Ultimi articoli

LONDON: Fortunes made on bombing

By Louise Armitstead and Richard Fletcher 11jul05 THOUSANDS of investors joined sharp institutions in making millions of pounds from the short-lived collapse in share prices that followed the terrorist strikes in London last week. It was the busiest day of trading for over two years. The London Stock Exchange said 4.75 billion shares were traded on Thursday compared with the recent daily average of about 3.1 billion. BP and Vodafone were among Britain’s largest companies that took advantage of the …

Leggi tutto »

CI SIAMO CREATI LE FORZE DEL MALE

DI MASSIMO FINI Ho seguito le vicende di questi ultimi giorni, il «Live 8», il vertice G8 a Gleneagles e poi i drammatici attentati terroristi di Londra, da un luogo vicinissimo e insieme lontanissimo dell’Europa, la Corsica, isola tendenzialmente indipendentista dove pochissimo ci si interessa delle vicende del Vecchio Continente e quasi nulla della stessa Francia di cui pur formalmente fa parte. Credo però che una certa distanza, ciò che i francesi chiamano «recul» ad indicare la giusta posizione, né …

Leggi tutto »

SPERIMENTAZIONE ANIMALE: SCIENZA O FINZIONE ?

Esponenti parlamentari, medici professionisti e scienziati uniti nel chiedere una valutazione accurata sull’utilità della vivisezione DI KATHY ARCHIBALD La maggior parte di noi sa che il cancro, le malattie cardiache e l’ictus sono le principali cause di morte in Occidente. Ma molte persone sarebbero sorprese di sapere qual è l’altro più grande fattore di mortalità: gli effetti collaterali dei farmaci prescritti dai medici. Le reazioni allergiche ai farmaci uccidono più di 10,000 persone l’anno in Gran Bretagna (e più di …

Leggi tutto »

Il complesso industriale carcerario negli Stati Uniti

Sradicati nel loro stesso paese: come lavorano i detenuti. Le carceri costituiscono un affare succulento, soprattutto negli Stati Uniti: vi si trova manodopera a basso costo, senza diritti e, ovviamente, in cattività. Molte grandi imprese, tra cui Microsoft, Starbucks e Colgate Palmolive approfittano di questo sistema. Profitti a parte, il complesso industriale carcerario degli Stati Uniti funziona come un’immensa macchina repressiva, di controllo e di sfruttamento.

Leggi tutto »

QUANDO LE GUARDIE SONO I LADRI

di John Kaminski La messa in scena degli attentati diffonde il terrore, mentre i veri colpevoli continuano ad arricchirsi Per quanto ancora permetteremo a questa perversa assurdità di continuare? Incidenti imbarazzanti in continuazione, la denuncia di abusi di potere, o la rivelazione di qualche inquietante copertura, e i poteri che inscenano un attacco terroristico (colpendo nel mucchio e sacrificando un numero casuale di vite innocenti) per poter dare la colpa a un nemico di fantasia, e avere il pretesto di …

Leggi tutto »

Un incontro con la polizia italiana verso il Bilderberg

Nota dell’editore: Daniel Estulin e la sua famiglia furono espulsi il 23 Marzo 1980 dall’ Unione Sovietica per attività antisovietica: Suo padre, un importante scenziato e dissidente, ha passato tre anni e mezzo in prigione per avere cercato libertà di parola per i suoi concittadini. Temendo per la sua vita a causa delle sue audaci denunce di corruzione, manipolazione e giochi di potere, Estulin si è volontariamente esiliato in Spagna. Le sue drammatiche storie personali sono un raro sguardo dietro …

Leggi tutto »

Conspiracy: Tony Blair Ordered London Bombings

by MICHAEL JAMES Rested after a good night’s sleep in the Gleneagles Hotel, Tony Blair glanced nervously at his watch and wondered if the bombing of the London transport system would take place on schedule. London’s Chief of Police, Sir Ian Blair, and MI5 boss, Eliza Manningham-Buller, had promised to keep him firmly in the loop; and Jack Straw had advised him that the Israelis had been placated. Blair caught a glimpse of himself in the dresser and checked his …

Leggi tutto »

False flag over London

By John Leonard Online Journal Contributing Writer July 8, 2005—Yesterday we saw a classic false flag attack in London, organized by western secret services to distract attention from the deepening political troubles of Bush and Blair, and perhaps even to create the pretext for war on Iran. Of course, Bush and his poll ratings have been sinking under scandals and rumblings of impeachment. Blair too has been badly hurt by the Downing Street memo. For giving the lowdown on the …

Leggi tutto »

ESPLOSIONI A LONDRA – Chi ci guadagna?

