Ultimi articoli

GUIDA RAGIONATA ALLE ELEZIONI

DI BIANCA CERRI ELEZIONI A SENSO UNICO Persino uno scrittore poco incline all’analisi sociale come Fitzgerald l’aveva capito: “al prezzo di due soldi, l’elettore si compra politica, filosofia e pregiudizi” e basterebbe questo a spiegare quanto sia stata superflua l’informazione che, per quasi un anno, ha inondato i media in vista delle elezioni di USA 2004. Per quanto ci riguarda, abbiamo scelto di basarci invece sugli argomenti lasciati inesplorati dagli altri, perché, come appunto diceva Fitzgerald, politica, filosofia e pregiudizio …

Leggi tutto »

L'EUROPA E I CENTOMILA

DI ALESSANDRO ROBECCHI Bravi tutti, bella cerimonia. Salutata da due ali festanti di poliziotti e carabinieri è nata a Roma la nuova Europa, con la sua costituzione nuova di zecca, eccetera eccetera. Regia di Zeffirelli, buona trasmissione, mancava solo la pubblicità della colla per dentiere, ma non si può avere tutto. Come si può capire (e perdonare) i discorsi sono di circostanza, l’evento merita qualche sua retorica e per un continente che si è scannato allegramente fino a pochi anni …

Leggi tutto »

Tornano le “scatole nere”

DI JOHNNY ANDREW MANISCO Un vigile del fuoco di New York e un volontario che lavorarono a lungo tra le rovine delle due torri hanno dichiarato di aver aiutato agenti federali a prelevare tre delle quattro scatole nere dei due aerei che si no contro i grattacieli. A rivelare la notizia giovedì è stato il quotidiano Philadelphia Daily News. Il vigile del fuoco Nicholas DeMasi ha raccontato (in un libro pubblicato di recente insieme ad altre persone che lavorarono a …

Leggi tutto »

ASPEN ALL'ITALIANA

DI GIUSEPPE GENNA L’Aspen Institute è una cosa seria. Ogni élite è una cosa seria. L’Italia è un paese anomalo. Quindi ogni élite in Italia è una cosa anomala. In particolare, negli ultimi anni, abbiamo assistito a un’accelerazione dell’anomalia. Mediobanca di Enrico Cuccia: quella non era una cosa anomala, ma seria. La Fiat degli Agnelli, anche. Nel senso che uno, quando ha un nemico ideologico, ce l’ha perché il nemico si fa portatore di un’ideologia. Cosa succede quando, invece, il …

Leggi tutto »

Israeli secret agents killed 310 Iraqi scientists

By Mustafa Amara Azzaman, 2004-10-30 — More than 310 Iraqi scientists are thought to have perished at the hands of Israeli secret agents in Iraq since fall of Baghdad to US troops in April 2003, a seminar has found. The seminar, held in Cairo, was attended by politicians, journalists and experts with an interest in current Iraqi affairs. The experts said they had detected an organized campaign aimed at “liquidating Iraqi scientists” in the past 18 months and most of …

Leggi tutto »

COME FUNZIONA L'AUDITEL

DI MARCELLO PAMIO Più persone guardano un programma e più la pubblicità paga in termini economici, seguendo la logica perversa e deleteria dell’audience! Ormai questo termine è diventato così familiare che è entrato nel nostro bagaglio culturale: ma cosa significa esattamente audience? Il dizionario inglese la definisce come «le persone alla portata di orecchio», per via della sua radice latina, ma anche «spettatori» e «uditorio». In termini pubblicitari, e cioè l’ambito che interessa noi e loro, l’audience è l’insieme della …

Leggi tutto »

LA DONNA DELLA PACE

DI ROBERT FISK Margaret. Margaret Hassan. Colei che mi ha detto che presto – molto presto – «ci sarà più di una generazione perduta» in Iraq. Rapita mentre si recava al lavoro, Margaret Hassan è direttrice di Care International. Margaret Hassan è stata una nemica delle sanzioni Onu nei confronti dell’Iraq ed è il simbolo di tutti coloro che credono che l’Iraq – un Iraq realmente libero e non occupato – abbia un futuro. Anch’ella è entrata a far parte …

Leggi tutto »

NON CI SONO TONI DA CROCIATA

DI MASSIMO FINI Prima di logorarsi sul busillis se la sortita di Osama bin Laden favorisca Bush o Kerry, io guarderei altre cose, a mio avviso più importanti. Tutti, credo, pensavamo e temevamo che Bin Laden – se era ancora vivo – sarebbe ricomparso un giorno, dopo una così lunga assenza, in qualche forma demoniaca, con un mostruoso attentato, tipo Torri Gemelle o qualcosa del genere. Invece il Bin Laden del video dell’altra sera ha fatto un discorso da cui …

