Ultimi articoli

Huit légendes médiatiques sur l'Irak

“Une vérité est un mensonge répété mille fois” L’administration Bush a requis les services de cabinets de relations publiques (Hill & Knowlton’s, Rendon Group, etc.) pour répandre diverses allégations à propos de l’Irak et les répéter sans relâche dans la presse. Compte tenu de la multiplicité des canaux de diffusion utilisés et par la seule force de la répétition, ces assertions parviennent au statut d’évidences communément acceptées. C’est ainsi qu’on les retrouve au fil des articles d’actualité ou sur les …

Leggi tutto »

Otto leggende mediatiche sull'Iraq

“Una verità è una menzogna ripetuta mille volte” La redazione di Comedonchisciotte.net ha tradotto integralmente in italiano uno dei migliori articoli a livello internazionale sull’Irak. Si tratta di un articolo tratto da Reseau Voltaire a firma di Jack Naffair e reperibile in lingua originale anche in questo sito su questa pagina

Leggi tutto »

FORZA BAHAMAS

DI MARCO TRAVAGLIO In un film d’azione americano, «Swat», si racconta la cattura di un pericoloso terrorista stramiliardario che, appena la squadra speciale della polizia gli mette le manette, comincia a offrire miliardi agli agenti se lo lasciano libero. Due si fanno convincere e gli organizzano la fuga. Ma alla fine viene preso. Ecco: vedere quel film (trasmesso l’altra sera da Sky) durante questa crisi di governo fa una strana impressione. Perché in fondo, mutatis trapiantis, la trama è la …

Leggi tutto »

LE RAGIONI GEOPOLITICHE DELLA PROSSIMA GUERRA CON L’IRAN

DI MICHAEL T. KLARE Mentre gli Stati Uniti si stanno preparando ad attaccare l’Iran una cosa è certa: Bush non nominerà mai il petrolio come una delle cause. La giustificazione principale dell’aggressione americana si baserà sulle armi di distruzione di massa, come in Irak. “Non permetteremo che l’Iran costruisca armi nucleari.” Questa dichiarazione molto citata di Bush nel 2003, definisce bene la sua posizione. Ma siccome in Irak non è stata trovata nessuna arma nucleare e la scusa per l’invasione …

Leggi tutto »

L’ULTIMO OBIETTIVO DEI NEOCONS: Il VATICANO

La strategia per assicurarsi come Papa un loro candidato DI WAYNE MADSEN Il movimento neoconservatore internazionale, gia’ su di giri per il “pugno al naso” assestato al segretario generale dell’ONU, Kofi Annan, per il superchiaccherato polverone “oil for food” iracheno, la nomina del lunatico anti ONU Jesse Helms e il razzista e leccapiedi John Bolton come prossimo ambasciatore americano all’ONU, piu’ quel impomatato e mangia forfora di Paul Wolfowitz, eletto presidente della Banca Mondiale, si sta immischiando adesso in quella …

Leggi tutto »

AUMENTANO I MILIARDARI, MA ANCHE I POVERI. CI DOBBIAMO ABITUARE

DI SCOTT KLINGER La settimana scorsa in edicola c’erano due riviste con i titoli antitetici: Forbes riportava il suo 29esimo elenco annuale degli uomini più ricchi del mondo, mentre Time chiedeva: “Come porre termine alla povertà.” Per i miliardari è stata una buona annata. Sono diventati 671, il 17 per cento in più rispetto all’anno precedente. Le loro ricchezze, che ammontano a 2,2 mila miliardi di dollari USA, sono ugualmente cresciute del 57 per cento rispetto a due anni fa. …

Leggi tutto »

LA NUOVA FISICA DELLE NOTIZIE

DI JOHN PILGER Potreste immaginate la BBC o qualunque altra grande rete tv che chiede scusa ad uno stato canaglia dedito a razzismo e pulizie etniche; che ha di fatto “legalizzato l’uso della tortura” (Amnesty); che se ne infischia della legge internazionale, avendo violato centinaia di risoluzioni ONU e costruito un muro per l’apartheid, alla faccia della Corte Internazionale di Giustizia; che ha demolito centinaia di abitazioni civili e dato ai propri soldati il diritto di assassinare; e il cui …

Leggi tutto »

«UN PAPA CONTRO IL NICHILISMO»

Il filosofo Alain de Benoist analizza il “regno” di Giovanni Paolo II DI FRANCESCA MORANDI Lucido nel guardare al Bene e al Male dei tempi moderni, libero e razionale nella sua analisi delle problematiche religiose del mondo contemporaneo, Alain de Benoist, intellettuale francese, ha affrontato questioni filosofiche, sociali, di storia delle idee politiche e geopolitica. Oggi, a poche settimane dalla scomparsa di Giovanni Paolo II, questo libero pensatore parla del Papa sul quale ha scritto un libro, intitolato, “La nuova …

