Notifiche
Cancella tutti

Commento al FulmiGioCone: la dittatura dei pavidi


GioCo
Noble Member
Registrato: 13 anni fa
Post: 1363
Topic starter  

Il drago non è mai stato un campione di coraggio, come i suoi pari agisce solo se abbastanza certo di vincere o comunque certo di non perdere (che è un concetto simile ma non sovrapponibile). Un modo certo per non perdere è giocare con il culo (e le risorse) degli altri, cosa che gli vediamo fare immacabilmente sempre.

E' veramente stomachevole sentirlo mentre comunica agli italiani per l'8 marzo "questo non è il momento di dividerci o di riaffermare le nostre identità ma è il momento di dare una risposta" (fonte it.sputniknews.com QUI). Siamo ragionevolmente sicuri che la sua di risposta non la vogliamo nemmeno ascoltare. Peccato che non avremo scelta perché ci è stata imposta con la forza la sua persona e quindi è meglio chiarire: se c'è un individuo responsabile delle divisioni settarie che afferma la sua identità proprio sfruttando in modo bieco l'occasione di una festa che è delle donne, non sua, beh deve solo guardarsi allo specchio per trovarla, sempre che non sia un vampiro (della stirpe dei dracul) e non ce la veda riflessa. Non ho visto nemmeno si sia ricordato essere "una festa" delle donne (vedi QUI) e non nel senso di fargli la festa con lo sfruttamento al femminile, unica soluzione che i plutocrati che lui rappresenta conoscono e insistono a riproporre in modi sempre più contorti, per esempio con la promozione dell'utero in affitto, ma non solo. Non voglio quindi sapere quali sarebbero "gli sforzi al femminile" che chiede questa be...nevola e padrina personalità. Se mai gli auguro una censura da parte degli LGBT per evidentissima violenza omofoba di parte, sia perché recita quella del "buon padre" e non del "genirore 1 o 2" come si conviene secondo il politicamente corretto, sia perché una festa delle donne promossa dal capo del governo di un paese è un affronto per tutte quelle persone che non si riconoscono nel tradizionale "femmineo" etero. Lui degno rappresentante dei suoi pari dovrebbe abolire questa festa, non promuoverla!!!

Ma se un drago non è campione di coraggio ma solo di forza bruta, nemmeno gli altri, tra la massa che gorgoglia ai suoi piedi, paiono brillare troppo per spirito di sacrificio altruistico. Tra ladri, opportunisti e viscidi, non si riesce a vedere altro che il lerciume accanto alla sua figura, ma si sa che la tana del drago è piena d'oro oltre che di fetore e questo non attira certo le anime elette. Chi ha orecchie per intendere... Quindi otterrà quel che è venuto a pretendere, l'ho scritto tante volte e so che chi mi legge non vuole prestarmi orecchio, spera che in fondo non sia così. Eppure, sarà così. Ma questo non ci dice niente sulla bontà della sua agenda personale. Nemmeno se ha senso quel che vuole ottenere. Ed è qui il punto, questa gente quando ottiene quel che vuole è solo per scoprire (come sempre) che esagerando, cioé facendo l'unica azione che a loro riesce nel perseguire gli obbiettivi (tipo l'atomica su Hiroshima e Nagasaki) saranno costretti a stringere un pugno di mosche (e di merda) in mano. Forse approfondirò questo punto. Tuttavia se ho ragione, la frustrazione li porterà all'esasperazione... e alla guerra.

Israele è quindi pronta?


Quota
Condividi:

I commenti sono chiusi.