Ultimi articoli

Gli Stati Uniti diffondono basi per controllare l'Eurasia

DI RAMTAU MAITRA Gli Stati Uniti stanno ampliando la presenza militare in Afghanistan, accerchiando contemporaneamente l’Iran. Washington istituirà nove basi nuove nelle province afgane di Helmand, Herat, Nimrouz, Balkh, Khost e Paktia. Le cronache spiegano anche che la decisione di costituire nuove basi militari statunitensi era stata presa durante la visita a Kabul, lo scorso dicembre, del Segretario della Difesa Donald Rumsfeld. Successivamente, il presidente afgano Hamid Karzai ha accettato il diktat del Pentagono. Non che Karzai avesse scelta: l’intelligence …

Leggi tutto »

SUL TERRORISMO ISRAELIANO

DI ENRICO GALOPPINI Riflettendo sulla tragedia che da circa un secolo investe il Vicino Oriente e, nello specifico, la Palestina, spesso mi sono chiesto se abbia un senso scrivere ancora un articolo in merito. Lontani del teatro degli avvenimenti, non si è in grado di fornire informazioni di prima mano, ma a questo pensano egregiamente i palestinesi stessi e gli attivisti che, da ogni parte del mondo, vanno a testimoniare che quel popolo, sebbene obliato da quell’autentica cricca che è …

Leggi tutto »

SI', KOUCHNER MENTIVA…

[ “Sì, Kouchner mentiva”: alcune note di Michel Collon ripercorrono  fasi della costruzione della disinformazione strategica sulla  Jugoslavia. Disinformazione essenziale per portare a compimento lo  smembramento del paese, nell’interesse della canaglia imperialista  europea e statunitense. Un breve excursus dalla guerra in Bosnia fino a  quel regime di apartheid in Kosovo che Kouchner, da primo responsabile  dell’amministrazione coloniale ONU sul territorio, ha attivamente  contribuito a realizzare… ] DI MICHEL COLLON (Traduzione di Curzio Bettio di Soccorso Popolare di Padova) Il co-autore …

Leggi tutto »

RIFLESSIONI SULLA BOLIVIA

Il politico antipolitico DI NEWTON GARVER La Bolivia non è solamente dotata di meravigliosi scenari che vanno dalla foresta vergine amazzonica alle Ande, ma è anche caratterizzata dall’essere generalmente ignorata dalla stampa dell’emisfero settentrionale. Se cerco “Bolivia” nel New York Times online, spesso passano mesi senza che appaiano nuovi risultati, salvo che per un articolo occasionale, nel quale la Bolivia viene elencata come uno dei paesi dell’America Latina. Negli ultimi 18 mesi, però, le cose sono cambiate. Nell’ottobre del 2003 …

Leggi tutto »

A CACCIA DI ORSI GRIZZLY PER DIVERTIMENTO

Sotto tiro nella Columbia Britannica DI CHRIS GENOVALI Vancouver, Columbia Britannica Una volta emersi dal letargo invernale, gli orsi grizzly della provincia dovrebbero sentire la primavera come una stagione di rinnovamento. Invece, queste icone delle zone incontaminate della Columbia Britannica, saranno ancora una volta vittime dei colpi d’arma da fuoco inflitti per mero “divertimento sportivo”. Da quando il governo Liberale, nel 2001, ha rovesciato la moratoria sulla caccia dei grizzly, circa 1,000 orsi grizzly sono stati uccisi, di cui quasi …

Leggi tutto »

Ecologia e sviluppo, un binomio insostenibile

di Simone Olla L’efficacia dei mezzi di comunicazione di massa, in particolare della televisione, nel “condizionare” l’opinione pubblica è un dato di fatto: tale condizionamento (o formazione di consenso) può assumere forme differenti a seconda che l’oggetto sia un evento o uno stato mentale. Preparare l’opinione pubblica ad un evento significa prepararla alla guerra oppure alla restrizione delle libertà individuali oppure al cambio di moneta. In tutti i casi sarà un processo unidirezionale rivestito da un bene superiore: il bene …

Leggi tutto »

Perch non ci sono i soldi per la ricerca scientifica?

