Notifiche
Cancella tutti

Lassù qualcuno ci osserva


PietroGE
Famed Member
Registrato: 7 anni fa
Post: 3643
Topic starter  

http://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/messaggi-alieni-astronomi-scienziati-stanno-tentando-risolvere-131271.htm

MESSAGGI ALIENI - ASTRONOMI E SCIENZIATI STANNO TENTANDO DI RISOLVERE IL MISTERO DEL SEGNALE INVIATO DA UNA STELLA MOLTO SIMILE AL NOSTRO SOLE - SE IL SEGNALE E' ARTIFICIALE, PROVIENE DA UNA CIVILTA' PIU' AVANZATA DELLA NOSTRA. E' STATO SCOPERTO UN ANNO FA DAI RUSSI, PERCHE' LA NOTIZIA SI DIFFONDE SOLO ORA?

Jasper Hamill per The Sun

Alcuni dei più famosi cacciatori di alieni stanno cercando di risolvere il mistero del segnale alieno intercettato dai russi lo scorso anno e rivelato solo la scorsa settimana. Gli astronomi della “Search for Extraterrestrial Intelligence” (SETI), hanno puntato i telescopi su una stella chiamata HD 164595, che sembra essere la fonte dell’inspiegabile segnale.

La stella in questione somiglia molto al nostro sole, stessa misura e tipo ma due miliardi di anni più vecchia, e ha almeno un pianeta che le orbita attorno, da qui l’ipotesi che possa ospitare una civiltà avanzata e che il segnale possa essere un messaggio extraterrestre.

Il ritardo con cui è stata data al notizia ha subito messo in allerta i cercatori di UFO e i cospirazionisti, che continuano a sostenere che i politici coprano la verità dell’esistenza aliena.

Douglas Vakoch, presidente della “METI International”, gruppo scientifico che si dedica alla ricerca della vita extraterrestre, ha dichiarato alla “CNN”: «C’è una buona possibilità di rilevare una civiltà vicina. Il segnale da HD 164595 è intrigante perché proviene dalle vicinanze di una stella simile al Sole e, se è artificiale, la sua forza è tale da indicare una civiltà con conoscenze molto più avanzate delle nostre».

Un messaggio così forte può significare che gli alieni stanno cercando di comunicare con noi (che al confronto abbiamo mezzi primitivi) o può essere prodotto da una interferenza elettrica o da un oggetto remoto nell’universo.

Seth Shostak, astronomo al SETI, sostiene che il segnale debba essere stato inviato da un trasmettitore che usa centinaia di volte più energia di tutta la luce che il sole irradia la Terra, e quindi richiede risorse molto oltre quelle di cui gli umani dispongono». Ma perché qualcuno dovrebbe avere come obiettivo il nostro piccolo e lontano sistema solare?


Quota
helios
Illustrious Member
Registrato: 16 anni fa
Post: 16537
 

Strizza che possa esistere una civilta piu avanzata della nostra?

Meglio sarebbe stato che non fossero state occultate le nostre origini, altrimenti quando tutto diventa palese tutto viene demolito.

Lassu in MOLTI ci ha sempre osservati e continuano a farlo con o senza segnali.


RispondiQuota
riefelis
Honorable Member
Registrato: 12 anni fa
Post: 679
 

Ma non era giunta ieri la notizia che questo segnale in realtà era stato prodotto proprio dal nostro pianeta?

http://www.repubblica.it/scienze/2016/09/01/news/ora_e_giallo_sul_segnale_alieno_captato_dai_russi-146999022/

http://attivissimo.blogspot.it/2016/09/russia-il-presunto-segnale-alieno-e.html


RispondiQuota
PietroGE
Famed Member
Registrato: 7 anni fa
Post: 3643
Topic starter  

Ma non era giunta ieri la notizia che questo segnale in realtà era stato prodotto proprio dal nostro pianeta?

http://www.repubblica.it/scienze/2016/09/01/news/ora_e_giallo_sul_segnale_alieno_captato_dai_russi-146999022/

http://attivissimo.blogspot.it/2016/09/russia-il-presunto-segnale-alieno-e.html

Molto probabilmente hai ragione :

L’entusiasmo mediatico per l’annuncio di un possibile “segnale sospetto da 95 anni luce” (Repubblica) fatto cautamente dal SETI Institute (ente che cerca segnali radio di origine intelligente extraterrestre) è solo rumore: come era prevedibile, è arrivata la smentita.

