Notifiche
Cancella tutti

Su! vaccinatevi tutti!


mazzam
Honorable Member
Registrato: 9 anni fa
Post: 600
Topic starter  

... così riesco a parcheggiare sotto casa.

 

https://www.marcotosatti.com/2021/06/05/il-database-europeo-sul-covid-12-184-morti-da-vaccino-1-196190-lesioni/

 

Vaccini per Covid: 12.184 Morti

1.196.190 Lesioni.

Database europeo delle reazioni avverse 

 


Quota
mazzam
Honorable Member
Registrato: 9 anni fa
Post: 600
Topic starter  

 

L’ecatombe  post-Vaccino nei Dati dell’OMS. Urgente una Moratoria.

18 Giugno 2021 Pubblicato da Marco Tosatti 1 Commento

 
 

 

Marco Tosatti

 Cari amici e nemici di Stilum Curiae, ci sembra interessante offrire alla vostra attenzione e riflessione questo articolo apparso sul sito francese Égalité & Réconciliation, scritto dal Dott. Gérard Delépine, nella nostra traduzione. Buona lettura. 

§§§

 

Due mesi fa, abbiamo cercato di avvertirvi dei risultati paradossali dei vaccini covid-19 pubblicando le curve di mortalità pre- e post-vaccinazione di Israele e Gran Bretagna [1] che già mostravano che queste vaccinazioni erano seguite da un considerevole aumento delle contaminazioni e della mortalità durante 6-8 settimane dopo l’inizio della vaccinazione. [2]

Da allora, le campagne di vaccinazione si sono diffuse in tutto il mondo anche in paesi dove il covid non era molto presente. E ovunque sono stati seguiti da un aumento considerevole di nuove infezioni e di mortalità per diverse settimane o mesi. [3]

 

Quante morti e quanti incidenti gravi ci vorranno prima che i leader, l’OMS, la FDA, l’EMA e altre agenzie sanitarie guardino i risultati provati di questa pseudo-vaccinazione sperimentale nel mondo reale e ne traggano le conseguenze?

 

Promemoria dei fatti comprovati pubblicati dall’OMS

 

Presentiamo di seguito le curve epidemiche dei paesi più vaccinati come pubblicate dall’OMS (con i nostri commenti in rosso).

Asia

In Nepal, un paese di 28 milioni di persone, la campagna di vaccinazione, utilizzando il vaccino cinese e l’indiano AstraZeneca, è iniziata alla fine di gennaio 2021. Fino ad allora, dopo dieci mesi di epidemia, il paese aveva 270.092 casi confermati e 2017 morti e la media giornaliera dei nuovi casi era di 350.

Quattro mesi dopo l’inizio della vaccinazione, l’epidemia è esplosa con una media attuale di 8.000 nuovi casi al giorno. Al 22 maggio, il Nepal aveva 497052 (+90%) casi confermati e 6024 morti (+200%).

 

 

In Thailandia, un paese di 70 milioni di persone, la campagna di vaccinazione con il vaccino cinese è iniziata nella prima settimana di marzo. Fino ad allora, dall’inizio dell’epidemia, il paese aveva registrato solo 25.000 casi contaminati e 83 morti attribuiti al Covid-19.

Dall’inizio della vaccinazione, in 2 mesi, il numero di persone infette è stato moltiplicato per 5 (123.066 al 22/5) e il numero di morti per 9 (735 al 22/5).

 

In Cambogia, un paese di 27 milioni di abitanti:

 

In Mongolia, un paese di 3,3 milioni di abitanti:

 

America del Sud

In Colombia, un paese di 50 milioni di abitanti, che è stato gravemente colpito dalla malattia, l’epidemia ha cominciato a diminuire bruscamente fino all’inizio della campagna di vaccinazione il 18 febbraio 2021.

Da allora, il numero di contaminazioni giornaliere è quadruplicato e la mortalità giornaliera si è moltiplicata per 3.

 

 

In Cile, un paese di 18 milioni di persone, la vaccinazione è iniziata il 24 dicembre e un totale di quasi 17,1 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate a meno di 20 milioni di persone. Ma nonostante la più alta copertura vaccinale del Sudamerica e i duri confinamenti, il numero di infezioni giornaliere e di morti rimane quasi il triplo di quello che era prima dell’inizio della campagna di vaccinazione…

 

In Brasile, un paese di 217 milioni di persone, la vaccinazione è iniziata il 18 gennaio quando i decessi settimanali si sono stabilizzati a circa 7.000

 

Medio Oriente

 

Negli Emirati Arabi Uniti, un paese di 10,5 milioni di persone:

 

 

 

Il Kuwait, un paese di 4,2 milioni di persone:

 

 

Europa

 

In Ungheria, un paese con una popolazione di 9,8 milioni, la campagna di vaccinazione iniziata alla fine di febbraio è stata seguita da un forte aumento delle infezioni settimanali, da 25.576 il 25 febbraio a 6.265 un mese dopo, prima di tornare gradualmente ai livelli pre-vaccinazione.

