Ultimi articoli

L'EPURAZIONE DELLA CIA

DI MAURIZIO BLONDET Un tempo accadeva al Cremlino: oscure lotte di potere al fine delle quali la cosca vincente sottoponeva a epurazione la parte perdente. Personaggi al più alto livello del Pcus sparivano dalle manifestazioni ufficiali, dalle pagine della Pravda, e spesso dal mondo dei vivi. Adesso è accaduto nell’America di Rumsfeld e Wolfowitz. Vittima della purga, la Cia, colpevole di non aver assecondato l’invasione dell’Irak decisa dall’Amministrazione. Quasi cento alti dirigenti dell’Agenzia sono stati licenziati. Come al Cremlino di …

Leggi tutto »

UN PADRONE SI GIUDICA DAI SERVITORI CHE SI SCEGLIE

Mentana, il craxiano moderato al servizio del Cavaliere fino a quando non è più servito … DI MARCO TRAVAGLIO Guarda un po’, alle volte, i casi della vita. Giovedì scorso l’Italia unanime si stava congratulando con Canale 5, “vero servizio pubblico”, per l’ottima fiction su Borsellino. E subito Canale 5 licenziava Mentana per sostituirlo con Rossella, noto visagista-tricologo. Così l’Italia unanime si precipitò a solidarizzare con il subcomandante Enrico e a piangere sulla tomba il suo Tg5 libero e indipendente. …

Leggi tutto »

PROLIFERAZIONE ARMATA

Escalation E’ in arrivo una quarta – micidiale – generazione di armi nucleari DI ANGELO BARACCA Le armi nucleari non sono un ricordo del passato, ma sono purtroppo più attuali e pericolose che mai. L’Iran e la Corea del Nord sono specchietti per le allodole: ben altre, e più insidiose, sono le oggi le vie della proliferazione nucleare. Le nuove armi che si progettano tendono a cancellare la distinzione tra armi convenzionali e nucleari. Il ricorso massiccio ai proiettili all’uranio …

Leggi tutto »

OCCIDENTE SENZA PIU' VALORI

DI MASSIMO FINI Un fantasma si aggira per l’Occidente. Anzi, un mostro: liberismo senza liberalismo. Sotto la spinta del terrorismo islamico e del rigurgito di una religiosità strumentale, perché legata alla lotta contro l’Islam, tutte le libertà individuali civili conquistate dall’illuminismo, vengono a poco a poco erose tranne una: la libertà economica. È una sorta di ritorno Medioevo, ma degradato capovolto perché condito nella salsa economica della modernità. Nel mondo preindustriale, medioevale, le libertà individuali erano sacrificate. Era il prezzo …

Leggi tutto »

PALESTINA:MORTE, DELUSIONE E DEMOCRAZIA

DI ROBERT FISK Così la morte di Yasser Arafat sarebbe la nuova grande occasione che si presenta ai Palestinesi? L’uomo che ha personificato la lotta Palestinese – “Il Sig. Palestina” – è morto. In questa maniera le cose possono soltanto migliorare per i Palestinesi. La morte significa democrazia. La morte significa divenire uno stato. Che il finale decesso dell’anziano e corrotto leader della guerriglia debba essere visto come un segnale di ottimismo dimostra soltanto quanto catastrofico sia adesso divenuto il …

Leggi tutto »

LA VERA FURIA DI FALLUJA

DI PEPE ESCOBAR “I Romani hanno seminato  desolazione e l’hanno chiamata pace” – Tacito   “Il nemico ha un volto. Quello di Satana. Si trova a Fallujaj, e noi lo distruggeremo.” – Colonnello Gary Brandl, Marine U.S.A. Il Presidente George W Bush sta per “spingersi” fino a Fallujah – la prima grandiosa iniziativa in politica estera della seconda amministrazione Bush. Nome: Operazione Phantom Fury (Furia Fantasma). Strategia: democrazia a colpo sicuro. Messaggio: ucciderli tutti e lasciare che Dio faccia di …

Leggi tutto »

LA SUICIDA OSSESSIONE DELLA CRESCITA

Nessuna crescita del Pil può allargare il benessere globale DI ELISABETTA MAGNANI L’ipotesi che la crescita economica abbia, prima o poi, un effetto benefico sull’ambiente, ipotesi ribattezzata tra gli addetti ai lavori come la «Environmental Kuznets Curve», è di grande interesse per coloro (non ultimi i nostri politici) che sfruttano l’idea di un’economia in crescita per nutrire l’immaginario di un mondo trasformato in un’oasi di pulizia. Una rassegna di recente pubblicata su Ecological Economics (Agosto, 2004, Volume 49, numero 4) …

