Notifiche
Cancella tutti

La nave affonda, il tempo stringe: un appello aperto a tutti

Pagina 2 / 4 Precedente Avanti

Papaconscio
Active Member
Registrato: 9 anni fa
Post: 15
 

@pfefferminz

Credo che bisogna prendere in considerazione una categoria che sono sicuro si va formando: quella dei “Ritornanti”, cioè quelle persone che hanno subito personalmente o da vicino i danni della terapia genica sperimentale e che, oltre alla protesta, stanno sviluppando anche una rabbia notevole, che potrebbe addirittura danneggiare la resistenza. Il timore è che quando l’inganno si manifesterà in tutta la sua evidenza, le vittime del siero genico non si rivoltino contro il potere che li ha ingannati, ma contro coloro che non si sono bevuti la farsa della pandemia. Molto interessante l'iniziativa di Wirkraft: la società è ormai fratturata in modo insanabile (ce l'hanno messa tutta il pdc e il pdr coi loro discorsi divisivi del tipo non-ti-vaccini-ti-ammali-muori o non-si-invochi-la-libertà), e per questa parte di società potrebbe essere un esempio da studiare. Qui da noi si potrebbe creare delle Società di Soccorso Popolare, su base comunale o circoscrizionale, sull’esempio delle Società Operaie di Mutuo Soccorso, che rendano alla popolazione assistenza di qualsiasi tipo, soprattutto nelle aree urbane, che sarebbero quelle più colpite.


LuxIgnis hanno apprezzato
RispondiQuota
dallafleidars
Active Member
Registrato: 1 mese fa
Post: 7
 

Io sono già ai bordi di questa società, "da grande voglio fare il posto fisso" con me non ha funzionato e ora il posto fisso sta mostrando l'altro lato della medaglia. Quindi ho poco da difendere, la mia famiglia, il mio piccolo feudo, ma lo farò a tutti i costi.

Mio padre mi ha insegnato un lavoro non me lo ha cercato, i figli di chi aveva una tessera in tasca della mia generazione sono piazzati in comune, in provincia, al sindacato, in qualche ente paraculo ma non ne ho mai avuto invidia. Senza tutte quelle garanzie ho avuto esperienze grandiose, girato un po' di mondo per lavoro e in bicicletta, ora il mio contratto scade tra due settimane e non sento alcuna pressione ma la sento sugli altri e provo la stessa rabbia di chi con tre figli ha ceduto al ricatto.

Mi piacciono le elucubrazioni mi affascina la geopolitica, leggo quasi tutti gli articoli di CDC ma la parte più interessante sono i vostri commenti, ci sono teste fine e teste grosse ma servono tutte, da qualcuno prendi pensieri profondissimi da altri il polso della situazione. Per fortuna/purtroppo sono tremendamente pratico e ora come ora preferisco sapere come scannare un maiale che la costituzione a memoria. Non mi servono altri articoli scientifici,altri professori che si schierano, no io la riga sul terreno l'ho già tirata, altre sei galline per iniziare e una rete di amicizie/conoscenze nella stessa posizione c'è, non resta che allargarla il più possibile, come l'orto. Quaranta quintali di legna e io a marzo ci arrivo aspetto e vedo, poi per buttare 4 scatole nel carro funebre e partire ci vuole mezz'ora.

Vivo semplice, mi sembra di essere un nuovo cataro ma non voglio fare la stessa fine, sono un fan delle rivolte contadine e tifo sempre per la squadra più debole, la sconfitta è nel mio dna, come rialzarsi dopo, piegare la testa no.

 

 


arbaman, Hospiton, danone e 4 persone hanno apprezzato
RispondiQuota
BrunoWald
Eminent Member
Registrato: 3 mesi fa
Post: 32
 

@pfefferminz

Comprendo le tue perplessità, pienamente giustificate. Ma proprio l'esempio dei 5 Stelle è rivelatore. Anche se il partito di Casaleggio non fosse stato una creatura del potere, i presupposti illusori sui quali nasceva ne annunciavano già il fallimento. Anche se i grillini fossero stati tutti onestissimi, la "onestà" è una categoria etica, non politica: un movimento orizzontale di cittadini armati unicamente di buone intenzioni, privi di un’idea antagonista rispetto al sistema esistente, non avrà mai la minima possibilità di prevalere sui poteri de facto che tengono saldamente in pugno lo stato.

