Notifiche
Cancella tutti

Ultim'ora: il CDC ammette la diffusione dei vaccini in tutti gli organi

Pagina 1 / 2 Avanti

owonimo
Eminent Member
Registrato: 3 mesi fa
Post: 20
Topic starter  

Segnalo quest'ultima ora. E' il primo passo.

 

https://www.contronews.org/cdc-conferma-accumulo-negli-organi/

La notizia è brevissima, ma di portata gigantesca. Il CDC Americano ha ritratto la smentita con cui negava la diffusione dei componenti dei vaccini COVID19 (e quindi della tossina-proteina Spike) in tutti i tessuti, in tutti gli organi, nelle ovaie.


Quota
Cachafaz
Active Member
Registrato: 4 mesi fa
Post: 8
 

Bene. Ed ecco cosa scrivera' bufale.net, con il loro caratteristico stile. Apertura a tutta pagina con FALSO!

Non e' vero che il cdc americano ha ritratto la smentita con cui negava la diffusione dei componenti del vaccino covid , e quindi della tossina proteina spike, in tutti i tessuti. Non l'ha ritrattata. Solo non scrive piu' nulla in merito.  Quindi la notizia della ritrattazione e' FALSA.


RispondiQuota
Pfefferminz
Estimable Member
Registrato: 6 mesi fa
Post: 242
 

https://t.me/Prohom4you/2764

Aggiungo il link dello studio farmacocinetico della Pfizer n. . 07302048 tradotto dal giapponese in inglese (penso che l'articolo faccia riferimento a questo studio). 

Questo post è stato modificato 2 mesi fa da Pfefferminz

RispondiQuota
cedric
Noble Member
Registrato: 6 anni fa
Post: 1353
 

Tanti anni fa alle scuole medie si insegnava come funziona un vaccino (erano i bei tempi in cui  andava sulla sedia a rotelle per la poliomielite e si moriva allegramente di tetano). Si inietta nel corpo umano qualcosa che simuli un attacco da parte di batteri o virus, poi il sistema immunitario se ne accorge e fabbrica gli anticorpi che attaccano i pochi intrusi (ecco perchè spesso viene la febbre dopo una vaccinazione).

Come bonus track  il sistema immunitario si ricorda degli intrusi e se per caso in futuro arrivano in massa, ad esempio per una infezione vera,  gli anticorpi sono pronti per fare strage degli invasori e spesso per salvare la pelle al malato.

E' quindi normalissimo, anzi necessario, che  la sostanza che simula  l'infezione (batteri morti o indeboliti, proteine virali, tossine depotenziate, ecc), vada in giro il piu'  possibile nel corpo umano. Di solito lo fa attraverso il sistema linfatico, via maestra del sistema immunitario.

Quindi si è solo scoperta l'acqua calda: come avviene per tutti i vaccini (classici o a rna/dna) la proteina spike, che per covid19 è il simulatore di infezione, deve andare in giro per i vari organi.  Perchè non venga detto chiaramente o perchè addirittura  lo stiano nascondendo è obiettivamente un mistero. Magari il CDC americano pensa che troppa gente abbia letto quello svitato di Giovanni e quindi pensi subito al marchio della bestia, in fondo siamo rimasti fondamentalmente agricoltori, anche se con l'iphone e la tesla. Satanasso con la mela (aridaje con la Apple!) è sempre in agguato...

C'è una sola eccezione alla diffusione di una proteina: il cervello è separato dal corpo dalla barriera ematoencefalica che blocca quasi ogni comunicazione fisica (ma non neurale) col resto del corpo (a dire il vero recentemente sono stati trovati microcanali linfatici di accesso al cervello). Se si trovasse la proteina spike anche nel cervello sarebbe un  ottimo indizio di come far arrivare farmaci per curare la degenerazione cerebrale (Parkinson, Alzheimer, SLA, mucca pazza, ecc). O anche un ottimo indizio per come applicare definitivamente all'umanità il marchio della bestia. Da qualche parte Giovanni si sta facendo la solita fumata del pomeriggio.