In due mesi e mezzo, l’Ungheria ha raddoppiato il numero di persone infette (da 400.000 a 800.000) e di morti (da 14.000 a 29.000) raggiunto dopo 11 mesi di epidemia.

In Romania, un paese di 20 milioni di abitanti, la campagna di vaccinazione è iniziata alla fine di dicembre in un momento in cui l’epidemia stava calando, e secondo i dati ufficiali del 4 maggio 21, Bucarest ha il più alto tasso di vaccinazione del paese con il 31,2% della sua popolazione idonea vaccinata. Ma subito dopo l’inizio della vaccinazione, il numero di infezioni giornaliere e la mortalità sono aumentati.

Prima della vaccinazione, dopo un’epidemia di dieci mesi, la Romania aveva 618.000 infetti e 15.000 morti. Dopo cinque mesi di vaccinazione, il numero è raddoppiato.

 

Monaco, un paese di 38.000 abitanti, ha avuto solo 3 morti prima della vaccinazione e 32 dopo la vaccinazione:

 

 

Gibilterra, 34000 abitanti: la vaccinazione di tutta la popolazione è stata seguita da un aumento dell’800% della mortalità da 10 a 94).

 

Cosa possiamo dedurre da questi dati ufficiali? Ipotesi

 

Le vittorie di Pirro israeliane e britanniche [4]

I sostenitori della vaccinazione affermano che le vaccinazioni in Israele e in Gran Bretagna hanno avuto successo, perché le attuali infezioni giornaliere e la mortalità sono basse.

Ma questi successi apparenti corrispondono in realtà alla scomparsa di una grande parte delle persone a rischio (la “raccolta”) ottenuta con la vaccinazione e alla regressione spontanea della malattia osservata anche nei paesi scarsamente vaccinati.

Il   “raccolto vaccinale

In questi due paesi, la mortalità attribuita a Covid è aumentata bruscamente da 4 a 6 settimane, eguagliando il numero totale di morti nell’anno 2020. La curva di mortalità per vaccinazione Covid in Israele è dimostrativa.

La “raccolta” di 1404 persone in gennaio e di altre 949 in febbraio, l’equivalente di un anno intero di mortalità Covid senza vaccino (l’anno 2020), ha notevolmente ridotto il numero di israeliani a rischio, portando probabilmente a una diminuzione de facto del rischio apparente di mortalità nel prossimo anno in questa fascia di età.

Ma parallelamente a questa diminuzione del suo obiettivo iniziale, il virus è mutato per attaccare altri segmenti della società e in particolare i gruppi di età più giovani.

Nel novembre 2020, i dati del Ministero della Salute israeliano hanno rivelato che Israele ha rilevato 400 casi di coronavirus nei bambini sotto i due anni. Nel febbraio 2021, quel numero era salito a 5.800.

La stessa “raccolta” è stata osservata in Gran Bretagna. Poiché il covid-19 minaccia solo una piccola parte della popolazione (gli anziani con comorbidità), la scomparsa per-vaccino di una grande parte di questa popolazione (tanti quanti i morti dell’anno 2020) a rischio, diminuisce matematicamente la mortalità osservata, almeno transitoriamente.

 

Dalla campagna di vaccinazione britannica, la mortalità media per milione di abitanti in Gran Bretagna (934/M) è più del doppio di quella dei Paesi Bassi (411/M).

La regressione naturale dell’epidemia

Spiega anche la caduta della mortalità come mostrato dal confronto tra la Gran Bretagna altamente vaccinata e l’Olanda molto poco vaccinata:

Le curve di mortalità per milione di abitanti seguono la stessa temporalità in questi due paesi vicini. Quella del Regno Unito soffre di un picco per vaccinazione molto più alto, la mortalità attuale nei Paesi Bassi è leggermente superiore, riflettendo l’assenza della “raccolta” inglese.

 

L’attuale vaccinazione sta accelerando l’epidemia e la mortalità?

Una rassegna dei principali paesi che hanno adottato la vaccinazione ad ampio raggio mostra che nelle popolazioni reali, la vaccinazione generalizzata si comporta più come un acceleratore dell’epidemia e della mortalità che una prevenzione di esse. [5]

In tutti i paesi altamente vaccinati, la mortalità contata durante i due mesi post-vaccinazione è uguale o superiore a quella dell’intero anno 2020.

Mancanza di dati sperimentali solidi

Le sperimentazioni di questi vaccini sono state inadeguate,  con poca base sperimentale, perché sono in corso. I primi risultati sono promessi per l’inizio del 2023.

Nessuno di loro ha segnalato la possibilità di un possibile aumento delle contaminazioni e della mortalità, che fortunatamente sembrano essere transitorie. Non sono molto informativi sugli effetti collaterali più o meno gravi, come la frequenza di incidenti vascolari precoci nei giorni successivi alla vaccinazione, o il moltiplicarsi di aborti e disturbi mestruali nelle donne, per esempio, e naturalmente le possibili complicazioni successive a medio e lungo termine.

