VITTIME DI GUERRA

DI JACK RANDOM Domenica 9 Gennaio 2005 il diciannovenne Andres Raya ha sparato a due ufficiali di polizia, uccidendo il Sergente Howard Stevenson del Dipartimento di Polizia di Ceres in California ed è stato lui stesso ucciso a seguito della sparatoria. Raya ha partecipato alla guerra in Iraq per sette mesi con il secondo battaglione, 4th Marines della prima divisione della Marina statunitense. Sebbene egli abbia operato nel famoso Triangolo sunnita, non è stato chiarito se abbia preso parte all’ …

Leggi tutto »

VIDEOGAME CELEBRA IL MASSACRO DI FALLUJAH

DI FINTAN DUNNE Se pensavate che fosse offensivo il videogame che invitava i giocatori a provare le loro abilità virtuali sull’assassinio di JFK, tenetevi stretti. Una missione appena realizzata nella serie Kuma wargame è intitolata “Fallujah: Operazione al-Fajr.”. Si tratta della ricostruzione del recente attacco a Fallujah, il quale ha provocato migliaia di morti civili. I giocatori si uniscono ai soldati della Marina e dell’esercito statunitense nel loro attacco al distretto di Jolan a Fallujah. Per la realizzazione di “Fallujah: …

Leggi tutto »

HA COLPITO IL TABACCO E ORA INFIERIRA' SU BACCO

DI MASSIMO FINI Dopo aver messo a posto fumo e fumatori, adesso il ministro della Sanità, Girolamo Sirchia, preannuncia “la guerra all’alcol” come ha dichiarato a “Il Giornale” durante un’intervista turibolante di Francesca Angeli secondo la quale folle di cittadini plaudenti e festanti circonderebbero per strada il ministro gridandogli “grazie, grazie!” e quasi piangendo per la commozione. Il ministro pensa a pubblicità e scritte terroristiche, del tipo di quelle che ci sono oggi sui pacchetti di sigarette, che dicano che …

Leggi tutto »

NUMERO SEI!! (Il prigioniero)

In occasione dell’uscita in edicola in DVD della fortunata serie televisiva “IL PRIGIONIERO” propongo un interessante brano (ormai vecchio di una decina di anni, ma attualissimo) di V. Evangelisti sull’argomento. … et mourir de plasir di Valerio Evangelisti tratto dal libro “Alla periferia di Alphaville” Colonizzare l’immaginario. Sembrava impossibile, eppure basta disporre degli strumenti opportuni. Televisioni, massmedia, una stampa docile, un trend culturale. Finisce che intere generazioni si trovano immerse in un sogno, e lo confondono con la realtà. Ora, …

Leggi tutto »

UN PENSIERO DIVORANTE

Ha ucciso 25 milioni di persone in un secolo, inquina l’atmosfera e favorisce lo sviluppo delle malattie cardiache e respiratorie, insudicia città e campagne, costa caro, fa rumore e ha un cattivo odore… ma allora perché questa infatuazione di massa per l’automobile? Anche se è innegabile, la pressione di certe lobbies industriali – e della mobilità imposta dal mercato del lavoro – non spiega tutto. L’automobile corrisponde perfettamente a un immaginario moderno che vezzeggia la “libertà” degli individui autonomi. Nella …

Leggi tutto »

UN PENSIERO DIVORANTE

Ha ucciso 25 milioni di persone in un secolo, inquina l’atmosfera e favorisce lo sviluppo delle malattie cardiache e respiratorie, insudicia città e campagne, costa caro, fa rumore e ha un cattivo odore… ma allora perché questa infatuazione di massa per l’automobile? Anche se è innegabile, la pressione di certe lobbies industriali – e della mobilità imposta dal mercato del lavoro – non spiega tutto. L’automobile corrisponde perfettamente a un immaginario moderno che vezzeggia la “libertà” degli individui autonomi. Nella …

Leggi tutto »