La presunta scoperta proveniva da un radiotelescopio russo, il RATAN-600, e risaliva a maggio del 2015. La direzione del cielo dalla quale proveniva il segnale radio anomalo (potente e concentrato in una banda piuttosto stretta di frequenze intorno a 11 GHz) era la costellazione di Ercole. I ricercatori russi avevano proposto come possibile origine del segnale la stella HD 164595, di tipo simile al Sole e dotata di almeno un pianeta di tipo simile a Nettuno. È bastato questo per scatenare la fantasia degli appassionati a briglia sciolta e dei giornalisti in cerca di titoli ad effetto.

Ma la realtà e il SETI Institute stesso hanno smorzato subito gli entusiasmi prematuri: il comunicato ufficiale dell’Osservatorio Astrofisico Speciale dell’Accademia Russa delle Scienze dice che “elaborazioni ed analisi successive [al rilevamento iniziale] hanno rivelato che è molto probabilmente di origine terrestre... si può dire con fiducia che nessun segnale desiderato è stato finora rilevato”. Il 28 agosto scorso il SETI Institute ha usato i propri strumenti per ascoltare la stessa porzione di cielo e non ha trovato nulla. Ha poi ripetuto l’ascolto il 30 agosto, sempre senza risultati favorevoli.

Ma per gli appassionati le smentite potrebbero essere interpretate come volontà di negare il fatto perché sarebbe troppo dirompente per le società umane.

Io comunque sono sempre stato molto scettico sull'esistenza di civiltà extraterrestri evolute. Lo spazio è trasparente alle onde elettromagnetiche e non si vede perché non riusciamo a captare nessun segnale elettromagnetico, tipo radio o televisione. Sembra strano che non sfruttino questo semplice ma efficace mezzo di comunicazione.


RispondiQuota
helios
Illustrious Member
Registrato: 16 anni fa
Post: 16537
 

riletto articolo in topic:

Alcuni dei più famosi cacciatori di alieni stanno cercando di risolvere il mistero del segnale alieno intercettato dai russi lo scorso anno e rivelato solo la scorsa settimana. Gli astronomi della “Search for Extraterrestrial Intelligence” (SETI), hanno puntato i telescopi su una stella chiamata HD 164595, che sembra essere la fonte dell’inspiegabile segnale.

La stella in questione somiglia molto al nostro sole, stessa misura e tipo ma due miliardi di anni più vecchia, e ha almeno un pianeta che le orbita attorno, da qui l’ipotesi che possa ospitare una civiltà avanzata e che il segnale possa essere un messaggio extraterrestre.

Stella o pianeta? uno su due sa la differenza
http://www.lastampa.it/2012/01/23/scienza/il-cielo/stella-e-pianeta-solo-su-sa-la-differenza-7z5XujVqahzvYdghgh0AtI/pagina.html

...

Differenza tra stella e pianeta
Print Friendly

Una stella viene definita in astronomia come un corpo celeste dotato di luce propria, formato da materia allo stato di plasma, che genera energia nel proprio nucleo attraverso processi di fusione nucleare, che liberano l’energia che noi vediamo sotto forma di luce stellare.

La stella più vicina a noi è il Sole, che si trova ad una distanza media dalla Terra di 150 milioni di Km ed è al centro del nostro Sistema Solare; la maggior parte delle altre stelle risultano visibili soltanto durante la notte. Gruppi densi di stelle formano gli ammassi stellari, che a loro volta, raggruppati insieme a stelle singole, polveri e gas, formano le galassie.

Un pianeta viene definito come un corpo celeste che, a differenza di una stella, non produce energia tramite fusione nucleare, non brilla di luce propria ed ha una massa sufficiente a conferirgli una forma sferoidale. Brilla invece di luce riflessa dalla stella attorno a cui orbita. Le stelle producono luce e calore, i pianeti vengono invece illuminati e riscaldati.