[Lettera agli scienziati italiani] di Marco Saba “Dire che uno Stato non può perseguire i suoi scopi per mancanza di denaro è come dire che un ingegnere non può costruire strade per mancanza di chilometri”. Ezra Pound Per rispondere alla domanda posta dal titolo, occorre affrontare il problema da un punto di vista scientifico. La moneta moderna (fiat money) è emessa principalmente da tre entità: le banche ordinarie, che emettono moneta virtuale sotto forma di “credito”; la privata Banca d’Italia …

Leggi tutto »

PERCHE' IL SISMA DI GRADO 8,7 DI MARZO NON HA PROVOCATO LO TSUNAMI

Quando la placca tettonica euroasiatica si è sollevata, durante il terremoto del 28 marzo 2005 durato 90 secondi, ha dato origine a una nuova isola al largo di Sumatra. Questa nuova isola ci permetterà di provare che quello di marzo è stato un VERO terremoto, mentre il FINTO terremoto del 26 dicembre 2004 è stato un crimine di guerra (nucleare) di dimensioni inaudite. DI JOE VIALLS Quando la terra, nella tarda serata del 28 marzo, ha tremato per 90 secondi, …

Leggi tutto »

IO STO CON WOLFOWITZ

DI GEORGE MONBIOT A proposito della Banca Mondiale assistiamo a un consenso quasi unanime della sinistra che non si vedeva più da tanto tempo. Tutti quelli che temono l’arrivo di Attila nelle vesti di Wolfowitz, compreso il Wall Street Journal, considerano la sua designazione a direttore della Banca Mondiale una vera catastrofe. Tutti meno il sottoscritto. Secondo i loro timori la Banca Mondiale, con Wolfowitz, farà solo gli interessi dell’America. Se invece fosse stato scelto un altro presidente avrebbe fatto …

Leggi tutto »

LA CHIESA SCHIERA L’ARMA  DELLE  MASSE

  Roma 7 aprile  (La Velina Azzurra) –  Qualcuno  parla con realismo delle nuove divisioni del Papa. La Chiesa cattolica   che ammassa alcuni milioni  di persone a Roma mettendo nel panico le autorità ha voluto dare prova  della sua potenza planetaria. In piazza San Pietro e dintorni si  sta realizzando una fase nuova dell’eterno scontro  tra potere politico e potere religioso, tra  Chiesa e impero.   Stavolta la  Chiesa ha  messo in campo una potenza di fuoco impressionante.  Sconfitta nel gioco delle lobby …

Leggi tutto »

Berlusconi in crisi, Mediaset in salute

…non mi stupirei se gli sherpa del centrosinistra lavorassero un’operazione diplomatica simile a quella del ‘96: ritiro degli spot elettorali su Mediaset (che avevano fatto vincere le elezioni del ‘94), salvacondotto per l’azienda nel periodo del governo di centrosinistra. Tanto che diversi esponenti dell’Ulivo si sono vantati del fatto che, sotto il loro governo, Mediaset ha “risanato” i conti… DI MCSILVAN Con il tempismo tipico del grande giornale istituzionale, il Corriere della sera di ieri riportava nell’inserto economico le performance …

Leggi tutto »

Juan Pablo II, fiel servidor de los poderosos, enemigo de los oprimidos

Por Juan Ignacio Ramos “La religión es el suspiro de la criatura oprimida, el sentimiento de un mundo despiadado, y el alma para los que están vacíos. Es el opio de los pueblos” Karl Marx Después de una agonía de días y una decadencia física de meses, Juan Pablo II, el Papa más anticomunista y reaccionario que ha pisado la curia vaticana desde los tiempos de Pio XII, ha muerto. Tras 28 años de pontificado caracterizado por una involución de …