LO STRANO RAPIMENTO DI MARGARET HASSAN PARTE PRIMA

di Matt Bojanovic ([email protected]) Margaret Hassan nacque Margaret Fitzsimmons, a Dublino. Mentre studiava a Londra incontrò Tahsin Ali Hassan, uno studente iracheno. Era molto giovane, dicono che lei avesse 17 anni, lui 26. Si sposarono, e andarono a vivere in Irak nel 1972. Lei prese la cittadinanza irachena, si convertí all’Islam, e imparò l’arabo. Dicono che lo parlava come se fosse nata lí. Dopo la Guerra del Golfo del 1991, diventò direttore di Care International a Bagdad. Organizzò la costruzione …

Leggi tutto »

UNO TSUNAMI DI NOME UOMO

Bambini, maiali, puttane. DI ENNIO MONTESI Purtroppo il mondo è una grande schifezza, un grande immondezzaio fatto e creato dall’uomo. Inutile illudersi che migliori dato che in millenni si sono soltanto migliorate le armi per ammazzarci e sbudellarci senza pietà l’un l’altro. Il mondo sarebbe di per sé un luogo meraviglioso, fantastico, il paradiso terrestre di ogni essere umano intelligente e sensibile alla vita. Invece l’uomo ne ha fatto una abnorme fogna a cielo aperto piena di escrementi, di violenza …

Leggi tutto »

(SADICAMENTE) TI SOGNO CALIFORNIA: IL PIACERE DI ROMPERE MESSICANI

La brutalità della polizia della California del Sud ha una lunga storia… DI WILLIAM ANTHONY NERICCIO La particolare e peculiare attenzione prestata a corpi messicani da parte di una polizia prevalentemente anglo-californiana, ha raggiunto tali estremi da impedirci di vedere una spiegazione nel semplice razzismo. Seguendo la mia fonte teorica, Michel Foucault (e Roland Barthes, che sentì moltissimo la mancanza di un’ambulanza col suo nome scritto sopra), credo sia importante, anche se sgradevole, riflettere sul piacere che procura picchiare su …

Leggi tutto »

VIVIAMO UN'EPOCA DI CUPO CONFORMISMO BIPARTISAN

DI MASSIMO FINI In Italia non si sa più se siano più liberticidi, faziosi e cretini quelli di destra o quelli di sinistra. Prima c’è stata la vicenda del magistrato Carlo Fucci che, ricevuta un sms irriverente e irridente nei confronti dell’onorevole Berlusconi l’ha girata ad alcuni conoscenti. Per questo episodio alcuni esponenti della destra hanno chiesto le immediate dimissioni del Fucci da segretario dell’Associazione nazionale magistrati mentre il ministro Guardasigilli, il leghista Roberto Castelli, ha avviato un’inchiesta e si …

Leggi tutto »

LA GUERRA DELL' ITALIA CONTRO LA LIBIA FA PRESAGIRE…

LA SCONFITTA DELL’AMERICA IN IRAQ DI DENNIS RAHKONEN È un follia a malapena credibile e di proporzioni sconcertanti: la nazione cristiana più potente al mondo invia le sue forze militari quasi all’altro capo del mondo ad aggredire illegalmente senza essere stata assolutamente provocata e senza una valida ragione per farlo – uno stato devotamente musulmano con una storia dolorosa di soggiogazione coloniale alle spalle. I leader del paese invasore mendacemente professano di essere impegnati a liberare una gente vittimizzata dal …

Leggi tutto »

LEGGI PRIVATE, PUBBLICI GUAI

Intervista a Beppe Grillo Dovremmo davvero essere tutti africani per capire il dramma, il sangue, le lacrime, la fame e la disperazione che si vivono quotidianamente, da decenni e da secoli in quello straordinario, enorme e dimenticato continente. E invece, da secoli e da decenni, di ciò che succede in Africa, in quella profonda e tribale, ma anche in quella che si affaccia sulla cosiddetta civiltà occidentale, non importa granché. L’Africa si «s»comunica. E quasi non esiste. Lo dicono, con …

Leggi tutto »