Israele era stata avvertita, avanzano le operazioni di copertura Propaganda Matrix | 7 luglio 2005 BREAKING: Tempestiva copertura per cercare di cambiare la storia iniziale. Gli articoli pubblicati originariamente riportavano che Binyamin Netanyahu era stato avvisato PRIMA della prima esplosione, adesso tutti gli articoli dell’Associated Press sono stati cambiati per dire che egli è stato avvisato DOPO la prima esplosione, per esempio questo articolo. L’articolo linkato nel seguito che noi abbiamo salvato nel nostro formato (ed il sito che lo …

Leggi tutto »

Londra. In simultanea: veri attentati ed esercitazione antiterrorismo

di Paul Joseph Watson & Alex Jones/Prison Planet | July 9 2005 Un’agenzia di consulenza con contatti con il governo e la polizia stava effettuando un’esercitazione per una compagnia, il cui nome non è ancora stato reso noto, che prevedeva la simulazione di un attentato nella metropolitana di Londra, esattamente nello stesso tempo e nello stesso luogo in cui si sono verificate le reali esplosioni la mattina del 7 luglio. La sera del 7 luglio, Radio 5 della BBC trasmette …

Leggi tutto »

Giornalista ucciso in Iraq dopo aver investigato sugli squadroni della morte

di James Cogan Il 24 giugno Yasser Salihee, un corrispondente speciale iracheno per l’agenzia stampa Ridder è stato ucciso da un unico proiettile che lo ha colpito alla testa mentre si avvicinava ad un checkpoint che era stato messo su da truppe americane ed irachene vicino a casa sua. Si crede che il colpo sia stato sparato da un tiratore americano. Secondo i testimoni non sono stati sparati colpi di ammonimento. L’esercito americano ha annunciato di aver aperto un’inchiesta sull’uccisione …

Leggi tutto »

Atollo nell’Oceano Indiano sospettato di essere teatro di abusi

Paradiso naturale o camera di tortura? Centri di detenzione segreti: la CIA sotto tiro Di Lynda Hurst – 4 Luglio 2005 Dalle foto satellitari, l’isola Diego Garcia sembra un vero paradiso. Il piccolo atollo nascosto nell’Oceano Indiano, con le sue spiagge coralline, le acque turchesi e un’ampia laguna al centro, dista almeno 1600 km da terra in qualsiasi direzione. Un rifugio perfetto. Ma a nessuno è permesso metterci piede. Questo possedimento britannico poco conosciuto, noleggiato dagli Stati Uniti nel 1970, …

Leggi tutto »

The sick mindset of the double terrorists

By abid ullah jan Published: July 9, 2005 If anything positive may emerge from the July 7 tragedy in London it is the growing realization that the terrorists and those who claim to be fighting a ‘war on terrorism’ are just one and the same people. For this reason we must resolve to expose the enemies of freedom and never give up to the hollow rhetoric of freedom and democracy on the part of double-terrorists. Believing in their statements of …

Leggi tutto »

What's Behind the London Attacks?

The bombing of the London Underground was a false-flag operation designed to keep the West mired in war. Don’t believe otherwise. By Matt Hutaff Jul 7, 2005 Only one word sprang to mind when I heard about the bombings that claimed the lives of dozens of Londoners today – convenient. Is there anything convenient in death, or in thousands of lives destroyed from catastrophe? No – and words cannot express the sorrow I feel for the men and women changed …

Leggi tutto »

When The Cops Are The Crooks

Staged bombings terrorize everyone while the real perps keep getting richer… By John Kaminski How long are we going to permit this vicious tomfoolery to continue? Every time there’s an embarrassing incident, a charge of official malfeasance, or some nasty revelation to cover up, the powers that be stage a terrorist incident – randomly throw away the lives of an arbitrary number of innocents – and then blame some fantasy enemy as an excuse to further ratchet up the corrupt …

Leggi tutto »

'It's Imperialism, Stupid!'

