddetta libertà di stampa, che pone in modo efficace la cultura – e quindi il vero potere sulle menti dei cittadini – nelle mani delle imprese private.

    Queste due idee sono parte di una generalizzata filosofia politica che fa parte di un qualcosa chiamato “limite all’attività del governo”. L’ideologia americana è parte di quello che chiamiamo “Liberalismo”, largamente protetto dalla Costituzione degli Stati Uniti.

    Quest’ideologia, assieme ad altri documenti fondamentali, è servita per creare una peculiare politica economica. La sua accettazione e la modellazione della società in conformità ai suoi principi sono servite ad attuare una politica economica che pone tutte le religioni sullo stesso piano.

    Tutto ciò comporta che le religioni sostengano i principi economici e la politica del regime, che a sua volta fornisce loro dei benefici materiali, minimizzando una possibile fonte di tensioni all’interno della società, anche se la loro influenza si è notevolmente ridotta, dominate come sono da potenti interessi privati – se non dalle stesse autorità civili o dallo stesso Governo.

    A quanto ho capito, la dottrina cattolica – per come è stata presentata dagli studiosi che ho citato nel mio libro – sostiene che le autorità civili e il governo siano responsabili dell’attuazione di quella che possiamo chiamare la “divina legge positiva di Gesù Cristo”. Le autorità civili, pertanto, hanno l’obbligo di designare la fede cattolica come “Religione di Stato” e la Chiesa Cattolica come “Chiesa di Stato”.

    Nessuno deve essere costretto a convertirsi. Tuttavia, le politiche pubbliche devono basarsi sulla “divina legge positiva di Gesù Cristo”, ovvero sulla fede cattolica e non sulla “legge naturale” – come sostenuto dai teologi cattolici, promotori dell’ideologia americana.

    Il concetto di “legge naturale” [a loro parere] è equivoco e portatore di significati o definizioni differenti. Soggetto, quindi, alle manipolazioni di coloro che hanno la volontà ed i mezzi per poterlo fare.

    Per i cattolici, in particolare, la “legge naturale” viene spesso utilizzata per ignorare l’esistenza di Gesù Cristo, che è un’importante figura storica ed un Dio-Uomo, che ha dato loro alcuni precetti da seguire e sul quale hanno fondato la loro Chiesa.

    Uno dei punti focali del libro si riferisce alla “fluidità” dei teologi cattolici sia sul tema delle relazioni fra Chiesa e Stato che sulla libertà religiosa. In poche parole, se da un lato la difesa della dottrina cattolica fu guidata da Francis Connel, un prete cattolico dell’”Ordine dei Redentoristi”, dall’altro la progressione dell’ideologia americana lo fu da parte di un prete cattolico dell’”Ordine dei Gesuiti”, John Courtney Murray.

    ALEXIS: Nel capitolo 11 lei sostiene che, in realtà, era in corso una guerra psicologica. La descriva per i nostri lettori.

    WEMHOFF: Una guerra psicologica, o guerra politica che dir si voglia, consiste nella manipolazione di parole, immagini, eventi ed idee per dare forma alle opinioni, alle idee, alle percezioni ed alle credenze legate ad un dato obbiettivo.

    Gli americani l’hanno sviluppata e perfezionata in grande stile in occasione della 2a Guerra Mondiale e della Guerra Fredda, che io ho chiamato 3a Guerra Mondiale, visto che è stata combattuta in tutto il mondo.

    L’idea di guerra psicologica, come qualsiasi altra idea presente nella società americana, ebbe origine dapprima nel settore privato per poi essere adottata, sviluppata ed ampliata come arma o strumento del Governo degli Stati Uniti, prima contro le potenze dell’Asse, poi contro la Chiesa Cattolica ed infine contro gli “amici degli americani” facenti parte del cosiddetto mondo libero.

    Charles Douglas Jackson, ad esempio, era un esperto di questa nuova arma o strumento e lavorò sia per Henry R. Luce, un magnate dei media, che per il Governo degli Stati Uniti.

    ALEXIS: Lei scrive che:
    “”In cambio delle sue idee, i Rockefeller gli diedero accesso al denaro offerto dalle Fondazioni elitarie. I rapporti di Murray con i Rockefeller permise alla Georgetown University il finanziamento di un programma intitolato ‘An experimental Program in Executive Education to be Undertaken Cooperatively by Georgetown University and The William A. Jump Memorial Foundation’, che doveva ‘ampliare la capacità degli uomini e delle donne ad accedere alle posizioni dirigenziali del Governo Federale ed esercitarvi un’importante influenza in favore della crescita delle istituzioni democratiche””.

