Ultimi articoli

RITORNO ALLA LIRA

DI SAVINO FRIGIOLA I risultati delle votazioni sui referendum di Francia ed Olanda, la messa in mora da parte della UE nei confronti dell’Italia, per lo sforamento del debito pubblico di oltre il 3 % rispetto al PIL, la presa di coscienza della stagnazione, divenuta vera e propria recessione economica nazionale, stanno mettendo in fibrillazione tutto il mondo politico ed economico. L’interpretazione più accreditata in merito al rigetto dello statuto europeo, da parte dei due Paesi che hanno votato, è …

Leggi tutto »

SIAMO CIRCONDATI

Lontano dalla nostra linea editoriale il presente articolo rende però molto bene l’idea sull’attuale paranoia americana La redazione Ovvero, come te la cavi con il Cinese? DI CRAIG ROBERTS Sun Tzu, l’antico filosofo guerriero Cinese che viene spesso citato dalle nostre istituzioni militari, scrisse: “Qualcuno che non è a conoscenza dei progetti del vicino non dovrebbe allearsi con lui.” Questa citazione mi è ritornata in mente ieri, mentre stavo camminando tra gli scaffali di un nuovo negozio a buon mercato, …

Leggi tutto »

UN EX MEMBRO DELL'AMMINISTRAZIONE BUSH AFFERMA:IL CROLLO DEL WTC

FU PROBABILMENTE UNA DEMOLIZIONE CONTROLLATA ED UN LAVORO “INTERNO” DI GREG SZYMANSKI Un ex economista del dipartimento del lavoro, che servì durante il primo mandato presidenziale di Bush, crede ora che la ricostruzione ufficiale sul crollo del WTC sia ‘fasulla’ e ritiene più probabile che sia stata una demolizione controllata a distruggere le Torri Gemelle e l’adiacente edificio n° 7. “Se una demolizione ha distrutto tre grattacieli e il World Trade Center l’11 settembre, allora la possibilità che si sia …

Leggi tutto »

L'ANNESSIONE DI CANADA E MESSICO

Il Consiglio per le Relazioni Estere medita l’abolizione delle frontiere, includendo Canada e Messico nella Fortezza America [Trascrizione di un servizio della CNN del 10 giugno 2005] DOBBS: La sicurezza delle frontiere è probabilmente la questione cruciale, nella lotta contro il terrorismo dell’islamismo radicale. Ma le nostre frontiere rimangono permeabili. Tanto permeabili che l’hanno scorso tre milioni di immigrati clandestini, quasi tutti provenienti dal Messico, sono entrati in questo paese. E’ incredibile, ma adesso una commissione sponsorizzata dal Consiglio per …

Leggi tutto »

Il disastro del Columbia nel 2003: la madre di tutti i presagi per il 2004

ED OLTRE DI HECTOR CARREON Los Angeles, Alta California Il primo gennaio 2004 segnerà la fine di un anno tumultuoso per il mondo e l’inizio di un futuro davvero incerto per l’intera umanità. C’è stato un avvenimento, all’inizio dell’anno scorso, che ha rappresentato non solo il segnale d’inizio dei terribili eventi che stanno ora accadendo in Iraq, ma anche un inquietante presagio per ciò che accadrà nel 2004 e negli anni a venire. Questo avvenimento si è realizzato il primo …

Leggi tutto »

TUTTA LA CECENIA NELLE MANI DI UNA FAMIGLIA

Un quinquennio di kadyrovtsy sullo sfondo dei prossimi avvenimenti nella repubblica DI ANNA POLITKOVSKAJA Esattamente cinque anni fa, nel giugno del 2000, Putin cambiò il vertice dell’amministrazione provvisoria della Cecenia. Al posto del crudele dirigente economico federale Nikolaj Kosman inaspettatamente fu nominato Achmat- Chadzi Kadyrov, stretto collaboratore di Dudaev ed ex forza muftì dell’opposizione al tempo della prima guerra cecena, che ha rinnegato le passate opinioni ed ha prestato giuramento al Cremlino. Così è iniziato il processo di cecenizzazione del …

Leggi tutto »

LE RIVELAZIONI DELL'MI-16 INGLESE

FINALMENTE ALLO SCOPERTO UNA RETE DI SPUDORATE MENZOGNE. DI ERIC MARGOLIS Nel luglio del 2002, il capo del servizio segreto inglese, riferiva al primo ministro Tony Blair e al governo sui piani americani di attacco all’Irak. Sir Richard Dearlove (“M” per gli appassionati di James Bond) riferiva che il presidente americano, G. Bush, aveva deciso di invadere l’Irak, con le sue ricchezze petrolifere,- nel marzo del 2003. La guerra “doveva essere giustificata con il terrorismo e le armi di distruzione …

Leggi tutto »

Analisi del NO al referendum del 29 maggio 2005

DI ALAIN DE BENOIST Il voto con cui i francesi hanno in massa respinto il progetto di trattato costituzionale che era stato sottoposto loro per referendum è senza alcun dubbio un voto storico. Ma non è storico solo per il risultato: 55% di “no” contrari a un testo confuso in cui si potevano contemporaneamente trovare cose positive, ma anche e soprattutto orientamenti generali inaccettabili. Lo è tanto più perché ha di nuovo fatto emergere, in modo clamoroso, il divario che …

Leggi tutto »

BENEFICENZA O INGANNO ?