Un pianeta inoltre ha una massa relativamente piccola ed una temperatura minore di una stella; le alte temperature delle stelle permettono infatti di attivare le reazioni di fusione nucleare che generano energia e quindi luce.

Per essere definito pianeta, un corpo celeste deve inoltre avere una dominanza gravitazionale, ovvero deve essere in grado di mantenere libera la propria fascia orbitale da altri corpi celesti di dimensioni simili o superiori; nella propria zona orbitale, non orbiteranno cioè altri corpi di dimensioni comparabili a quelle del pianeta che non siano suoi satelliti.

La dominanza orbitale è la caratteristica che distingue i pianeti dai pianeti nani. Per questo motivo, il congresso dell’Unione Astronomica Internazionale ha deciso di riclassificare Plutone come pianeta nano.

Che siano stelle o pianeti, ammassi stellari o galassie, il telescopio spaziale Hubble ha aiutato gli esseri umani a perfezionarne la visione, con le sue numerose scoperte e le centinaia di migliaia di immagini astronomiche eccezionali.
Etimologia

Sino agli inizi del XX secolo, le etimologie accreditate per il termine stella erano due: la prima sosteneva che derivasse dal latino stella (sterla) da sterula, che a sua volta deriverebbe dalla radice sanscrita sit- con significato di spargere; quindi stella significherebbe “sparsa per il firmamento“. La seconda ipotesi riteneva invece che il termine derivasse dall’arcaico astella, a sua volta derivato dal greco astér (in latino astrum), con radice as-; secondo questa etimologia, stella significherebbe “che scaglia” (raggi di luce).

Il termine pianeta deriva dal greco antico plànētes astéres, ovvero “stelle vagabonde“, poiché nell’antichità venivano considerati tali tutti i corpi celesti che si spostavano nel cielo notturno rispetto allo sfondo delle stelle considerate fisse.

http://cultura.biografieonline.it/stelle-pianeti-differenza/

A questo punto l'articolo dice che hanno puntato i telescopi su di una stella
che è la fonte del segnale, cioè il segnale dicono arrivi dalla stelle, che è come il sole.
Aggiungono che questa stella ha un pianeta che gli gira attorno.

Hanno fatto una bella confusione, come dire che arrivano segnali dal nostro sole e qualcuno pensasse che li esiste una civiltà.


RispondiQuota
riefelis
Honorable Member
Registrato: 12 anni fa
Post: 679
 

Io comunque sono sempre stato molto scettico sull'esistenza di civiltà extraterrestri evolute. Lo spazio è trasparente alle onde elettromagnetiche e non si vede perché non riusciamo a captare nessun segnale elettromagnetico, tipo radio o televisione. Sembra strano che non sfruttino questo semplice ma efficace mezzo di comunicazione.

Ciao PietroGe,
io invece non sono così scettico.
L'universo è veramente enorme. Il nostro appare come un atomo in mezzo a un infinità di materia. Ci sono distanze di migliaia di anni luce.
Non c'è la trasparenza che hai citato anzi ci sono piccole probabilità di captare segnali. E' come cercare il classico ago ne pagliaio.
Buona serata


RispondiQuota
cedric
Noble Member
Registrato: 6 anni fa
Post: 1376
 

Suggerisco di non leggere le traduzioni dei giornalacci destinati alle massaie ed ai pensionati come il SUN più noto per le fanciulle scosciate sulla terza pagina che non per la cultura. Non che i giornali italiani siano meglio.

Questo è quello che dice il sito ufficiale del SETI
http://www.seti.org/seti-institute/a-seti-signal
(per la traduzione in italiano fate click destro e poi traduci)
Questo passo è importante

One particularly noteworthy thing about this discovery is the fact that the signal was apparently observed in May, 2015 (it seems that this was the only time in 39 tries that they saw this signal). The discoverers didn’t alert the SETI community to this find until now, which is not as expected. According to both practice and protocol, if a signal seems to be of deliberate and extraterrestrial origin, one of the first things to do is to get others to attempt confirming observations. That was not done in this case.