RispondiQuota
mazzam
Honorable Member
Registrato: 9 anni fa
Post: 597
 

i vaccinati sono intimamente mutanti.

in cosa muteranno non è ipotizzabile ma temo la loro zombificazione a breve.

mi sembra che in Italia siano stati vaccinati circa 40 milioni.

e, nel caso, la domanda è:

i sani non vaccinati, ai quali il destino affida il futuro delle proprie nazioni, avranno munizioni sufficienti?

https://it.wikipedia.org/wiki/Manuale_per_sopravvivere_agli_zombi


RispondiQuota
Pfefferminz
Estimable Member
Registrato: 6 mesi fa
Post: 242
 

@cedric

L'iniezione del vaccino avviene nel muscolo del braccio. Inizialmente si sosteneva che il vaccino sarebbe rimasto nel muscolo, quindi, se avesse causato dei danni, questi sarebbero stati circoscritti al luogo dell'inoculazione. Fu il prof. Bhakdi che invece disse a chiare lettere, che il vaccino sarebbe entrato nel circolo sanguigno e avrebbe potuto raggiungere qualsiasi parte del corpo. Ne parlò già un anno fa, quando iniziò a mettere in guardia sui vaccini. Nel suo ultimo libro inoltre Bhakdi ha precisato che si iniettano sostanze nel muscolo, quando si vuole che queste si diffondano velocemente. A dire il vero, Bhakdi era preoccupato, perché diceva che nei punti dove andrà a finire il vaccino, si sarebbe verificato un attacco da parte del sistema immunitario. Lo studio della Pfizer che ho linkato, ove si mostra che i nanolipidi si diffondono in diverse regioni del corpo, è stato considerato il "testimone principale" da tutti i critici del vaccino. Dapprima si è stabilito che il vaccino andava a finire nelle pareti che rivestono internamente i vasi sanguigni. Essendoci state trombosi nel cervello, il vaccino deve aver superato la barriera ematoencefalica (l'mRNA è incapsulato in materie grasse, i nanolipidi). Ultimamente anche il Prof. Bhakdi ha ammesso che il vaccino ha colpito altri organi, oltre ai vasi sanguigni. Ovviamente per il momento si tratta di ipotesi. 


RispondiQuota
Pfefferminz
Estimable Member
Registrato: 6 mesi fa
Post: 242
 

@mazzam

"i sani non vaccinati, ai quali il destino affida il futuro delle proprie nazioni, avranno munizioni sufficienti?"

Mah! La vaccinazione è in un certo qual modo un test di intelligenza. Fa te. 😉


RispondiQuota
owonimo
Eminent Member
Registrato: 3 mesi fa
Post: 20
Topic starter  

Pfefferminz - La vaccinazione è in un certo qual modo un test di intelligenza.

 

Concordo, il problema e' che se questo test di intelligenza (al contrario) lo passa il 99% facendosi inoculare... sulla terra, entro il 2030-2050, resteranno solo 70-80 milioni di persone, praticamente come all'epoca dell'antico Egitto.

 

Che forse stiano forse per tornare gli dei / padroni / alieni Egiziani, tipo in StarGate? E si preparano quel minimo di manodopera di cui hanno bisogno?


RispondiQuota
cedric
Noble Member
Registrato: 6 anni fa
Post: 1353
 

@pfefferminz

ribadisco che tale dr Bhakdi ha riscoperto l'acqua calda.

 

 

A dire il vero, Bhakdi era preoccupato, perché diceva che nei punti dove andrà a finire il vaccino, si sarebbe verificato un attacco da parte del sistema immunitario

che il sistema immunitario attacchi l'attivatore del vaccino (nel caso in questione la proteina spike) è esattamento quello per cui è progettato qualunque vaccino da Jenner ad oggi. Il sistema immunitario deve attaccare qualunque intruso perchè non sa l'intruso sia una malattia reale o un vaccino. Poi visto che non c'è una infezione reale, il sistema immunitario torna a riposo ma nel frattempo ha scritto nella propria memoria la firma dell'intruso.