DI RIXON STEWART – Introduzione 2001, Commenti 1 giugno 2005 Quello che segue è stato scritto quattro anni fa ma prefigura avvenimenti recenti e serve da introduzione. Mentre presenziava il summit del G8 nel luglio del 2001, durante il quale un ragazzo italiano venne ucciso dalla polizia italiana, il Primo Ministro inglese Tony Blair incontrò le rock star Bono e Bob Geldof su di una lussuosa nave da crociera ormeggiata nel porto di Genova. Sia Bono che Geldof condannarono la …

Leggi tutto »

CONDIZIONI DI VITA IN IRAQ: UNA TRAGEDIA CRIMINALE

Di GHALI HASSAN La Storia riconoscerà che la politica criminale degli Stati Uniti e della Gran Bretagna e l’illegale invasione dell’Iraq hanno portato alla tragedia in corso del popolo iracheno. In aggiunta, la storia dovrà riconoscere che il popolo iracheno, da solo, ha resistito alle sanzioni da genocidio e all’occupazione anglo-americana del loro paese. Uno studio dettagliato delle Nazioni Unite e di ufficiali iracheni ha trovato che la vita in Iraq sta decadendo in maniera significativa da quando le forze …

Leggi tutto »

CHE FINE HA FATTO LA SPAGNOLA ?

Nessuna seria indagine sulla diffusione accidentale del virus dell’influenza Spagnola in tutto il mondo DI MIKE ADAMS   Cosa succederebbe se un terrorista acquistasse il ceppo di una mortale influenza che ha ucciso milioni di persone nel mondo in passato? Cosa succederebbe se questo terrorista fosse in grado di replicare il virus, ottenere nomi e indirizzi di organizzazioni di tutto il mondo e di distribuirlo in ogni luogo? Cosa succederebbe se il fatto divenisse di pubblico dominio e tutti ne …

Leggi tutto »

UN PAESE CHE VA SCOMPARENDO

Il paese che non c’è più DI PAUL KRUGMAN I figli del miracolo economico, come me, sono cresciuti in una società relativamente egualitaria. Negli anni ’60 l’America era un posto dove gli estremamente ricchi erano pochi, i lavoratori guadagnavano abbastanza da appartenere agevolmente alla classe media, e gli operai potevano sperare ragionevolmente sia in un miglioramento continuo del proprio standard di vita che in una certa sicurezza economica. Ma, come ci ricorda una recente serie di articoli del The Times, …

Leggi tutto »

IL NUOVO CORSO DEL GUUAM

L’avvento al potere di Sâka_vili in Georgia e Ju_èenko in Ucraina, ha donato nuova linfa al progetto del GUUAM, sostenuto da Washington e Bruxelles. Esso deve però fare i conti con la non ancora definitivamente intaccata influenza russa nello spazio postsovietico, che sta creando non pochi problemi, anche di carattere interno, ai paesi ostili alla politica del Cremlino. DI DANIELE SCALEA per ”EQUILIBRI” Il primo GUUAM Nel 1997 Georgia, Ucraina, Uzbekistan, Azerbaigian e Moldova decidevano d’associarsi in un nuovo soggetto …

Leggi tutto »

CRIMINALITA’ ALBANESE E POLITICHE AMERICANE: UNA REPLICA

L’articolo di John Kleeves “Criminalità albanese e politica americana” , com’era prevedibile ha suscitato tra i nostri lettori reazioni controverse. Tra i commenti pervenutici, in particolare, per una serie di interessanti considerazioni, poniamo alla vostra attenzione quello di Francesca Fiorentino. La redazione DI FRANCESCA FIORENTINO ….il come e il perché conosciamo stabilisce il cosa conosciamo…. (A. Salvini) Già, forse la questione è davvero più complessa… perché la realtà in cui siamo immersi è costituzionalmente complessa, e non risponde alla logica …

Leggi tutto »