    Ed inoltre:

    “”Quando ebbe bisogno di soldi, Murray scrisse una lettera a Dean Rusk, all’epoca Presidente della Fondazione Rockefeller. Essere aiutato dai Rockefeller lo rese molto popolare nel mondo dei cattolici statunitensi, in ragione del denaro che fluiva dalla Fondazione alle istituzioni cattoliche …””.

    Ci dica, quindi, chi era nella realtà John Courtney Murray e ci spieghi le conseguenze morali ed intellettuali del suo legame con i Rockefeller, che stavano lavorando febbrilmente allo spopolamento di alcuni specifici gruppi in America.

    WEMHOFF: Come ho già accennato in precedenza Murray, nato e cresciuto a New York City, era un prete cattolico dell’”Ordine dei Gesuiti”. E’ stato un personaggio importante perché fornì la giustificazione teologica dei cattolici all’ideologia americana, poi definita “The American Proposition”.

    Henry Luce, il magnate dei media che fondò la “Time Inc.” – che pubblicava riviste del calibro di “Time”, “Fortune”, “Life” e “Sports Illustrated” – lavorava a stretto contatto con il Governo degli Stati Uniti e con i Rockefeller per farla progredire. Henry Luce era amico, protettore e, in generale, compagno di viaggio di Murray. Insieme, Luce e Murray, portarono avanti lo sforzo per convincere la leadership cattolica che quella americana era la forma ideale di organizzazione sociale.

    Murray, tuttavia, non fu l’unico prete cattolico ad essere utilizzato per far avanzare il Liberalismo, egli è solo il più conosciuto. Felix Morlion, ad esempio, il prete Domenicano che aveva fondato la “Pro Deo University”, promuoveva attivamente l’ideologia americana fin da prima che lo stesso Murray fosse coinvolto. Gli sforzi di Morlion erano finanziati dai servizi segreti americani e supportati da Henry Luce e dalla sua gente.
    La “Pro Deo University” aveva il suo quartier generale a Roma ed insegnava ai suoi studenti che quella americana era la società ideale, nel mentre li preparava ai ruoli di leadership nel mondo sociale e degli affari dei loro paesi d’origine, molti dei quali erano paesi cattolici, come ad esempio quelli dell’America Latina.

    Un altro prete cattolico fu Gustave Weigel, anch’egli un gesuita. Fu un notevole apologeta del ”The American Proposition” in America Latina per gran parte degli anni ‘30 e ‘40. Una parte dell’”Ordine dei Gesuiti”, in effetti, si era attivamente impegnata nella difesa e nella promozione dell’ideologia americana, in particolare con la rivista “America”.

    La figura di Weigel è notevole perché fu il primo ad articolare l’idea che un cattolico può credere privatamente in una certa cosa, ma quando occupa un ufficio pubblico può agire anche in modo diverso, spogliando la Chiesa e la fede cattolica del potere d’influenzare le politiche pubbliche.

    Questo concetto acquistò notorietà nel 1980, quando il Governatore Mario Cuomo si disse personalmente contrario all’aborto, ma sostenne il diritto delle donne a poter scegliere.

    I più potenti protagonisti della società diventano quindi gli interessi privati, che sono spesso quelli di tipo finanziario. Il mio libro documenta le varie conferenze tenute dalla leadership americana per lanciare i suoi piani e sottolinea l’importanza del convincere le varie società della rilevanza e del valore del ”The American Proposition” o, se si vuole, dell’”American Ideology”.

    C’era uno stretto coordinamento tra media, servizi segreti ed interessi finanziari da un lato, e Henry Luce con i suoi luogotenenti dall’altro – ma anche con i leader-chiave dei vari settori che avevano ben compreso l’importanza ed il potere del capitale privato.

    ALEXIS: Lei sostiene che: ““Nessuno ha voluto scrivere la biografia di Murray e nessuno, fino ad oggi, lo ha fatto””. [2] Lei suggerisce, inoltre, che le persone avevano percepito che Murray facesse parte dell’establishment … “”Murray faceva parte degli sforzi attuati dalle élites americane e dal Governo degli Stati Uniti per conquistare la Chiesa. Una sua biografia metterebbe in forte evidenza questa connessione””. [3]

    WEMHOFF: Credo che il mio libro esponga chiaramente quel collegamento. Spiega anche perché gli sforzi di Murray siano stati considerati così importanti dai potenti del suo tempo. Erano concepiti, in ultima analisi, per far avanzare il potere finanziario e politico di alcuni segmenti della società americana. Le idee sono l’arma o lo strumento più potente.

