Ultimi articoli

LETTERA ALL' FBI

DI JOHN KAMINSKY Nel famoso romanzo di fantascienza “Farenheit 451” di Ray Bradbury, i pompieri non spengono gli incendi, bensì li appiccano. Bruciano i libri vietati e le case in cui sono contenuti, schernendo i sogni che se ne vanno in fumo di persone innocenti. Questo è un ritratto piuttosto consono a ciò che l’FBI è diventata, una polizia segreta che protegge i malefici interessi dei potenti, alle spese dei normali cittadini che cercano di vivere una vita dignitosa ed …

Leggi tutto »

LETTERA ALL' FBI

DI JOHN KAMINSKY Nel famoso romanzo di fantascienza “Farenheit 451” di Ray Bradbury, i pompieri non spengono gli incendi, bensì li appiccano. Bruciano i libri vietati e le case in cui sono contenuti, schernendo i sogni che se ne vanno in fumo di persone innocenti. Questo è un ritratto piuttosto consono a ciò che l’FBI è diventata, una polizia segreta che protegge i malefici interessi dei potenti, alle spese dei normali cittadini che cercano di vivere una vita dignitosa ed …

Leggi tutto »

INCHIESTA DELLA MARINA SU NUOVE FOTO DI PRIGIONIERI IRACHENI

CORONADO – L’esercito degli Stati Uniti ha aperto un’ inchiesta sulle fotografie che mostrano i Navy Seals in Iraq seduti su detenuti incappucciati ed ammanettati, ed altre foto di quelli che sembrano essere prigionieri insanguinati, uno con una pistola alla testa. Alcune foto riportano la data risalente al maggio 2003, il che le renderebbe il primo abuso su prigionieri iracheni. Ancora prima delle pratiche piu’ brutali fotografate nella prigione di Abu Ghraib qualche mese dopo. Un reporter dell’ agenzia di …

Leggi tutto »

INCHIESTA DELLA MARINA SU NUOVE FOTO DI PRIGIONIERI IRACHENI

CORONADO – L’esercito degli Stati Uniti ha aperto un’ inchiesta sulle fotografie che mostrano i Navy Seals in Iraq seduti su detenuti incappucciati ed ammanettati, ed altre foto di quelli che sembrano essere prigionieri insanguinati, uno con una pistola alla testa. Alcune foto riportano la data risalente al maggio 2003, il che le renderebbe il primo abuso su prigionieri iracheni. Ancora prima delle pratiche piu’ brutali fotografate nella prigione di Abu Ghraib qualche mese dopo. Un reporter dell’ agenzia di …

Leggi tutto »

VERDETTO, AGOGNATO VERDETTO

DI MASSIMO FINI “È la prima riforma della Giustizia dopo sessant’anni” ha detto, trionfante, il Guardasigilli. Ma proprio per questo si tratta di una formidabile occasione mancata. Non entro nel merito delle singole modificazioni portate dalla riforma che tante polemiche stan suscitando: la separazione delle funzioni, l’avanzamento di carriera attraverso appositi esami, i corsi di aggiornamento, i maggiori poteri al Procuratore capo. Il fatto è che la riforma non sfiora neanche ‘la questione delle questioni’ della giustizia italiana: l’abnorme durata …

Leggi tutto »

VERDETTO, AGOGNATO VERDETTO

DI MASSIMO FINI “È la prima riforma della Giustizia dopo sessant’anni” ha detto, trionfante, il Guardasigilli. Ma proprio per questo si tratta di una formidabile occasione mancata. Non entro nel merito delle singole modificazioni portate dalla riforma che tante polemiche stan suscitando: la separazione delle funzioni, l’avanzamento di carriera attraverso appositi esami, i corsi di aggiornamento, i maggiori poteri al Procuratore capo. Il fatto è che la riforma non sfiora neanche ‘la questione delle questioni’ della giustizia italiana: l’abnorme durata …

