Home / Attualità / Moneta parallela: bocciatura inaspettata o voluta ?
Berlusconi e le AM-lire

Moneta parallela: bocciatura inaspettata o voluta ?

DI FABIO CONDITI

comedonchisciotte.org

La Commissione Europea ha bocciato la moneta parallela di Berlusconi : è una bocciatura inaspettata o voluta ?

Cerchiamo prima di chiarire cosa ha detto Berlusconi in merito alla sua proposta di moneta parallela, in risposta alle due domande formulate da Becchi su Libero

http://www.liberoquotidiano.it/news/opinioni/13220257/berlusconi-becchi-feltri-minibot-doppia-moneta-centrodestra.html.

Secondo Berlusconi la sua proposta di moneta parallela è “una parziale riconquista della sovranità monetaria da parte dello Stato. … Noi proponiamo un utilizzo interno della seconda moneta per rilanciare i consumi e la domanda che sono leve fondamentali per una crescita sostenibile e duratura del Paese“.

In merito alla proposta della Lega aggiunge “i mini-Bot hanno caratteristiche molto simili a quelle di una nuova moneta emessa dallo Stato. Quindi non ci vedo una differenza significativa con la nostra proposta di una nuova «lira». Siamo convinti che la nostra idea sia compatibile con le regole dei trattati europei; certo potremo ottenere questo risultato con la capacità negoziale che solo un leader credibile, con una lunga esperienza internazionale e relazioni consolidate, può avere con i partner europei a partire da Germania e Francia“.

Ma un leader credibile non spara una proposta del genere senza averla sottoposta al vaglio delle norme e dei Trattati Europei, a meno che la bocciatura non sia voluta, proprio per affossare le velleità di chiunque voglia ipotizzare di proporre soluzioni diverse da quelle volute dalla Troika.

“A pensar male del prossimo si fa peccato, ma si indovina”, dicevano Pio XI e forse anche Andreotti.

Tralasciando questa possibilità, proviamo a spiegare perché la proposta di Berlusconi è stata bocciata dalla Commissione Europea, e come potrebbe essere “modificata” per essere non dico accolta con entusiasmo, ma almeno “non bocciata”.

In questo modo potremo verificare se la mossa di Berlusconi è stata intenzionale oppure no (vedremo se rinuncia o corregge il tiro).

La versione ufficiale di questa “bocciatura” non c’è, per cui dobbiamo affidarci alla versione più completa su cosa ha detto esattamente la Commissione Europea in merito, che ho trovato sull’articolo di Milano Finanza del 23 agosto 2017 https://www.milanofinanza.it/news/commissione-ue-no-a-doppia-moneta-btp-ancora-deboli-201708231343261186 : “L’articolo 128 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea specifica che le banconote dell’euro emesse dalla Banca centrale europea e dalle banche centrali nazionali devono essere le sole banconote di questo tipo ad avere lo status di valuta legale all’interno dell’Unione“, ha spiegato all’AGI un portavoce della Commissione. Una moneta parallela (ndr diversa dall’euro) sarebbe contraria alle regole comunitarie se ci fosse “l’obbligo legale di pagare o accettare pagamenti” in questa valuta anche solo a livello nazionale, ha sottolineato ancora il portavoce dell’esecutivo di Bruxelles.

Da quanto riportato dall’AGI, quindi la Commissione Europea conferma due cose fondamentali :

  • che i Trattati assegnano alla BCE l’esclusiva solo delle “banconote di questo tipo” (ndr emesse dalla BCE), e quindi non di altri strumenti monetari;
  • che è vietata una moneta parallela diversa dall’euro (tipo “lira”) su cui ci fosse “l’obbligo legale di pagare o accettare pagamenti”, anche se fosse valida solo sul nostro territorio.Dichiarazione di Bankitalia su sovranità monetaria

Quindi come noi sosteniamo da tempo, queste sono le uniche possibilità per lo Stato Italiano, di utilizzare la propria sovranità monetaria, che ricordiamo abbiamo ancora, come dice anche la Banca d’Italia e come abbiamo approfonditamente spiegato >>> QUI :

