Ultimi articoli

FALLUJA E' INABITABILE

DI KURT NIMMO Se un esercito straniero bombardasse la vostra città, obbligandovi ad evacuarla e a vivere in una tenda o a dormire per strada, e quindi, dopo alcune settimane, scopriste che la vostra casa è stata rasa la suolo, i vostri possedimenti distrutti, allora a questo punto voi non vorreste vendicarvi, unendovi alla resistenza che combatte contro l’esercito straniero che occupa la vostra terra? O invece celebrereste la vostra “liberazione” dal dittatore — un dittatore che non ha distrutto …

Leggi tutto »

LO STATO CLIENTELARE

Valori morali e servitù volontaria nell’America di Bush di CHRIS FLOYD Gli anni amari del malgoverno di Bush sono stati disastrosi per molti dei suoi fedeli sostenitori. Il popolo ha assistito all’aumento della disoccupazione, alla riduzione delle libertà, l’indebolimento delle comunità, la rovina finanziaria degli stati, l’aumento dei prezzi, scuole trascurate, pensioni svuotate, aria avvelenata, acqua inquinata, ed i suoi figli uccisi e mutilati in un’ingiusta guerra per il profitto che ha reso il mondo più pericoloso. Senza dubbio è …

Leggi tutto »

UCRAINA SUICIDA

L’Ucraina non può fare a meno della grande vicina  Piero Sinatti analizza i rapporti di stretta dipendenza economica tra Mosca e Kiev. La divisione? Sarebbe una nuova tragedia post-sovietica DI PIERO SINATTI Esaminiamo il quadro geo-elettorale ucraino. Presenta una radicale divisione. Le regioni dell’ovest e del centro del Paese – vi dominano agricoltura, industria leggera (specie alimentare), piccole e medie imprese, terziario – hanno dato al candidato Viktor Jushenko, ritenuto “filoccidentale”, percentuali sovietiche attorno e oltre il 90%. Le regioni …

Leggi tutto »

UCRAINA SUICIDA

L’Ucraina non può fare a meno della grande vicina  Piero Sinatti analizza i rapporti di stretta dipendenza economica tra Mosca e Kiev. La divisione? Sarebbe una nuova tragedia post-sovietica DI PIERO SINATTI Esaminiamo il quadro geo-elettorale ucraino. Presenta una radicale divisione. Le regioni dell’ovest e del centro del Paese – vi dominano agricoltura, industria leggera (specie alimentare), piccole e medie imprese, terziario – hanno dato al candidato Viktor Jushenko, ritenuto “filoccidentale”, percentuali sovietiche attorno e oltre il 90%. Le regioni …

Leggi tutto »

YUSHCHENKO HA AVVELENATO SE STESSO ?

DI CHAD NAGLE Durante la guerra fredda, il clima globale “spia-contro-spia” e di contrapposizione dei blocchi est-ovest, generò infinite trame assassine e storie di omicidi politici. Uno dei delitti più famigerati coinvolse un impiegato bulgaro della BBC, Georgi Markov, assassinato quasi sicuramente dalla polizia segreta comunista bulgara, in una via di Londra, nel 1978. La leggenda racconta che Markov morì in seguito ad un colpo inferto dalla punta di un ombrello dove era appiccicata una minuscola pallina impregnata di un …

Leggi tutto »

YUSHCHENKO HA AVVELENATO SE STESSO ?