Leggi tutto »

INAUGURAZIONE DELLA SCALA DI MILANO

DI MARIO CAPANNA 7 dicembre, sera. Verso le 19.30 ci presentiamo in piazza della Scala. Saremo in 3/400. Una miseria rispetto alla nostra normale capacità di mobilitazione. Ecco la prova che lo spontaneismo è «una minchia piena d’acqua», bofonchia Salvatore Toscano. Fa un freddo cane e l’umidità prende alle ossa. La nebbia è così spessa che di quando in quando sembra trasformarsi in una pioggerellina fitta fitta. Come se non bastasse, piazza della Scala è stata trasformata in una piazza …

Leggi tutto »

INAUGURAZIONE DELLA SCALA DI MILANO

DI MARIO CAPANNA 7 dicembre, sera. Verso le 19.30 ci presentiamo in piazza della Scala. Saremo in 3/400. Una miseria rispetto alla nostra normale capacità di mobilitazione. Ecco la prova che lo spontaneismo è «una minchia piena d’acqua», bofonchia Salvatore Toscano. Fa un freddo cane e l’umidità prende alle ossa. La nebbia è così spessa che di quando in quando sembra trasformarsi in una pioggerellina fitta fitta. Come se non bastasse, piazza della Scala è stata trasformata in una piazza …

Leggi tutto »

NESSUNA GIUSTIZIA IN CILE

“Io sono un sopravvissuto della tortura in un paese dove le torture sono ancora applicate liberamente.” DI TITO TRICOT Nessuno può davvero capire ciò che significa essere torturato fino al momento cruciale in cui ti trovi nudo, bendato e legato alla mercè dei tuoi carcerieri. La tua intera vita è confinata in quel fragile momento quando l’oscurità diventa il tuo nemico; e allo stesso tempo il buio è il tuo solo aiuto, un rifugio dalla pazzia. Non c’è nè passato …

Leggi tutto »

NESSUNA GIUSTIZIA IN CILE

“Io sono un sopravvissuto della tortura in un paese dove le torture sono ancora applicate liberamente.” DI TITO TRICOT Nessuno può davvero capire ciò che significa essere torturato fino al momento cruciale in cui ti trovi nudo, bendato e legato alla mercè dei tuoi carcerieri. La tua intera vita è confinata in quel fragile momento quando l’oscurità diventa il tuo nemico; e allo stesso tempo il buio è il tuo solo aiuto, un rifugio dalla pazzia. Non c’è nè passato …

Leggi tutto »

BAUMAN: IL POVERO VISTO COME UN CRIMINALE

DI ZYGMUNT BAUMAN Il pamphlet di Mead contro i poveri che “hanno scelto” di non lavorare per guadagnarsi da vivere termina con un’esortazione enfatica: “La politica sociale deve opporre una giusta e decisa resistenza alla povertà passiva – allo stesso modo in cui l’Occidente è riuscito a contenere il comunismo – finché la ragione non prevarrà e il sistema cui ci si contrappone non crollerà sotto il suo stesso peso.” Non si potrebbe scegliere metafora migliore. Uno dei principali servizi …

Leggi tutto »

BAUMAN: IL POVERO VISTO COME UN CRIMINALE

DI ZYGMUNT BAUMAN Il pamphlet di Mead contro i poveri che “hanno scelto” di non lavorare per guadagnarsi da vivere termina con un’esortazione enfatica: “La politica sociale deve opporre una giusta e decisa resistenza alla povertà passiva – allo stesso modo in cui l’Occidente è riuscito a contenere il comunismo – finché la ragione non prevarrà e il sistema cui ci si contrappone non crollerà sotto il suo stesso peso.” Non si potrebbe scegliere metafora migliore. Uno dei principali servizi …

Leggi tutto »

KERRY E IL DONO DELL' IMMUNITA'