COME PERMETTERE IL MALE: I VOLONTEROSI CARNEFICI DI BUSH

DI PAUL CRAIG ROBERTS Nel 1996 Daniel Jonah Goldhagen ha pubblicato un libro dal titolo: “I volonterosi carnefici di Hitler: la gente normale e l’Olocausto.” (Mondadori,1997 ndr) La tesi che sosteneva era che l’assassinio di massa degli ebrei non era stata un’opera condotta in silenzio da pochi fanatici nazisti. Al contrario, secondo Goldhagen, la gente normale con la sua complicità aveva partecipato allo sterminio. In altre parole, anche il popolo tedesco nel suo insieme era colpevole, perché aveva accettato e …

Leggi tutto »

L'UE NON SARA' IL CASSONETTO DEGLI USA

DI MAURIZIO BLONDET Come va l’Europa dopo il “no” franco-olandese? Meglio di quanto dicano le prefiche inconsolabili della pseudo-costituzione. Il Qatar ci ha appena acquistato 60 Airbus. L’euro è calato rispetto al dollaro a 1,20, il che è bene per le esportazioni (merito involontario anche di Maroni). Un altro beneficio viene segnalato da William Pfaff (1), il più lucido dei commentatori americani, e perciò ostile all’avventurismo di Bush. Il “no” francese e olandese, dice Pfaff, ha salvato l’Unione da un’espansione …

Leggi tutto »

THE ANTI-EMPIRE REPORT, N.21

Di WILLIAM BLUM La fabbrica dei miti americani La settimana scorsa il buon vecchio George W. era a spasso per l’Europa dell’Est per i festeggiamenti del 60esimo anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale e, durante il suo viaggio narrava un gran numero di miti anti-comunisti del periodo della Guerra Fredda. Ecco i principali. L’Unione Sovietica nel 1939 ha siglato un patto col diavolo, la Germania nazista, semplicemente perché i comunisti e i nazisti erano simili tra loro; entrambi volevano …

Leggi tutto »

AMNESTY INTERNATIONAL E I NUOVI 'GULAG'

La parola “gulag” provoca proteste troppo interessate DI HDS GREENWAY ‘GULAG’, Basta una parola per provocare uno sconvolgimento. E’ bastato che i rispettati difensori dei diritti civili e umani del pianeta, facenti parte dell’organizzazione mondiale Amnesty International, paragonassero il trattamento americano dei prigionieri al vasto e complesso sistema di campi di prigionia dell’ex URSS, perché i nostri leaders si mettessero a ululare contro l’ingiustizia. Il presidente ha definito il paragone: “Assurdo”, il segretario alla difesa: “Reprensibile”, mentre il vice presidente …

Leggi tutto »

Saddam interrogation screened in silence. Why?

Robert Fisk – The Independent June 14, 2005 There he was, just as his victims looked on his own television screens, his words censored, his arguments unknown, his case as undemocratic as the “judicial” courts in which Saddam destroyed his own enemies. The Iraqis – or, let us speak frankly, the Americans who tried to censor the old reprobate’s previous court appearance – decided yesterday that his words would also be censored. This is how Saddam ran Iraq. The words …

Leggi tutto »

COME SI PUO' DISTINGUERE UN INDIANO BOLIVIANO DA UN AMERICANO COMUNE ?

Gli Inca e Noi DI DAVE LINDORFF Qual è la differenza tra un Indiano Inca della Bolivia e un cittadino lavoratore stipendiato della middle-class in America? Risposta: l’Indiano Inca capisce da che parte stanno i suoi interessi, riconosce il fatto che i principali partiti politici sono ladri e operano per interessi di parte, domestici e internazionali, al fine di derubarlo, quindi si unisce a migliaia di compagni che la pensano come lui per scendere nelle strade e rimuovere dal palazzo …

Leggi tutto »

LA GUERRA CIVILE E' SOSTENUTA DALLO STATO

Con questo articolo iniziamo la traduzione degli Iraq Dispacthes di Dahr Jamail a cura di Carlo Martini La redazione DI DAHR JAMAIL Ieri, ad una conferenza a Baghdad, Abdul Aziz al-Hakim, un eminente leader sciita che e’ anche a capo del Consiglio Supremo per la Rivoluzione Islamica in Iraq, ha annunciato, “In gratitudine agli sforzi, ai sacrifici e alle eroiche posizioni assunte dai nostri fratelli e coraggiosi figli dell’Organizzazione Badr”, “Dobbiamo dare a loro la priorità nel ricoprire cariche amministrative …

Leggi tutto »

IL MONDO NEL PALMO DELLE LORO MANI: BILDERBERG 2005 PARTE SECONDA

DI DANIEL ESTULIN A causa del blackout mediatico pressoché totale riguardante la riunione del Bilderberg di quest’anno svoltasi dal 5 all’8 maggio, la conoscenza di quel poco che è filtrato attraverso i muri guardati a vista del Dorint Sofitel Seehotel Uberfahrt a Rottach-Egern, in Baviera, è limitata ai lettori delle pubblicazioni Internet che sfidano le verità imposte dai mezzi di comunicazione di massa statunitensi e dalla corrotta amministrazione Bush. Le discussioni intrattenute dai partecipanti al Bilderberg, e gli accordi che …