Una cosa particolarmente degna di nota di questa scoperta è il fatto che il segnale è stato apparentemente osservato in maggio 2015 (sembra che questa è stata l'unica volta in 39 tentativi che hanno visto questo segnale).
Gli scopritori non hanno avvisato la comunità SETI di questa scoperta fino ad ora, che non è come previsto. Secondo sia la pratica e il protocollo, se un segnale sembra essere di origine artificiale ed extraterrestre, una delle prime cose da fare è quello di attivare gli altri per confermare le osservazioni. Ciò non è stato fatto in questo caso.

Quindi il presunto segnale artificiale è stato ricevuto una sola volta l'anno scorso e la ricezione non si è più ricevuta. Un evento che accade una sola volta è sempre da trattare col legittimo dubbio come giustamente conclude l'articolo del SETI.

Sarei anche curioso di avere una descrizione anche sommaria di tale segnale e conoscere in base a quali criteri è stato classificato come "probabilmente artificiale" e non naturale. Come dire cifre non chiacchere.


RispondiQuota
sandrez
Reputable Member
Registrato: 12 anni fa
Post: 424
 

Quindi il presunto segnale artificiale è stato ricevuto una sola volta l'anno scorso e la ricezione non si è più ricevuta. Un evento che accade una sola volta è sempre da trattare col legittimo dubbio come giustamente conclude l'articolo del SETI.

da dire che pure noi abbiamo mandato 1 solo segnale, senza alcuna ripetizione.

non ha molto senso IMO

se voglio farmi sentire da qualcuno, continuo a mandare lo stesso segnale ancora e ancora e ancora...

mah
mi lascia perplesso questa cosa

EDIT
la stella in questione è a 94 anni luce.
per cui sarebbe relativamente vicina a noi.

il segnale che noi abbiamo mandato, è stato spedito ad un ammasso di stelle distante 25000 anni luce.

~certevolteilsolebatteanchesulculodiuncane~


RispondiQuota
cedric
Noble Member
Registrato: 6 anni fa
Post: 1376
 

Propongo una ipotesi di fanta-geopolica spaziale.

Il segnale misterioso ascoltato una sola volta proveniene da una particolare posizione nel cielo, tuttavia in ogni posizione del cielo c'è quasi sicuramente una stella per quanto lontana.

Ora ipotizziamo che in quella particolare posizione del cielo ci sia qualcosa di artificiale molto più vicina dei 95 anni luce di HD 164595 ed invisibile o trasparente ai nostri telescopi.

Ad esempio un bel satellite americano in orbita oltre marte con un rivestimento stealt. A bordo una batteria di testate atomiche in barba al trattato del 1967 sulle armi atomiche nello spazio. Chi sa che prima o poi non tornino utili.

I russi raccontano che l'anno scorso casualmente hanno ricevuto un segnale alieno da una direzione che guarda caso coincide con la posizione dell'atomica americana nello spazio.

Quindi il messaggio vero è: astronomi di tutto il mondo andate a vedere cosa c'è lassù, forse è un alieno lontano che ci chiama o forse no. Noi sappiamo cosa c'è.

Ovviamente è solo fanta-politica buona per un bel romanzo.


RispondiQuota
cdcuser
Honorable Member
Registrato: 9 anni fa
Post: 555
 

.... CUT

Ovviamente è solo fanta-politica buona per un bel romanzo.

Oppure, rimanendo nella fantasia, quel segnale era destinato a qualcuno che l'ha ricevuto e sa come decifrarlo 😈


RispondiQuota
helios
Illustrious Member
Registrato: 16 anni fa
Post: 16537
 

.... CUT

Ovviamente è solo fanta-politica buona per un bel romanzo.

Oppure, rimanendo nella fantasia, quel segnale era destinato a qualcuno che l'ha ricevuto e sa come decifrarlo 😈

Meglio restare nella fantasia dell articolo e cioe che da una stella tipo il sole arriva qualche segnale?

Qualcuno ci sta a pjja ppe c...


RispondiQuota
Condividi:

I commenti sono chiusi.