Leggi tutto »

L'involuzione del diritto

Il 28 ottobre 2004 a Pisa, organizzata dal Comitato contro la Repressione, si è tenuta un’Assemblea Pubblica, affollata oltre le aspettativa degli organizzatori, a sostegno di ragazzi colpiti da provvedimenti di custodia cautelare, in quanto accusati di far parte delle cosiddette COR (cellule di offensiva rivoluzionaria), “il gruppetto di Pisa, responsabile di qualche portone bruciacchiato”. Due ragazzi sono stati addirittura portati in carcere sulla base di indizi labili, nell’ottica della cosiddetta carcerazione preventiva che significa il rovesciamento completo del principio …

Leggi tutto »

Intervista a Khanbiev, emissario in Europa di Maskhadov

Beslan, l’altra verità di Enrico Piovesana / Maso Notarianni peacereporter.net 14/10 storie e reportage, CECENIA: Intervista a Umar Khanbiev, emissario del leader indipendentista ceceno Aslan Maskhadov. “Quei terroristi agivano al soldo di Putin che ha organizzato tutto con Basayev per riguadagnare il sostegno del mondo alla guerra contro il nostro popolo”. La lettera di una sopravvissuta confermerebbe questa tesi. 14 ottobre 2004 – Il dottor Umar Khanbiev, uomo dalla corporatura imponente e dalle maniere eleganti, è il rappresentante in Europa …

Leggi tutto »

RAI: censura a Paolo Hendel

Paolo Hendel escluso dallo show di Giorgio Panariello Del Noce: La satira politica è uno strumento improprio megachip.info Raiuno ha una “linea editoriale” che prevede il divieto di satira politica “contro chiunque sia indirizzata: anche i produttori esterni lo sanno e si attengono correttamente a questa linea”: a parlare, intervenendo sul ‘caso Hendel’, che non sarà ospite di Panariello a ‘Ma il cielo è sempre più blu’ è il direttore di Raiuno, Fabrizio Del Noce. “Di solito intervengo sul programma …

Leggi tutto »

Presunto Innocente

di Scott Turow […] Entrano settantacinque persone, dodici delle quali presto dovranno decidere cosa sarà della mia vita. Sono individui comuni, niente di speciale.[…] Ernestine [il cancelliere] ne chiama sedici, li fa sedere nel palco della giuria, dice agli altri di prendere posto nelle prime quattro file di panche dalla parte del tavolo dell’accusa, che gli uscieri hanno sgombrato dagli spettatori […]. [Il giudice] Larren incomincia a spiegare. Probabilmente ha visto scegliere mille giurie, nella sua carriera. Stabilisce con loro …

Leggi tutto »

Terza classifica mondiale della libertà di stampa

Reporter senza frontiere pubblica la terza classifica mondiale della libertà di stampa. E’ in Asia orientale (Corea del Nord, 167° in ultima posizione; Birmania, 165°; Cina, 162°; Vietnam, 161°; Laos, 153°) e in Medio-Oriente (Arabia Saudita, 159°; Iran, 158°; Siria, 155°; Iraq, 148°) che la libertà di stampa risulta essere più minacciata. In questi paesi, la stampa indipendente è semplicemente inesistente e i giornalisti devono fare quotidianamente i conti con la repressione o con la censura. Non sono garantite inoltre …

Leggi tutto »

DOVREMMO ESSERE TUTTI VEGETARIANI ?

Hugh Fearnley Whittingstall domanda: “Perché non dovremmo reclamare l’autorità morale di uccidere gli animali per la nostra alimentazione sulle basi del fatto che offriamo loro un trattamento migliore in vita rispetto a quello che otterrebbero da soli senza il nostro aiuto? Perché, ritiene il prof. Andrew Linzey, non abbiamo il diritto di colonizzare e uccidere milioni di altri esseri senzienti per farne risorse alimentari, dal momento che si può vivere una vita salutare e felice seguendo una dieta vegetariana. Caro …

Leggi tutto »

Alle origini di Abu Ghraib

di Enrico Piovesana In Afghanistan nel 2002 venivano sperimentate le tecniche applicate nel carcere iracheno Dopo due anni di insabbiamenti e depistaggi, si sta sgretolando il muro di gomma eretto dall’esercito statunitense attorno alla morte di due prigionieri afgani detenuti nel carcere militare della base aerea Usa di Bagram, una quarantina di chilometri a nord di Kabul.

