Home / Opinione / Siete a conoscenza di questi scandali sui vaccini nel corso della storia?
dr jenner performing his first vaccination 630x416

Siete a conoscenza di questi scandali sui vaccini nel corso della storia?

DI ETHAN A. HUFF

naturalnews.com

Vi è attualmente consenso generale della maggior parte dei professionisti sul fatto che i vaccini siano stati completamente controllati e testati come sicuri ed efficaci mezzi di prevenzione di malattie infettive. Ci viene detto continuamente che la scienza ha dimostrato in modo definitivo che i vaccini funzionano come dichiarato, e che qualunque perplessità o informazione che contraddicano questo assioma sono imputabili a paranoia o ciarlataneria, come si presume sia provato dal loro efficace uso da molti decenni.

Ma ciò che ai cittadini non viene raccontato sono i molti casi nella storia nei quali i vaccini non sono stati esattamente all’altezza delle aspettative – o peggio, quando la loro introduzione ed il loro impiego sono stati fondati su vere e proprie frodi. Ecco alcuni fra gli esempi più noti:

Edward Jenner, l’artista della truffa

 Il defunto Edward Jenner è considerato uno dei primi pionieri della vaccinologia. Ma i libri di storia mostrano che fu in realtà un truffatore che si inventò la licenza medica e i titoli di studio per sfruttare una vecchia superstizione inglese nota come “leggenda del vaiolo bovino”, secondo la quale in sostanza contraendo il vaiolo bovino non si sarebbe sviluppato il vaiolo umano.

Jenner comprò una falsa laurea in medicina e utilizzò queste false credenziali per introdurre il primo vaccino per il vaiolo, il quale non funzionò e invece uccise il suo primogenito. Tuttavia, attraverso l’inganno e astute tessiture politiche, Jenner avrebbe continuato a condurre ulteriori esperimenti con la benedizione del governo inglese, preparando il terreno per la sequela di vaccini che vediamo oggi sul mercato e che vengono considerati scientificamente validi .

Il ruolo di Jenner nella creazione di quello che oggi consideriamo la scienza dei vaccini fu così losco che il Dr. Archie Kalokerinos, A.M.M., M.B.B.S., Ph.D., F.A.P.M., ha definito l’intero business dei vaccini una “gigantesca bufala,” aggiungendo che le statistiche serie e la scienza seria mostrano che i vaccini, in effetti, non sono utili nella prevenzione delle malattie infettive.

Il vaccino per il vaiolo umano era peggiore del vaiolo

La maggior parte delle persone non conosce la storia di Edward Jenner, e probabilmente non ne ha mai neppure sentito parlare. Ma conoscono il vaiolo, che si suppone sia stato eradicato grazie al vaccino che venne sviluppato a partire dal suo lavoro. Tuttavia con il suo vaccino, contrariamente a quanto si pensa, non è andata proprio come si vorrebbe far credere.

Se si guardano le statistiche in Inghilterra a partire dall’inizio del XX secolo in poi, si vede chiaramente che il vaccino contro il vaiolo spesso ha fatto più danni che altro. Molte persone andarono incontro a decesso indotto dal vaccino e in molti casi si verificarono importanti epidemie di vaiolo proprio all’interno di popolazioni già vaccinate contro la malattia.
Un esempio fu l’epidemia di vaiolo scoppiata a Wurtemberg in Germania nel 1831, dove quasi 1000 vaccinati svilupparono il vaiolo. Nello stesso anno, un’epidemia simile di vaiolo si verificò fra 2000 persone che vivevano a Marsiglia in Francia, anche queste tutte vaccinate.
Nonostante questi ad altri esempi, l’Inghilterra decise di imporre la vaccinazione obbligatoria per legge, il che portò nel 1859 ad una grande epidemia di vaiolo nella quale 14.000 persone morirono. Negli anni seguenti, il vaiolo costò oltre 100.000 vittime, nonostante la vaccinazione diffusa resa obbligatoria dal governo inglese.