DI NAOMI KLEIN Il vero regalo di Kerry per Bush non è stata la presidenza, ma l’immunità. La dimostrazione migliore si incarna nell’uomo Marlboro di Falluja e nei dibattiti surreali che lo hanno coinvolto. La vera immunità genera una specie di delirante decadenza, e la sua faccia è questa: una nazione che si scalda con il fumo, mentre l’Iraq brucia. Le immagini simboliche suscitano attrazione e avversione. È il caso della fotografia di James Blake Miller, il ventenne marine di …

Leggi tutto »

KERRY E IL DONO DELL' IMMUNITA'

DI NAOMI KLEIN Il vero regalo di Kerry per Bush non è stata la presidenza, ma l’immunità. La dimostrazione migliore si incarna nell’uomo Marlboro di Falluja e nei dibattiti surreali che lo hanno coinvolto. La vera immunità genera una specie di delirante decadenza, e la sua faccia è questa: una nazione che si scalda con il fumo, mentre l’Iraq brucia. Le immagini simboliche suscitano attrazione e avversione. È il caso della fotografia di James Blake Miller, il ventenne marine di …

Leggi tutto »

LA DESTABILIZZAZIONE DELL' UCRAINA

La pubblicazione francese online Reseau Voltaire ha diffuso alcune rivelazioni sulla cosiddetta “rivoluzione” in Ucraina, che confermano in larga parte le indagini dell’EIR negli USA, in Europa e nella stessa Ucraina. La decisione della Corte Suprema ucraina del 3 dicembre di ripetere le elezioni il 26 dicembre, stata presentata come una vittoria per il movimento di Victor Yushenko, non risolverà la crisi in cui versa il paese. Dietro la questione della “frode elettorale” c’è una crisi di dimensione strategica, a …

Leggi tutto »

LA DESTABILIZZAZIONE DELL' UCRAINA

La pubblicazione francese online Reseau Voltaire ha diffuso alcune rivelazioni sulla cosiddetta “rivoluzione” in Ucraina, che confermano in larga parte le indagini dell’EIR negli USA, in Europa e nella stessa Ucraina. La decisione della Corte Suprema ucraina del 3 dicembre di ripetere le elezioni il 26 dicembre, stata presentata come una vittoria per il movimento di Victor Yushenko, non risolverà la crisi in cui versa il paese. Dietro la questione della “frode elettorale” c’è una crisi di dimensione strategica, a …

Leggi tutto »

IL RACCONTO DEL SOLDATO PENTITO: ''CIVILI UCCISI SENZA UN PERCHE'''

di Francesco Veronesi «Gli Stati Uniti stanno compiendo un genocidio, e lo stanno facendo volontariamente. 100.000 morti? Nessuno saprà mai il numero esatto» «È stato un massacro. Il mio battaglione era stato dispiegato in una zona periferica di Baghdad. Qui avevamo allestito un posto di blocco. Gli ordini erano precisi: sparare alle macchine che non si fossero fermate al nostro segnale di alt. Nel giro di quarantotto ore abbiamo ucciso trenta civili. Dentro le loro automobili non abbiamo trovato nessuna …

Leggi tutto »

IL RACCONTO DEL SOLDATO PENTITO: ''CIVILI UCCISI SENZA UN PERCHE'''

di Francesco Veronesi «Gli Stati Uniti stanno compiendo un genocidio, e lo stanno facendo volontariamente. 100.000 morti? Nessuno saprà mai il numero esatto» «È stato un massacro. Il mio battaglione era stato dispiegato in una zona periferica di Baghdad. Qui avevamo allestito un posto di blocco. Gli ordini erano precisi: sparare alle macchine che non si fossero fermate al nostro segnale di alt. Nel giro di quarantotto ore abbiamo ucciso trenta civili. Dentro le loro automobili non abbiamo trovato nessuna …

Leggi tutto »