  • può emettere moneta in “euro valida solo sul territorio italiano”, con la sola esclusione delle banconote che sono di pertinenza della BCE e delle BCN. Infatti non sarebbe una moneta parallela, ma una moneta in euro come quella già esistente, ma valida solo in Italia, come avviene per le monete metalliche in euro superiori a 2 euro, o ad esempio per eventuali biglietti di stato che esulano dai Trattati e che sono una fattispecie giuridica diversa rispetto alle banconote della BCE;
  • può emettere altresì una moneta parallela con un nome diverso, ad esempio il nostro “SIRE”, basta che non abbia validità a “corso legale”, ma sia ad accettazione volontaria negli scambi ed utilizzabile per il pagamento delle tasse http://monetapositiva05.blogspot.it/p/analizzando-lasituazione-di-crisi.html.
  • potrebbe anche emettere moneta elettronica, in base all’art.114bis del TUB, ma qui il discorso si fa un po’ più complesso, e non possiamo trattarlo in questa sede.

Il Mini-BOT proposto dalla Lega è in realtà qualcosa di molto simile ad un biglietti di stato, come Claudio Borghi ha dichiarato nell’incontro di Milano “Oltre l’euro” che si è tenuto nel gennaio scorso

Quando si trattano i temi monetari, o conosci perfettamente il sistema monetario e le norme che lo regolano, oppure rischi di fare la figura del cioccolataio come è successo a Berlusconi, sempre che non decida di affrontare seriamente la questione, e non di utilizzarlo solo come slogan elettorale.

D’altro canto di questi temi in altre sedi si discute seriamente ed approfonditamente, perché la situazione attuale di crisi economica non ha soluzioni e peggiore ogni anno sempre di più. Ovviamente non per tutti, ma che la diseguaglianza stia aumentando è ormai un fatto assodato.

Ma come ho già detto, ho la sensazione che questa moneta parallela sia stata tirata fuori dal cilindro di Berlusconi volutamente e platealmente sballata proprio per essere bocciata ed affossare in questo modo le velleità di chiunque voglia proporre soluzioni diverse da quelle volute dalla Troika.

D’altro canto non ha votato a favore anche lui per sostenere il Governo Monti, approvare il Fiscal Compact ed il Pareggio di Bilancio ?

A pensar male del prossimo si fa peccato, ma si indovina.Logo di Moneta Positiva

Fabio Conditi           

Presidente dell’Associazione Moneta Positiva

www.monetapositiva.blogspot.it

articoli precedenti su Comedonchisciotte

https://comedonchisciotte.org/?s=fabio+conditi

 

Fonte: www.comedonchisciotte.org

25.08.2017

 

Pubblicato da Fabio Conditi

Presidente dell'Associazione Moneta Positiva con la quale porta avanti una campagna per riformare il sistema monetario, al fine di ottenere finalmente una moneta di proprietà dei cittadini e libera dal debito. Ingegnere edile, specializzato in progettazione architettonica e strutturale, da anni studia il sistema economico e monetario attuale, analizzando le cause della crisi economica e le soluzioni concrete e realizzabili per uscirne. Ha contribuito a fondare diversi gruppi di cittadini che si occupano di economia, come Moneta 5 Stelle e Gruppo Cittadini Economia di Bologna e Ferrara. Ha scritto il suo 1° libro "Manuale in 12 passi per uscire dalla crisi" ed effettuato più di 100 incontri con i cittadini per divulgare questi temi, cui hanno partecipato più di 4.000 persone. E' appena uscito anche il suo 2° libro "Moneta Positiva - Riforma del sistema monetario" sottotitolo "La moneta deve essere di proprietà dei cittadini e libera dal debito". http://monetapositiva.blogspot.it/p/libro.html
  • Sandrokan

    Chiedere alla BCE di poter stampare una moneta parallela è come chiedere a Pablo Escobar di poter vendere un po’ di bamba a sua sorella.

