Notifiche
Cancella tutti

Psicosi di massa


Pfefferminz
Reputable Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 278
Topic starter  

Psicosi di massa

Video in inglese, durata di circa 20 minuti. 

Una successione di immagini che illustrano l'insorgere di una psicosi di massa, una malattia mentale che colpisce i membri delle élite, in preda al delirio di onnipotenza, e le persone, prima spaventate, poi sapientemente manipolate. 

Il racconto, in un  linguaggio molto semplice, evidenzia il ruolo  delle emozioni negative  che avvelenano la mente e falsa  la percezione della realtà.

Nell'ultimo terzo del filmato si  mostra come è possibile prevenire il dilagare della psicosi di massa e si sottolinea l'importanza della diffusione di notizie vere e la formazione di mondi paralleli in cui vengono vissuti quei valori che i sistemi totalitari vogliono distruggere.

A mio avviso, il filmato, oltre a  fornire  ottimi spunti di riflessione sulla situazione attuale e lungi dallo sprofondare nella depressione, delinea utili soluzioni. 


Quota
Primadellesabbie
Famed Member
Registrato: 10 anni fa
Post: 4687
 

Il video è fatto bene, forse qualcuno sarà in grado di renderlo in italiano?

Se non sbaglio salta il passaggio dell'abbrutimento del mondo intorno a noi, indispensabile al successivo degrado intellettuale, ma forse è implicito nelle immagini.

Il fatto è che mi sembra di vedere una forte resistenza ad affrancarsi dalla massa se non in modalità esibizione o sogno romantico.

Conto seriamente, anche se la cosa può suscitare ilarità, che la scoperta di esistenze aliene, o una decisiva rivoluzione nelle scoperte archeologiche, portino e diffondano la capacità di concepire e accettare la possibilità di forme di aggregazione e di esistenza diverse da quella che si è imposta nella presente fase del ciclo in cui siamo, fondata sul "progresso" materiale grazie all'"istruzione obbligatoria".

Nel senso, ad es., che il progresso materiale possa avvenire per altre vie e che la maturazione individuale abbia il sopravvento, e possa dare luogo ad una convivenza su basi non contraddittorie e tanto ipocrite da rendere necessaria una religione lubrificante.


RispondiQuota
Condividi:

I commenti sono chiusi.