Leggi tutto »

GLI STUPRATORI DEL BOUNTY

Nel 1789 il capitano William Bligh fu abbandonato in mezzo al mare. Dopo oltre duecento anni la Corona ottiene un processo. Ma non per l’ammutinamento. Una catena di violenze sessuali lunga quarant’anni: un tribunale britannico condanna sei abitanti di Pitcairn, l’isola del Pacifico in cui due secoli fa si rifugiarono i più famosi ammutinati della storia. Tra loro anche il sindaco. Che è l’ultimo discendente del ribelle Fletcher Christian, ma anche il timoniere dell’unica barca dell’isola. DI ROBERTO ZANINI Ci …

Leggi tutto »

La seconda forza della coalizione: I mercenari

E fra loro perfino i famigerati uomini di Augusto Pinochet Nella foto a sinistra, “dipendenti”della vigilanza Blackwater a Baghdad (AFP). I mercenari sono la seconda più grande forza in Iraq, superando anche il più grosso alleato degli Stati Uniti, la Gran Bretagna. Circa 15.000 uomini appartenenti ad imprese private militari sono all’opera in Iraq, secondo la stima di Peter Singer, autore di “I guerrieri della corporazione: La salita dell’industria privatizzata militare”. La resistenza irachena si trova a combattere contro gruppi …

Leggi tutto »

“Sono morti centomila civili”

Ricerca choc sulla guerra in Iraq. Le nuove statistiche pubblicate dalla rivista medica inglese «The Lancet» «Il 95% vittime di bombe e raid». L’indagine condotta su 808 famiglie E così, oltre alle 377 tonnellate di super-esplosivo, mancherebbero all’appello anche 100 mila iracheni. Centomila persone uccise dall’inizio della guerra, «in gran parte donne e bambini». Centomila, «stimate per difetto». Come dire gli abitanti di Lecce, o due volte la città di Mantova. La stima (la denuncia) viene dall’autorevole rivista medica The …

Leggi tutto »

LA MADRE DEL SOLDATO

DI TERI WILLIS ALLISON Tutta l’ansia della guerra in una lettera scritta col cuore Non sono una pacifista. Sono una madre. Per natura, queste due figure sono inconciliabili: anche un tenero coniglio lotterebbe per proteggere i suoi cuccioli. Talvolta la difesa richiede azioni violente per proteggere la propria famiglia o la propria casa (e questa definizione di casa può facilmente essere estesa alla comunità e anche oltre); ma la violenza, non importa come viene giustificata richiede sempre un pedaggio pesante. …

Leggi tutto »

L'URANIO IMPOVERITO FALCIDIA GLI ABITANTI

DI MASSIMO FINI Tutti i media occidentali stanno celebrando la vittoria di Hamid Karzai (il 55,3% dei suffragi) “il primo presidente democraticamente eletto nella storia dell’Afghanistan”. E da questo evento democratico politici, politologi, analisti, esperti, sempre occidentali, traggono i migliori auspici per il futuro del popolo afghano. Non è di questo parere Jooma Khan. Chi è costui e come si permette? Jooma Khan è un vecchio che vive in un villaggio della provincia di Laghman, nell’Afghanistan nord orientale. Ha detto …

Leggi tutto »

Echi di Vietnam: Phoenix, omicidi e contraccolpi in Iraq

di Douglas Valentine Lunedì 5 aprile, mentre migliaia di marine americani circondavano Fallujah e si preparavano a pacificarla, il Senatore Edward Kennedy ha predetto che l’Iraq sarebbe stato per Bush ciò che il Vietnam fu per Nixon. Dato che Nixon vinse la rielezione nel 1972, ciò potrebbe significare che Bush sarà rieletto nel 2004. Ecco un pericolo nel fare analogie tra Vietnam e Iraq. In effetti somiglianze esistono. Per prima cosa, come la violenza si diffonde e il numero dei …

Leggi tutto »

Nick Berg e il mistero della tuta arancione

L’esecuzione di Nicholas Berg: una ipotesi di lavoro e una soluzione per il mistero della tuta arancione. Scopo di questo articolo è far luce sull’apparente esecuzione di Nicholas Berg mediante decapitazione. Ritengo che la maggior parte delle prove disponibili suggeriscono che si sia trattato di una “operazione sporca” compiuta da specialisti americani della guerra psicologica, con lo scopo di fornire ai media un argomento di rilevanza morale e contrastare così la deleteria diffusione al pubblico delle notizie sulle torture nella …

Leggi tutto »

Sherlock Holmes e l'11 settembre

di: Douglas Herman Watson fissava Holmes, certamente non aveva capito bene quello che l’ispettore aveva voluto dire. “Perché mi guarda in quel modo, Watson? Ma realmente crede che una obiettiva inchiesta giudiziaria escluda qualsiasi altra interpretazione? Le prove possono essere aggiustate o manomesse ed il caso rimane aperto finché uomini coscienziosi continuano a nutrire ragionevoli dubbi circa la qualità dell’inchiesta e quei dubbi risultano più grandi delle certezze”. “Ma Dio mio, Holmes, la possibilità che agenti del Mossad abbiano dirottato …