  • permaflex64

    A Berlusconi l’affossatore di giuste cause gliene si può ascrivere un’altra quando da Santoro, (con diversi anni di ritardo!!) recriminò alla Deutsche Bank di aver causato la crisi dello spread avendo venduto la loro quota di titoli nell’estate 2011, o meglio avrebbe voluto recriminare perchè s’impappinò, il risultato fù che venne preso come il semidelirio di un vecchietto un pò rincoglionito.

    Comunque non tutto il male viene per nuocere almeno gli si toglie la parola in merito, c’ha provato ed ha fallito.

    • Trollerball

      Nulla da obiettare sul giudizio di Berlusconi. Sta di fatto però che venne rimosso dalla speculazione sullo spread per far spazio ai servi del sistema e ai paladini della globalizzazione. Non so chi abbia orchestrato la speculazione, anche perché non vennero mai fatti seri studi su quali fossero le fonti. Siccome la speculazione venne appoggiata dalla stampa e dal mainstream, possiamo ipotizzare che la fonte fosse proprio la grande finanza internazionale, padrona dell’informazione in Occidente. Quello schema lo rivedremo in atto, non appena si concluderà il QE di Draghi, per mettere in ginocchio l’Italia con l’arma dei tassi d’interesse. Berlusconi non è stato all’altezza del suo importante ruolo, né come uomo né come politico. Su questo non ho dubbi. Dispiace vederlo ancora lì e temo che possa essere proprio lui l’ago della bilancia. Ancora una volta.

      • permaflex64

        Ho forse detto che la rimozione non fù opera dei poteri forti?

        Comunque non c’è bisogno di congetture è documentato nero su bianco nel bilancio pubblicato dalla Deutsche Bank che nell’estate del 2011 hanno venduto lo stock di titoli di stato italiano facendo così partire lo spread, la speculazione di cui poi la Germania usufruì risiedeva nel ricevere denaro a basso costo dalla BCE e con quei soldi comprare titoli italiani che assicuravano un rateo di interessi maggiore e che erano garantiti dalla presenza di Monti dal rischio default, questa è storia e non dà adito ad ulteriori ipotesi, più o meno fantasiose.

        Il primo da cui ne sentii parlare fu il blog di Uriel aka Wolfstep a settembre 2011.

        Le congetture si possono fare piuttosto sul come è stato possibile che Berlusconi capo di governo con al suo fianco quindi gli apparati dello stato non se ne sia accorto prima, distrazione o ha taciuto?

        Ma più che di congetture è meglio parlare di giudizio sull’operato. La congettura ha il brutto vizio di ripetersi all’infinito senza mai arrivare alla necessaria sintesi.

      • Lupis Tana

        no, non può essere l’ago della bilancia al massimo l’ago della puntura di gerovital che gli verrà iniettata presto o tardi,

        perché il delinquente naturale, non può essere eletto, è ancora interdetto,

        e per sempre,

        poi dopo i 50 anni i politici dovrebbero abbandonare la politica, e fare i nonni…
        o giocare a bocce. t l

  • ws

    berluska fa politica solo per gli affari suoi , e dopo la sberla del 2011 ha perfettamente capito che può essere colpito nei suoi affari dal sistema e, così per salvare la SUA baracca gli si è venduto anima e corpo.
    Insomma da lui dal 2011 viene solo merda sistemica sebbene si impegni moltissimo a che l’ elettore forziota non se ne accorga, perché se perde la centralità politica al sistema non serve più e se lo mangiano “vivendi”.

    • Lupis Tana

      scusa ws, l’elettore forzidiota e l’elettore pidiota. saluti t l

  • snypex

    LA MIA OPINIONE PER I NON ESPERTI:

    Io sono la BCE:
    ma vi pare che mi posso permettere di perdere l’usura che faccio sul PIL italiano per un sevetto che ho preso a pedate? Non gli rispondo neanche.

    PS: le mafie mi fanno un baffo, io per derubare una nazione uso la moneta legalmente accettata dai polli che spenno.