    ALEXIS: Ci sono alcuni anti-cattolici, là fuori, che gradirebbero dare un’occhiata alla vita di Murray per poi dichiarare: “Eccoci qui. L’ennesimo cattolico stravagante”. Cosa vorrebbe dire a queste persone?

    WEMHOFF: Bé, credo che là fuori ci sia un gran numero di cattolici un po’ pazzi. Ma prima dovrebbero leggere il libro e poi, se del caso, decidere da soli cosa esso sia. Il mio è solo un libro di storia che descrive il fenomenale successo degli sforzi americani nella scalata alla Chiesa cattolica, conseguito cooptando la sua leadership. Tutto questo è importante perché spiega le ragioni per cui oggi i cattolici sono dei sostenitori così forti dell’”America” – e perché lo sono stati in passato.

    Il libro comprende ulteriori ed importanti dinamiche che sono state menzionate e spiegate nel corso delle sue pagine, cui tutti – cattolici o anti-cattolici – dovrebbero essere interessati.

    Una di queste importanti dinamiche consiste nella spiegazione del sistema americano di organizzazione sociale. Un’altra illustra il modo usato dagli americani per estendere la loro influenza. Un’altra ancora è sul come la leadership della Chiesa Cattolica abbia adottato un approccio dualistico nell’affrontare le questioni contingenti – da un lato asseconda il ricco e il potente, dall’altro pacifica la gente seduta sui banchi.

    Il libro descrive anche come la Chiesa Cattolica sia radicalmente cambiata nel corso degli ultimi cinquant’anni. In linea di principio, accettando l’America come il “bene”, come l’ideale organizzazione sociale, ha cercato di rimodellare se stessa per poterle essere simile.

    Del tutto consequenziale la visualizzazione dell’”America” come “maestra” della Chiesa … e non il contrario. Non come il Fondatore della Chiesa sembrava volesse indicare, ad esempio nel Vangelo di Matteo 28:18-20.

    Il libro tocca anche quella che io credo sia stata la creazione, negli anni ’50, della fiction che l’America sia basata sui principi cristiani, il tutto per arruolare le Religioni nella lotta al comunismo sovietico, andando a sostegno dell’ideologia americana. Quella fiction ha portato a guerre culturali che da allora hanno mal diviso questa società e questo paese.

    Questo è un libro unico perché documenta l’uso e l’importanza delle “idee” per far avanzare l’esperimento americano, che è la cosa che io credo conti davvero – una battaglia di idee o di visioni del mondo.

    Il libro non parla dei meno importanti sforzi politici di questo o di quell’altro gruppo, sia esso composto da conservatori, liberali, neo-conservatori e politici, o dalle erranti agenzie governative. Parla solo delle idee di base, quelle sull’organizzazione sociale.

    Le idee impattano e sottolineano l’economia, la cultura, la politica, la religione e la nostra vita quotidiana. Il mio libro propone che molti dei punti di vista del Liberalismo abbiano avuto un impatto più forte sulla società e sugli individui di quanto abbia fatto la dottrina sociale cattolica.

    ALEXIS: Un’ultima domanda. Qual è la sua posizione su Papa Francesco? Può rappresentare il culmine del “Doctrinal Warfare Program”?

    WEMHOFF: I discorsi di Papa Francesco all’“Independence Hall” di Philadelphia e al Congresso degli Stati Uniti, lo scorso Settembre, suggeriscono che egli assuma, o quanto meno accetti, il fatto che la società ideale sia quella organizzata sulla falsariga dell’ideologia americana e che essa sia del tutto accettabile, in linea di principio, per la dottrina cattolica.

    Avrebbe fatto meglio a seguire il suo stesso consiglio e a “guardare alla storia” perché, come ha detto a Philadelphia: “traiamo sempre dei benefici a guardare alla storia – e specialmente a quella del secolo scorso”.

