Notifiche
Cancella tutti

Indebolimento del campo magnetico terrestre causa di riscaldamento globale e pandemia


Exo
 Exo
Active Member
Registrato: 3 mesi fa
Post: 12

Quota
cedric
Noble Member
Registrato: 6 anni fa
Post: 1376
 

per comodita' deil lettori riporto la parte finale dell'articolo presente nel link postato sopra

 

La tesi presentata è questa:

1) il riscaldamento globale esiste ma non è causato dal CO2 quanto dall'indebolimento del campo magnetico terrestre che non scherma piu' il vento solare, diradando la copertura nuvolosa, e al tempo stesso ionizzando le particelle sia della bassa atmosfera sia del suolo

2) a questo fenomeno fa seguito un mantenimento in sospensione del pulviscolo, che esiste anche senza impulsi da territori desertici, ma che al tempo stesso amplifica e aumenta la quantità di questi impulsi da territori desertici

3) i patogeni hanno giocoforza un vantaggio dal mantenimento di questo pulviscolo in sospensione.

 

 ovviamente ogni opinione è lecita ma questa sembra parecchio arzigogolata

Se davvero  il campo magnetico si stesse indebolendo abbastanza per avere come conseguenza la minore schermatura del vento solare, avremmo meravigliose e soprattutto frequentissime aurore boreali già alle latitudini di londra se non di parigi. Finora tutte le volte che è capitato avere aurore boreali così basse è dipeso da qualche temporanea e parecchio robusta tempesta solare.

I fenomeni attribuiti alla paventata  elettrificazione dell'aria (???) sono riconduncibili al clima secco che favorisce  la conservazione della carica elettrica delle particelle in sospensione, essenzialmente sabbia gialla ma anche polline giallo di alcune specie di pini, tipico di questa stagione, e presenti in molte città del nord italia.

Non c'e' verso di assolvere l'anidride carbonica: ogni volta che si brucia qualcosa se ne produce in abbondanza e noi di fuochi (soprattutto industriali nelle centrali termoelettriche)  ne abbiamo accesi a dismisura negli ultimi 70 anni.


RispondiQuota
PietroGE
Famed Member
Registrato: 7 anni fa
Post: 3643
 

L'opinione della NASA è molto scettica su questo punto a causa delle enorme differenza tra le energie dell'alta atmosfera e quelle della zona  superficiale. Inoltre lo studio dei fossili durante il cambiamento della polarità del campo magnetico non supporta questa correlazione tra campo magnetico e riscaldamento globale.

https://climate.nasa.gov/blog/3104/flip-flop-why-variations-in-earths-magnetic-field-arent-causing-todays-climate-change/

...................................

Principi fisici

1. Energia insufficiente nell'atmosfera superiore della Terra

Le correnti elettromagnetiche esistono all'interno dell'atmosfera superiore della Terra. Ma l'energia che guida il sistema climatico nell'alta atmosfera è, in media globale, una minuscola frazione dell'energia che guida il sistema climatico sulla superficie terrestre. La sua grandezza è in genere inferiore a uno a pochi milliwatt per metro quadrato. Per contestualizzare, il bilancio energetico sulla superficie terrestre è di circa 250-300 watt per metro quadrato. A lungo termine, l'energia che governa l'atmosfera superiore della Terra è circa 100.000 volte inferiore alla quantità di energia che guida il sistema climatico sulla superficie terrestre. Semplicemente non c'è abbastanza energia in alto per avere un'influenza sul clima nel luogo in cui viviamo.

2. L'aria non è ferrosa

Infine, i cambiamenti e gli spostamenti nella polarità del campo magnetico terrestre non influiscono sul tempo e sul clima per un motivo fondamentale: l'aria non è ferrosa ....

In conclusione: non ci sono prove che il clima della Terra sia stato influenzato in modo significativo dalle ultime tre escursioni del campo magnetico, né da alcun evento di escursione almeno negli ultimi 2,8 milioni di anni.

 


RispondiQuota
oxalidaceae
Eminent Member
Registrato: 4 mesi fa
Post: 46
 

@cedric

Concordo sull'arzigogolata.

3) i patogeni hanno giocoforza un vantaggio dal mantenimento di questo pulviscolo in sospensione.

Si trova risposta migliore al punto 7 del pdf che allego, tratto dal bel libro di A. Firstenberg " The invisible rainbow-A history of electricity and life" (versione italiana tradotta come " la Tempesta invisibile").

 

 


RispondiQuota
Condividi:

I commenti sono chiusi.