LAVORARE A CIUDAD JUAREZ

Confine Messico-Usa, da 11 anni una carneficina di donne continua impunita. A colloquio con una madre DI SABINA MORANDI Lo sguardo che Ramona Morales ti pianta addosso è difficile da sostenere. Dentro c’è una sofferenza inimmaginabile insieme all’insanabile offesa di un’ingiustizia protratta, arrogante e crudele. Gli occhi sono lucidi ma la voce è ferma mentre racconta, seduta all’aperto in un mite autunno romano, la sua tragedia. «Era il 7 luglio del 1995. Come ogni mattina mia figlia, Silvia Elena, stava …

Leggi tutto »

LAVORARE A CIUDAD JUAREZ

Confine Messico-Usa, da 11 anni una carneficina di donne continua impunita. A colloquio con una madre DI SABINA MORANDI Lo sguardo che Ramona Morales ti pianta addosso è difficile da sostenere. Dentro c’è una sofferenza inimmaginabile insieme all’insanabile offesa di un’ingiustizia protratta, arrogante e crudele. Gli occhi sono lucidi ma la voce è ferma mentre racconta, seduta all’aperto in un mite autunno romano, la sua tragedia. «Era il 7 luglio del 1995. Come ogni mattina mia figlia, Silvia Elena, stava …

Leggi tutto »

INTERVISTA A MAURIZIO BLONDET

Il giornalista e scrittore Maurizio Blondet ci ha rilasciato una intervista telefonica che abbiamo mandato in diretta radio sull’emittente locale del Veneto, Radio Gamma 5 (94,00 MHz). Pubblichiamo un estratto di tale intervista. DI MARCELLO PAMIO D: Si parla sempre più spesso di tecnologie in grado di intercettare fax, cellulari, e perfino e-mail. Addirittura di satelliti militari in grado di fotografare qualunque cosa, eppure, il pericolo numero uno al mondo non si trova.  Ma che fine ha fatto Osama bin …

Leggi tutto »

INTERVISTA A MAURIZIO BLONDET

Il giornalista e scrittore Maurizio Blondet ci ha rilasciato una intervista telefonica che abbiamo mandato in diretta radio sull’emittente locale del Veneto, Radio Gamma 5 (94,00 MHz). Pubblichiamo un estratto di tale intervista. DI MARCELLO PAMIO D: Si parla sempre più spesso di tecnologie in grado di intercettare fax, cellulari, e perfino e-mail. Addirittura di satelliti militari in grado di fotografare qualunque cosa, eppure, il pericolo numero uno al mondo non si trova.  Ma che fine ha fatto Osama bin …

Leggi tutto »

ORA GLI USA VOGLIONO L'IRAN

DI MASSIMO FINI I tre più importanti Paesi europei, Gran Bretagna, Germania e Francia, avevano appena concluso, dopo 15 mesi di trattative, un accordo con Teheran col quale l’Iran si impegna a sospendere il proprio programma di arricchimento dell’uranio in cambio di aiuti economici, che il sottosegretario di Stato americano per la sicurezza, John Bolton, si affrettava a dichiarare a Venezia: «Il nostro punto di vista è invece che l’Iran stia perseguendo una strategia che ha l’obiettivo di costruire una …

Leggi tutto »

ORA GLI USA VOGLIONO L'IRAN

DI MASSIMO FINI I tre più importanti Paesi europei, Gran Bretagna, Germania e Francia, avevano appena concluso, dopo 15 mesi di trattative, un accordo con Teheran col quale l’Iran si impegna a sospendere il proprio programma di arricchimento dell’uranio in cambio di aiuti economici, che il sottosegretario di Stato americano per la sicurezza, John Bolton, si affrettava a dichiarare a Venezia: «Il nostro punto di vista è invece che l’Iran stia perseguendo una strategia che ha l’obiettivo di costruire una …

Leggi tutto »