Migliori condizioni igieniche, e non i vaccini, contribuirono a eradicare la malattia infettiva

Questa sordida storia sul fallimento del vaccino contro il vaiolo viene perlopiù tenuta nascosta, ma è assolutamente a portata di mano per coloro che desiderano conoscere la verità. A chiunque voglia approfondire sono accessibili anche informazioni e dati storici che dimostrano che il fattore principale che ha contribuito all’eradicazione di questa malattia trasmissibile fu un miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie. Il Dr. Vernon Coleman lo ha ribadito in relazione ad un’epidemia di vaiolo che fu evitata nella città di Leicester verso la fine del XIX secolo, dichiarando:

“Medici e aziende farmaceutiche non saranno d’accordo ma la verità è che vigilanza, quarantena e migliori condizioni di vita hanno tolto di mezzo il vaiolo – non il vaccino antivaiolo.”

Fonte: www.naturalnews.com

Link: http://www.naturalnews.com/056113_vaccine_scandals_history_Edward_Jenner.html#ixzz4QwiHgDef

22.11.2016

 

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di EMANUELA LORENZI

 

Pubblicato da Davide

  • Manolis55

    Articolo dichiaratamente fazioso. Si basa su affermazioni storiche “autoreferenziali”, non supportate da nessuna voce bibliografica. E in netto contrasto con la storiografia ufficiale, https://it.wikipedia.org/wiki/Edward_Jenner.
    Certo, anche wikipedia può raccontare falsità ma almeno le documenta…

    • Truman

      Ho provato a fare una verifica sull’epidemia di vaiolo tra persone vaccinate a Wurtemberg del 1831 e sembra vera, ad esempio The American Journal of the Medical Sciences cita il caso come un tipico esempio della necessità di rivaccinazione . Insomma quando la cura non funziona ce ne vuole di più.
      (Google mi dà “Wurttemberg”, con 2 “t”)
      Sulla vita di Jenner e sul fatto che certamente non ha preso la laurea all’Università, mi sembra sia ben visibile sia dalla biografia su wikipedia in italiano che in inglese.

    • Nicolass

      non c’è peggior sordo di chi non vuole sentire

    • Leo Pistone

      Voce bibliografica.
      Si fa scrivere a un perfetto idiota un libro, un paper e un articolo, poi lo si mette in bibliografia e lo usa a validazione delle proprie teorie.
      Si tratta effettivamente di un procedimento molto scientifico, soprattutto ai fini dell’auto-inganno.
      Tuttavia così facendo non si è “auto-referenziali”.
      Indicativo…

  • Adriano Pilotto

    Più che partecipare ad un sondaggio su Vaccini SI, Vaccini NO, come suggerisce il dottor Montanari, esperto in nanoparticelle, io guarderei dentro il vaccino. Dalle analisi del dr Montanari, mai contestate da nessuno, pubblico o privato che sia, risulta che dentro al vaccino, spesse volte, si trovano cose che non dovrebbero esserci.

    L’industria farmaceutica, com qualsiasi altra industria, mira ai profitti. Ma proprio perchè il suo obiettivo è il profitto è solo secondariamente il prodotto, l’industria farmaceutica, come tutte le industrie, progressivamente degrada dall’utile al dannoso.

    Parafrasando il marito della Hillary:”it’s capitalism, stupid”.

  • ignorans

    Un essere umano non in grado di pensare a se stesso, alla propria vita, è la fonte di ogni problema.
    Che cos’è la salute? Da dove viene?
    Visto che la maggior parte della gente non sa rispondere a questa domanda, diventa facile preda degli “scienziati” che rivendicano il loro ruolo di “fornitori” di salute.
    Ma tutto questo è improprio! La salute viene fornita a tutti e tutti non possono che rovinarla, ma i medici non sono i “fornitori”, al massimo sono i maldestri aggiustatori!
    Ora, un uomo libero, indipendente e sano, rimetterebbe al loro posto questa categoria di persone (i medici). Ma il problema è che l’uomo non è nè libero, nè sano!