VIVA IL PC, ABBASSO IL CORRIDOIO

Alcuni interessanti spunti di storia dell’abitare e di come le esigenze delle famiglie siano state orientate dai potenti. Adesso tecnologia e cambiamenti sociali stanno modificando le case: la crisi della famiglia fa il paio col tramonto della suddivisione domestica degli spazi. di Franco La Cecla Nulla rappresenta meglio la modernità dell’abitare quanto l’invenzione e la fortuna di uno spazio che a noi sembra ovvio: il corridoio. L’idea di uno spazio che serva a distribuire l’accesso alle stanze della casa è …

Leggi tutto »

IL COMPLOTTO PER ELIMINARCI TUTTI

Man mano che crescono le atrocità commesse dai ricchi criminali il tragico coma degli americani si intensifica DI JOHN KAMINSKI Ricordo un gioco da tavolo per bambini in cui con una calamita posta sotto il ripiano si trascinavano dei frammenti metallici per dar loro ogni forma possibile immaginabile. Era divertente creare volti e, ricordo, era facile disegnare il diavolo, con quei suoi baffi e il pizzetto a tratto di matita e in cima due corna appuntite. E ricordo le discussioni …

Leggi tutto »

IRAQ VS TSUNAMI: LA DOPPIEZZA DEI MEDIA AMERICANI

I media americani sono calati sullo tsunami asiatico con la golosità di un branco di belve nel frigo di una macelleria. Giornali e televisione sono ricoperti di cadaveri portati al mare dalla corrente, di devastate carcasse disseminate lungo le spiagge e di schiere di corpi rigonfi di bambini. Ogni aspetto di quel dolore è stato esaminato con microscopica intensità dal’obbiettivo predatorio dei media. E’ qui che eccelle la stampa occidentale: nell’atmosfera celebrativa delle catastrofi umane.  La loro predilezione per la sventura …

Leggi tutto »

''OPZIONE SALVADOR'' IN IRAK: GLI SQUADRONI DELLA MORTE ENTRANO IN CAMPO

Sottoponiamo alla vostra attenzione questo breve articolo pubblicato sull’odierno “Corriere della Sera” (10/1/2005). Sul contenuto informativo, incredibilmente asettico, non crediamo che gli appartenenti alla lista abbiano alcun dubbio sullo scannatoio innescato dall’invasione angloamericana in Irak; qualche libbra di carne in più non sposta purtroppo l’entità della carneficina in atto. Più inquietante è il tono scontato del testo, analogo nei maggiori quotidiani in edicola. Gli esportatori di democrazia sono disponibili a tollerare qualsiasi violenza, pur di affermare il primato occidentalista. Non ci stupisce …

Leggi tutto »

L'Altreuropamerichisraele

Un testo (del settembre 2004) davvero eccezionale di Raniero La Valle sull’agonia e la vocazione dell’Occidente. Dal “New American Century”, il nuovo secolo americano, al tentativo di stabilire un raccordo, un dialogo, una convergenza tra l’altra Europa, l’altra America e l’altro Israele. E’ lungo, ma va letto fino in fondo perché ne vale veramente la pena. Raccomandato dal Barbiere della Sera. di Raniero La Valle Non sto dicendo che è la fine del mondo, e non lo dirò perché nessuno …

Leggi tutto »

A CHE SERVE LA VIVISEZIONE ?

A che serve la sperimentazione animale, o per usare un termine più impressionabile, la vivisezione? Me lo chiedo quasi ogni giorno ma ancor di più quando leggo notizie come il lancio d’agenzia Ansa del 4 gennaio scorso che testualmente recita “Il Vioxx sarebbe stato la causa della morte o della malattia di 140.000 americani, stando a una ricerca condotta da uno scienziato dell’Fda. Il dottor Graham -scrive il Financial Times- intende divulgare il suo studio sulla rivista scientifica “Lancet” nonostante …

Leggi tutto »