Poi si puo' discutere di editing genomico umano (sicuramente possibile e forse pure probabile), di tecnologia CRISP-CASx (chissà perchè nessuno ne parli e cambi discorso ogni volta che  c'è un accenno).

Usare un vaccino ad attivatore genetico su larghissima scala (centinaia di milioni di persone) puo' effettivamente avere effetti inaspettati (cattivi ma magari pure buoni) dopo almeno una decina di generazioni, di certo non in chi lo ha ricevuto di questi tempi. Servono parecche generazioni con accoppiamenti di portatori per riattivare un qualche gene spento e altrettante generazioni con accoppiamenti fra i risvegliati  per renderlo dominante.

Magari si riapre il terzo occhio (quello dei dei serpenti) e fra 2-300 anni (circa 10 generazioni) l'uomo tornerà a rivedere l'infrarosso.

 


RispondiQuota
Pfefferminz
Estimable Member
Registrato: 6 mesi fa
Post: 242
 

@cedric

Sono d'accordo sul fatto che la proteina Spike prodotta dalle cellule in cui è entrato l'mRNA, funga da antigene e che in risposta si formino gli anticorpi. Bhakdi però si riferiva al fatto che le cellule stesse in cui è avvenuto il processo di formazione delle proteine Spike, verrebbero attaccate dal sistema immunitario. Ricordo che si chiedeva come mai i produttori del vaccino non ci avessero pensato. Lui lo spiegava così, in parole povere: l'mRNA, incapsulato nei nanolipidi, entra nelle cellule, poi si forma la proteina che Spike che dovrebbe fuoriuscire dalla cellula. Dopo che ciò è avvenuto, la cellula mette al suo esterno il "pattume" e questo viene riconosciuto dal sistema immunitario che arriva e distrugge la cellula. Bhakdi spiegava  questo meccanismo per concludere che i vaccini su base genica avrebbero provocato reazioni autoimmuni, in cui appunto il sistema immunitario attacca strutture proprie.

Ora confronta i due casi: 1) il vaccino resta in loco, nel muscolo del braccio, sede dell'inoculazione. 2) il vaccino raggiunge potenzialmente qualsiasi parte del corpo, le ovaie, il cervello, ecc.  Se si avranno veramente reazioni autoimmuni (distruzione di cellule), nel secondo caso il danno forse è maggiore.  Non sto parlando dei danni provocati dalla proteina Spike, che, se è veramente una tossina, come pare, farà dei danni di suo. Le reazioni autoimmuni saranno probabilmente malattie a medio e lungo termine, causate dai vaccini. Non mi addentro in eventuali effetti del vaccino sul DNA, anche se c'è chi lo ritiene probabile. 

 

 


RispondiQuota
Pfefferminz
Estimable Member
Registrato: 6 mesi fa
Post: 242
 

@owonimo

"Che forse stiano forse per tornare gli dei / padroni / alieni Egiziani, tipo in StarGate? E si preparano quel minimo di manodopera di cui hanno bisogno?"

Temo che la grande truffa abbia origini terrene e, a quanto pare, a scopo di lucro. Un certo David E. Martin sostiene addirittura che l'obiettivo delle vaccinazioni Covid sia l'introduzione di una tossina (la proteina Spike) nel corpo umano e che coronavirus e relativi vaccini sarebbero già stati brevettati da tempo. Moderna nel marzo 2019 avrebbe aggiunto una frase al suo brevetto del vaccino: valido anche se il virus viene rilasciato di proposito.  


RispondiQuota
cedric
Noble Member
Registrato: 6 anni fa
Post: 1353
 

@pfefferminz

Il nostro sistema immunitario è programmato per distruggere non solo gli estranei ma anche le nostre stesse cellule se vengono  individuate come difettose o vecchie . Si puo' tranquillamente affermare che  nel nostro corpo è in corso una costante, ma limitata e controllata, attività autoimmune (quando tale attività va fuori controllo si ha ad esempio la celiachia o il lupus).