DI CHAD NAGLE Durante la guerra fredda, il clima globale “spia-contro-spia” e di contrapposizione dei blocchi est-ovest, generò infinite trame assassine e storie di omicidi politici. Uno dei delitti più famigerati coinvolse un impiegato bulgaro della BBC, Georgi Markov, assassinato quasi sicuramente dalla polizia segreta comunista bulgara, in una via di Londra, nel 1978. La leggenda racconta che Markov morì in seguito ad un colpo inferto dalla punta di un ombrello dove era appiccicata una minuscola pallina impregnata di un …

Leggi tutto »

SPIRITO NATALIZIO

Affermare che l’assassino ha agito da solo vuol dire ignorare il ruolo dell’indifferenza dello stato DI EFRAIM MEDINA REYES La sera del 10 dicembre 1998 Babbo Natale si è avvicinato a un bambino di nove anni che vendeva sigarette in un parco di Medellín, in Colombia. Gli ha chiesto di seguirlo dietro ai cespugli, dove gli avrebbe dato tanti regali. Il ragazzino ha squadrato quel Babbo Natale da capo a piedi e si è rifiutato di andare con lui. “Perché …

Leggi tutto »

SPIRITO NATALIZIO

Affermare che l’assassino ha agito da solo vuol dire ignorare il ruolo dell’indifferenza dello stato DI EFRAIM MEDINA REYES La sera del 10 dicembre 1998 Babbo Natale si è avvicinato a un bambino di nove anni che vendeva sigarette in un parco di Medellín, in Colombia. Gli ha chiesto di seguirlo dietro ai cespugli, dove gli avrebbe dato tanti regali. Il ragazzino ha squadrato quel Babbo Natale da capo a piedi e si è rifiutato di andare con lui. “Perché …

Leggi tutto »

PER ME E' DEL TUTTO INSPIEGABILE…

DI GUIDO CERONETTI   .. che si diano assegni, premi, incoraggiamenti a chi faccia più figli. E, anche, di una immoralità che grida. Coito in vista di uno scopo così poco disinteressato merita premio? Ci si preoccupa per le famiglie dipinte dalle statistiche (vere officine della falsificazione della realtà) in preda a un perpetuo panico economico, e allora? Le si premia quanto più abbiano ragioni per abbandonarsi al timore del futuro? Se i figli sono uno o due o nessuno …

Leggi tutto »

PER ME E' DEL TUTTO INSPIEGABILE…

DI GUIDO CERONETTI   .. che si diano assegni, premi, incoraggiamenti a chi faccia più figli. E, anche, di una immoralità che grida. Coito in vista di uno scopo così poco disinteressato merita premio? Ci si preoccupa per le famiglie dipinte dalle statistiche (vere officine della falsificazione della realtà) in preda a un perpetuo panico economico, e allora? Le si premia quanto più abbiano ragioni per abbandonarsi al timore del futuro? Se i figli sono uno o due o nessuno …

Leggi tutto »

SALUTISMO PRIVATO IN PUBBLICO SMOG

DI MASSIMO FINI C’era da aspettarselo che in un mondo come il nostro l’unico posto dove essere un pò liberi sarebbe diventata la prigione. E’ quanto si ricava dalla legge voluta dal ministro della Sanità, Sirchia, che entrerà in vigore il 10 gennaio, secondo la quale con divieti severissimi, multe salate, gestori trasformati in ‘sceriffi’, vigili urbani, guardie giurate, polizia giudiziaria, milizie sanitarie mobilitate, non si potrà più fumare nei ristoranti, nei bar, nelle aziende e in qualsiasi luogo pubblico …

Leggi tutto »

SALUTISMO PRIVATO IN PUBBLICO SMOG

DI MASSIMO FINI C’era da aspettarselo che in un mondo come il nostro l’unico posto dove essere un pò liberi sarebbe diventata la prigione. E’ quanto si ricava dalla legge voluta dal ministro della Sanità, Sirchia, che entrerà in vigore il 10 gennaio, secondo la quale con divieti severissimi, multe salate, gestori trasformati in ‘sceriffi’, vigili urbani, guardie giurate, polizia giudiziaria, milizie sanitarie mobilitate, non si potrà più fumare nei ristoranti, nei bar, nelle aziende e in qualsiasi luogo pubblico …

Leggi tutto »