Leggi tutto »

THEO VAN GOGH E L'ASSASSINO SOLITARIO

DI MAURIZIO BLONDET Due o tre enigmi pesano sull’omicidio di Theo van Gogh, regista e provocatore olandese, accoltellato il 2 ottobre ad Amsterdam. Uno è che l’assassino, Mohamed B., un marocchino cresciuto nei Paesi Bassi, era diventato un “fanatico islamico” conversando su internet con altri fanatici. Islamista fai-da-te, non conosceva l’arabo e non poteva quindi leggere il Corano. Ha piantato nello stomaco della sua vittima una sorta di messaggio contenente passaggi coranici, ma anche del Talmud. Il Talmud non è …

Leggi tutto »

DOPO L'AFFILIAZIONE DI STEFIO / UN DIO DI TEMPLARE

DI RITA PENNAROLA Novembre 2004 Davvero eroici, i Cavalieri Templari. E sempre più “intimi” delle istituzioni. Quelle italiane, non meno di quelle mondiali. Come il ministero per le Attività produttive di Antonio Marzano. O quello per le Politiche comunitarie guidato da Rocco Buttiglione. Senza contare, in rapida sequenza, l’Unesco, la Nato e perfino l’Onu. Un tourbillon da far girare la testa. Ma assolutamente reale. Partiamo dall’inizio. I Templari tornano nelle cronache della grande stampa italiana a inizio ottobre scorso, quando …

Leggi tutto »

GULLIVER MICROSOFT CONTRO GOOGLE LILLIPUT

DI GIULIETTO CHIESA Altra battaglia tra giganti. Gulliver Microsoft è partito all’assalto di Lilliput Google. Il che conferma senza possibilità di equivoco che quanto più si mangia tanto più, ai giganti, cresce l’appetito. Del resto per essere oggettivi, Google non è poi così minuscolo. Mi scuso con quelli, tra i miei lettori, che non navigano su Internet, e che forse sanno qualche cosa di Bill Gates capo e padrone di Microsoft, ma di Google sanno poco o niente… Bene, partiamo …

Leggi tutto »

IL COLLASSO DEL PIANETA

E’ ormai impressionante constatare quanto i nostri modelli di produzione e consumo procurino quotidianamente danni, per lo più irreparabili, al pianeta che abitiamo. Sotto il rullo compressore del cosiddetto sviluppo che avanza per mezzo dell’incitamento al consumo e dell’ “insidia” di una bassa crescita economica ci è finito il mondo intero. L’ambiente è considerato al di fuori della sfera degli scambi commerciali, per cui nessun meccanismo di controllo si oppone alla sua distruzione. La concorrenza porta i Paesi ricchi a …

Leggi tutto »

CHI HA UCCISO MARGARET HASSAN ?

DI ROBERT FISK Chi ha ucciso Margaret Hassan? Dopo il dolore, lo stupore, l’afflizione, la rabbia e la collera per l’omicidio di una donna così buona e pia è questa la domanda che si faranno i suoi amici – e verosimilmente anche gli insorti iracheni. Questa donna anglo-irlandese aveva un passaporto iracheno. Viveva in Iraq da 30 anni, aveva dedicato la sua vita al benessere degli iracheni bisognosi. Odiava le sanzioni dell’Onu e si era opposta all’invasione anglo-americana. E quindi …

Leggi tutto »

MENO TASSE SE NON ESCE IL 53 A VENEZIA

DI ROBERTO GIOVANNINI Anche ieri sera il ministro dell’Economia Domenico Siniscalco ha tirato un sospiro di sollievo: per la centocinquantanovesima settimana consecutiva il 53 sulla ruota del Lotto di Venezia non è uscito. Che cosa c’entra il gioco più vecchio d’Italia con le difficoltà di Siniscalco? Semplice: secondo calcoli ragionevoli, l’estrazione del 53 a Venezia costerebbe alle esauste casse dello Stato la bella cifra di un miliardo e 350 milioni di euro, oltre 2.700 miliardi delle vecchie lire. La metà …

Leggi tutto »

LA CONVENZIONE DI GINEVRA E' DEFENESTRATA

DI RAUL MAHAJAN 13 novembre 2004. Il modo in cui si sta conducendo l’attacco a Fallujah ha reso d’una chiarezza cristallina questo fatto: che la Convenzione di Ginevra è stata apertamente ed esplicitamente abbandonata, non solo nel trattamento dei prigionieri, ma pure nella conduzione degli assalti bellici. Ovviamente, gli Stati Uniti la violano frequentemente in un modo e nell’altro, e sistematicamente violano le disposizioni fissate sui più illuminati Protocolli Addizionali del 1979 (che non sono mai stati ratificati), ma in …

