Ultimi articoli

SENZA SIMBOLI NON C'E' LA STORIA

I rischi della proposta Frattini che vuole cancellare tutto ciò che ricorda il nazismo     DI FRANCO CARDINI NEI GIORNI scorsi, il Commissario UE Franco Frattini ha ripetutamente formulato progetti, programmi e propositi in rapporto con la «Giornata della memoria» dello scorso 27 gennaio e che si rifanno a una decisione-quadro già affiorata nel febbraio del 2003 e quindi rimasta per varie ragioni al palo di partenza. Si tratta dell’istanza volta a vietare qualunque uso, in Europa, di simboli in …

Leggi tutto »

DALLE URNE SPUNTA UNA TEOCRAZIA

DI MASSIMO FINI Non è ancora finito lo spoglio delle schede che gli sciiti, forti di un suffragio vicino, se non superiore, al 70%, che li porterà ad avere nel nuovo parlamento iracheno 150 seggi su 275, cioè la maggioranza assoluta, presentano già il conto: chiedono che la prossima Costituzione e, di conseguenza, la legislazione sia fondata sulla Sharià, la legge coranica, e che quindi l’Iraq diventi una Repubblica teocratica sul modello iraniano.Tutti i saggi religiosi, gli iman e la …

Leggi tutto »

TI RICORDI FALLUJA ?

Tre mesi dopo l’offensiva americana e la presa di questo bastione sunnita, appena il 20% della popolazione è tornata. Qualche abitante sopravvive tra le rovine. La Croce Rossa tenta di aiutare, mentre l’esercito iracheno pattuglia e saccheggia ciò che resta. DI MICHEL BOLE_RICHARD, Le Monde _ Osservatorio Iraq 8 febbraio 2005 – Tre mesi dopo l’offensiva americana contro Fallujah, che è iniziata l’otto novembre 2004, la città ribelle, situata ad una cinquantina di chilometri ad ovest di Baghdad, è una …

Leggi tutto »

I MIGLIORI DIECI SCRITTORI DI INTERNET

Leggete sempre le storie che scrive questa gente DI JOHN KAMINSKI Lasciatemi dire che quando uno scrittore sulla scena di una storia pericolosa lascia volutamente le finestre aperte quando va a dormire la notte cosicché le bombe che scoppiano vicino non gliele romperanno, e la cosa funziona, mentre la porta anteriore, perfettamente serrata e chiusa, viene abbattuta… be’ avete una persona con una storia dannatamente importante che merita di essere ascoltata e un testimone che merita di essere additato come …

Leggi tutto »

PERSI I FONDI PER LA RICOSTRUZIONE DELL’IRAQ

Sono spariti quasi 9 miliardi di dollari (4,7 miliardi di sterline) da un fondo per la ricostruzione del paese costituito con i profitti realizzati con il petrolio iracheno. Il programma della BBC File On 4 ha scoperto che sono spariti inspiegabilmente 8,8 miliardi di dollari degli oltre 20 miliardi di dollari, accumulati con i profitti petroliferi durante l’amministrazione degli USA. I revisori dei conti del governo degli Stati Uniti accusano di fallimento l’Autorità Provvisoria della Coalizione (CPA) per non essere …

Leggi tutto »

LA GRANDE FABBRICA DELLA MENZOGNA ARRUOLA ANCHE PARTE DELLA SINISTRA

DI GIULIETTO CHIESA Dobbiamo a internet la riscoperta dell’articolo del New York Times del 4 settembre 1967, intitolato così: “Il voto in Vietnam rincuora gli Stati Uniti”. Il sommario che lo accompagnava era questo: “Affluenza alle urne dell’83%, nonostante il terrorismo dei vietcong”. L’autore si chiamava Peter Grose e possiamo considerarlo l’antesignano del giornalismo di punta contemporaneo, embedded, delle Lucia Annunziata e Monica Maggioni che imperversano sui nostri schermi, raccontandoci la guerra dei vincitori… Il voto dell’Irak ha rincuorato Bush, …