DRAGO RIDENTE, ORSO DANZANTE

DI RAY McGOVERN Mentre il presidente George W. Bush, i suoi consiglieri “ neo-conservatori” e i democratici centristi si vantano dello splendore dell’America come “ l’ unica superpotenza rimasta al mondo” , gli eventi mostrano che altre grandi potenze non intendono piegarsi e sospendere i loro sforzi per influenzare la storia. Il miglior risultato ottenuto dal Ministro della Difesa Russo, Sergei Ivanov, nei suoi quattro giorni in visita in Cina nelle scorse settimane è stato l’ accordo riguardo l’ autorizzazione …

Leggi tutto »

DRAGO RIDENTE, ORSO DANZANTE

DI RAY McGOVERN Mentre il presidente George W. Bush, i suoi consiglieri “ neo-conservatori” e i democratici centristi si vantano dello splendore dell’America come “ l’ unica superpotenza rimasta al mondo” , gli eventi mostrano che altre grandi potenze non intendono piegarsi e sospendere i loro sforzi per influenzare la storia. Il miglior risultato ottenuto dal Ministro della Difesa Russo, Sergei Ivanov, nei suoi quattro giorni in visita in Cina nelle scorse settimane è stato l’ accordo riguardo l’ autorizzazione …

Leggi tutto »

L'INCIUCIO MANIPOLATORIO

DI GIULIETTO CHIESA Paolo Mieli più Gianni Riotta più Pigi Battista al Corriere. Costanzo che si candida, hyphen, per la presidenza Rai. Lucia Annunziata in pectore per L’Unità. La Repubblica – che, per leggerla senza tristezza, bisogna aspettare Eugenio Scalfari la domenica – è diventato un giornale che crede alle armi di distruzione di massa (in Irak) e, quando Berlusconi demolisce il potere giudiziario, titola così: “E’ passata la riforma”… Questo è il quadro informativo che ci attende nel caso …

Leggi tutto »

L'INCIUCIO MANIPOLATORIO

DI GIULIETTO CHIESA Paolo Mieli più Gianni Riotta più Pigi Battista al Corriere. Costanzo che si candida, hyphen, per la presidenza Rai. Lucia Annunziata in pectore per L’Unità. La Repubblica – che, per leggerla senza tristezza, bisogna aspettare Eugenio Scalfari la domenica – è diventato un giornale che crede alle armi di distruzione di massa (in Irak) e, quando Berlusconi demolisce il potere giudiziario, titola così: “E’ passata la riforma”… Questo è il quadro informativo che ci attende nel caso …

Leggi tutto »

LA POLITICA ITALIANA, OVVERO IL NULLA

Qualche giorno fa dicevo a degli amici che ritengo il centrosinistra in “decomposizione”. In che senso? Nel senso che alcuni segni (estrema difficoltà nella comunicazione interna, mancanza di strategia, scarso rapporto con l’elettorato, spaccatura interna alle stesse correnti dei partiti che lo compongono, ecc.) indicavano una sua ancora aumentata instabilità interna e debolezza. Rilevavo come il discorso politico dei “neo-ulivisti” fosse solo un impasto di “antiberlusconismo mistico” e di europeismo acritico. Pensavo che potessero comunque vincere le prossime tornate elettorali …

Leggi tutto »

LA POLITICA ITALIANA, OVVERO IL NULLA

Qualche giorno fa dicevo a degli amici che ritengo il centrosinistra in “decomposizione”. In che senso? Nel senso che alcuni segni (estrema difficoltà nella comunicazione interna, mancanza di strategia, scarso rapporto con l’elettorato, spaccatura interna alle stesse correnti dei partiti che lo compongono, ecc.) indicavano una sua ancora aumentata instabilità interna e debolezza. Rilevavo come il discorso politico dei “neo-ulivisti” fosse solo un impasto di “antiberlusconismo mistico” e di europeismo acritico. Pensavo che potessero comunque vincere le prossime tornate elettorali …

Leggi tutto »