Leggi tutto »

PERCHE’ I NEOCONS VOGLIONO LA TESTA DI KOFI ANNAN

Gli Stati Uniti determinati a far deragliare le riforme progressiste del segretario generale DI ROBIN COOK Il dibattito sul Darfur (Sudan meridionale) nel consiglio di sicurezza dell’ONU di ieri notte è un promemoria salutare che l’unica speranza, per i popoli abbandonati dai loro governi, e’ una comunita’ internazionale valida. Fu un governo laburista che ospito’ la conferenza di Londra, subito dopo la guerra, che diede alla luce l’ONU. Adesso questo governo laburista ha l’opportunita’ di modernizzarla raccogliendo la sfida del …

Leggi tutto »

E TU, QUANTO SEI INDEBITATO ?

Possiamo vivere felici, così dicono le ricerche sul buon umore, purchè la smettiamo di consumare a go-go… visto che questa cosa ormai è possibile solo facendo i debiti… Il fenomeno è chiaro: se non ci sono i soldi per comprare subito l’ultimo oggetto del desiderio si corre a fare debiti (+14% nel 2004). All’obbligo del consumo si è aggiunto il dovere dell’indebitamento. Il “credito al consumo” arricchisce i (già ricchi) banchieri, mentre gli indebitati entrano nella “tossicodipendenza da acquisti”. Le …

Leggi tutto »

MASS MEDIA: LA MACCHINA DELLA BUGIA

DI SATYA SAGAR Ci sono finalmente riuscito! A perdere l’abitudine! Quella orribile, tremenda abitudine di leggere i giornali e guardare i telegiornali OGNI GIORNO! Fatemi dire i risultati che ho ottenuto rinunciando alla mia dipendenza. Dopo soli 2 mesi, in cui mi sono impegnato ad ignorare completamente i notiziari in tv, respiro meglio, dormo meglio, mangio meglio e soprattutto penso altrettanto meglio per la prima volta dopo tanti anni. Non assumere la mia dose giornaliera di mass media, vi assicuro …

Leggi tutto »

MASTURBARSI E' ANTI-AMERICANO

Il Presidente Bush, con l’appoggio del think tank repubblicano Americans for Purity, lancia l’OPERAZIONE CONTINENZA INFINITA, e promette lo sradicamento della masturbazione dal suolo americano entro il 2008. (dal sito di satira politica whitehouse.org) IL PROBLEMA La masturbazione è più pericolosa dell’ateismo. I medici della passata generazione lo sapevano bene, ma durante le recenti amministrazioni Democratiche, con la loro egemonica filosofia del “se ti piace, fallo”, il problema è divenuto ingovernabile. Cominciamo con lo sfatare alcuni miti perniciosi: MITO – …

Leggi tutto »

UNA PROSPETTIVA STORICA: LA TERZA FASE DELL’IMPERIALISMO AMERICANO

DI WILLIAM RIVERS PITT La nazione americana ha conosciuto dalla propria origine tre stadi di evoluzione imperiale. Ogni fase ha alimentato la successiva e tutte e tre sono nate e cresciute con la guerra. Per la precisione ogni fase si è rinforzata con i grossi profitti che sono andati a quei pochi che hanno provocato le guerre. Le prime due fasi non sono crollate perché assorbite nella fase successiva, nella quale sono passate le circostanze e le difficoltà precedenti. Oggi …

Leggi tutto »

QUEL PAPA MONDANO E MEDIATICO

La parabola di Wojtyla DI MASSIMO FINI Le agonie di Pio XII e di Paolo VI si svolsero in un silenzio quasi assoluto, rotto solo da qualche scarno comunicato, che dava una straordinaria intensità all’evento che stava per compiersi, la fine di Papa Wojtyla è avvolta in un frastuono e in una grancassa massmediatica che infastidiscono e disturbano sottraendole ogni autentica commozione. Ma non poteva essere che così. Wojtyla è stato un Papa Massmediatico e qui sta la ragione del …