Leggi tutto »

LA MIA ASSOLUZIONE, UNA NOTIZIA SCOMODA

DI PIERO RICCA Ecco cosa scrive Piero Ricca ( il signore che incontrando Berlusconi al Tribunale di Milano gli gridò . ” Buffone, fatti processare” e che per questo è stato denunciato dal nostro PresdelCons) in una lettera a Marco Travaglio su come è stata data notizia della sua assoluzione. Marco, puoi sapere come l’Ansa ha dato la notizia dell’udienza? Cioè l’esclusione della presidenza del consiglio. Mi risulta che l’hanno tenuta un paio di ore al massimo. Chi ha visto …

Leggi tutto »

I MALI DI NAPOLI, UNA CITTA’CHE DIVORA SE STESSA

DI MASSIMO FINI I primi e principali responsabili dello spaventoso degrado di Napoli sono i napoletani. Se si vuole che la città abbia qualche speranza di salvarsi dal gorgo profondo in cui è precipitata e che la sta tirando sempre più in basso, questo bisogna dirlo con chiarezza, senza trincerarsi dietro la retorica, forse obbligata, di Carlo Azeglio Ciampi che ha definito i napoletani “nè rassegnati nè inerti” di fronte alla crescita esplosiva della criminalità, ma piuttosto usando la lucidità …

Leggi tutto »

GIORNALISMO CODARDO. FORSE QUALCOSA DI PEGGIO

DI CARLO FRECCERO C’è in Italia una situazione anomala, riconosciuta da tutti, per cui la maggior parte dei mezzi di comunicazione di massa (televisioni, case editrici, giornali) sono in mano ad un unico imprenditore che, tra l’altro, è anche Presidente del Consiglio. E’ una realtà indiscutibile, una premessa da cui dovrebbe logicamente derivare una preoccupazione per la libertà di espressione. Ma le conseguenze che si traggono da questa evidenza sono in genere opposte. Berlusconi è solito affermare che in nessun …

Leggi tutto »

FALLUJA: LA STRAGE DI CIVILI

Le immagini proposte sono state scattate da operatori autorizzati dall’esercito americano. Non merita dunque nemmeno aggiungere che, se queste sono le immagini concesse, ciò che sta accadendo nella “liberazione” di Falluja supera ogni nostra immaginazione. Tutti noi, con colpa o senza colpa, abbiamo consentito che una popolazione civile, abitante una città di uno stato sovrano, venisse terrorizzata e massacrata da un esercito straniero, nel nome dell’educazione alla democrazia, del cristianesimo e del liberismo. La volontà di un’intera popolazione è stata …

Leggi tutto »

IL SOGNO DEL BERLUSCA

Guerre per bande Roma come Ramallah Mentre il rais Berlusconi pensa a risorgere DI CLAUDIO LANTI Roma 17 novembre (La Velina Azzurra) – In queste ore Roma assomiglia molto a Ramallah, la capitale del piccolo regno palestinese in balia delle bande armate per la spartizione degli ultimi soldi e dell’ultimo miserabile potere. Il Rais Berlusconi potrebbe cadere o meglio molti spingono per farlo cadere. Il governo non riesce a definire la legge finanziaria, cioè il bilancio dello Stato, che è …

Leggi tutto »

VECCHI E NUOVI VIZI AMERICANI DA NORTHWOOD ALLA GUERRA PREVENTIVA

DI MARIO CONSOLI La storia, se la si avvicina con un approccio disincantato e onesto, è sempre origine di importanti e istruttivi insegnamenti.Gli Stati Uniti d’America hanno aggredito l’Iraq per difenderci tutti dalle armi di distruzione di massa con le quali Saddam Hussein minacciava il pianeta. Ma queste armi nessuno le ha trovate.Non ci sono mai state. E’ ormai ufficiale: erano la spudorata menzogna di George W. Bush e di Tony Blair usata come pretesto per scatenare una guerra che, …

Leggi tutto »

La Mezzaluna Rossa bloccata a Falluja

di Giacomo Orlandini da www.warnews.it lunedì 15 novembre 2004 Un convoglio della Mezzaluna Rossa Irachena (IRCS), composto da 50 volontari, 3 ambulanze e 3 camion pieni di cibo e medicinali è stato bloccato per due giorni dalle Forze Usa alle porta di Falluja e poi fatto tornare indietro. I militari americani, che sabato avevano dato il permesso al convoglio di entrare nell’ospedale situato alle porte della città, lunedì mattina non hanno consentito al convoglio di procedere oltre per ragioni di …

Leggi tutto »

