Ultimi articoli

GENTILE REDAZIONE GENERALE LIBRERIA FELTRINELLI

… laddove riscontrasse la mancanza di libri appartenenti alle nostre edizioni, siamo disponibili a considerarli copie omaggio [!] Gentile attenzione direzione generale Libreria Feltrinelli Largo Argentina, per conoscenza alla stampa Gentile Giuliana Dolci,

Leggi tutto »

THE ROVING EYE: The real fury of Fallujah

By Pepe Escobar “The Romans create a desolation and call it peace.” – Tacitus “The enemy has a face. It is Satan’s. He is in Fallujah, and we are going to destroy him.” – Colonel Gary Brandl, US Marines President George W Bush is “reaching out” to Fallujah – the first major foreign policy initiative of the second Bush administration. The name: Operation Phantom Fury. The strategy: precision-strike democracy. The message: kill them all, and let God sort them out.

Leggi tutto »

ZONA CREPUSCOLARE / SHALOM, HAVER

“Oggi ho saputo che i sondaggi indicano che il 60% degli israeliani spera che Arafat muoia. E’ una notizia che mi fa molto male e mi fa andare in collera. Quando l’unico partner che abbiamo avuto, Yitzhak Rabin, venne assassinato, so che molte furono le famiglie palestinesi che versarono lacrime per la sua morte. L’altro fronte può certamente piangere per chi ha la giustizia dalla sua parte e dalla parte della sua nazione. E’ quello che vorrei accadesse anche nella …

Leggi tutto »

LA MAPPA DEI COSTI REALI DEL PETROLIO:IL MONDO

da Ecology Center Non esiste angolo al mondo che non sia stato colpito dagli effetti dell’estrazione e dell’uso del petrolio. Molti effetti negativi sono ben documentati, come il riscaldamento globale, la distruzione dell’habitat naturale e i conflitti politici per l’approvvigionamento di petrolio. Ma l’economia petrolifera si estende spesso in modo poco evidente a molti altri aspetti della vita del nostro pianeta. La Leggenda C’è una leggenda che dice che uno sviluppo infinito, persino proficuo, è possibile, che come società e …

Leggi tutto »

PUTIN SORRIDE MA LA SFIDA RIMANE APERTA

Con “l’amico” Bush DI GIULIETTO CHIESA Ma siamo sicuri che Vladimir Putin ce la dice tutta? Il suo entusiasmo per la vittoria di Bush sembra contenere un sottile sarcasmo, non appena si guardi ai contenziosi molteplici che stanno dividendo la Russia Neo-zar e l’America Neo-con. Su tutto il perimetro russo (salvo i 6000 chilometri «cinesi») Mosca e Washington sono in evidente tensione. A cominciare dall’Ucraina e dalla Bielorussia. Il presidente bielorusso Lukashenko non piace né a Bush, né a Putin. …

Leggi tutto »

L'IRAN NEL MIRINO

Postato il 13 Ottobre 2004 Dopo l’Iraq Per controllare l’area Bush già pensa al prossimo target: Tehran di JOSEPH HALEVI La coppia Fassino-Rutelli, con Panebianco del Corriere della Sera, dice che non bisogna far fallire la «missione» americana in Iraq in nome della falsa tesi secondo la quale eliminato il « brutale dittatore », l’Iraq può ora aspirare a un migliore avvenire – e la convinzione resta nonostante le evoluzioni degli annunci del cosiddetto «programma unitario» di questi giorni. Diventerà …

Leggi tutto »

PETROLIO: INTERVISTA CON SAMSAM BAKHTIARI

di Debora Billi da reporterassociati.org Ali Samsam Bakhtiari, da 33 anni è tra i maggiori esperti di petrolio iraniani. Vive a Teheran, ed è un uomo coraggioso che non nasconde le sue opinioni, anche a costo di andare contro l’establishment petrolifero, da sempre allineato su posizioni univoche. E’ autorevole membro dell’ASPO, l’associazione internazionale che studia l’approssimarsi del picco di produzione petrolifera e che raccoglie esperti di tutto il mondo: Bakhtiari è l’unico a rappresentare un paese OPEC, e con i …

Leggi tutto »

La giustizia come mezzo di controllo e oppressione

di Carsten Heinrigs Tutti sappiamo quello che accadrà: lo spettacolo dei processi contro Saddam e altri membri del precedente governo iracheno. Gli occupanti e i loro rappresentanti iracheni hanno disperatamente bisogno di un colpo propagandistico per giustificare se stessi. Cosa c’è di meglio che costruire la demonizzazione di Saddam, miscelare qualche informazione, molte mezze-verità e bugie e riempire libri di storia per indottrinare sia il popolo del paese aggressore (in preparazione di una sempre prossima guerra) sia il popolo iracheno …