Leggi tutto »

UN POMERIGGIO CON MOHAMMED HASSAN

L’Iraq: eroi, verità, falsi amici, rinnegati e bernardini DI FULVIO GRIMALDI Mondocane Fuorilinea Emergiamo dall’osceno tsunami necrofilo e algofilo (papa, Terry Schiavo, Ingrao) con cui i poteri che sono hanno voluto farci spiaggiare nei deserti dell’irrazionalità e della venerazione del nemico (oppressione, sofferenza, morte e, peggio di tutto, reazione ed adeguamento), oscurando la realtà che ci concerne sul serio, a incominciare dallo sterminio imperialista dei popoli e dal bertinottismo non violento e compatibile che li/ci pugnala alle spalle. Ne emergiamo, …

Leggi tutto »

AI GRUPPI PACIFISTI SFUGGE ANCORA IL VERO PUNTO DELLA QUESTIONE

Un giorno di dimostrazioni: un sicuro buco nell’acqua   DI JOHN KAMINSKI Ogni volta che l’irragionevolezza riemerge, pensa di conseguire risultati differenti Albert Einstein L’altro giorno ho ricevuto un avviso via e-mail a proposito della giornata mondiale di protesta prevista per il 19 marzo, la quale si propone di focalizzare l’attenzione pubblica sull’inarrestabile massacro di innocenti civili iracheni da parte dell’America e sulle continue falsità enunciate per giustificare un’inutile quanto vergognosa carneficina. L’e-mail conteneva in primo luogo il programma della …

Leggi tutto »

HAITI: QUELLO CHE I GRANDI MEDIA NON MOSTRANO

DI ERNESTO CARMONA Dopo un anno di occupazione, dapprima da parte della Francia e degli Stati Uniti, poi dai soli Stati Uniti, Haiti è in una situazione ancora peggiore, con più dell’ 80% di disoccupazione e quasi il 90% della popolazione che vive di espedienti in una situazione di estrema povertà. I pochi giovani che studiano vanno a leggere di notte nei tre o quattro edifici pubblici di Port-au-Prince nei quali le luci restano accese, perché nel paese non c’è …

Leggi tutto »

Corporate Assassin

By David Podvin 04/02/05 George W. Bush is a murderer, and a prolific one at that. He has deployed surrogates to kill more than one hundred thousand Iraqi civilians in a ruthless slaughter that is ongoing. The fact that he murders via remote control from the Oval Office does not confer legitimacy to his crimes. If anything, it makes them all the more despicable. Bush is slaying people in the name of democracy, yet his commitment to democracy has already …

Leggi tutto »

DELLA TIRANNIDE

DI IDA MAGLI Gli Italiani credevano forse di non essere più servi e sudditi dello Stato Pontificio. Ma si sbagliavano. Neanche lo Stato Pontificio nella pienezza del suo potere ha mai celebrato un Papa come la finta repubblica italiana ha fatto e continua a fare per la malattia e la morte di Karol Wojtyla. Sono stati proclamati tre giorni di lutto, con la bandiera a mezz’asta sugli edifici pubblici. Tutti i politici, a cominciare dal presidente della repubblica, hanno partecipato …

Leggi tutto »

WOJTYLA, IL PAPA CHE HA FALLITO

Una voce critica. Il teologo cattolico dissidente Hans Küng indica le undici contraddizioni che avrebbero segnato il Pontificato di Giovanni Paolo II, costringendo milioni di credenti a una drammatica «crisi di speranza» DI HANS KUNG Predica il dialogo ma ha isolato la Chiesa. Le sue idee di fede e di morale hanno cancellato il Concilio Vaticano II La situazione della Chiesa Cattolica è seria. Il Papa è gravemente malato e merita ogni compassione. Ma la Chiesa deve vivere. Per questo, …

Leggi tutto »