Non basta cacciare i ladri, né introdurre riforme ragionevoli: bisogna anzitutto sapere che esiste il nemico, e come combatterlo. Bisogna avere un'alternativa da offrire alle masse passive (le "masse lunari", come le chiama Magaldi...) seducendole esattamente come si farebbe con un'amante. Cosa che diventa possibile quando il nemico entra in crisi, quando i sacrifici che esige sono superiori ai benefici, quando perde il suo smalto e deve fare la voce grossa per ottenere obbedienza. Che è un pò quello che sta succedendo attualmente.

Finora, erano invincibili perché il sistema ti garantiva un ragionevole benessere, le ferie, gli sfizi: ora hanno cominciato con i coprifuoco, i lasciapassare, i droni che rompono le palle ai bagnanti. Le piccole imprese chiudono, la gente perde il lavoro, presto voleranno le manganellate dei robocop: potrei sbagliarmi, ma proprio queste cose, dopo decenni, stanno creando lo spazio per la nascita di un movimento antagonista di massa. Già un 10% sarebbe un incubo, per il potere. Cercherebbero di infiltrarlo e deviarlo? Senza dubbio! Ma se a dirigerlo fosse gente consapevole e determinata, capace di opposizione vera, senza compromessi, con alle spalle una base sociale, non sarà così facile.

PS: anche per staccare la spina al sistema coi boicottaggi bisogna essere milioni, sennó gli facciamo il solletico. Per essere milioni bisogna attrarre la gente con una proposta - una bandiera! - che ancora non è apparsa, ma potrebbe essere dietro l'angolo.


LuxIgnis e oxalidaceae hanno apprezzato
RispondiQuota
BrunoWald
Eminent Member
Registrato: 3 mesi fa
Post: 32
 
Postato da: @luxignis

Un incantesimo si spezza solo con uno shock. Non ci sono altre vie. Non vale il ragionamento, la logica ed il pensiero. L'emotività, come dice Gioco, è una brutta bestia. E solo dopo questo shock può intervenire il nuovo soggetto politico sociale e culturale per prendere le redini. Sempre che si sia creato questo soggetto. Tutte le rivoluzioni sono avvenute solo dopo che vi sono stati eventi tali da poter compattare il popolo.

Assolutamente d'accordo. Il soggetto deve cominciare a crearsi prima che avvenga lo shock, o almeno coagularsi immediatamente. Senza la 1GM, Lenin avrebbe continuato a scrivere articoli in Svizzera; ma nel 1917, a shock avvenuto,  senza un partito bolscevico organizzato e disciplinato, la Russia sarebbe semplicemente sprofondata nel caos e l'URSS non sarebbe mai nata.

Analogamente, senza la crisi del 1929 Hitler non avrebbe mai avuto successo; ma senza di lui la Germania avrebbe conosciuto solo convulsioni. Il nazionalsocialismo prese il potere non per i finanziamenti di quello, o per gli intrighi di quell'altro, ma perché seppe offrire ai tedeschi due cose essenziali: un'alternativa credibile, e un'immagine forte e decisa (al contrario delle "opposizoni" attuali, sempre inginocchiate a baciare le pantofole del Principe).

Questi due esempi faranno storcere il naso a molti, ma io li trovo grandemente significativi.


LuxIgnis e oxalidaceae hanno apprezzato
RispondiQuota
BrunoWald
Eminent Member
Registrato: 3 mesi fa
Post: 32
 

@primadellesabbie

Hai riassunto in poche righe temi di enorme interesse e immensa portata. Sarebbe utile segnalare una bibliografia o qualsiasi fonte seria che permetta di approfondire il tema. Per quanto riguarda la simbologia dell'11 settembre, oltre a quella evidente delle colonne del tempio, ritengo ci sia anche quella dell'Arcano XVI - la Torre colpita dalla folgore. Essendo i Tarocchi una fonte sapienziale, trovo quasi "affascinante" la logica di chi, conoscendone la dottrina, la perverte in questo modo.


Hospiton e oxalidaceae hanno apprezzato
RispondiQuota
Primadellesabbie
Famed Member
Registrato: 10 anni fa
Post: 4637
 
Postato da: @brunowald

...trovo quasi "affascinante" la logica di chi...

È affascinante, e inoltre simula, molto alla lontana, e ricorda, le forze cosmiche che ciclicamente investono la Terra e le forme di vita che ospita, (questo ha a che fare con gli archetipi disegnati nei tarocchi?).