LA DIÊN BIÊN PHU AMERICANA E' COMINCIATA IN IRAQ

DI JOE VIALLS Mentre gli strateghi della Guardia Repubblicana risucchiano le truppe combattenti USA sempre più a nord, in aree urbane indesiderate [dal nemico] come Fallujah, Samarra, Kirkuk e Mosul, per l’America le linee di rifornimento dal Kuwait, nell’estremo sud, diventano sempre più lunghe ed esili. Alla fine quelle linee saranno attaccate e tagliate completamente dall’Armata shi’ita del Mehdi, affamando così le truppe USA e costringendole alla resa. Per comprendere come e quando ciò avverrà, abbiamo bisogno di tornare indietro …

Leggi tutto »

LA DIÊN BIÊN PHU AMERICANA E' COMINCIATA IN IRAQ

DI JOE VIALLS Mentre gli strateghi della Guardia Repubblicana risucchiano le truppe combattenti USA sempre più a nord, in aree urbane indesiderate [dal nemico] come Fallujah, Samarra, Kirkuk e Mosul, per l’America le linee di rifornimento dal Kuwait, nell’estremo sud, diventano sempre più lunghe ed esili. Alla fine quelle linee saranno attaccate e tagliate completamente dall’Armata shi’ita del Mehdi, affamando così le truppe USA e costringendole alla resa. Per comprendere come e quando ciò avverrà, abbiamo bisogno di tornare indietro …

Leggi tutto »

VITTIME DI CONFLITTI ?

A volte mi sembra che queste siano diventate parole vuote. Certo le vittime ci sono e sono tante, e sono ovunque. Certo forse sono anch’io una vittima, anzi no, non io, ma mio figlio, ucciso da un missile della Hizbollah libanese a vent’anni giusto cinque anni fa.. Era quello un conflitto? Certamente non lo fu mai dichiaratamente eppure ci morirono in tanti, da ambedue le parti, morti stupidamente e inutilmente perché ormai di quella stupida guerra non si ricorda più …

Leggi tutto »

VITTIME DI CONFLITTI ?

A volte mi sembra che queste siano diventate parole vuote. Certo le vittime ci sono e sono tante, e sono ovunque. Certo forse sono anch’io una vittima, anzi no, non io, ma mio figlio, ucciso da un missile della Hizbollah libanese a vent’anni giusto cinque anni fa.. Era quello un conflitto? Certamente non lo fu mai dichiaratamente eppure ci morirono in tanti, da ambedue le parti, morti stupidamente e inutilmente perché ormai di quella stupida guerra non si ricorda più …

Leggi tutto »

SALTA IL COMPROMESSO A KIEV. E PUTIN NON PUO' PERDERE

DI GIULIETTO CHIESA La decisione di ieri sera della Corte suprema ucraina che fissa già il voto per un nuovo ballottaggio al 26 dicembre annullando i risultati del secondo turno del 21 novembre scorso – solo di quello, non già delle presidenziali al completo – sposta l’equilibrio verso la vittoria politica dell’opposizione guidata da Yushenko. Il duo Kuchma-Putin risulta sconfessato. E con esso, a quanto pare, un’ipotesi di compromesso in un paese che resta ancora più spaccato. Nell’Europarlamento mi trovo …

Leggi tutto »

SALTA IL COMPROMESSO A KIEV. E PUTIN NON PUO' PERDERE

DI GIULIETTO CHIESA La decisione di ieri sera della Corte suprema ucraina che fissa già il voto per un nuovo ballottaggio al 26 dicembre annullando i risultati del secondo turno del 21 novembre scorso – solo di quello, non già delle presidenziali al completo – sposta l’equilibrio verso la vittoria politica dell’opposizione guidata da Yushenko. Il duo Kuchma-Putin risulta sconfessato. E con esso, a quanto pare, un’ipotesi di compromesso in un paese che resta ancora più spaccato. Nell’Europarlamento mi trovo …

Leggi tutto »