POLAR EXPRESS, DESTINAZIONE: L'INCUBO

DI EVELINA SANTANGELO Non so quanti hanno visto, o hanno portato i loro figli al cinema a vedere Polar Express. Io l’ho fatto, e, devo dire, all’inizio, con molto entusiasmo. “Un film sul mondo incantato dell’infanzia che oppone resistenza alla prosaica verità del mondo adulto, incapace di sognare, e ormai persino d’immaginare un mondo diverso, un’umanità diversa”. È stata con questa idea (sbagliata) che mi sono recata al cinema. E forse per questo la delusione è stata più acerba. Certo …

Leggi tutto »

POLAR EXPRESS, DESTINAZIONE: L'INCUBO

DI EVELINA SANTANGELO Non so quanti hanno visto, o hanno portato i loro figli al cinema a vedere Polar Express. Io l’ho fatto, e, devo dire, all’inizio, con molto entusiasmo. “Un film sul mondo incantato dell’infanzia che oppone resistenza alla prosaica verità del mondo adulto, incapace di sognare, e ormai persino d’immaginare un mondo diverso, un’umanità diversa”. È stata con questa idea (sbagliata) che mi sono recata al cinema. E forse per questo la delusione è stata più acerba. Certo …

Leggi tutto »

L'ORGOGLIOSA ORIANA È SEMPRE ''SÉ STESSA''

DI MASSIMO FINI Che Oriana Fallaci intervisti se stessa non può stupire. A una giornalista di settantasei anni che fustiga a sangue l’intero Occidente perché non sa e non vuole difendersi dall’Islam, identificato con la Bestia dell’Apocalisse (sorte già toccata a Nerone), che marchia a fuoco gli europei come “collaborazionisti”, vigliacchi, mollaccioni e “sgomentevoli”, che accusa Papa Wojtyla di non saper fare il suo mestiere eppoi, a scendere, striglia da par suo Jacques Chirac, Zapatero, Carlo Azeglio Ciampi, Romano Prodi, …

Leggi tutto »

L'ORGOGLIOSA ORIANA È SEMPRE ''SÉ STESSA''

DI MASSIMO FINI Che Oriana Fallaci intervisti se stessa non può stupire. A una giornalista di settantasei anni che fustiga a sangue l’intero Occidente perché non sa e non vuole difendersi dall’Islam, identificato con la Bestia dell’Apocalisse (sorte già toccata a Nerone), che marchia a fuoco gli europei come “collaborazionisti”, vigliacchi, mollaccioni e “sgomentevoli”, che accusa Papa Wojtyla di non saper fare il suo mestiere eppoi, a scendere, striglia da par suo Jacques Chirac, Zapatero, Carlo Azeglio Ciampi, Romano Prodi, …

Leggi tutto »

TURCHIA ED ISRAELE, LA PROSSIMA QUESTIONE UE

DI VUK ZLATAN Non so se abbiate mai studiato teoria del giochi, o se giochiate a scacchi. Nella visione normale di una scacchiera, ogni pezzo occupa una sola casella, ed ha una certa capacita’ di movimento. Il gioco consiste nel minacciare il re avversario di poter muovere sulla sua casella. Questo e’ solo uno dei modi di vedere una partita a scacchi. La teoria dei giochi insegna che una partita a scacchi possa essere vista in modi diversi. Possiamo vederla …

Leggi tutto »

TURCHIA ED ISRAELE, LA PROSSIMA QUESTIONE UE

DI VUK ZLATAN Non so se abbiate mai studiato teoria del giochi, o se giochiate a scacchi. Nella visione normale di una scacchiera, ogni pezzo occupa una sola casella, ed ha una certa capacita’ di movimento. Il gioco consiste nel minacciare il re avversario di poter muovere sulla sua casella. Questo e’ solo uno dei modi di vedere una partita a scacchi. La teoria dei giochi insegna che una partita a scacchi possa essere vista in modi diversi. Possiamo vederla …