Possiamo anche assimiliare l'attività del sistema immunitario ad una pratica eugenetica interna con metodi da rupe Tarpea: cio' che è imperfetto viene eliminato per non contaminare il resto. Brutale ma efficace.

Tornando al vaccino, quel che attiva il sistema immunitario non è il pattume (?) ma è proprio la  proteina spike perchè viene vista come parte integrante del virus. Chi ha sviluppato il vaccino ha sfruttato il collegamento spike uguale virus  per attivare il sistema immunitario (che ripeto è quello che fanno tutti i vaccini). E' quindi del tutto normale che anche la cellula che ha prodotto la spike venga eliminata dal sistema immunitario (viene vista come imperfetta o malata), ma a ben vedere questo è un bene cosi' si eliminano tutte le cellule che hanno fabbricato una determinata quantità di proteina spike. Non c'è piu' bisogno di loro perchè la memoria immunitaria e' ormai attiva.

Per ultimo la proteina spike è definita tecnicamente "tossina" perchè il suo comportamento è "dannoso" per l'organismo: è un enzima che fa dei buchi nella parete cellulare per consentire al dna/rna dei virus di entrare ed accedere ai ribosomi per farsi clonare.

Tutte queste cose sono ben note e ben chiare non solo agli addetti ai lavori, probabilmente il mainstream ha preferito non dare troppi particolari tecnici, ma  sono cose che, ripeto ancora, si raccontavano nelle scuole già decine di anni fa, e mica solo nelle università. Vedremo che casino ci sarà quando quando il mainstream inizierà a divulgare cosa si sta facendo con CRISP/CASx sui nostri alimenti vegetali ed animali.

 

 


RispondiQuota
Pfefferminz
Estimable Member
Registrato: 6 mesi fa
Post: 242
 

@ Cedric

"E' quindi del tutto normale che anche la cellula che ha prodotto la spike venga eliminata dal sistema immunitario (viene vista come imperfetta o malata), ma a ben vedere questo è un bene cosi' si eliminano tutte le cellule che hanno fabbricato una determinata quantità di proteina spike."

Quello che Bhakdi definisce "pattume" è una sorta di segno di riconoscimento indirizzato al sistema immunitario, per comunicargli che in quella determinata cellula è avvenuto qualcosa (ad esempio è entrato un virus). Bhakdi usa il linguaggio figurato per farsi capire dai non addetti ai lavori.

Tu dici che è del tutto normale che la cellula che ha prodotto la Spike venga eliminata. Bhakdi ha descritto il fenomeno come una catastrofe. 

Bhakdi ha detto che nel vaccino su base genica ci sono miliardi di unità di mRNA che, incapsulati nei nanolipidi, si riversano nel circolo sanguigno, destinazione ignota. E sarebbe normale che le cellule "destinatarie", ad esempio nel cervello,  vengano distrutte? 

 

 

 

Questo post è stato modificato 2 mesi fa da Pfefferminz

RispondiQuota
cedric
Noble Member
Registrato: 6 anni fa
Post: 1353
 

Ma il buon Bhakdi lo sa di essere diventato il nuovo nazzareno che diffonde il logos nel mondo? E poi ci si meraviglia di ottocento milioni di persone che credono ad un palestinese che duemila anni fa raccontava che il suo regno era di un altro mondo....

Ad ogni modo piu' che una discussione su come funziona un vaccino (da quello della poliomielite a quello del covid) stiamo passando ad una lezione di biologia elementare. Quasi quasi mi faccio pagare, magari con un baratto, cosi' non debbo neanche emettere fattura (lo so, lo so che dovrei autofatturarmi per essere un bravo cittadino)

Prendiamo un testo destinato agli studenti, la fonte è Zanichelli (editore parruccone e mainstream, ma affidabile)
https://archivioscienze.scuola.zanichelli.it/in-evidenza/2011/02/28/morte-e-rinnovamento-cellulare/

 Estrapolo i punti che ci interessano , il resto lo si legga come compito (facile) a casa.