LE RIVELAZIONI DI UN ADDETTO AI LAVORI

L’ex talpa Daniel Ellsberg (VietNam) parla dell’Amministrazione Bush, del diritto alla disobbedienza civile e delle fiamme eterne dell’inferno DI MIRA PTACIN La voce di Daniel Ellsberg dà l’impressione di una persona mite, come è delicata e ovattata ma l’ex talpa del Pentagono, diventato attivista della pace, è provvisto di uno spirito tagliente come un rasoio ed di una capacità di analisi che non è diminuita con l’aumentare dell’età. A 73 anni Ellsberg non è più sotto i riflettori ma sta …

Leggi tutto »

LA JAMESTOWN FOUNDATION, UN'AGENZIA STAMPA SU MISURA

Creata dalla CIA per mettere in scena le fughe comuniste dell’epoca di Reagan, la Jamestown Foundation ha ripreso l’attività sotto l’amministrazione Bush. Da allora, esce con dei bollettini specializzati, che servono da riferimento ai think tanks di Washington. Universitari e giornalisti si impegnano a descrivere un mondo fantasmagorico la cui ostilità giustifica da sé l’imperialismo statunitense. Sempre più spesso, alcuni think tanks neoconservatori, come per esempio il Center for Security Policy [1], citano le pubblicazioni della Jamestown Foundation. Questa associazione, …

Leggi tutto »

IL DOPO WOJTILA E' INIZIATO

DI PAOLO EMILIANI Un antico proverbio romano dice “morto un papa se ne fa un altro”. Non è cattivo gusto citare questo detto in questo momento, significa infatti che i papi passano mentre la chiesa cattolica resta. Significa pure che un papa equivale ad un altro. Questo, però, non è vero. La storia ci ha insegnato che alcuni papi non hanno lasciato grande segno di sé, mentre altri hanno impresso la loro impronta in modo indelebile. Dopo il pontificato di …

Leggi tutto »

L'AYATOLLAH ATOMICO

DI SLAVOJ ZIZEK Le armi nucleari nelle mani di chi oggi governa l’Iran rappresentano veramente una minaccia per la pace e la sicurezza internazionali? Per rispondere a questa domanda, dobbiamo collocarla nel suo contesto politico e ideologico. Ogni struttura di potere riposa necessariamente su una minaccia sottostante, implicita: quali che siano le regole democratiche e le limitazioni giuridiche ufficiali, alla fine possiamo fare di te ciò che vogliamo… Nel XX secolo la natura di questo legame tra il potere e …

Leggi tutto »

Scenari e conflitti per il dopo-petrolio: la corsa per il gas naturale…

è già iniziata Quando l’oro-nero non ci sarà più, i gas naturali diventeranno la fonte energetica più appetibile. Le strategie di conquista delle potenze occidentali e delle grandi compagnie DI ARTHUR LEPIC Le economie sviluppate devono concepire politiche economiche che garantiscano loro l’accesso alle fonti di energia. Il petrolio, ad esempio, è diventato una delle principali poste in gioco nei rapporti internazionali. Anche per il gas naturale vale la stessa cosa. Ma si tratta di un prodotto particolare, ad esempio …

Leggi tutto »

DA BABILONIA A ''CAMPO BABILONIA'' PARTE SECONDA

DI JOEELLE PENOCHET Parte seconda LA LEGENDARIA CITTA’ DI BABILIONIA RICONVERTITA IN CAMPO MILITARE “Babilionia è senza domanda uno delle zone archeologiche più importante al mondo, ed i danni causati dal campo militare è un nuovo colpo portato al patrimonio iracheno.” Dr John Curtis, direttore del dipartimento delle antichità del Vicino-Oriente allo British Museum. Molte vecchie località sono state trasformate in campi militari. Così, Babilionia (“Porte degli dèi”) è stata occupata da duemila soldati americani fin dai primi giorni dell’invasione …

Leggi tutto »