FALLUJA: LA GUERNICA D'AMERICA

“Guernica” è tornata. Questa volta non sono i nazisti della Luftwaffe che gettano bombe su un villaggio spagnolo, ma sono gli U.S.A. che scagliano bombe e massacrano centinaia di civili, comprese donne e bambini, nella città di Falluja, in Iraq. di HECTOR CARREON Los Angeles, Alta California – Il 26 Aprile del 1937, la Luftwaffe nazista scagliò 100.000 libbre di bombe sul pacifico villaggio basco di Guernica, in Spagna, su incitamento del Generalissimo fascista Francisco Franco. Alla fine del giorno, …

Leggi tutto »

JUKOS-ENI, PUTIN-BERLUSCONI UNITI PER LA NAFTA

DI GIULIETTO CHIESA Per sapere come andrà a finire la storia di Jukos bisogna essere, probabilmente, molto addentro i disegni del Cremlino. Per sapere se l’ENI comprerà una parte del pacchetto azionario di Jukos bisogna essere, probabilmente assai dentro i disegni di Silvio Berlusconi. Ma, poichè Vladimir Vladimirovic e Silvio sono ottimi amici, non è azzardato supporre che abbiano parlato a lungo di questo problema nel corso del loro ultimo incontro. Al punto che qualche osservatore è giunto a sospettare …

Leggi tutto »

L'“AEREO DELLE TORTURE”

Un Gulfstream e un «737» senza insegne. I prigionieri vengono legati e sottoposti alla somministrazione di sedativi. I servizi Usa e inglesi hanno scelto questo metodo per sottrarsi alle leggi nazionali che vietano violenze sui sospetti DI MAURIZIO MOLINARI Oltre trecento voli sui cieli di Europa, Medio Oriente e Asia per trasportare miliziani di Al Qaeda e alti funzionari dell’intelligence. E’ questa la storia del piccolo aereo americano Gulfstream 5 che, secondo le carte entrate in possesso del «Sunday Times» …

Leggi tutto »

Dest-sinist.. dest-sinist.. dest-sinist.. Squaaadrone aaaalt.. Rompete le righe

Incredibile, ma vero, in politica sopravvivono ancora per molte persone le definizioni di destra e di sinistra. In alcuni casi ( almeno qui in Italia) addirittura accompagnate dalle relative sfumature come centrodestra, centrosinistra che hanno persino raggiunto la raffinatezza di sofisticate distinzioni del tipo centro “trattino” destra, centro “trattino” sinistra…. Chi si ostina a credere che sia rimasta traccia delle ideologie politiche – che bene o male avevano contraddistinto i secoli scorsi (rivoluzioni, lotte per i diritti sociali, lotte operaie… …

Leggi tutto »

USA:IL PEGGIOR PRESIDENTE DELLA STORIA ?

Bush + Clinton = Bubya DI MICKEY Z Sta circolando una terribile quantità di iperbole smisurata in questi ultimi tempi. Persone che minacciano di emigrare in Canada, vociare di stati Americani che vogliono separarsi, e la mia preferita: l’estrema unzione che la comunità ha dato a George W. Bush e che lo addita come il “peggior presidente della storia.” Qui di seguito è un esempio fornitoci da William Rivers Pitt di TruthOut.org: “Se i primi quattro anni di Bush rappresentano …

Leggi tutto »

COLPITI NEL PORTAFOGLIO DUE SECOLI DOPO CHARLES BOYCOTT

“Inventato” nel 1800 in Irlanda, il boicottaggio resta ancora oggi un efficace strumento di protesta. Soprattutto contro le multinazionali DI SABINA MORANDI Il capitano inglese Charles Boycott non sarebbe stato contento. Per uno che si compiaceva di spremere sangue dai contadini irlandesi che lavoravano le sue terre non deve essere una grande soddisfazione trovare l’immortalità proprio grazie ai suoi nemici. Eppure, nel redigere la cronaca del primo boicottaggio della storia, durante il quale i contadini guidati dal reverendo O’Malley smisero …

Leggi tutto »

IL CLAMOROSO DOPPIO AUTOGOL DI G.W. BUSH.

di Massimo Mazzucco Voi conoscete qualcuno – o pensate anche che possa solo esistere qualcuno al mondo – che ha visto in TV lo schianto del PRIMO aereo (nella torre Nord), PRIMA ancora che il secondo aereo si schiantasse nella torre Sud? “Prima”, ho detto, cioè nell’arco di quei quindici minuti scarsi che separano appunto i due schianti. Tutti, certo, abbiamo visto quello spezzone di video amatoriale, in cui l’operatore si gira all’ultimo momento e inquadra per un pelo l’aereo …

Leggi tutto »