Notifiche
Cancella tutti

ce lo chiede il pianeta


paolodegregorio
Noble Member
Registrato: 14 anni fa
Post: 1630
Topic starter  

- Ce lo chiede il pianeta -
di Paolo De Gregorio, 24 luglio 2019

La divisione più profonda tra gli uomini contemporanei riguarda l’emergenza climatica, in particolare tra chi afferma che sia legata alle attività umane e chi sostiene che si tratta di fenomeni fisici naturali, già avvenuti nelle varie ere glaciali o temperate.
La questione non è di poco conto, perché si tratta di mettere in discussione un modello di sviluppo globale, che per produrre energia brucia carbone, petrolio, gas metano, e passare urgentemente a energie rinnovabili prima che sia troppo tardi.
I duemila scienziati dell’IPCC, che da decenni, per conto dell’ONU hanno studiato il fenomeno del riscaldamento globale del pianeta, sono in enorme maggioranza d’accordo che la causa siano le emissioni di gas serra (solo di petrolio si bruciano 100 milioni di barili al giorno), mentre per i negazionisti ci sono soldi delle multinazionali petrolifere, con al seguito tutti i media che controllano (e sono quasi tutti di loro proprietà).
Come al solito, nella storia umana nonostante la scienza, la ragione, il destino degli uomini si scontra con gli interessi privati di pochi, che sono pronti a scatenare guerre pur di continuare a lucrare in una economia letale per l’ecosistema, nella certezza che loro si salveranno,
Eppure il passaggio ad una economia “carbon free” non ha ostacoli tecnici, le tecnologie rinnovabili sono sempre meno care, più efficienti, occupano meno spazio, hanno però bisogno del sostegno degli stati per il periodo difficile della riconversione, che per la verità sarebbe una vera e propria rivoluzione.
Chiunque voglia parlare di economia, di sviluppo, di futuro per i giovani, non può sottrarsi ad una scelta di campo, forse aiutato dall’osservazione dei disastri evidenti già in atto, come la desertificazione a causa siccità, l’inquinamento di aria, terra, acqua, l’impoverimento della risorsa di pesce, le microplastiche che hanno invaso tutti i mari, lo scioglimento di ghiacciai polari, l’aumento del livello dei mari, il frequente ripetersi di fenomeni estremi come gli uragani.
La politica, una buona politica, deve tener conto di questa emergenza e dichiarare solennemente (come già hanno fatto alcuni paesi come l’Inghilterra) che siamo in “emergenza ambientale” e che ogni provvedimento o decisione deve esprimere la volontà di superare la primitiva era dei fossili.
I milioni di giovani che seguono Greta Thunberg, proprio su questa ipoteca del loro futuro, non devono limitarsi ai cartelli e alle manifestazioni, ma cominciare ad astenersi da ogni attività che produce gas serra, dimostrando il necessario rigore e testimonianza di una rivoluzione la cui posta in gioco è la vita di milioni di persone.
Paolo De Gregorio


Quota
Sirius
Reputable Member
Registrato: 5 anni fa
Post: 287
 

Macchè milioni, sono trilioni i seguaci della Gretina! Quando esco di casa ormai non riesco a camminare da quanti gretini con i manifesti ci sono!
Idiozie a parte, concordo sulla necessità impellente di passare ad un sistema energetico rinnovabile, sul non inquinare eccetera, non ci sarebbe nemmeno da discutere su questo punto tanto è ovvio.
Il problema sta nel dire che l'inquinamento nostro (aka di noi poveri stronzi che andiamo a lavorare con la panda) causi mutamenti del clima, le microplastiche o la spazzatura non c'entrano una mazza con il clima (lo specifico perchè molti non sono in grado di fare questa semplice considerazione).
Il clima se ne sbatte se c'è la plastica nel mare.
Ed è anche piuttosto ignobile che da tutto questo agitarsi di fascioecologisti non salti fuori neanche per sbaglio un accenno alla geoingegneria che da anni ingabbia i nostri cieli. Quindi segnalo a questi fascioecologisti di leggersi il seguente documento molto dettagliato sulle intenzioni dei governi sul clima, gli stessi governi sotto i quali andate a manifestare chiedendo che dichiarino l'emergenza climatica e che "facciano qualcosa"


RispondiQuota
Maia
 Maia
Prominent Member
Registrato: 5 anni fa
Post: 851
 

LA CO2 NON E’ UN INQUINANTE! E’ UN MATTONCINO DI VITA! http://www.nogeoingegneria.com/tecnologie/carbon-capture/la-co2-non-e-un-inquinante-e-un-mattoncino-di-vita/

Articolo integrale qui LA CO2 COME CAPRO ESPIATORIO E LA VIA VERSO UN ‘MONDO NUOVO’
http://www.nogeoingegneria.com/tecnologie/carbon-capture/la-co2-come-capro-espiatorio-e-la-via-verso-un-mondo-nuovo/


RispondiQuota
Pegaso
Eminent Member
Registrato: 13 anni fa
Post: 44
 

" ... cominciare ad astenersi da ogni attività che produce gas serra" per esempio trattenendo il fiato!


RispondiQuota
MarioG
Famed Member
Registrato: 7 anni fa
Post: 3023
 

I duemila scienziati dell’IPCC, che da decenni, per conto dell’ONU hanno studiato il fenomeno del riscaldamento globale del pianeta, sono in enorme maggioranza d’accordo che la causa siano le emissioni di gas serra [...], mentre per i negazionisti ci sono soldi delle multinazionali petrolifere, con al seguito tutti i media che controllano (e sono quasi tutti di loro proprietà).

Infatti la sentiamo la musica che suonano tutti i media!!!
Roba da matti. Sarebbe capace di dire qualsiasi cosa (e la dice!)


RispondiQuota
Condividi:

I commenti sono chiusi.