By Professor Noam Chomsky, MIT Fighting the so-called, phony and staged ‘War On Terror’ takes a back seat to Bush’s #1 Objective: Controlling the center of the world’s major energy resources and supplies: Iraq – with the world’s 2nd largest known oil reserves! In his June 28 speech, President Bush asserted that the invasion of Iraq was undertaken as part of “a global war against terror” that the United States is waging. In reality, as anticipated, the INVASION INCREASED THE …

Leggi tutto »

LE BOMBE DI BLAIR

La guerra portata in Iraq è ritornata in maniera devastante in Inghilterra. Come era tragicamente prevedibile, le tante rimozioni fatte dall’opinione pubblica inglese sugli orrori iracheni sono esplose ieri nel centro di Londra. Come Alice nel «Paese delle meraviglie» è inutile chiedersi dov’è l’uscita. Per cercarla bisogna cambiare politica verso il mondo povero di JOHN PILGER Le bombe che hanno causato morte e distruzione a Londra sono cominciate ad arrivare il giorno in cui Tony Blair si è unito a …

Leggi tutto »

L'INCIVILE RICCHEZZA DELL'ITALIA IN VACANZA

DI MAURIZIO MAGGIANI Ci spiaccicano su grafici ormai da settimane, chi di dovere non se ne capacita o se ne fa una ragione, e l’uno e l’altro proclamano qualcosa in merito un giorno via l’altro, noi ne soffriamo ormai da un bel pezzo in perfetto silenzio. Il tema è: ma questo Paese è un Paese ricco o un Paese povero? Da come la vedo io è un Paese miserabile, un Paese di miserabile ricchezza e di miserabile povertà. Un Paese …

Leggi tutto »

FRA BUSH E SADDAM VINCE BUSH

ECCO LE PROVE DI LYNNTHEDEM Saddam non ha cacciato gli ispettori dell’ONU. http://www.fair.org/activism/post-expulsions.html Bush lo ha fatto. http://www.usatoday.com/news/world/iraq/2003-03-17-inspectors-iraq_x.htm Saddam ha combattuto gli estremisti Shiiti di al-Sadr e i suoi miliziani. http://www.whitehouse.gov/infocus/iraq/decade/sect4.html Anche Bush. http://www.inthesetimes.com/site/main/article/portrait_of_a_rebellion / Saddam non ha consentito ai rappresentanti dei diritti umani di entrare nelle sue prigioni. http://www.whitehouse.gov/infocus/iraq/decade/sect4.html Nemmeno Bush. I gruppi dei diritti umani chiedono agli USA di aprire tutti luoghi di detenzione. http://www.commondreams.org/headlines04/0510-01.htm Un ufficiale afferma che l’esercito ha cercato di non far entrare la Croce …

Leggi tutto »

Le bombe come democrazia

Ricordo un giorno di tanto tempo fa, durante una delle solite visite folkloristiche di Carlo d’Inghilterra ad uno dei paesi del Commonwealth, uno scalmanato salì sul palco, si pose di fronte al principe e gli sparò al cuore (Per fortuna, si seppe dopo, era tutto a salve). Io che avevo visto politici italiani vomitare per la paura di un attentato, Ford e Regan buttarsi a terra per l’esplosione della lampadina di un fotografo, Clinton gridare aiuto perche’ i bambini africani …

Leggi tutto »

Attentati a Londra: alcune impressioni

Chi ci guadagna? Chi otterrà dei vantaggi? Sono molte le fonti alternative che stanno diffondendo la possibilità che questi attacchi possano giocare a favore di Blair e di Bush. Ad esempio, i media non dovranno più occuparsi delle loro bugie che hanno portato le loro nazioni in Iraq. Non dovranno più interessarsi di Karl Rove e Valerie Plame. D’altronde come non sottolineare che questi attacchi sono avvenuti pochi giorni dopo che la Gran Bretagna aveva annunciato il suo piano di …

Leggi tutto »

LA FUTURA CRISI PETROLIFERA SAUDITA

Sfide in un mondo di scarsità di petrolio DI MATTHEW R. SIMMONS Dato che il petrolio sta scarseggiando, il suo uso dovra’ essere in un modo o nell’altro, razionato. Ci sono vari modi per assegnare l’uso del petrolio e dirigerlo verso applicazioni piu’ utili. Ma realizzare un piano cosi’ razionale richiede uno sforzo paese per paese ben orchestrato e globale. Lasciato a se stesso, un tale processo presto si trasformerebbe in un autentico caos . L’economia globale puo’ funzionare dopo …

Leggi tutto »

BUSH: MISSIONE IMPOSSIBILE

DI IAN WILLIAMS Per alcuni anni dopo i fatti dell’11 Settembre 2001 il presidente Bush ha tenuto i suoi discorsi in basi militari davanti a ranghi serrati di uomini in uniforme, una platea che non avrebbe mai contestato né disapprovato. In ogni occasione ha indossato qualcosa di militare, dando lo spunto a battute tipo “è stato visto in uniforme più spesso di Fidel Castro”. Ha quindi sorpreso la poco saggia decisione di tenere un discorso a Fort Bragg, nella Carolina …

Leggi tutto »