Leggi tutto »

NON CI SONO AMERICANI ONESTI

I cittadini americani plaudono alla loro criminale nazione che sta attaccando ferocemente il mondo intero di John Kaminski L’elezione presidenziale, Bush contro Kerry, che scherzo! Due plutocrati privilegiati, due depravati psicotici che provengono dalla stessa fraternità collegiale demoniaca, due che non hanno mai dovuto lavorare, due che sostengono la necessità di continuare i crimini contro l’umanità, addirittura contro il proprio popolo. E per rendere le cose peggiori, essi non conteranno i voti onestamente. Il computer tirerà fuori un predeterminato risultato, …

Leggi tutto »

LA MONTAGNA NON PUO' ESSERE SCOSSA DAL VENTO

La vita senza Arafat DI RAMZY BAROUD Se la malattia del leader Palestinese Yasser Arafat e l’inattesa partenza per la Francia rappresentano la conclusione di un’era, come hanno notato alcuni in maniera avventata, questo è perché l’assenza di Arafat, anche come un simbolo vivente, è un questione portatrice di grandi conseguenze. Ma detto questo, non dobbiamo indulgere nel travisare la lotta Palestinese riducendola alla legalità di un uomo. È ancora troppo presto per valutare il contributo di Arafat alla marcia …

Leggi tutto »

CHOMSKY A BARNARD SULLE ELEZIONI USA

Caro Chomsky, sono Paolo Barnard* della RAI di Roma, autore del servizio “L’altro terrorismo” che ha visto la sua inestimabile partecipazione. Mi posso immaginare come lei si senta in questo momento. Tuttavia non possiamo mancare di vedere i due punti che seguono. 1) Quattro anni di attivismo civile senza precedenti, di dimostrazioni di massa, di film, di libri, di soffiate e scandali, e altro.. in altre parole un fuoco di sbarramento continuo contro l’amministrazione Bush hanno prodotto questo! (la vittoria …

Leggi tutto »

NUOVA INQUISIZIONE

DI MARCO BAZZATO Ora le elezioni americane hanno riconfermato George W. Bush alla guida degli Stati Uniti d’America, si dovrà per forza di cose sottostare per altri quattro anni agli ordini di una classe politica che sta cercando d’instillare un nuovo ordine teocratico all’interno delle proprie istituzioni, e di conseguenza negli stati satelliti sotto l’ombrello del Patto Atlantico. La riconferma dell’attuale presidente ha ancora una volta smentito tutte le teorie della vigilia che davano a pari punti lo sfidante Kerry. …

Leggi tutto »

SECONDO UN VECCHIO RACCONTO AFRICANO,…

DI FRANCESCO GESUALDI …, il potere è gestito da tre uomini. Per primo viene quello con la corona che definisce le regole. Poi viene quello col fucile che fa rispettare le regole definite dall’uomo con la corona. Infine viene l’uomo con i soldi che può comprare sia l’uomo con la corona, sia l’uomo col fucile. Nessuno sa in quale angolo dell’Africa sia vissuto il saggio che ha pronunciato questa metafora, ma di sicuro era un profeta perchè ha descritto in …

Leggi tutto »

Dichiarazione finale del Tribunale di Brussels

Sabato 17 aprile 2004 Coerente con la tradizione del Tribunale Russell del 1967 sulla Guerra del Vietnam e con i lavori del Tribunale Permanente del Popolo e tribunali simili, quale quello che si è riunito a Brussels nel 1991, dal 14 al 17 aprile si è riunito il Tribunale di Brussells. Questo tribunale rappresenta la sessione d’apertura dei lavori del Tribunale Mondiale sull’Iraq, una serie di udienze che si concluderanno a Istanbul nel 2005. La seduta del Tribunale di Brussells …

Leggi tutto »

''PER UNA NUOVA RADICALITA'''

DI MASSIMO VIRGILIO Miguel Benasayag e Dardo Scavino Il Saggiatore, Milano. 192 pagine. 17 euro. “Le istanze sociali più elementari devono piegarsi ai vincoli sempre più forti del capitale”. E questo è un Male che deve essere contrastato con forza. Sin dall’introduzione del loro “Per una nuova radicalità” gli autori, Miguel Benasayag e Dardo Scavino, esprimono con chiarezza il loro punto di vista: il nemico da battere è il capitalismo neoliberista e la “catastrofe economica” che esso inevitabilmente porta con …

Leggi tutto »