 

...
In un essere umano adulto ogni giorno muoiono dai 50 ai 100 miliardi di cellule. In un anno la massa delle cellule ricambiate è pari alla massa del corpo stesso. Ma in un organismo, non tutte le cellule hanno la stessa durata di vita: in un corpo umano le cellule della pelle vivono in media 20 giorni, quelle dell’intestino 7 giorni, i globuli rossi 120 giorni, quelli bianchi 2 giorni e le cellule neuronali e muscolari per tutta la vita
...
Una cellula che si avvia alla morte modifica la sua struttura entro un ventaglio di variabili limitate; per questo motivo, sono state descritte principalmente tre modalità di morte cellulare: necrosi, apoptosi ed autofagia
....
L’apoptosi tuttavia non viene sempre decisa dalla cellula stessa, a volte se ne occupano le  cellule naturali Killer linfociti [di tipo T-NK]  che controllano lo stato di salute delle cellule nei diversi tessuti. Nel caso in cui la cellula incontrata da una Natural Killer presenti uno stato anomalo (es. l’infezione di un virus o la trasformazione in cellula tumorale) il linfocita rilascia una serie di fattori inducendo l’apoptosi nella cellula sottoposta a controllo.
...

Quindi sì,  è del tutto normale, visto che ogni giorno muoiono la bellezza di almeno 50 miliardi di cellule. E passiamo al cervello dove ci sono grosso modo 75 miliardi di cellule che effettivamente non muoiono  e non si rigenerano. Ipotizziamo che  una parte del vaccino riesca ad arrivare alla barriera ematoencefalica prima di essere fatte secca dai linfociti (la via linfatica è esclusa perchè pullula di linfociti). Ipotizziamo pure che un parte degli arrivi riesca a passare la barriera ed entri nel cervello. Facciamo due conti partendo dai dati del Messia Bhakdi.

Dieci miliardi di unità entrano nel braccio. Stimiamo che 100 per milione (siamo generosi!) arrivino alla barriera, ne sono 1.000.000. Riescono a passare la barriera altri 10 per milione (stime scientifiche di attraversamento reale) e entrano 10 nella nostra testolina. Un 10 per cento riesce a trovare un neurone per generare la spike (tasso medio di successo reale) ed  abbiamo una singola cellula che piscia un po' di spike. Ora siamo pessimisti come gli ingegneri che usano i coefficienti di sicurezza per i ponti e moltiplichiamo almeno per cinque, anzi facciamo per dieci: sono comunque 10  neuroni che pisciano spike e che dureranno al massimo un paio di giorni. Dieci cellule su 75 miliardi e siamo stati larghi. E' come se un singolo  essere umano sui sette miliardi che stanno sul pianeta si mettesse a cagare monete d'oro. Pare che in effetti ce se ne sia uno in brianza....

Fanno piu' danni al cervello le centinaia di migliaia di piste di coca che professionisti e sciure annoiate sniffano allegramente ogni settimana, giusto ieri hanno fermato un veneto(!) con 170 chili di cocaina nella panda. Ma quanto c***o sniffano questi? Ma non arriva mai un messia, anzi un savonarola, per le baldraccone fatte di coca  e per gli evasori col doppiopetto?

 

Ora  non commenterò più il verbo del novello messia che salverà l'umanità (un presunto messia ci è già bastato ed avanzato) Non ho alcuna speranza nel proporre prospettive diverse e poi non è che mi interessi più di tanto. Però è stata una discussione interessante!


RispondiQuota
Pfefferminz
Estimable Member
Registrato: 6 mesi fa
Post: 242
 

@cedric

  (minuto 4:34)

Questo è il video in cui il prof. Bhakdi spiega il meccanismo secondo il quale i linfociti killer con ogni probabilità attaccheranno le cellule che hanno prodotto la proteina Spike, definendolo reazione autoimmune, con 667.000 visualizzazioni che, sommati ai milioni di lettori che hanno comprato i suoi due best seller, fanno, per Cedric, altrettanti coglioni che non conoscono l'abc della biologia. 


Cachafaz hanno apprezzato
RispondiQuota
Pagina 1 / 2 Avanti
Condividi:

I commenti sono chiusi.