  • RenatoT

    ma a che serve inoculare virus taroccati quando ogni giorno, il nostro sistema immunitario, entra in contatto con migliaia di virus e batteri diversi?
    Veri pero’, di ultima mutazione, non quelli dell’anno scorso che ormai non esistono piú.

    Prendersene uno dell’anno passato, mezzo morto, magari dopo averlo incontrato giá decine di volte… tramite una siringa… è piú figo?

    Non ha senso nemmeno se fosse pulito dalle nano particelle che ha trovato in tutti i vaccini per esseri umani il dott. Montanari.
    Guarda caso non ha trovato nulla in quello per gatti… in effetti i gatti autistici non sarebbero convenienti piu’ di tanto.

  • redfifer

    Sui vaccini c’è un business da spavento, per questo e non a caso sono resi obbligatori, pur essendo questo un medicinale checché se ne dica, una volta composto non è viene poi verificato su animali né persone, quindi non si dispone di alcunché che ne attesti l’efficacia, ed è tutto dire.

    Sembra peraltro, che siano più errori medici di qualunque grado o tipo, ad essere la causa di morte anche se messi a confronto a morti dovute a suicidio, incidenti e armi da fuoco.
    A questo punto una persona dotata di un minimo di intelligenza e raziucinio, il fatto in se dovrebbe far riflettere! Confidare su politici e/o ministri preposti, che non hanno nemmeno una infarinatura e ancor meno una laurea in medicina, tanto da non conoscere cosa sia un vaccino e la mancanza assoluta di verifiche inerenti la sua efficacia, è da brivido.

  • fuffolo

    Morbo di Still infantile e dell’adulto oltre conseguente artrite cronica, il tutto iniziato circa 44 anni fa dopo una serie di vaccinazioni. Il sospetto mi è sempre rimasto, anche perchè una delle riattivazioni più gravi è seguita ad un’antitetanica ed ho conosciuto altri malati di ari con la stessa esperienza.

    • Roberto Giuffrè

      Aggiungi me, artrite psoriasica diagnosticata 8 mesi dopo vaccinazione antitetanica per incidente stradale in moto con frattura al polso. Già 5-6 mesi dopo il vaccino iniziarono a ingommarsi e tumefarsi le articolazioni di ginocchia e caviglie, poi ha preso le mani. Ed infine il resto del corpo.
      Gli fu dato il nome di psoriasica perché ho sempre sofferto di lieve psoriasi alle gambe e gomiti.

      Le uniche soluzioni proposte sono state cortisonici e il “mitico” Methotrexate. Su quest’ultimo farmaco c’è una ricerca a firma dr. Angelo Ferrante ricercatore del Policlinico di Palermo che dice che il suo ruolo nella cura delle “spondiloartriti” in generale è niente più che di placebo. Ma si tratta di un farmaco epatotossico. Se devi darmi un placebo avrei preferito una pastiglia di zucchero invece che iniezioni che mi sfondano il fegato.

      • fuffolo

        L’ho assunto per anni il meto, con le dovute precauzioni non mi ha sfondato nulla ed ha contribuito a spegnere due riattivazioni molto aggressive.
        Ho avuto esperienze negative anche con le c.d medicine alternative, è molto difficile scegliere sulla propria pelle quando si è disperati per anni di dolori e di sofferenza.

        • Roberto Giuffrè

          Io sto bene con alimentazione vegana e lavoro analitico.
          Ai cambi di stagione mi aiuto con del Deltacortene 25mg spezzato in 6 a volte anche 8 pezzi per cui meno di 4mg, e neppure tutti i giorni. Passata l’emergenza non mi serve più.

          • fuffolo

            Il cortisone ha molti effetti collaterali e nessuna efficacia sulle cause della patologia, comunque non è un farmaco da auto medicazione. Se riceve benefici da un’assunzione del deltacortene così disordinata vuol dire che per sua fortuna non ha a che fare con una forma grave di psoriasi.

          • Roberto Giuffrè

            Il cortisone sfiamma un po’ nei cambi di stagione.
            Preso in dose minima solo quando arriva il freddo invernale o raramente ai primi caldi.
            Tutto qua.