Leggi tutto »

PERCHE' LE TORRI DEL WORLD TRADE CENTER SONO CROLLATE ?

by Morgan Reynolds “Non mi sembrava vero… c’erano migliaia di quelle travi d’acciaio che cadevano come fossero stuzzicadenti.” John Albanese, vigile del fuoco volontario e appassionato di fotografia “Quello che ci ha sbalordito – gente come Warren Jennings e me stesso, che abbiamo passato praticamente tutta la nostra vita nel settore della rottamazione – è che non avevamo mai visto una massa di acciaio così pesante, immensa, colossale. Era assolutamente incredibile.” Michael Henderson (p. 93), General Manager, Marine Terminals, Metal …

Leggi tutto »

CECENIA, LO STALLO NEL SANGUE

DI GIULIETTO CHIESA La seconda guerra cecena cominciò cinque anni fa, esattamente l’8 agosto 1999, quando – tra lo stupore generale – Shamil Bassaev scatenò l’offensiva della mosca contro l’elefante attaccando la Russia in Daghestan. Quel giorno, con straordinaria coincidenza, Vladimir Putin venne nominato a capo del governo russo da un Boris Eltsin ormai palesemente sulla via del tramonto. Che infatti avvenne quattro mesi dopo. Dopo cinque anni e due trionfi elettorali, Putin non è ancora riuscito ad archiviare la …

Leggi tutto »

DAHR JAMAIL – IRAQ DISPATCHES

CHI E’ DAHR JAMAIL? Stanco del completo fallimento dei media statunitensi nel riportare accuratamente la realtà della guerra per il popolo iracheno ed i soldati statunitensi, Dahr Jamail si è recato in Iraq per riferire sulla guerra da sè. I suoi dispatches (articoli pubblicati sul weblog) sono stati velocemente riconosciuti come un’importante risorsa mediatica e adesso Dahr scrive per l’Inter Press Service, l’Asia Times e molte altre fonti. I suoi resoconti sono stati pubblicati anche su The Nation, The Sunday …

Leggi tutto »

Bush's Willing Executioners

By PAUL CRAIG ROBERTS In 1996 Daniel Jonah Goldhagen published Hitler’s Willing Executioners: Ordinary Germans and the Holocaust. His thesis is that the mass murder of Jews was not done on the quiet by a few Nazi fanatics. Instead, Goldhagen writes, by their complicity ordinary Germans were willing participants in the slaughter. In other words, the German people as a people were guilty as well, because they accepted and permitted the slaughter of an ethnic group.

Leggi tutto »

IL PAESE DI MERDA

DI GIUSEPPE GENNA L’esito del referendum è un’ulteriore prova che, al di là delle convinzioni delle singole persone, noi viviamo in un Paese di merda. Questa è una nazione che non capisce un cazzo in massa, snobba i minimali della strumentazione democratica, se ne fotte di problemi fondamentali quali ricerca scientifica e statuti della vita. E’ un Paese il cui Sud persiste nel fare da zavorra elettorale di fronte ai momenti politicamente decisivi e il cui Nord è capitanato da …

Leggi tutto »

SENZA LAVORO, IN MEZZO AI PERICOLI

DI DAHAR JAMAIL Amman – Ahlam Najam aveva solo bisogno di un lavoro. A 25 anni possedeva un diploma universitario in insegnamento, ma non non riusciva a trovare un impiego. Quando la Kellogg Brown and Root (KBR), consociata della ditta statunitense Halliburton, le ha offerto un lavoro come guardia di sicurezza presso una base U.S.A. in Iraq, ha accettato. Il 18 maggio dello scorso anno le hanno sparato due volte in testa mentre aspettava un taxi per andare al lavoro. …

Leggi tutto »

UN CAPPIO, NON UN BRACCIALETTO

DI  NAOMI KLEIN Gordon Brown ha una nuova idea su come “rendere la povertà storia” nell’occasione del summit del G8 in Scozia. Con Washington che rifiuta di raddoppiare i suoi aiuti all’Africa dal 2015, il cancelliere dello Scacchiere (Ministro delle Finanze, ndt) ha fatto un appello ai ricchi stati produttori di petrolio del medio oriente perché coprissero la scarsità delle donazioni di fondi: “Le ricchezze del petrolio chiamate a salvare l’Africa..”. Si legge nei titoli di testa del London’s Observer. …

Leggi tutto »