ECCO COME L'INDUSTRIA DEL TABACCO HA SCRITTO IL PROPRIO CAPO D'ACCUSA

DI GERARD DUBOIS Il Bilancio dell’epidemia del tabacco è senza precedenti nella storia: il tabacco ha ucciso 62 milioni di persone dalla Seconda Guerra mondiale e sarà responsabile della morte di oltre 100 milioni di individui nei prossimi venti anni. Fronteggiando un disastro di queste proporzioni, uno può legittimamente sollevare domande riguardo alla responsabilità dell’industria del tabacco che, protetta da battaglioni di avvocati, è risultata invincibile per 40 anni. A seguito della decisione presa dalla Corte del Minnesota, dieci milioni …

Leggi tutto »

L'ALTRO TSUNAMI

DI JOHN PILGER Le crociate dell’Occidente, Stati Uniti e Gran Bretagna, stanno portando alle vittime dello tsunami, aiuti inferiori al costo di un singolo bombardiere Stealth o di un mese di sanguinosa occupazione dell’Iraq. Il conto della festa di incoronazione di Gorge Bush, pagherebbe la ricostruzione di gran parte della costa dello Sri Lanka. Bush e Blair hanno incrementato la loro prima offerta d’aiuto solo quando è apparso chiaro che gente in ogni angolo del mondo stava spontaneamente offrendo milioni …

Leggi tutto »

LA FRONTIERA DEL COLORE

DI GUIDO CALDIRON Una Corte di giustizia del Mississippi tornerà a processare uno dei leader del Ku Klux Klan locale, l’ex predicatore battista Edgar Ray Killen, che ha oggi 79 anni, che nel 1964 fu tra i responsabili dell’omicidio di tre giovani del movimento per i diritti civili degli afroamericani, venuti da Chicago a sostenere le lotte dei neri del Sud, avvenuto nella contea di Neshoba. Killen fu già processato all’epoca dei fatti ma la giuria, composta solo da bianchi, …

Leggi tutto »

LE INTERPRETAZIONI DELLA GUERRA IN IRAK PARTE SECONDA

A quasi due anni dall’invasione dell’Iraq, tutt’altro che “pacificato”, è possibile considerare simultaneamente – rifuggendo da un’interpretazione monocausale – il peso dei fattori economici, “lobbystici”, geopolitici e geoeconomici nella scelta dell’Occidente filo-americano di rovesciare il legittimo governo di uno Stato membro delle Nazioni Unite. DI DANIELE SCALEA INTERPRETAZIONE GEOPOLITICA   Gli Stati Uniti d’America sono oggi l’ultima superpotenza mondiale, con un’estensione della propria influenza senza precedenti storici: c’è da credere che una tale situazione non si sia creata per caso, bensì che sia il risultato …

Leggi tutto »

GLOBALIZZAZIONE E CATASTROFI

DI MASSIMO FINI Lo Tsunami è stato un fenomeno naturale globale che ha inferto un duro colpo proprio alla globalizzazione, come fatto e come concezione. Sul Foglio, Giuliano Ferrara contesta questa interpretazione sostenendo che lo Tsunami ha colpito regioni “fra le meno globalizzate” del mondo e proprio per questo ha avuto le conseguenze devastanti che ha avuto. È vero il contrario. “Globalizzazione” non è lo sviluppo e la crescita dell’attuale modello economico nei Paesi occidentali che hanno imboccato questa strada …

Leggi tutto »

GLOBALIZZAZIONE E CATASTROFI

DI MASSIMO FINI Lo Tsunami è stato un fenomeno naturale globale che ha inferto un duro colpo proprio alla globalizzazione, come fatto e come concezione. Sul Foglio, Giuliano Ferrara contesta questa interpretazione sostenendo che lo Tsunami ha colpito regioni “fra le meno globalizzate” del mondo e proprio per questo ha avuto le conseguenze devastanti che ha avuto. È vero il contrario. “Globalizzazione” non è lo sviluppo e la crescita dell’attuale modello economico nei Paesi occidentali che hanno imboccato questa strada …

Leggi tutto »

CHE MI DITE DEI BAMBINI DELL'IRAQ ?