Leggi tutto »

PERCHE' LE BANCHE ITALIANE FANNO GOLA ALLE STRANIERE

DI MAURIZIO BLONDET Già: perché, dato che molte delle nostre banche sono in stato di virtuale insolvenza? Risponde, in una più che interessante inchiesta, il Financial Times (1). Le banche italiane pagano “i più bassi tassi d’interesse” ai risparmiatori, e gli italiani sono forti risparmiatori. E questo è un punto a favore. Ma il più importante è un altro: all’estero, le banche hanno ormai indebitato le famiglie fino all’inverosimile, fino al fallimento. In Usa e in Gran Bretagna, i prestiti …

Leggi tutto »

AIDS IN AFRICA E EDUCAZIONE SESSUALE IN AMERICA

Quando la religione diventa un’arma di distruzione di massa DI MEL SEEHOLTZ, Ph.D. Collaboratore di Online Journal Non c’eravamo mai incontrati, ma comunicavamo quotidianamente. “Joshua” era un ballerino di talento, musicista, pittore e scultore, viveva a Kampala. Era il primo ballerino in diverse compagnie. Le sue sculture e i suoi dipinti sono stati acquistati dal presidente dell’Uganda. Stava terminando all’università il corso di Studi Organizzativi. Il futuro appariva luminoso, finché i suoi genitori, cristiani evangelici, non scoprirono che era gay. …

Leggi tutto »

IL MITO DI UN ATTACCO ISRAELIANO CONTRO L’ IRAN

DI KAVEH AFRASIABI BERLINO, 7 aprile 2005 – In questi giorni s’è parlato molto riguardo un imminente attacco militare israeliano contro impianti nucleari iraniani, voci alimentate di recente da un articolo del “London Times” il quale afferma che il parlamento israeliano avrebbe dato il primo “via libera” al progettato attacco – per occuparsi di quella che politici israeliani di varie matrici politiche descrivono regolarmente come la “più grande minaccia esistenziale” dello stato ebraico.Tuttavia un attento esame dei vari aspetti logistici, …

Leggi tutto »

US appears to have fought war for oil and lost it

By Ian Rutledge 04/11/05 “Financial Times” – – Sir, Your recent report that oil prices have reached an all-time nominal high and that Goldman Sachs has suggested the possibility of a “super spike” in prices to as high as $105 per barrel (“Crude at all-time high despite Opec’s efforts”, April 5) should be of no surprise to anyone who has studied the informed opinions of US energy experts in the period leading up to the invasion of Iraq. Nor, for …

Leggi tutto »

L'ARTISTA PLASTICO FERNANDO BOTERO INTERPRETA L'ORRORE ABU GHRAIB

UNA COLLEZIONE DI 50 DIPINTI BOGOTA’ – Il pittore e scultore colombiano Fernando Botero ha assicurato che il suo interessamento per gli eccessi delle truppe statunitensi nei confronti dei prigionieri iracheni non si è esaurito con la serie “Abu Ghraib”, costituita da 50 pezzi che verranno esposti a Roma. “Non ho ancora detto tutto quello che desidero esprimere su questo tema, a volte occorre dipingere molte cose per esprimere tutto quello che si serba nel cuore”, ha affermato l’artista nel …

Leggi tutto »

LE DIECI COSE CHE OGNI RAGAZZA DOVREBBE SAPERE SUI RAGAZZI…

E LE LORO PARTI INTIME i consigli della First Lady americana [dal sito satirico whitehouse.org] “Datemi retta, ragazze: non esistono buoni motivi di darsi al S-E-S-S-O. Spero quindi che le seguenti VERITA’ SCIENTIFICHE vi aiutino a scegliere l’astinenza, perché evitiate lo sconforto di restare intrappolate in un matrimonio senza amore, e questo solo perché una sera avete bevuto troppi margarita, e avete regalato la fischiarola a un tentacolare slurpa-coca di sedicente buona famiglia.” 1 – A differenza delle parti intime …

Leggi tutto »

ESISTE ANCORA AL QAEDA?