    Dovrebbe quindi leggere il mio libro, perché tratta un aspetto importante della storia del secolo scorso e aiuta a spiegare perché così tanti leaders della Chiesa cattolica hanno quel determinato punto di vista.
    —————————————————————————————————————
    David Wemhoff è un avvocato dell’Indiana (USA) ed è operativo nel settore da più di vent’anni. Ha ricevuto il Dottorato presso l’Università del Pacifico, ed un A.B. presso l’Università di Notre Dame. Ha anche insegnato in corsi universitari di Diritto, in particolare Diritto costituzionale e Diritto commerciale. Per saperne di più: http://www.wemhofflaw.com/experience/
    —————————————————————————————————————
    Link Originale: http://www.veteranstoday.com/2016/03/18/how-the-cias-doctrinal-warfare-program-changed-the-catholic-church/

    Traduzione di Franco

  • Mylan Key

    Ha navigato su linee semplici ma determinanti . L’ ovvio non si vede, anche se il suo procedere e’ mastodontico . Mancano sempre i dettagli, quelli dove si vede Davide buttar giu’ Golia , per un nuovo Golia e poi un nuovo Davide .
    Un potere falso e iniquo si auto demolisce a vicenda di volta in volta e si purifica, per mostrare poi il miglior falso e iniquo , nell’ unificazione religiosa etica e di potere del sistema politico e del sistema mondiale rivelando alla fine l’ uomo 666 e il suo sistema dominante. Finita l’ ascesa . Sottomissione e dominio .
    Il tempo della grande tribolazione e guerre , ed eventi catastrofici .
    Poi la piramide dove la punta e’ vuota, sara’ presa dall’ evento messianico della Pietra Angolare , dal giudizio, dalla resurrezione e separazione capre e pecore , e dal nuovo mondo senza fine e senza umano ibrido genetico ( dalla genesi ) .
    Cosi’ Dio parlo’ , e cosi’ avverra’ .
    Su questa terra , il mio amico racconta, che la Russia stara’ in piedi per l’ evento
    semi _ finale dell’ abbattimento del sistema umano, dove la prima atomica russa cadra’ su Roma e gli Usa saranno spazzati via . Che l’ ultimo arrembaggio sara’ su Israele , e che, prima della cancellazione della terra, Dio mostrera’ la sua Divinita’ in virtu’ di una promessa biblica, mostrando due profeti in Israele , che avranno pieni poteri sul mondo a calamita’ . Come nell’ antico testamento Israele era usato per i popoli piu’ iniqui all’ interdetto, cosi’ mostrandosi in Israele sotto assedio, mostrera’ che non cambia mai ,e che sara’ Lui sotto la Sua volonta’ e a dimostrazione di Israele ,che fara’ giudizio sulle nazioni . Il dio che aspettavano . Ma il nuovo regno non sara’ ne in Israele e ne per gli Israeliani . E’ nella terra promessa che verra’ . L’ eternita’ del nuovo mondo e creazione.

    Il sistema 666 unifica tutto e tutti , chi lo rappresenti , e’ ancora da vedere . Il legame Vaticano occidente e uomo 666 sara’ una simbiosi . Papa nero o papa Usa boss , o 666 a rappresentanza papale . Al momento lo si sapra’ .
    Emblematica la prima rappresaglia atomica su Roma .
    ( basti guardare gli eventi mondiali dall’ alto per scorgerne ancora meglio il tutto a venire)

    Dio fattosi umano in un tempo, ha parlato chiaro e semplice nelle testimoniaze dei testi evangelici e in Apocalisse , La Rivelazione di Gesu’ Cristo . Che e’ lo Spirito, oltre che a Se’ Stesso come manifestazione auto creatasi nella condizione umana, e che ritornera’ come tale Divinizzato nella Sua potenza Divina.
    Unica manifestazione per l’ uomo, di DIo : uomo DIo e DIo uomo Onnipotente.
    = In tale forma siamo stati creati, in tale forma si e’ rivelato, in tale forma ritornera’ , in tale forma regnera’ , e in tale forma, chi vivra’ nell’ eternita’ vivra’ .
    IL contenuto umano e il contenuto divino umanizzato e divinizzato saranno i confini della manifestazione di Dio nella sua creazione umana creata, finita, e redenta .
    = Dio , o ( Padre) abita in una luce ( sostanza del tutto ) inaccessibile .
    Questa e’ l’ unica forma materializzata e spiritualizzata dell’ iter creazione umana e divina
    E’ stato scritto, profetizzato, e adempiuto . Aspettiamo il compimento in tutte le sue fasi.
    E ne siamo dentro, e ne continueremo, a come il destino ci avra’ segnati .
    ______________________________________________________________________

  • Nicolass

    Il Papa massone…. certo che non ci facciamo mancare niente di questi tempi

  • Mylan Key

    Leggete in merito Blondet :
    KIEV, “ESERCITAZIONE” CON MISSILI SULLA CRIMEA. LA UE, COMPLICE.

  • Primadellesabbie

    “…molti uomini hanno già espresso un giudizio sul suo operato, Dio esprimerà il suo.”

    Ah beh! Allora…