Prova a vedere, se non l'hai letto, "Teosofismo, storia di una pseudo religione" di Guenon, tenendo presente che l'autore, campione del rigore, condanna senza appello (come anche E. Zola) quanti hanno messo mano a questa vicenda (che hanno poi avuto un ruolo nella perversione di certa massoneria), che invece, fuori da questa materia, dei meriti li hanno, ma sarebbe lungo parlarne.

Qualche accenno recente si trova su YT da Magaldi e da Bizzi, ma devo cercare di ricordare dove esattamente. 


Hospiton e BrunoWald hanno apprezzato
RispondiQuota
Pfefferminz
Estimable Member
Registrato: 6 mesi fa
Post: 246
 

@papaconscio

Esprimi il timore che le vittime del siero genico, quando si accorgeranno dell'inganno, potrebbero scaricare la propria rabbia nei nostri confronti. Sarebbe un comportamento del tutto illogico, significherebbe che non sono più in grado di ragionare. Non possiamo che aspettare l'evolversi degli eventi, certi che dal canto nostro abbiamo fatto tutto il possibile per metterli in guardia.

Non credo che Wirkraft sia paragonabile alle Società di Mutuo Soccorso, ma il principio è nato nello stesso periodo storico, quello dei socialisti utopisti. Il dott. Heiko Schoening ha tradotto con Wirkraft (wir = noi; Kraft = forza; Wirkraft = la forza della comunità) il termine "Solidarismus" di Rudolf Diesel, che di sè diceva che la sua più grande scoperta non era stato il motore, ma la soluzione della questione sociale. Fino ad ora non ho trovato spiegazioni di Wirkraft in altre lingue, al di fuori del tedesco, ma è solo questione di tempo. Heiko Schoening ha inventato anche un gioco di società per spiegare i principi di Wirkraft. 


RispondiQuota
Pfefferminz
Estimable Member
Registrato: 6 mesi fa
Post: 246
 

@brunowald

Non mi affascina l'idea di una "bandiera", né il concetto di sedurre le masse. Penso che la trasformazione fondamentale deve avvenire a livello individuale nel senso di una  "Selbstermächtigung", assunzione di responsabilità da parte di ciascuno, un'autoautorizzazione. Nel momento in cui si delega la responsabilità, è finita. Non so come ciò possa avvenire concretamente e tramutarsi in un progetto politico che incontri le élite alla pari, ma non  vedo altra soluzione. Il momento storico attuale richiede il contributo di tutti. Tornare indietro significherebbe avallare un mondo che ha permesso che accada ciò che è sotto i nostri occhi, quindi è necessario imboccare un'altra strada, quella in cui ci si pone delle domande, tante domande, su come vivere la nostra vita e quali sono le cose veramente importanti. Si potrebbe scoprire che le cose per cui vale la pena di vivere non costano niente, come l'amicizia e il trascorrere insieme delle ore spensierate. Bisogna mettere in discussione tutto, divenire consapevoli che tutta la cultura in cui siamo immersi, televisione, cinema, musica, è finalizzata ad obnubilarci e renderci mentalmente schiavi. Penso che sarà l'intelligenza collettiva delle persone consapevoli, l'intelligenza di sciame, a far scattare la scintilla di un progetto politico adeguato. 


RispondiQuota
BrunoWald
Eminent Member
Registrato: 3 mesi fa
Post: 32
 

@pfefferminz

"Non mi affascina l'idea di una "bandiera", né il concetto di sedurre le masse."

Capisco, ma sono dinaniche impersonali. A titolo personale, farei volentieri a meno di masse e bandiere.

"Tornare indietro significherebbe avallare un mondo che ha permesso che accada ciò che è sotto i nostri occhi, quindi è necessario imboccare un'altra strada, quella in cui ci si pone delle domande, tante domande, su come vivere la nostra vita e quali sono le cose veramente importanti."

Pienamente d'accordo.


RispondiQuota
Primadellesabbie
Famed Member
Registrato: 10 anni fa
Post: 4637
 

@pfefferminz

Posso chiederti di dare un'occhiata al commento 'visionario' che ho messo qui:

https://comedonchisciotte.org/covid-9-11-e-guerra-eterna/


RispondiQuota
Hospiton
Trusted Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 78
 

@primadellesabbie

A proposito delle "forze cosmiche che ciclicamente investono la Terra" segnalo questo video di Bizzi, che poi si ricollega al discorso riguardante le dinastie millenarie affrontato da Rumor, Galli e da un numero sempre maggiore di ricercatori e studiosi. Probabilmente l'avrai già visto (o comunque immagino tu abbia già letto a volontà sull'argomento) ma potrebbe interessare anche altri utenti. Diversi aspetti sono giocoforza soltanto accennati e vanno approfonditi,  ad ogni modo mi sembra un buon punto di partenza per affrontare la questione.