DI ALBERTO PIRIS La domanda che apre questo tema è potenzialmente esplosiva dal momento che, in caso di risposta negativa, verrebbe messa in discussione gran parte della retorica antiterroristica che regge attualmente la politica interna ed estera di alcuni governi. Dunque la questione è da accertarsi, almeno secondo quanto espresso qualche mese fa da Jason Burke sulla rivista statunitense Foreign Policy.  In essa suggeriva che l’organizzazione messa in piedi da al-Qaeda per anni in Afghanistan si era dissolta nel corso …

Leggi tutto »

LASCIAMO CHE MANGINO LE BOMBE

Il moltiplicarsi della malnutrizione infantile in Iraq è sconcertante DI TERRY JONES Un rapporto presentato alla Commissione sui Diritti Umani dell’ONU a Ginevra ha concluso che i bambini iracheni erano in verità più in salute sotto Saddam Hussein di quanto lo siano adesso. Questo, naturalmente, è un amaro duro colpo per tutti quelli di noi che, come George Bush e Tony Blair, onestamente credono che i bambini crescano meglio quando noi gli lanciamo adosso bombe da grande altezza, distruggiamo le …

Leggi tutto »

IN MESSICO LA DEMOCRAZIA STA FALLENDO

Il governo di Fox fa arrestare il suo rivale alla presidenza DI LAURA CARLSEN Quando Vicente Fox pose fine al regno durato 71 anni del Partito Rivoluzionario Istituzionale nelle elezioni presidenziali del 2000, molti osservatori lo videro come l‚inizio di una transizione verso la democrazia che era stata lungamente attesa. Adesso il presidente Fox, in uno sforzo concertato con i membri del precedente partito dominante, ha chiuso le porte a quella transizione. Orchestrando una offensiva pseudo – legale contro il …

Leggi tutto »

LA VOLONTA' EGEMONICA DELLA CINA E LE RAGIONI AMERICANE NEL PACIFICO

In margine al conflitto Pechino-Tokyo sulla verità storica DI MAURIZIO BLONDET Provocate da un libro di testo giapponese che “giustificava” il massacro di Nanchino del 1937 (dove i nipponici invasori uccisero mezzo milione di cinesi), le proteste e i tumulti anti-giapponesi in Cina infuriano da giorni. Il regime di Pechino, che le ha consentite, ora invita alla calma; Tokyo esige delle scuse. Non si sa come finirà. L’evento preoccupa, perché si staglia in una crescente tensione nel Pacifico, dominata dalla …

Leggi tutto »

IL CADAVERE DELLA CULTURA AMERICANA

Dove tutti gli eroi sono falsi e le icone riverite per le loro bugie DI JOHN KAMINSKI Adesso vi svelo il mio segreto – sono un vecchio cronista sportivo che ha praticato lo stesso gioco per poco più di mezzo secolo. In questa mia veste su Internet, l’argomento di cui tratto è variato sensibilmente benché non lo sia affatto il fine generale del mio scrivere. E’ sempre stata mia intenzione quella di indurre la gente a riflettere sui propri insensati …

Leggi tutto »

IL PEAK OIL E IL CONTO ALLA ROVESCIA FINALE

In un discorso pronunciato come dirigente della Halliburton, società venditrice di impianti petroliferi, due anni prima di divenire vicepresidente degli Stati Uniti, Dick Cheney rivelava il suo reale pensiero in materia di politica energetica. Secondo lui, malgrado la scoperta di nuovi giacimenti e di nuove tecnologie di sfruttamento, la produzione mondiale di petrolio era destinata a diventare inferiore alla richiesta. Da quel momento, la conquista delle regioni petrolifere del Golfo arabo-persico diventa un obiettivo strategico degli Stati Uniti. Rivedendo questi …

Leggi tutto »

Let them eat bombs

The doubling of child malnutrition in Iraq is baffling Terry Jones 04/12/05 “The Guardian” – – A report to the UN human rights commission in Geneva has concluded that Iraqi children were actually better off under Saddam Hussein than they are now. This, of course, comes as a bitter blow for all those of us who, like George Bush and Tony Blair, honestly believe that children thrive best when we drop bombs on them from a great height, destroy their …

Leggi tutto »

SUICIDIO IN DIRETTA

Silvio a Ballarò visto da Travaglio DI MARCO TRAVAGLIO Berlusconi che parla con persone diverse da lui e da Bruno Vespa. E risponde persino a qualche domanda. In diretta. Senza sfondo con cielo azzurro e nuvolette. E senza giornalisti impagliati davanti. Eventi che si verificano a ogni morte di Papa, tant’è che molti, ignari, hanno pensato a un ritorno su Rai3 di Sabina Guzzanti. Meglio non farci l’abitudine, comunque, anche perchè non è andata benissimo per il Cavalier Bellachioma. Sarà …

Leggi tutto »

"LA DESTABILIZZAZIONE DEL LIBANO E’ STATA PROGRAMMATA DA LUNGA DATA"

INTERVISTA A THIERRY MEYSSAN Colloquio con al-Arabiya Durante un colloquio negli studi del canale Al-Arabiya, Thierry Meyssan ritorna a parlare degli attentati del 11 Settembre 2001, il ruolo di Al Qaïda e la teoria neo-conservatrice del “complotto islamico mondiale”. Egli presenta anche la sua analisi sull’assassinio di Rafic Hariri, sulla “rivoluzione dei cedri” e sulle minacce che pesano sull’Iran e sulla Siria, spiegando che per questi ultimi paesi l’operazione è pilotata da David Satterfield del Dipartimento di Stato e da …