      • alessandro giovannini

        Scusa l’intromissione. Premetto che non sono un medico. Qualche medico,ti ha mai fatto controllare i tuoi livelli di vitamina D? Molte malattie auto immuni e tante altre patologie sono quasi inesistenti in persone che abitano nella fascia equatoriale che grazie al sole sempre uguale,hanno livelli di vitamina D tra i 50 e 80 circa. Noi italiani se siamo fortunati arriviamo a 30. Ti consiglio di cercare su internet, gli studi del dott Coimbra. purtroppo molti medici,pensano che la carenza di vitamina D causi solo l’osteoporosi e anche in questi casi,prescrivono dosi ridicole per quanto sono basse. Se hai bisogno chiedimi pure. A prescindere dal tuo interesse,ti faccio gli auguri per il tuo problema. Ciao

        • Roberto Giuffrè

          Ciao. Si la cosa mi interessa ed a volte l’ho integrata comprandone di qualità ma senza risultati particolari.
          Io ho vissuto in Sicilia e la psoriasi l’avevo nonostante battesse il sole 300 giorni l’anno e le temperature fossero tali da non avere neppure bisogno del riscaldamento in casa.
          Per ora sto avendo risultati eccezionali dall’olio di cocco bio ed extra vergine di grado alimentare e farmaceutico. Ricostruisce la pelle ed impedisce l’inspessimento, senza ungere come facevano altri olii come quello di mandorla.

          • alessandro giovannini

            In Sicilia c’è sicuramente un periodo più lungo di raggi solari adatti alla produzione di vitamina D. Per trarne beneficio e sviluppare la dose giornaliera che io integro da sano per prevenzione,bastano 20 minuti al sole nelle ore centrali,con braccia e gambe scoperte,meglio ancora a torso nudo e autoproduci 10,000 ui,vestiti e protezioni solari sopra protezione (mi sembra di ricordare)8,ne impediscono la produzione. Io a fine settembre dopo vacanze al mare ho fatto gli esami del sangue e avevo un valore insufficiente 24,90 e abitando a Firenze,da metà ottobre a primavera inoltrata,i raggi solari sono inefficaci.Il mio amico medico,che mi ha consigliato di integrarla,mi ha consigliato un prodotto che dovrebbe essere diverso dagli altri,perché invece che con vitamina d3 estratta dalla lanolina,viene estratto il 7 deidrocolesterolo da fonte animale e irradiato con raggi ultravioletti di giusta potenza,per trasformarlo in vit d3. Dice che viene assorbito molto meglio,anche se funzionano bene anche gli altri. La questione è la dose necessaria per risolvere il tuo problema,che io ignoro. Lui ha una pagina facebook e se vuoi ti dico il nominativo per provare a fargli qualche domanda. Ciao

  • RenatoT

    solo stime… stime che servono oggi a terrorizzare la gente con un morbillo.
    Faccio fatica a credere che nel 500 dc morirono per la Peste di Giustiniano 100 milioni di persone… dove? In Europa?
    In tutto il mondo di allora si stimano 250 milioni in maggioranza in Asia naturalmente.

    Non sta in piedi…

    • Gian Matteo Rizzo

      Se mettiamo in dubbio anche la storia, allora è proprio finita.
      L’universo non esiste, la terra non ruota attorno al sole, non siamo mai andati sulla luna, l’evoluzione e fuffa!
      Ecc, ecc, ecc.
      P.s. Dell’epidemia spagnola (18 / 22 milioni di morti ) me ne parlava mia madre, lei la vista con i suoi occhi!

      • ignorans

        Non volevo neanche risponderti, ma visto che insisti, significa che sei proprio un duro, un “credente”.
        Prendo da wikipedia dal link che hai citato tu, la definizione di pandemia.

        le condizioni affinché si possa verificare una vera e propria pandemia sono tre:

        la comparsa di un nuovo agente patogeno;
        la capacità di tale agente di colpire gli uomini, creando gravi patologie;
        la capacità di tale agente di diffondersi rapidamente per contagio

        Ora la domanda è: ti bastano come definizioni della pandemia?
        Non ti sembra che manca qualcosa? (non ti dirò che cosa manca)
        Cioè in sostanza, perchè vieni ad accusare gli altri citando “la storia”, facendoci passare per negazionisti, quando non ti fai domande?
        Perchè accetti tutto quello che ti viene detto? Non capisci che non si va in giro ad accusare gli altri solo perchè non aderiscono alla tua visione che sarebbe poi la visione mainstream?
        Non venire a fare brutte figure, dai…..