Leggi tutto »

CATTOCOMUNISTI D'AMERICA

DI MARCO TRAVAGLIO Da quando la giustizia è diventata come il calcio – se ne occupano tutti, preferibilmente gli incompetenti – si sentono e si leggono cose sempre pù avvincenti. Quel gran genio di Giuliano Ferrara, sempre molto intelligente ma esentato dalla fatica di dimostrarlo, scrive sul Foglio che il gup di Milano Clementina Forleo ha torto marcio mentre il suo collega di Brescia Roberto Spanò ha ragione da vendere. Poi spiega come fare per evitare il ripetersi di sentenze …

Leggi tutto »

PETROLIERI, DIVIDENDI ALLE STELLE MA QUANTI GLI SPREMUTI DEL MONDO

I profitti della Shell cresciuti in un anno del 48 per cento DI MAURIZIO BLONDET Hanno motivo di brindare gli azionisti della Shell: la multinazionale anglo-olandese verserà loro dividendi per 10 miliardi di dollari. E’ la pioggia d’oro di un anno record per le petrolifere: la Shell ha dichiarato profitti per 18,5 miliardi di dollari, la Exxon Mobil per 25,3. L’entità delle cifre, quand’è astronomica, rischia di superare la comprensione dell’uomo della strada. Per capire, ecco qualche confronto: per giro …

Leggi tutto »

OH, SI PUO’ CAPITARE ANCHE A NOI

DI ROBERT KUTTNER “Come siete finiti in bancarotta?” “In due modi. Prima pian piano, poi all’improvviso.” —Ernest Hemingway, The sun also rises (Il sole sorge ancora). Gli Stati vanno in bancarotta prima lentamente, chiedendo prestiti in continuazione, poi, quando i creditori perdono fiducia e non prestano più, all’improvviso. E’ capitato a decine di paesi del Terzo Mondo, i quali avevano anche la sfortuna di essere debitori in dollari. Non appena la loro valuta perdeva la fiducia dei mercati, subito veniva …

Leggi tutto »

FASSINO SHOW !

DI STEFANO VERNOLE Rieletto trionfalmente segretario dei DS, Piero Fassino ha dato anche stavolta prova delle sue mirabili “linee di vetta”, partendo proprio dal tema a lui più congeniale: la politica internazionale. In un improvviso allineamento con Silvio Berlusconi, il “leader” di Botteghe Oscure ha definito i “veri resistenti” coloro che in Iraq sono andati a votare dietro convincimento degli Ayatollah di Teheran (una parte degli sciiti) e del Mossad (i curdi). Allineandosi alle veline che, partendo da Hoolywood, vengono …

Leggi tutto »

CARNEVALE IRACHENO

Da bravi pubblicitari si sono inventati il “mitragliere di pace”. Che pace vuoi fare se fai il mitragliere? DI BEPPE GRILLO È carnevale. Tempo di maschere. E ora ce lo dicono anche in faccia: quella della missione umanitaria in Iraq era una mascherata. “Basta con l’ipocrisia dell’intervento umanitario. (…) Abbiamo dovuto mascherare Antica Babilonia come operazione umanitaria perché altrimenti dal Colle non sarebbe mai arrivato il via libera”. A dirlo non è un caporale ubriaco ma un pezzo grosso del …

Leggi tutto »

COME TI STRAVOLGO IL MITO DEL CONQUISTATORE MACEDONE

La trasposizione cinematografica restituisce un’immagine di Alessandro Magno falsata ad arte dai media americani DI LUCA LEONELLO RIMBOTTI Se non l’avete ancora visto, andateci. Il film su Alessandro Magno, intendiamo. La vicenda è appassionante, il personaggio ha un fascino memorabile, ci sono storia e mito insieme, e tutto fa parte del nostro grande immaginario collettivo. Passato europeo, storia nostra. L’eroe, la conquista, la gloria, le armi, il potere. Bellissime scene di battaglia. E poi la vicenda personale: la madre maga …