Il limbo dei moderati

di Furio Colombo Il New York Times del 4 novembre non ha dubbi. Queste elezioni sono state un grande scontro tra radicali e moderati. I radicali sono i repubblicani che hanno vinto, i moderati sono i democratici che hanno perso. Da oggi, nel giornalismo americano, la parola “radicale” , nel senso tipicamente americano di “estremo” sostituisce la parola conservatore o neoconservatore o cristiano evangelico. Infatti a pag. 1 del New York Times del 4 novembre trovate questa frase di Richard …

Leggi tutto »

LA MENZOGNA DEL ''GOLDEN RICE''

Nei Giorni scorsi alcuni quotidiani di area cosidetta “liberal” come “L’Indipendente” “Il Foglio”, “Il Riformista”, e “L’Opinione” hanno pubblicato una lettera aperta al Presidente del Consiglio contro il bando degli Ogm (blocco delle semine transgeniche) proposto dal Ministro delle Politiche Agricole Alemanno. Il decreto sarà in discussione nuovamente alla Camera, per la sesta volta, martedì prossimo. Tra i firmatari di questo appello:Umberto Veronesi, Giuliano Ferrara, Alessandro Checchi Paone, Francesco Sala, Carlo Jean, Renato Brunetta, Antonio Socci etc… Non è certo …

Leggi tutto »

FINI ? A LUI L'HA ROVINATO BERLUSCONI

Intervista del Prof. Franco Cardini all’Unità: Ma cosa sta succedendo a destra? Il 7-0 di lunedì scorso ovviamente non è piaciuto a nessuno nel centro-destra. Ma certamente quello che ha la poltrona più problematica è Gianfranco Fini. Fini ha due problemi fondamentali. La fine dell’idea che Alleanza Nazionale possa diventare nel tempo il partito di riferimento nel centro destra. Una sorta di partito conservatore affidabile e con una cultura di governo autentica. E un elettorato che tende a non riconoscersi …

Leggi tutto »

BERLUSCONI E PUTIN, INSIEME VERSO LA META

DI GIULIETTO CHIESA Si mormora che Silvio Berlusconi sia venuto a Mosca per ricevere anche lui un regalino. Vladimir Putin, uomo sicuramente pragmatico, ha dimostrato negli ultimi tempi che valgono per lui molto di più i buoni rapporti politico-economici che non qualche manciata di chilometri quadrati di territorio o qualche pacchetto di azioni. L’ha fatto con gli Stati Uniti, concedendo loro l’ultimo bouquet di azioni – che ancora apparteneva allo Stato russo – della grande impresa petrolifera Lukoil. Per due …

Leggi tutto »

Tweedle Bush contro Tweedle Kerry

Lettura sconsigliata a chi crede che a novembre si terranno elezioni democratiche negli Stati Uniti. Ndt: TWEEDLEDUM e TWEEDLEDEE indicano due individui praticamente uguali (è una locuzione che sta per “se non è zuppa è panbagnato”). `Ti sembro pallido?’ disse Tweedledum. `Beh – sì – un pochino’ rispose gentilmente Alice. `Io sono in genere coraggioso’ disse a voce bassa ‘solo che oggi ho mal di testa.’ `E io ho mal di denti!’ disse Tweedledee ‘e io sto peggio di te!’. …

Leggi tutto »

La radioattività in Iraq è uguale a 250.000 bombe di Nagasaki

di Bob Nichols Come scrittore non riesco a trovare molte parole per descrivere cosa siano 61° C all’ombra. So cosa sono 48,8° nel Phoenix e i 42° nella sauna che uso. Ma sessantuno gradi all’ombra mi lasciano senza parole. Proviamo ad immaginarci quella temperatura mentre indossiamo un elmetto, una camicia a maniche lunghe, pantaloni lunghi, un giubbotto a prova di proiettile e uno zaino di 32 chili.

Leggi tutto »

GUERRA AL TERRORISMO O TERRORISMO DI GUERRA ?

DI MARCO BAZZATO Pochi giorni fa nei media nazionali ed internazionali sono uscite le cifre approssimative delle vittime civili dall’inizio dell’invasione di liberazione dell’Iraq da parte degli Americani e dei loro alleati. I danni collaterali ammontano a circa centomila morti. Le vittime alle Torri Gemelle del 11 settembre 2001 furono circa tremila, e stando alle versioni ufficiali del riconfermato inquilino della Casa Bianca il Presidente George W. Bush, si decise l’invasione dell’Afganistan e dell’Iraq, per catturare in Afganistan il Mullah …

Leggi tutto »