DI JACK DALTON La settimana appena trascorsa ha mostrato come le persone di varie religioni, nazionalità, etnie possono unirsi insieme per aiutarsi – nel caso in questione le vittime dello Tsunami. Adesso decine di migliaia di bambini sono rimasti orfani e centinaia di migliaia, se non milioni, sono i profughi. Il conto dei morti, oltre 156.000, sta ancora crescendo. Nessuno sa come sarà alla fine, ma una cosa è certa, sarà un numero enorme. E’ bello vedere lo sforzo che …

Leggi tutto »

ANTISEMITISMO OGGI

“Quando una religione ha la pretesa di imporre la sua dottrina all’umanità intera, si degrada a tirannia e diventa una forma di imperialismo. Rabindranath Tagore, “Discorso pronunciato nel marzo 1937 a Calcutta in occasione del centenario di Ramakrishna” DI MARCO BAZZATO Ancor oggi si manipola realtà, storia e conoscenza per scopi politici, intimidendo con leggi per bloccare il normale percorso delle idee, annoverando punizioni detentive usando la scusante razziale e antireligiosa nei confronti di coloro che cercano d’esprimere il loro …

Leggi tutto »

LE INTERPRETAZIONI DELLA GUERRA IN IRAK PARTE PRIMA

A quasi due anni dall’invasione dell’Iraq, tutt’altro che “pacificato”, è possibile considerare simultaneamente – rifuggendo da un’interpretazione monocausale – il peso dei fattori economici, “lobbystici”, geopolitici e geoeconomici nella scelta dell’Occidente filo-americano di rovesciare il legittimo governo di uno Stato membro delle Nazioni Unite. DI DANIELE SCALEA INTERPRETAZIONE ECONOMICA   Storicamente, la guerra è un ottimo mezzo per rilanciare l’economia, soprattutto nelle fasi di crisi: lo Stato consegna un gran numero di commesse all’industria militare e pesante; dalla crescita di questo tipo di produzione si …

Leggi tutto »

DONNE AYMARA

“Anche oggi le donne Aymara continuano a resistere insieme al loro popolo contro le perenni aggressioni interne ed esterne. Per lo più contribuiscono alla costruzione di alternative che permettono alla società andina in generale di avanzare verso una democrazia partecipativa e multiculturale. La loro adesione ad associazioni contadine e indigene, infatti, negli ultimi anni non ha fatto che aumentare con le richieste di riconoscimento del proprio lavoro e la valorizzazione della propria cultura; esigono la fine delle discriminazioni che subiscono …

Leggi tutto »

CONTROESODO DI SFIDUCIA

DI IQBAL JASSAT Cosa sta succedendo nel ‘paese della cuccagna’? Perchè centinaia di israeliani hanno voltato le spalle alla terra promessa liberandosi dei loro privilegi di cittadinzanza a favore di altre nazioni? Queste domande non sono solo oggetto di studio da parte di molti analisti, ma stanno anche diventando fonte di grande imbarazzo per le lobby pro-Israele. Alcuni onesti commentatori hanno suggerito che gli ebrei siano meno sicuri in israele che negli altri paesi. Hanno ipotizzato che il sostegno ideologico …

Leggi tutto »

250.000 IRACHENI SONO STATI UCCISI CON LA PIU' TOTALE…

… IMPUNITA’ E DAVANTI ALL’INDIFFERENZA DEL MONDO Iman Ahmad Jamàs, ex direttrice dell’Osservatorio per l’Occupazione a Bagdad, viaggia in tutto il mondo raccontando quello che il popolo iracheno vive; desidera aprire gli occhi e le coscienze dell’occidente ed esige dar volto alle gelide cifre dei morti. Racconta una sola storia, quella di qualsiasi iracheno, incentrata sulla distruzione di un mondo e nello sconvolgimento della propria vita. DI ALBERTO GIL Se le venisse chiesto di riassumere in poche parole la situazione …

Leggi tutto »