Leggi tutto »

A TESTA ALTA CONTRO LA GUERRA

DI GIULIETTO CHIESA E’ già stato scritto ieri, da Tariq Ali, su queste colonne, ma sarà utile ripeterlo. Non sappiamo chi ha rapito Giuliana Sgrena e quindi non possiamo escludere nessuna ipotesi: da quella di ricatto per soldi, fino a quella di una provocazione di qualche servizio segreto. Chi ha rapito Giuliana – se non lo sa ancora – saprà presto che il Manifesto la sua giornalista erano e sono per il ritiro delle truppe straniere dall’Irak. Se l’ha rapita …

Leggi tutto »

TERNI: QUANDO THYSSSEN ERA CAPACE DI RISOVERE I PROBLEMI

DI MARCO SABA E’ di questi giorni la notizia della crisi apparentemente irreversibile delle acciaierie di Terni della ThyssenKrupp: il piano illustrato dal presidente del Comitato Esecutivo dell’azienda, Michael Rademacher, prevede non solo la chiusura dello stabilimento del magnetico, coi suoi 350 posti di lavoro, ma anche l’uscita di 155 lavoratori, del magnetico e dell’inox, che andranno in pensione o in mobilita’, nonché il ricorso alla cassa integrazione. Il presidente Rademacher potrebbe disporre di un’alternativa interessante che è stata illustrata …

Leggi tutto »

I RELIGIOSI SHIITI PROCLAMANO VITTORIA

DI JUAN COLE Abdul Aziz al-Hakim ha proclamato la vittoria dell’ United Iraqi Alliance, composta dai partiti religiosi di cui è a capo. Ed ecco cosa pensano i vincitori, se sono loro i vincitori, a proposito degli USA: “Nessuno è contento che ci siano truppe straniere in Irak. Siamo convinti che gli iracheni sono capaci di risolvere i loro problemi, compreso quello della sicurezza. Naturalmente quest’ultimo problema dovrà essere affrontato dal nuovo governo.” L’idea che il partito Shiita al-Dawa, il …

Leggi tutto »

SOBRIETA': DALLO SPRECO DI POCHI AI DIRITTI PER TUTTI

Il mondo siede su due bombe: la crisi ambientale e quella sociale. Dalla protesta a tutto campo alla proposta di un nuovo stile di vita che ci induca a evitare i tanti sprechi che costellano la nostra quotidianità. Intervista a Francesco Gesualdi DI FRANCESCO GESUALDI Nel tuo libro proponi una scelta apparentemente semplice e comunque condivisibile, quella di uno stile di vita improntato alla sobrietà. Ci puoi spiegare in breve la tua proposta? La sobrietà è uno stile di vita, …

Leggi tutto »

IL DISPERATO STATO DELL'UNIONE

DI MIKE WHITNEY Non c’è nessun dubbio al riguardo, il discorso sullo Stato dell’Unione è stato fin qui la prestazione più debole da parte di Bush. Può aver tirato qualche affondo dalla predella come fosse un pugile, inzuppato della adulazione dei fedeli Repubblicani, ma quando è suonata la campanella ha lasciato andare alcuni suoni affannosi prima di tuffarsi in picchiata a vele spiegate. Pareva fuori dal gioco, non è vero? Il suo soliloquio è apparso sufficientemente famigliare: Bush che promette …

Leggi tutto »

UNO SGUARDO DA VICINO SUL VIETNAM

DI DERRICK Z. JACKSON Gli 80 miliardi di dollari recentemente richiesti dal presidente Bush porta i costi di guerra dell’Iraq e dell’Afghanistan (dov’è finito Osama?) a oltre 300 miliardi. Le spese per il Vietnam ammontarono a circa 584 miliardi di dollari, secondo una stima dell’Ufficio Congressuale per la Ricerca. L’Iraq è già costato molto di più nella valuta attuale rispetto alla Guerra Civile o alla Prima Guerra Mondiale. Si stanno per superare i costi della Guerra di Corea. Tra due …