Leggi tutto »

BUTTIGLIONE IL CATALIZZATORE

DI GIULIETTO CHIESA Ci voleva Mr. Buttiglione per far esplodere la nuova, inedita, inattesa potenza del Parlamento Europeo! Ma ci voleva anche l’insipienza di José Manuel Barroso. E tante altre simultanee coincidenze. Al presidente designato della Commissione del 2004 è toccato, suo malgrado, inaugurare la serie storica delle “sfiducie”. Non c’era mai stata prima di ora. E lui l’ha creata – si può dire – con le sue stesse mani. Con la complicità di Silvio Berlusconi, s’intende, che gli ha …

Leggi tutto »

TONY BLAIR AUTENTICO NEO-CONSERVATORE

In politica estera e interna, è sempre stato avanti a Bush DI BEN RAWLENCE Alcuni sono rimasti sconvolti questa settimana quando due eminenti pensatori neo conservatori americani, Irwin Stelzer e William Kristol, hanno definito “neo-conservatore” il nostro primo ministro; ma non c’è da sorprendersi. Il pedigree di Tony Blair come neo-conservatore ha radici lontane. Lunedi’ scorso, a Radio 4, Irwin Stelzer ha definito il pensiero neo-conservatore. Sul fronte interno sostiene un libero mercato, pur riconoscendo un ruolo al welfare di …

Leggi tutto »

FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E SISTEMI BANCARI

DI MARCO SABA In un recente articolo (Signoraggio – di Ivo Caizzi, Corriere della sera – CorrierEconomia – pag. 8 – 11/10/2004) si accenna ad un meccanismo poco noto al grande pubblico ma alla base di straordinarie ricchezze: il signoraggio. Attraverso questo sistema, la massa dei popoli occidentali viene espropriata della propria ricchezza da parte di alcuni “signori” che, a differenza di noi tutti, non hanno bisogno di lavorare per accumulare denaro: se lo stampano gratis. Se consideriamo l’emissione delle …

Leggi tutto »

L'UOMO: UN BOVINO DEDITO AL CONSUMO

Dedicato all’amico Udei che sempre mi ripete: “Tu sogni! Il popolo oggi è un popolo bove!”. “Allevare i figli”. Mai una frase è stata meglio congeniata. Si allevano gli animali e i figli. I primi destinati al nostro diletto o al nostro stomaco, i secondi per essere immessi nei canali del consumo. Perché i figli siano educati alla globale capacità consumistica, è necessario che gli educatori introducano gli educandi in particolari circuiti obbligati, costituiti da celle o gabbie. Per mantenere …

Leggi tutto »

Infelici nella gabbia del presente

di Tonino Bucci Una critica all’ideologia del consumo nell’ultimo studio dell’antropologo francese Marc Augé Perché viviamo? Dal volume “Perché viviamo?”: “Ciò che è sparito, nel linguaggio politico, ciò che non è più oggetto di nessuna proposta né di dibattito, è il problema dei fini, delle finalità. A mio avviso, è proprio questa scomparsa, questa assenza, il nodo fondamentale dello “smarrimento attuale”: nella misura in cui siamo continuamente invitati a vivere il presente, ne avvertiamo quotidianamente l’appiattimento, l’oppressione, la mancanza di …

Leggi tutto »

WALL STREET 1929, L'ONTA DEL CAPITALISMO

DI EMILIANO BRANCACCIO E RICCARDO REALFONZO Il 24 ottobre di 75 anni fa il crollo di Borsa di Wall Street dava avvio alla Grande Depressione, la più imponente ondata di vendite azionarie, corse agli sportelli, crisi finanziarie e tracolli economici che l’America e il mondo capitalistico ricordino. Nel giro di pochi mesi decine di milioni di lavoratori americani ed europei si ritrovarono a combattere con il dilagare della disoccupazione, della fame e delle malattie, increduli nei confronti di un evento …

Leggi tutto »

GANDHI SULLA QUESTIONE PALESTINESE

“Ho ricevuto numerose lettere in cui mi si chiede di esprimere il mio parere sulla controversia tra arabi ed ebrei in Palestina e sulla persecuzione degli ebrei in Germania. Non e’ senza esitazione che mi arrischio a dare un giudizio su problemi tanto spinosi.” Le mie simpatie vanno tutte agli ebrei. In Sud Africa sono stato in stretti rapporti con molti ebrei. Alcuni di questi sono divenuti miei intimi amici. Attraverso questi amici ho appreso molte cose sulla multisecolare persecuzione …

Leggi tutto »