    Quando lo stesso euro e’ passato di mano per beni e servizi 5 volte, ha permesso alla bce (tramite le tasse) di rubare 5 x 0.22 (IVA) = 1.10 UNITA’ EURO (dovrei usare la vera unita’ ma e’ un segreto che solo i banchieri ai vertici conoscono).
    Allora mi si spieghi chi e’ ai vertici della delinquenza sulla faccia della terra, i mafiosi? Quelli sono dei dilettanti. Falcone e Borsellino sono stati ammazzati quando hanno toccato la “liason finanziaria” del sistema.

    Tutto il resto sono tecnicismi fumogeni per “menar il can per l’aia”.

    • Sepp

      Bravo.
      Qui la verita’ e’ una sola e incontrastabile,
      gli usurai per prendere il potere hanno usato
      la violenza e la usano ancora oggi sotto forma
      di assedi chiamati embarghi guerre umanitarie,
      si fanno le leggi che gli stati le difendono e fanno
      valere i loro diritto di usura con la forza della legge.
      E’ inutile cercare di vincere agitando i fogli di carta
      contro chi invece usa la spada, battaglie perse, o
      forse coloro che ancora usano questi argomenti
      lo fanno per ridurre al silenzio chi la verita’ la conosce.
      Ci vuole il sangue per riconquistare la liberta’.

      • Annibale Mantovan

        Un pochino di sangue sì, solo che bisognerebbe versare il sangue di quelli giusti, non del popolo!

      • Antonello S.

        Si ma la violenza veniva usata contro coloro che “parlavano” troppo e tradivano il vincolo di segretezza.
        Se la verità sulla moneta viene diffuso e condiviso in tutto il mondo, i mafiosi avrebbero troppo lavoro da svolgere…

  • TizianoS

    Se l’Unione Europea è una trappola, l’euro è una trappola nella trappola.
    Usare una moneta diversa dall’euro credo sarà reso di fatto impossibile se non si esce dall’Unione, ma anche questa è un’impresa utopistica.
    Il futuro dell’Italia è segnato, farà la fine della Grecia, le imporranno sempre maggiori tagli a pensioni e sanità (che tradotto significa: paga sempre Pantalone).
    Da Berlusconi poi non ci si può attendere niente di serio.

    • Sepp

      Infatti, sembra che questa proposta sia uscita dalla
      bocca di sprovveduti che nulla sanno di trattati ( che hanno firmato),
      come se nessuno di questi occupasse
      un posto di rilievo nel mondo politico.
      Buffone o nano non sono epiteti
      appioppati a caso ma meritati sul campo.

  • Vincenzo Cirigliano

    La Moneta complementare apre uno scenario interessante ma solo come palliativo, in quanto il problema vero non è solo la moneta che si usa, ma è la sovranità monetaria. Il problema vero dell’Italia è quello di sottrarsi al meccanismo messo in atto con l’istituzione della BCE, ossia il meccanismo degli Interessi ( e relativo capitale ) da restituire a BCE e al sistema bancario di cui BCE si serve e che sta letteralmente affossando l’Italia, così come ha già fatto con la Grecia. Una Moneta Complementare non ci libererebbe da questo meccanismo perverso, pertanto l’obiettivo che bisogna porsi è quello dell’Uscita dal Sistema Euro e riconquista della possibilità per uno Stato di emettere moneta.

    • permaflex64

      Questo è vero sarebbe importante poter ridenominare colla moneta parallela il debito pubblico.
      C’è però un crivello che mi si pone da quando si parla di moneta parallela, se lo stato può pagare i dipendenti ed i fornitori interni con i minibot per esempio, con gli euro che non spende ci può ripagare il costo del debito pubblico?

      • Antonello S.

        In teoria sicuramente si, ma credo che quei soldi potrebbe utilizzarli meglio…

        • permaflex64

          La mia è una provocazione ed allo stesso tempo una curiosità, il risparmio degli italiani è 9000 miliardi se si riuscisse a convincere i creditori di 1/4 di questa somma a convertirla nella nuova moneta parallela lo stato si ritroverebbe tra le mani i soldi per ripagare in un colpo solo l’intero debito pubblico?