Leggi tutto »

PROPRIO COME HITLER: IL TIME SCEGLIE BUSH COME "UOMO DELL'ANNO"

Dopo tutto, sta portando un sistema di oppressione e tirannia quasi identico. DI K.L VANTRAN WASHINGTON – I soldati della Prima Divisione Corazzata, Ronald Buxton, Billie Grimes, Marquette Whiteside, decoravano la copertina del Time magazine il 22 Dicembre dello scorso anno. Essi rappresentavano “ Il Soldato Americano “ – tutti uomini e donne in uniforme – che furono scelti dal Time come persone dell’anno 2003. “ Per l’eccezionale abilità e servizio, per le scelte che ognuno di loro ha fatto …

Leggi tutto »

PROPRIO COME HITLER: IL TIME SCEGLIE BUSH COME "UOMO DELL'ANNO"

Dopo tutto, sta portando un sistema di oppressione e tirannia quasi identico. DI K.L VANTRAN WASHINGTON – I soldati della Prima Divisione Corazzata, Ronald Buxton, Billie Grimes, Marquette Whiteside, decoravano la copertina del Time magazine il 22 Dicembre dello scorso anno. Essi rappresentavano “ Il Soldato Americano “ – tutti uomini e donne in uniforme – che furono scelti dal Time come persone dell’anno 2003. “ Per l’eccezionale abilità e servizio, per le scelte che ognuno di loro ha fatto …

Leggi tutto »

DECRETO ARSENIO LUPIN

DI MARCO TRAVAGLIO Sono una vera fortuna questi 200 morti di camorra a Napoli: altrimenti mancherebbe un pretesto per la nuova legge salva-Previti. Ma è una vera fortuna pure che Previti abbia sul groppone 16 anni di carcere in primo grado per corruzione giudiziaria e dunque necessiti di un’apposita legge per mandarli in prescrizione. Altrimenti mancherebbe il requisito di urgenza, e la legge anticamorra seguirebbe l’iter ordinario delle norme non ad personam: cioè verrebbe approvata fra una decina d’anni. Certo, …

Leggi tutto »

DECRETO ARSENIO LUPIN

DI MARCO TRAVAGLIO Sono una vera fortuna questi 200 morti di camorra a Napoli: altrimenti mancherebbe un pretesto per la nuova legge salva-Previti. Ma è una vera fortuna pure che Previti abbia sul groppone 16 anni di carcere in primo grado per corruzione giudiziaria e dunque necessiti di un’apposita legge per mandarli in prescrizione. Altrimenti mancherebbe il requisito di urgenza, e la legge anticamorra seguirebbe l’iter ordinario delle norme non ad personam: cioè verrebbe approvata fra una decina d’anni. Certo, …

Leggi tutto »

In piazza a S. GIOVANNI sì, ma…

” Io non me la prendo più con Berlusconi. Da zelante piduista, tessera 1816, è stato messo lì apposta a far il lavoro e l’ha fatto egregiamente ! non c’è proprio niente da dire Me la prendo con chi avrebbe dovuto impedire questo scempio DA SUBITO dal primo vagito di Forza Italia Non l’hanno fatto. Perché ? Non avevano intuito il pericolo? E come può essere possibile visto che una grandissima parte degli italiani – senza essere al corrente delle …

Leggi tutto »

KURSK

DI ANNA ZAFESOVA Centodiciotto ragazzi sono morti là sotto, centodiciotto famiglie aspettano una verità che non verrà mai e che potrebbe essere stata l’ultimo atto di una guerra più gelida che fredda. Un frammento di questa verità è forse nascosto dentro una piccola notizia, dieci righe appena, comparsa il 22 agosto 2000 sul sito web della Pravda. Una notizia che non è mai stata stampata sulla versione in carta del giornale e che nel mondo virtuale del web ha vissuto …

Leggi tutto »