Leggi tutto »

COMUNICAZIONE GLOBALE

Nell’attuale società dello spettacolo tutti sembrano fare i comici ed è difficile ormai trovare delle opinioni serie ed esposte con chiarezza. Resta solo qualche comico che, stufo della concorrenza dei politici, dei giornalisti, e dell’establishment in genere, ha deciso di cambiare tono. DI BEPPE GRILLO I nostri defunti si ribaltano nella tomba per la sfiga che li ha colpiti: quella di non poter partecipare a questa Grande Era. La Grande Comunicazione Globale, poi c’è un terremoto da 200.000 vittime e …

Leggi tutto »

TV, IL BAMBINO IN VENDITA

DI GIOVANNI BOLLEA L’immagine fisica dei bambini e la loro presa psicologica sugli adulti non deve essere sfruttata commercialmente, al di là di un determinato limite stabilito dalla legge sulla tutela dei minori. Se in 8 ore di programmazione in tv, in un solo giorno qualsiasi della settimana, sono comparsi 312 baby attori, significa che in uno spot su tre, il protagonista è un bimbo! Visto che i bambini non devono essere un territorio di conquista del mercato, accettare tutto …

Leggi tutto »

I ''LIBERI'' IRACHENI STANNO ASPETTANDO CHE IL VENTO CAMBI

“Per avere un pasto decente dobbiamo andare a un funerale.” DI ROBERT FISK Baghdad – Ieri il vento è penetrato a Baghdad, ha strappato i manifesti affissi ai muri, ha provocato mille mulinelli fra i negozi con le serrande abbassate di Rashid Street, ha fornito una nuova giustificazione per i cappucci e le maschere nere indossate dai poliziotti a Tahir Square. Tahir, “indipendenza”, è la parola per la quale domenica molti hanno votato, non si è trattato di “democrazia”, come …

Leggi tutto »

PEARL HARBOR REDUX

L’imminente attacco israeliano all’Iran e le sue conseguenze DI HARRY BRUSNER – TBR News.org Caro Lettore, A differenza del nostro webmaster, io non posso pubblicare documenti segreti su questo sito, ma posso e disegnero’ per voi ragionevoli scenari e conclusioni di buon senso da fonti pubblicate. L’articolo di Seymour Hersh nel New Yorker : e’ stato ampiamente discusso dalla sua apparizione. Hersh ha detto che: Secondo un ex ufficiale di alto livello dei servizi segreti, il Segretario della Difesa Donald …

Leggi tutto »

UN'ADOLESCENTE ERA TRA I PRIGIONIERI DEI BRITANNICI, HA DETTO LA CORTE MARZIALE

DI AUDREY GILLAN Un adolescente di 12 anni era nel gruppo di saccheggiatori iracheni che sono stati catturati e, secondo quanto si dice, sottoposti ad abusi dai soldati inglesi. Così si è espressa ieri una corte marziale in Germania. Il ragazzo era con gli uomini che sono stati catturati, è stato obbligato a spogliarsi nudo ed a simulare atti sessuali davanti ad una folla di squadroni che lo deridevano. Non è chiaro se il ragazzo ha testimoniato che gli abusi …

Leggi tutto »

UN'IDEA POLITICA

DI MAURIZIO MAGGIANI Credo che sia successo qualcosa di importante in Puglia quando ottantamila elettori simpatizzanti della sinistra si sono messi di buona voglia a scovare i seggi allestiti – e ben nascosti – per concedere loro la possibilità di scegliersi il candidato a presidente della Regione. Sganciando pure un euretto a testa per esercitare questo nuovo loro diritto. Non credo che elezioni primarie siano la forma perfetta della democrazia – se mai la democrazia potrà essere perfetta – ma …

Leggi tutto »

PERCHE' I BAMBINI IRACHENI NON FANNO RUMORE QUANDO CADONO ?