    • Antonello S.

      Tutto il discorso che ruota intorno alla moneta parallela, sia che venga porposto da Borghi, Zibordi, Cattaneo o Conditi, ha un pensiero in comune:
      la moneta parallela ha il duplice scopo di risollevare l’economia italiana tramite lo stimolo alla domanda interna e soprattutto quello di rendere meno traumatica l’inevitabile uscita dall’Euro ed il conseguente trapasso alla “nuova lira” in quanto ci sarebbe già in circolazione un notevole cuscinetto di liquidità fornito da questi strumenti monetari.

    • Jane “XD” Doe

      Perfettamente d’ accordo !

  • snypex

    Mi permetto di precisare che la richiesta di usare una moneta parallela equivale a chiedere all’USURAIO di concedergli di non fare usura: E’ UNA RICHIESTA INAUDITA!!!!

    • DesEsseintes

      Sono d’accordo.
      Il bravo Fabio non accetta questa obiezione ossia non considera l’aspetto politico della questione che è estremamente complesso e purtroppo è propedeutico alla realizzazione di qualsiasi piano economico.
      Occorre un movimento di popolo che si opponga a queste élite ma anche in generale al sistema delle élite o oligarchie.
      Non vedo alcun segnale che un simile movimento o ideologia sia nato o stia per nascere.
      Solo il M5S è una vera novità con una visione almeno in parte “sovversiva” (per adesso fra virgolette”) ma occorre altro, occorre far rinascere una mentalità realmente rivoluzionaria e leggendo per esempio quello che scrive Conditi – ma non solo lui – l’impressione è che ne siamo ancora lontanissimi.

      • Jane “XD” Doe

        Perché lei crede che il M5s sia lontano dalle èlites?

      • La mia posizione ormai è nota, e fortunatamente non è solo mia, ma vale sempre la pena di riassumerla.
        Da una analisi approfondita e rigorosa dei Trattati Europei e delle norme che regolano il nostro Stato, abbiamo scoperto che in realtà lo Stato ha ancora buona parte del suo potere, avendo trasferito a Commissione Europea e Banca Centrale Europea, solo alcune funzioni monetarie, ma non le più importanti (anche perchè Stati molto più consapevoli di noi, lo avrebbero impedito, vedi Germania e Francia).
        Si è quindi raggiunto in Eurozona un compromesso, che però ha avuto bisogno che l’Italia si “spogliasse” di alcune sue caratteristiche che gli avrebbero permesso un controllo del sistema monetario anche dopo l’entrata nell’Euro (eliminazione dei biglietti di stato, divorzio Tesoro-Bankitalia, privatizzazione banche pubbliche con perdita del controllo di Bankitalia, Legge Bancaria del 1993, ecc…).
        Questo significa che uno Stato che ha il controllo del proprio sistema bancario, come hanno la Germania e la Francia, avrebbe tutto un altro peso anche oggi nell’Euro. E nessuno potrebbe impedirci di riappropriarcene.
        Quindi prima di pensare alle rivoluzioni, proviamo ad aumentare la consapevolezza delle persone sul fatto che lo Stato ha ancora potere sul proprio territorio.
        Anche perchè questa consapevolezza, è utile e necessaria anche per fare la rivoluzione, che non sarà contro lo Stato, ma contro chi lo Stato sta cercando di eliminarlo a favore delle Banche …
        E il Movimento 5 Stelle, avrà tanti difetti, ma non certo quello di essere dalla parte dello Banche, basterebbe solo dare una occhiata al #Programmabanche https://www.youtube.com/watch?v=ijArS9iFDMk

        • DesEsseintes

          Ecco, però io non ho proprio parlato di Stato e sono un sostenitore del M5S.