La corsa all’accelerazione della vaccinazione a tutti i costi potrebbe alla fine essere controproducente per la fiducia popolare in tutte le vaccinazioni. Non ha senso correre, bisogna iniziare in tempo, come ha detto la Fontana. Ma i nuovi miliardari come il CEO di Moderna probabilmente non pensano come la tartaruga della favola che ha già accumulato fortune.

Il futuro sta nel trattamento precoce controllato dai medici sul campo

Studi trasparenti sono essenziali per capire il meccanismo di questi aggravamenti transitori dell’epidemia dopo la vaccinazione e per dedurre possibili misure preventive, nel caso di una nuova epidemia.

Tanto più che il futuro, dopo questo massacro di vaccini, rimane molto incerto. I dirigenti che hanno violato le basi della medicina e della democrazia imponendo la vaccinazione espressa senza rispettare le procedure abituali per la sicurezza e l’efficacia dei farmaci immessi sul mercato, si ritrovano tutti a promettere alle loro popolazioni trattamenti precoci per le ondate future, dimostrando con questo, come Boris Johnson, che non credono più nella vaccinazione che hanno imposto. [6]

La medicina non dovrebbe essere decisa dalla politica

 

La politica sanitaria non deve più essere imposta o guidata da simulazioni spesso imprecise (e le loro esposizioni talvolta influenzate dai politici, come ammettono gli scienziati britannici), ma deve essere basata sul rispetto della democrazia e sull’esperienza clinica dei medici sul campo, possibilmente guidata da raccomandazioni semplici e non vincolanti.

Tutti i dati devono essere trasparenti, come le cifre del Sentinel Network, che riflettono il numero di pazienti reali che consultano i medici per segni clinici. Molto più affidabile delle eterne cifre di contaminazione basate su test PCR inaffidabili.

Libertà di trattare ed essere trattati

Soprattutto, i medici devono poter trattare liberamente i loro pazienti con tutti i mezzi a loro disposizione senza diktat burocratici, e questo fin dall’inizio della malattia, come in qualsiasi altra patologia. Dall’inizio dell’epidemia, i primi trattamenti a base di antibiotici, macrolidi, idrossiclorochina, Artemisia, vitamine D e C e zinco, poi l’ivermectina sono stati conosciuti e demonizzati dai medici dell’altopiano al servizio di nuovi farmaci costosi come il remdesivir, e soprattutto dei futuri vaccini.

La scelta politica di vietare la libera scelta del trattamento da parte delle autorità ha portato in diversi paesi del mondo, tra cui la Francia, a numerose morti, almeno alcune delle quali erano evitabili. I processi in corso daranno voce alle famiglie delle vittime senza riparare la perdita irreparabile di una persona cara.

Moratoria indispensabile

Il totalitarismo, la censura e la persecuzione sistematica degli oppositori e la soppressione delle libertà fondamentali portano solo a disastri nella scienza, nella medicina e nell’economia a più o meno lungo termine, anche per i responsabili.

È ora di tornare ai fatti e al loro esame critico senza idee preconcette. In tutti i paesi, le vaccinazioni sperimentali sono state seguite da un aumento della contaminazione e della mortalità attribuita al covid-19 e alla comparsa di mutanti. Finché il fenomeno non sarà chiarito, è urgente una moratoria sulle vaccinazioni anti-covidi.

Dottor Gérard Delépine

Note

1] https://ripostelaique.com/grande-br…

 

[2] https://nouveau-monde.ca/fr/analyse…

 

[3] http://egaliteetreconciliation.fr/E…

 

4] Una vittoria di Pirro è una vittoria tattica, ottenuta al costo di perdite così pesanti per il vincitore da compromettere le sue possibilità di vittoria finale.

 

5] F Gobert Dalla vaccinazione (anticoide), la mortalità media giornaliera è aumentata in 13 paesi su 14 Agoravox https://www.agoravox.fr/actualites/…

 

6] https://www.francesoir.fr/societe-s…

 

Da leggere, su E&R :

 

reseauinternational.net | 15 maggio | Gérard Delépine |78 InternationalMediaHealthScience

La catastrofe post-vaccino

 

La catastrofe globale post-vaccino metterà gradualmente fine al mito del vaccino. Mentre una propaganda senza pari (e incomprensibile se il farmaco fosse ovviamente efficace e sicuro) e misure liberticide vogliono imporci una cosiddetta “vaccinazione” con farmaci nuovi e mal valutati, i risultati dei primi mesi delle campagne citate ovunque in (…)

§§§




 

https://www.marcotosatti.com/2021/06/18/lecatombe-post-vaccino-nei-dati-delloms-urgente-una-moratoria/


RispondiQuota
Condividi:

I commenti sono chiusi.