Perchè Dio si comporterebbe Come Rumsfeld? DI BERNARD CHAZELLE Nessuno ha detto che morire doveva essere monotono. “Gridando di paura, i bambini paralizzati nel centro per disabili fisici e malati mentali di Galle, Sri Lanka, giaciono vulnerabili nei loro letti mentre l’acqua del mare aumenta di livello intorno loro.” E’ il commento della CNN letto come lo screenplay di una pellicola dell’orrore. Una ragazza paralizzata cresce povera in un alloggio per sordi, ciechi, malati e, in buona parte, per anziani …

Leggi tutto »

ANCHE IN VIETNAM L'AFFLUENZA AL VOTO ERA STATA BUONA

Nessun tipo di interpretazione strumentale per quanto articolata può riuscire a nascondere l’ostilità degli Iracheni nei confronti dell’occupazione degli Stati Uniti DI SAMI RAMADANI Il 4 Settembre 1967 il New York Times pubblicò la storia vivace e celebrativa sulle elezioni presidenziali che erano state organizzate dal regime fantoccio Sud Vietnamita al culmine della guerra in Vietnam. Sotto il titolo “Gli Stati Uniti incoraggiati dal voto in Vietnam: I funzionari parlano di una affluenza al voto dell’83% malgrado il terrore dei …

Leggi tutto »

ALLONS ENFANTS A LA GUERRE

Ritorniamo sul tema dei bambini, impiegati e reclutati, in svariati luoghi del mondo, per compiere azioni di guerra: sono circa 300mila i minori, di cui 120.000 in Africa, attualmente impegnati in conflitti del mondo, a quanto risulta dal Rapporto globale 2004 che esamina le tendenze e gli sviluppi a partire dal 2001 in 196 Paesi, presentato a Londra dalla Coalizione “Stop all’uso dei bambini soldato” (il fenomeno è dilagante e solo parzialmente valutabile viste le molte variabili legate alla tipologia …

Leggi tutto »

COSA SARA' LA DEMOCRAZIA IN IRAK

DI MAURIZIO BLONDET “Usa incoraggiati dall’alto afflusso alle elezioni in Vietnam. L’83 per cento dei sud-vietnamiti ha votato nonostante la campagna terroristica dei Vietcong”. E’ il titolo di un vecchio articolo del New York Times, del 4 settembre 1967 (1). Furono eletti il generale Nguyen Van Thieu, candidato alla presidenza, e il generale Nguyen Cao Ki, candidato alla vicepresidenza: entrambi già governavano il Paese di fatto, dopo il golpe che aveva rovesciato Ngo Dinh Diem. “Ora gli Usa sperano che …

Leggi tutto »

LE ELEZIONI IN IRAK: PRIME IMPRESSIONI

DI JUAN COLE Sono proprio spaventato per i toni vittoriosi della stampa americana a proposito delle cosiddette elezioni di domenica in Irak. La settimana scorsa, in TV, ho dichiarato che questo evento è un “terremoto politico” e “uno storico primo passo per l’Irak.” Si tratta proprio di un avvenimento della massima importanza per l’Irak, il Medio Oriente e il mondo. Tutti festeggiamenti, anche se esagerati, hanno comunque un fondo di verità. Gli iracheni dei passati decenni non hanno mai potuto …

Leggi tutto »

GLI IBRIDI UOMO-ANIMALE ACCENDONO LA CONTROVERSIA

di MARYANN MOTT Gli scienziati hanno iniziato a sfumare la linea di confine tra essere umano e animale producendo le chimere – creature ibride in parte umane ed in parte animali. Nel 2003 scienziati cinesi della Seconda Università di Medicina di Shanghai fusero con successo cellule umane con uova di coniglio. Gli embrioni furono apparentemente le prime chimere umano-animale generate con successo. Agli embrioni fu consentito di svilupparsi per parecchi giorni in una capsula di laboratorio prima che gli scienziati …

Leggi tutto »