          Le opinioni diverse vanno verificate sui fatti.
          Secondo me i discorsi che fai sono puramente teorici perché esiste, da parte di chi realmente detiene il potere, una precisa volontà di non mettere in atto le misure che indichi come necessarie.
          Quindi o nasce una mentalità rivoluzionaria fondata su una ideologia che rifiuta questo sistema oppure non ottieni niente con un percorso che tipicamente è:

          1) si cerca di implementare un certo piano che si pensa non debba mettere in discussione l’ordine costituito ma semplicemente che “lo faccia funzionare meglio” o “nella maniera più vantaggiosa per tutti” perché si ritiene che i problemi derivino solamente da fraintendimenti o da alcuni malvagi che hanno “deviato” il sistema (vedi la famosa scemenza dei servizi segreti deviati che naturalmente non esistono)

          2) come è intuitivo l’ordine costituito è cosí, ossia con quei “difettucci che basterebbe correggere e siamo tutti contenti”, perché si vuole che sia cosí, non può essere in un altra maniera, quei “difettucci” ne sono l’essenza stessa.
          Per fare un esempio lo Stato porta al sistema oligarchico transnazionale per costruzione non perché sono arrivati alcuni cattivi a rovinare un bellissimo sistema

          3) i “riformatori” se ne accorgono perché incontrano resistenze di tutti i tipi ma soprattutto perché la gente li segue in piccolissima parte.
          Ed è inevitabile perché le persone dipendono economicamente e ideologicamente dalle classi dominanti, voi non volete pensare all’aspetto ideologico, non volete la “rivoluzione” e quindi state parlando solo di cose che non possono in alcun modo convincere la gente a prendersi il rischio di mettersi contro i padroni

          4) a quel punto i moderati fra i riformisti scelgono la strada dei piccoli passi e degli accordi con il potere per riuscire a ottenere almeno qualche piccola concessione.

          5) ossia, il movimento dei riformisti è finito e si spacca in “normalizzati” e “duri e puri”.
          I normalizzati più bravi saranno cooptati mentre i duri e puri che non hanno capito saranno marginalizzati.

  • snypex

    Faccio una proposta seria: facciamo una conferenza di 30 minuti sull’essenza del sistema monetario nudo e crudo qual’e’ senza fumo solo l’arrosto.
    Alla fine rimarrete tutti con l’amaro dell’inganno, ma almeno sarete consapevoli di quello che succede veramente da quando siete nati. Si nasce schiavi ed Il marchio di schiavitu’ che ognuno riceve alla nascita (e dura tutta la vita) si chiama …. C.F.

  • snypex

    Caro Fabio guardiamo seriamente la realta’: la BCE e’ un’istituzione (la piu’ alta in europa su tutte le altre) fondata sull’usura.
    Come si fa a dare fiducia a istituzioni del genere?
    Lo Stato (attraverso i suoi governanti) che deve assumere il comportamento del “buon padre di famiglia” verso i suoi cittadini, SVENDE la propria famiglia agli usurai per il proprio risibile e nanoscopico tornaconto.
    Allora come si fa a dare fiducia a questo genere di istituzioni?
    Perche’ non si parla piu’ della Spagna?

    Perche’ la Spagna nella persona dei suoi governanti ha detto basta con le ricette del cavolo, il loro PIL da alcuni anni a questa parte sta aumentando piu’ del nostro, mentre le variazioni del nostro non emergono perche’ confuse con il rumore di fondo. Ecco tecnicamente si potrebbe dire che l’economia italiana e’ marginale se non fosse che e’ messa peggio: sta morendo.

    In Spagna si sono rifiutati di aumentare le tasse e l’iva, ma lo stato italiano e’ prono a 90 gradi, lacrime e sangue.Allora quando un pezzo dell’eurogruppo scompare dai massmedia italiani chiedetevi il perche’.
    Perche’ altrimenti diventa esempio di insubordinazione, cosi’ ci sono meno problemi nel pollaio e con calma si possono risolvere quei pochi problemi che restano cambiando il capolarato che governa lo stato.