RispondiQuota
Primadellesabbie
Famed Member
Registrato: 10 anni fa
Post: 4637
 

@hospiton

Grazie, visto e rivisto!

La decisione di Bizzi di svelare quanto gli viene consentito, dal patrimonio di conoscenze della sua linea iniziatica, è degna di grande attenzione.

(Un documentario americano, tra i primi trasmessi dalla tv, mostrava le grandi tracce da raschiamento lasciate sulle rocce dai ghiacciai in varie zone del Nordamerica: tutte orientate in direzione della baia di Hudson.) 


Hospiton hanno apprezzato
RispondiQuota
Pfefferminz
Estimable Member
Registrato: 6 mesi fa
Post: 246
 

@brunowald

"Questi due esempi faranno storcere il naso a molti, ma io li trovo grandemente significativi."

Trascrivo un commento di Mincuo, apparso su ComeDonChisciotte il 15 aprile 2013:

"Andò così. Il 25 novembre 1917, circa 20 giorni dopo la Rvoluzione, ci furono le prime elezioni per eleggere una Costituente.

42 milioni di voti su 108 milioni di abitanti.

I bolscevichi ebbero meno di 10 milioni di voti, il 23,5% per cento dell'elettorato.

I Menscevichi circa 700 mila voti.

5 milioni di voti andarono ai partiti che non si riconoscevano nella sinistra marxista o socialdemocratica.

Le elezioni furono stravinte dai Social rivoluzionari con 22 milioni di voti.

I Bolscevichi, visti i risultati, sciolsero l'assemblea costituente.

Il capo dei social rivoluzionari Kerenskij fu costretto ad andarsene.

Un po' diverso. La regola, con quella gente. "

Oltre a ciò, penso che tu sia a conoscenza del fatto che i capi bolscevichi erano quasi tutti ebrei. 

Per quanto riguarda la Germania, sono molti i critici delle restrizioni a paragonare il periodo storico attuale con le condizioni del 1932/1933, per evidenziare che si "scivola" nel regime totalitario senza che le masse se ne accorgano. Le interpretazioni sono sempre a posteriori.

A proposito: in Austria un attivista anti-restrizioni Covid, il dott. Jaroslav Belski, medico dentista e blogger, è stato condannato ad un anno di reclusione con la condizionale, per aver paragonato in un video la situazione attuale con quella del Terzo Reich. Fatto strano, ma non troppo, il libro di Monika Donner dal titolo "Corona-Diktatur" nel processo non è stato ammesso come elemento di prova.

Fonte in tedesco: https://www.wochenblick.at/verglich-corona-diktatur-mit-nazi-regime-massnahmenkritiker-verurteilt/

Questo post è stato modificato 1 settimana fa da Pfefferminz

RispondiQuota
Hospiton
Trusted Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 78
 

@primadellesabbie

Concordo, uno studioso da seguire, in particolare trovo degne di nota alcune sue affermazioni riguardanti le Famiglie Eleusine, antagoniste delle dinastie tuttora dominanti. Vicenda tanto affascinante quanto complicata da approfondire e verificare in proprio (non la citava nemmeno Tuis, che evidentemente non ha accesso a fonti di pari livello), spero che Bizzi torni sull'argomento.


RispondiQuota
LuxIgnis
Estimable Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 130
 

@pfefferminz

Guarda che persino wikipedia da una storia un po' diversa da quella raccontata da Mincuo. E' vero che i socialisti rivoluzionari vinsero le elezioni ma è anche vero che ci fu qualcosa di importante che spinse i bolscevichi ed i loro alleati a contrastare anche con le armi i socialisti rivoluzionari.
Poi sta storia degli ebrei. Insomma. Stalin li fece fuori quasi tutti quando arrivò al potere. Giusto per dire che non erano così potenti e decisivi.
Che dobbiamo dire allora...Viva baffone.

 


RispondiQuota
Pagina 2 / 4 Precedente Avanti
Condividi:

I commenti sono chiusi.