AMERICAN SUNSET

“Look, dear! Don’t the chemtrails look lovely tonight…” By John Kaminski11-6-4 Oh, the gnashing of teeth, the beating of breasts, the wailings of woe. Bush and the Republicans stole the election! Big surprise, eh? The neocon Nazis have done nothing but break the law since before they ever took office. You were expecting fair play from them, perchance? Much as I admire many of my friends who are desperately trying to tell everyone that the exit polls matched the election …

Leggi tutto »

LA MAFIA GODE OTTIMA SALUTE

Parlare di mafia oggi è scomodo. Per questo dobbiamo urlare che essa continua ad esistere Non è solo questione di pallottole o bombe, la mafia si ingrassa nei settori più remunerativi; che cosa dicono e fanno gli evangelici contro questa cultura di morte DI FRANCESCO SCIOTTO Tre notizie degli ultimi giorni. La prima: i giudici hanno concesso dei permessi premio a Giovanni Brusca, collaboratore di giustizia, boss di Cosa Nostra e assassino; tra i suoi delitti si conta anche l’uccisione …

Leggi tutto »

Hello: You Are Now Living In A Fascist Empire

Empire: A political unit having an extensive territory or comprising a number of territories or nations and ruled by a single supreme authority. Imperial or imperialistic sovereignty, domination, or control. (http://www.dictionary.com) by Carolyn Baker 11/05/04 “ICH” — I struggled for some time with the title of this article. I might also have called it “Way Worse Than ‘I Told You So’” after having written for months, even years, that the charade we have just witnessed, called an election, would be …

Leggi tutto »

SU CON LA VITA

Michael Moore propone 17 motivi per non disperare dopo la vittoria di Bush DI MICHAEL MOORE Cari amici, Ok, che schifo. Davvero che schifo. Ma prima che vi buttiate troppo giù cerchiamo, con le parole di Monty Python, di “guardare sempre al lato positivo della vita!”. Dopo le elezioni di martedì ci SONO alcune buone notizie. Ecco 17 motivi per non tagliarsi le vene: 1. Per legge, George W. Bush non può candidarsi di nuovo per la presidenza. 1. La …

Leggi tutto »

IL REDIVIVO OSAMA HA VOTATO PER BUSH

DI GIULIETTO CHIESA I miei 24 lettori sanno che io ho pensato, e scritto, a più riprese, che Osama bin laden era (“probabilmente”) già morto da tempo. Ora che è “riapparso”, quegli stessi lettori si chiederanno se sono disposto a correggermi. Il fatto è che io non penso ci sia molto da correggere. Nei tre anni abbondanti in cui Osama bin Laden è sparito dalla scena (meglio sarebbe dire che la sua immagine è sparita dalla scena, sebbene quella che …

Leggi tutto »

DA FORZA SOCIALE E OPERAIA A GALASSIA DI INTERESSI LIBERTARI

Iniziato il processo di autocoscienza tra gli esponenti democratici DI MAURIZIO BLONDET «Che Bush avrebbe conquistato una maggioranza popolare schiacciante si poteva prevedere già guardando le foto di coppie gay festanti dopo le nozze davanti al municipio di San Francisco». Ciò che rende notevole quest’analisi è che non appare su un giornale di destra ma su Counterpunch, il foglio della sinistra Usa più arrabbiata. E la firma il direttore Alex Cockburn, un neomarxista che in Italia starebbe fra Bertinotti e …

Leggi tutto »

PUO' LA SINISTRA CADERE COSI' IN BASSO ?

“Unità” e “Progressista”: due parole in codice per una calunnia DI CHRISTOPHER C. CONWAY Senza alcuna ombra di dubbio non sono il più importante intellettuale vivente. No, non sono Noam Chomsky, ma non sono neppure un deficiente monosillabico a cui piace dare aria alla bocca. Ho la più completa fiducia nelle mie capacità razionali e fin dalla metà degli anni di scuola (1979-80) ho fatto costantemente ricorso alla mia predisposizione al pensiero critico. Così è che ho persino l’audacia di …

Leggi tutto »

RESEAU VOLTAIRE SULL'11 SETTEMBRE

Stati Uniti 100 personalità contestano la versione ufficiale dell’11 settembre 27 OTTOBRE 2004 Ad anno e mezzo dalla pubblicazione de “L’ incredibile menzogna” è dilagato negli Stati Uniti il dubbio sugli attentati dell’ 11 settembre 2001. Il 40% dei newyorkesi è convinto che Bush fosse già informato in anticipo, ma abbia deliberatamente lasciato commettere gli attentati. 100 personalità statunitensi di ogni parte politica, tra cui anche i candidati liberali ed ecologisti alle elezioni presidenziali, contestano il recente rapporto della Commissione …

Leggi tutto »