  • Gino2

    Adesso basta!
    Non ne posso più di sentire denigrare i cioccolatai!
    Il cioccolataio può essere un’arte di tutto rispetto. In più adoro il cioccolato.
    Quindi per piacere smettete di dare addosso ai cioccolatai!
    Grazie..

    • snypex

      Sono d’accordo.

    • dadafari

      espressione forse abusata dall’uso, eppure presupporebbe che, per chi la pronunciasse, il cioccolato sia di gran gusto e si augurerebbe che quelli cosi capaci di farlo si occupassero di quello piuttosto che di altro.

    • Chiedo scusa ai cioccolatai, non meritano di essere accostati a certe persone.
      Se chiediamo ad un cioccolataio, lo sa benissimo come si risolve la crisi …

  • snypex

    I cosidetti usurai (quelli che potremmo incontrare in caso di difficolta’ tanto per capire) non vengono tollerati perche’ sono la concorrenza.
    Questi ultimi per fare usura sono costretti a reperire moneta, mentre i grandi usurai la pubblicano direttamente e ne detengono la proprieta’.

  • ton1957

    Direi che Berlusconi è stato travisato…………lui parlava di una giovane Lira (nipote di Mubarak) da utilizzare per scambi interni (scambisti) e per pagare le tasse, al finanziere di turno, in natura………..comunque non da subito , necessita aspettare qualche anno………il tempo che divenga almeno maggiorenne……

    • Questa è molto carina, ho riso fino alle lacrime. Grazie.

  • lupodeicieli

    Perché non ha fatto come un bravo ragazzo e si è fatto accompagnare dai genitori ? Nessuno obbliga un politico , sia pure se leader , di conoscere a menadito tutte le cose e le materie : e proprio per questo che i partiti e i movimenti politici si circondano di esperti . Importante sarebbe stato anche informare i simpatizzanti e chi “ti potrebbe votare”. Anzi è con gli argomenti , se li hai , che devi andare a cercare consensi.

  • enzo

    Anni addietro non si poteva recedere da un contratto di mutuo, anche versando una penale, adesso è possibile e senza nessuna penale. Non esiste al mondo contratto o trattato internazionale ” eterno” , è una truffa messa in giro senza alcun valore. Poi ci sono i numerosi paesi senza l’euro e vanno tutti benissimo : GB, Svezia, Svizzera, Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria, Croazia e altri minori. Quando si è passati dalla Lira all’euro si diceva “nessun problema” , è solo una modifica di nome o togliere degli zero, mentre adesso cadrebbe il mondo ? Crollerebbero soltanto gli enormi profitti delle banche che detengono i titoli di debito italiani e che sono in massima parte banche italiane, più che germania e alleati sono loro che si oppongono alla uscita dall’euro..

    • Trollerball

      Il problema non sono le banche italiane che detengono il debito pubblico. Qualcuno molto in alto ha deciso che “Italia must perish”. Ed è fondamentale che l’Italia rimanga nell’euro, altrimenti questo obiettivo non si può raggiungere.

      • enzo

        Hai ragione, per non allungare troppo il commento ho dimenticato di scrivere a chi appartengono le banche “italiane” , sono praticamente tutte di proprietà straniere tramite fondi e partecipate a cascata, credevo che chi legge Come Don Chisciotte queste cose le sapesse. E’ un poco come la famosa banca “d’Italia” , si scrive così ma sappiamo bene cosa significa, o ancora no?

  • azul

    Berlusconi versa ormai in stato confusionale cronico, non capisce bene di cosa si stia trattando, non comprende le differenze fra moneta parallela, mini bot e monete complementari. La proposta dei mini bot di Borghi è tanto geniale, quanto stupidamente mal giocata in anticipo. Se infatti i trattati nulla dicono OGGI sul taglio minimo dei titoli del debito pubblico, domani non sarebbe imprevedibile un qualche divieto in merito, con la proposizione del limite di 1000 euro ad esempio, o anche 500 euro, limite che già sarebbe sufficiente per annichilire lo stratagemma della Lega. L’idea di Borghi era perfetta proprio per evitare il panico della chiusura dei bankomat e della mancanza di contante durante quell’intermezzo (probabilmente dai 3 ai 6 mesi) necessario per poter stampare e mettere in circolazione la nuova lira. In questo modo avremmo avuto minibot da 100, 50, 20, 10 euro, mentre avremmo tranquillamente potuto creare monete in euro normalmente fino ad un taglio da 5. Il tutto naturalmente avrebbe come finalità di poter andare a ridiscutere i trattati da una posizione di forza ed evitare così di fare quella figura di cioccolataio, questa sì, che fecero i due compari beoti Varoufakis e Tsipras.