Leggi tutto »

ASSASSINI PER CONTO AZIENDALE

DI DAVID PODVIN “I responsabili devono pagare”. George Bush è un assassino e anche molto efficiente nel suo lavoro. Attraverso la strage spietata che è ancora in corso si è servito di mezzi sostitutivi per eliminare più di 100.000 civili iracheni. Il fatto che compia i suoi delitti attraverso il telecomando della Stanza Ovale non legittima i suoi omicidi. Anzi li rende ancora più deprecabili. Bush uccide la gente in nome della democrazia, però quale sia il suo concetto di …

Leggi tutto »

CONVINTI DI AVER VINTO

DI GIULIETTO CHIESA Ha vinto, l’Impero, la battaglia d’Irak, o ha perso? Dipende dai punti di vista. Se ci mettiamo da quello delle storia, ha perduto. In tutti i sensi: politico, culturale, in termini di vite umane, in termini di egemonia, perfino sul piano strettamente militare. Chi vuole aggiunga. Ma se ci mettiamo dal punto di vista della cronaca – che è quello con cui l’Impero misura gli eventi, l’unico che conosce e rispetta – allora ha vinto… Sul terreno …

Leggi tutto »

Gli Stati Uniti diffondono basi per controllare l'Eurasia

DI RAMTAU MAITRA Gli Stati Uniti stanno ampliando la presenza militare in Afghanistan, accerchiando contemporaneamente l’Iran. Washington istituirà nove basi nuove nelle province afgane di Helmand, Herat, Nimrouz, Balkh, Khost e Paktia. Le cronache spiegano anche che la decisione di costituire nuove basi militari statunitensi era stata presa durante la visita a Kabul, lo scorso dicembre, del Segretario della Difesa Donald Rumsfeld. Successivamente, il presidente afgano Hamid Karzai ha accettato il diktat del Pentagono. Non che Karzai avesse scelta: l’intelligence …

Leggi tutto »

SUL TERRORISMO ISRAELIANO

DI ENRICO GALOPPINI Riflettendo sulla tragedia che da circa un secolo investe il Vicino Oriente e, nello specifico, la Palestina, spesso mi sono chiesto se abbia un senso scrivere ancora un articolo in merito. Lontani del teatro degli avvenimenti, non si è in grado di fornire informazioni di prima mano, ma a questo pensano egregiamente i palestinesi stessi e gli attivisti che, da ogni parte del mondo, vanno a testimoniare che quel popolo, sebbene obliato da quell’autentica cricca che è …

Leggi tutto »

SI', KOUCHNER MENTIVA…

[ “Sì, Kouchner mentiva”: alcune note di Michel Collon ripercorrono  fasi della costruzione della disinformazione strategica sulla  Jugoslavia. Disinformazione essenziale per portare a compimento lo  smembramento del paese, nell’interesse della canaglia imperialista  europea e statunitense. Un breve excursus dalla guerra in Bosnia fino a  quel regime di apartheid in Kosovo che Kouchner, da primo responsabile  dell’amministrazione coloniale ONU sul territorio, ha attivamente  contribuito a realizzare… ] DI MICHEL COLLON (Traduzione di Curzio Bettio di Soccorso Popolare di Padova) Il co-autore …

Leggi tutto »

RIFLESSIONI SULLA BOLIVIA

Il politico antipolitico DI NEWTON GARVER La Bolivia non è solamente dotata di meravigliosi scenari che vanno dalla foresta vergine amazzonica alle Ande, ma è anche caratterizzata dall’essere generalmente ignorata dalla stampa dell’emisfero settentrionale. Se cerco “Bolivia” nel New York Times online, spesso passano mesi senza che appaiano nuovi risultati, salvo che per un articolo occasionale, nel quale la Bolivia viene elencata come uno dei paesi dell’America Latina. Negli ultimi 18 mesi, però, le cose sono cambiate. Nell’ottobre del 2003 …

Leggi tutto »

A CACCIA DI ORSI GRIZZLY PER DIVERTIMENTO

Sotto tiro nella Columbia Britannica DI CHRIS GENOVALI Vancouver, Columbia Britannica Una volta emersi dal letargo invernale, gli orsi grizzly della provincia dovrebbero sentire la primavera come una stagione di rinnovamento. Invece, queste icone delle zone incontaminate della Columbia Britannica, saranno ancora una volta vittime dei colpi d’arma da fuoco inflitti per mero “divertimento sportivo”. Da quando il governo Liberale, nel 2001, ha rovesciato la moratoria sulla caccia dei grizzly, circa 1,000 orsi grizzly sono stati uccisi, di cui quasi …

Leggi tutto »