        • Gian Matteo Rizzo

          Nomen omen

          • ignorans

            Nomen Omen non basta. Tira fuori qualcosa.

          • Gian Matteo Rizzo

            Perché mi sono lasciato andare a quel clic? Non potevo passare oltre e andare a vedere le previsioni del tempo? Perché certa gente ti deve sconfortare con la sua pochezza, con l’inutilità dello scrivere?
            (Carlo Bertani)
            (Scusami Carlo , ma io non avrei trovato parole più adatte)

          • ignorans

            E ancora insisti nel denigrare. Non basta…. Come si deve dire? In cinese?

        • Roberto Giuffrè

          Sono le stesse persone che poi danno dell’analfabeta funzionale agli altri.
          E loro stessi non hanno più capacità logico-deduttive e non sanno più interpretare da soli la realtà perché non hanno sovrastrutture culturali e logiche.
          E quindi si affidano alle paginette di Wikipedia o quei sitarelli tipo Paolo Attivissimo, Bufale un tanto al chilo, Medbunker ecc.
          Gli serve qualcun’altro capisci? Da soli non ci arrivano…

      • RenatoT

        ma il problema è che muoiono tutti di infarti, cancri, malattie degenerative ed errori del sistema medico, la maggioranza della popolazione mondiale… e non si muore di malattie infettive… spesso collegate ad errori medici.

        Ebola? Morbillo? Varicella? Suina? Difterite? … Aids?
        100 persone al giorno muoiono in Italia per errori medici.
        1000 persone nello stesso giorno scoprono di avere il cancro.
        In Usa ci sono ogni anno un milione di bambini autistici in piú con le dovute proporzioni in Italia è la stessa cosa.

        Cosa viene detto dagli organi ufficiali?
        1 ragazza muore per morbillo, 1 per meningite… Una!??!

        La mai visto un Tg dove annunciano i 100 casi di morti per malasanitá che avvengono ogni giorno?
        Se il sistema dei voli avesse le stesse sicurezza del sistema sanitario, cadrebbero migliaia di aerei, non volerebbe piú nessuno.

        E poi basta guardarsi intorno… sono in maggioranza deformati dal grasso, pure i bambini e continuano ad esserlo per sempre.
        Se fossero interessati alla causa delle malattie sarebbe tutto diverso.

        E’ inutile buttare monnezza nello scarico e ogni settimana comprare l’idraulico liquido (che prima o poi bucherá i tubi).
        Il sistema della sanitá oggi è esattamente questo.
        E’ cosi difficile da capire?

        Avere la salute quotata in borsa… le pare una cosa normale?

  • Gian Matteo Rizzo
  • Gian Matteo Rizzo
  • Gian Matteo Rizzo

    http://www.naturalnews.com/056113_vaccine_scandals_history_Edward_Jenner.html#ixzz4QwiHgDef

    Questo è l’articolo originale: date un’occhiata anche agli altri contenuti.
    Un’americanata! (Diceva mio padre)

    • WM

      Gian Matteo Rizzo,
      non si può inserire solo un link, devi almeno mettere un estratto del contenuto della pagina collegata e/o argomentare perché c’è bisogno di collegarla.
      Inoltre vedi di limitare il numero di link che inserisci in ogni commento, per favore.
      Grazie.

  • Roberto Giuffrè

    Ma certo avevi le fogne all’aperto.
    I periodi più floridi e con meno epidemie erano quelli in cui c’era la cultura degli acquedotti, delle condizioni igieniche migliori.
    Oggi nel mondo c’è gente che vive come nel medio evo, Siberia, Indonesia, sud America, certe parti dell’India…