    • Lupis Tana

      b. sa benissimo quello che fa, sta trattando con bollorè e la tim per fregarci ancora un po’ di soldi almeno 3.900 euri miliardi e non milioni.

      guardi lei… se le sembra poco. saluti t l

  • Antonello S.

    A me Berlusconi da l’idea di uno che è stato obbligato a rimanere in politica per non far crollare uno dei partiti che può contribuire a mantenere l’ingovernabilità, sparando false flag in continuazione e cercando di destabilizzare la nuova linea della Lega e F.lli d’Italia proponendo candidati del tutto accodati al sistema.
    D’altrondo lui vuole continuare a garantire un futuro ai suoi figli ed alle sue aziende.

  • snypex

    Per inciso:
    La “moneta positiva” di cui Fabio si occupa e’ quella che appartiene allo Stato.
    Ma gli avidi caporali di turno l’hanno ceduta ai banchieri.
    Quindi se ne deduce che anche lo Stato e’ schiavo.
    L’unica risorsa che resta agli schiavi e’ quella di scegliersi l’aguzzino da mandare al governo per farsi torturare (andare a votare).
    Chi sostiene che bisogna votare fa caporalato e non ha memoria storica, perche’ storicamente il sistema ha una variazione negativa, mai positiva basta osservare il trend storico del debito pubblico: l’unica possibilita’ positiva che ha e’ che potrebbe esplodere catastroficamente (motivo per cui ci vanno cauti con la tortura finanziaria).

    • ws

      comunque i burattini politici non sono tutti uguali e non è un caso che questa alluvione di merda abbia un picco da quando il PD controlla il governo.
      Premesso infatti che chiunque governi lo faccia per conto del “grande capitale internazionale” lasinistra al governo fa più danno perchè:
      1) odia i ceti medi produttivi che sono il primo bersaglio dell’ usura bancaria
      1) si sente internazionalista come il grande capitale
      2) si vende per meno
      3) silenzia ogni opposizione “sindacale” alla riduzione dei salarii

      • snypex

        Sono i peggiori perche’ lucrano sulla buonafede dei piu’ indifesi della societa’: quelli piu’ poveri e con salari da fame.

  • Nathan

    Dopo il milione di posti di lavoro,il patto con gli italiani, l’adozione di piccoli agnelli mancava il miracolo del ritorno alla moneta sovrana.(e quando glielo fanno fare) Non sa più che dire per un paio di voti era meglio quando si comprava i manifestanti ……
    Ormai non ci salva nessuno dobbiamo sperare in un evento catastrofico che pulisca un poco il pianeta.

  • Lupis Tana

    b ha detto qua ha detto la, è come se un giornalista chiedesse a totò riina pareri sull’economia… non esiste finché è condannato.
    b, è un delinquente naturale lo ha stabilito il Tribunale di Milano e, non dovrebbe nemmeno esserci nelle TV – tutti i giorni…
    che fallisse, lui e la sua cricca, ma prima ci restituisca i 660.milioni di soldi rubati a noi italiani! ci sarà qualche giudice che va a ritroso nel tempo e possa chiarire questo fatto altro che prescrizione. bisogna tornare indietro di almeno 40 anni e portargli via tutto, TUTTO quello che ha rubato, con la complicità di dalema mostro dalle sette teste che lo ha salvato a suo tempo.

    • Lupis Tana

      parecchi di questi soldi dati alle signorine che fanno il mestiere più vecchio del mondo.