ESTADOS UNIDOS Y LOS DERECHOS HUMANOS (ÚLTIMA PARTE)

Guantánamo: El contínuo limbo legal, tratamiento de los detenidos, vías para el abuso y el sufrimiento Quito (Ecuador) – 26 de mayo de 2005 EL CONTÍNUO LIMBO LEGAL Después de más de seis meses la Corte Suprema de los Estados Unidos dispuso que las Cortes Federales pueden conocer demandas de los detenidos de Guantánamo, no es debido a la lentitud del sistema judicial que, los centenares de personas siguen detenidos sin cargos o juicio y, virtualmente, incomunicados en la base …

Leggi tutto »

L'AMERICA CHE CI PIACE

DI ALAIN DE BENOIST In alcuni ambiti , si sta svolgendo un dibattito, a volte anche un po’ ridicolo e confuso, sulla questione di sapere chi è “il principale nemico”. Quelli che partecipano a questo dibattito, commettono regolarmente due errori. Il primo consiste a credere che il principale nemico è quello che detestiamo di più, quello di cui ci si sente il più lontano o con il quale abbiamo poche affinità. Errore di metodo che Mao Zedong, al suo tempo, …

Leggi tutto »

IL RAPPORTO DELLA COMMISSIONE SULL'11 SETTEMBRE: UNA BUGIA DI 571 PAGINE

DI DAVID RAY GRIFFIN Commentando il mio secondo libro sull’11 settembre, “the 9/11 commission report: Omissions and Distortions”, ho detto spesso, scherzando solo per metà, che un titolo migliore sarebbe stato “una bugia lunga 571 pagine” (ai tempi, dicevo “una bugia lunga 567 pagine”, perché dimenticavo di contare le 4 pagine di prefazione). Costruendo questa affermazione, uno dei miei punti è stato che l’intero rapporto è costruito a supporto di un’enorme bugia: che la storia ufficiale riguardo l’11 settembre sia …

Leggi tutto »

LIVE 8: L’ IMPERIALISMO REALIZZA UN ATTACCO IDEOLOGICO SU LARGA SCALA

CONTRO IL MOVIMENTO ANTIGLOBAL “E’ stato il maggior evento musicale delle storia”, probabilmente, il più grande attacco ideologico al movimento anticapitalista internazionale dal Rinascimento a metà e fine della decade degli anni ’90” DI ROBERTO DELGADO Centomila persone hanno accolto sabato 2 luglio i 10 concerti celebrati in nove paesi, coincidenti con le riunioni che i leader degli 8 paesi più ricchi del mondo, hanno realizzato nei pressi di Edimburgo, Scozia, tra il 6 e l’8 Tokio (Giappone) ha aperto …

Leggi tutto »

ESTADOS UNIDOS Y LOS DERECHOS HUMANOS (SEGUNDA PARTE)

TRIBUNAL DIGNIDAD, SOBERANÍA Y PAZ CONTRA LA GUERRA El señor de las guerras y las torturas; La casa matriz de la tiranía; Terror y muerte en Guantánamo y Un ícono de la anarquía Bush, Rumsfeld, Negroponte, Powell, Rice, son entre otros, los actores de esta pesadilla. Nada los detiene en la orgía de sangre. El mundo ha visto -con horror- la fotografía de una niña iraquí cubierta el rostro con la sangre de su padre que fue asesinado por soldados …

Leggi tutto »

IRAK, CHI FA AUMENTARE IL NUMERO DEI RIBELLI?

NOI! RAYMOND LONG Finalmente la maggioranza degli americani si sta rendendo conto che l’occupazione dell’Irak è un disastro, il problema è cosa fare? La scusa per continuare a rimanere è quella di voler stabilizzare il paese fino a quando le istituzioni governative, comprese la polizia e l’esercito, saranno capaci di camminare da sole. In aggiunta si parla di costruire “la democrazia” e, siccome l’Irak è il fronte della “guerra al terrore”, di combattere lì adesso per non dover combattere dopo …

Leggi tutto »

MILITARIZZAZIONE DELLO SPAZIO

Robert Joseph, un diplomatico per le guerre stellari Robert G. Joseph si è messo in luce conducendo alla sua maniera il ritiro degli Stati Uniti dal Trattato di non proliferazione dei missili balistici. Nominato Sottosegretario di Stato per il controllo degli armamenti, avrebbe dovuto adoperarsi per rinforzare la superiorità militare statunitense, impedendo ai piccoli paesi di armarsi e obbligando le altre potenze nucleari a limitare i loro armamenti, tutto questo però militarizzando lo spazio. Per fermare questo disequilibrio la Russia …

Leggi tutto »