Notifiche
Cancella tutti

Strategie di guerra: inibizione (del nemico)  

  RSS

GioCo
Noble Member
Registrato: 12 anni fa
Post: 1096
31 Maggio 2020 , 22:59 22:59  

Sono stufo arcistufo di sentire troppe cose che non hanno coerenza, non ci raccontano niente che sia coerente e quindi non ci permettono di uscire dallo stato di coma sociale in cui ci troviamo.

Ho scritto molte volte che questo virus è un arma da guerra, chiunque provi a dire che non è vero se ne deve assumere la totale responsabilità storica. Sempre che non sia pagato per farlo ovviamente, perché l'evidenza evidente e talmente fuori da ogni discussione che c'è solo una spiegazione possibile: se non lo vedi, non lo vuoi vedere.

Tanta è la paura e quindi tanta è la volontà di non vedere che si tratta di un arma da guerra. Ma le reazioni cinesi con l'esercito distribuito sul perimetro a sparare sui civili se uscivano da Wuhan, non ci possono lasciare dubbi, spece mentre agli stessi veniva consentito di fare i turisti ma non in Russia che invece chiudeva tutti i suoi confini senza che la Cina sollevasse il problema, in Italia dove i diplomatici cinesi protestavano quando contemporaneamente alla chiusura dei confini russi si è tentato di chiudere gli aeroporti nostrani e infatti gli aeroporti non sono stati chiusi e i turisti Cinesi affluivano incontrollati fino quando non sono stati ricoverati nei nostri ospedali dopo aver girato tutta l'Italia. Se non è un palese, plateale, evidente tentativo di infettare con un arma da guerra un paese potenzialmente ostile e alleato della NATO che la stessa difesa cinese considera (insieme a quella turca per la contesa delle fonti di energia in teatro libico) "ventre molle del fronte europeo", di cosa si tratta?

Niente, nessuno ne parla. Allora stufo, arcistufo che l'evidenza evidente venga violentata sistematicamente in questo modo, consiglio caldamente ai 4 gatti di questa riserva indiana, di andarsi a leggere questo articolo QUI.

In particolare la frase di chiusura: L’elemento vincente, negli scenari di crisi odierni, è che a tutti i livelli (dal soldato in teatro operativo alla dirigenza politica) deve essere ben chiaro che la chiave della vittoria risiede nell’utilizzo di tutte le risorse disponibili, anche non militari, al fine di poter obbligare l’avversario a combattere al di fuori dei propri schemi.

Impariamo a capire la logica sottostante. Per favore, prima di sparare qualsiasi MINCHIATA, impariamo a capire come è evoluta la guerra negli ultimi decenni (perché è strutturalmente MOLTO evoluta e non ha più niente a che vedere con nessuno schema pregresso) e coerentemente per ciò come sono portate avanti oggi in funzione di questa evoluzione le strategie politiche sui vari scenari di confronto internazionali e ovviamente anche nel nostro paese.

Poi vi invito a leggere attentamente questo altro articolo QUI che apparentemente non centra molto. Tratta la definizione di Controllo Inibitorio secondo la psicologia.

In particolare (di nuovo) la frase: Nello scenario scientifico internazionale degli ultimi 30 anni, ha assunto particolare rilievo, nello studio delle capacità di controllo inibitorio dei bambini in età prescolare, il paradigma del “ritardo della gratificazione”. Il ritardo della gratificazione (o delay of gratification) richiama quanto esposto sopra e si riferisce alla capacità di ritardare una gratificazione immediata con lo scopo di ottenere una gratificazione più grande nel futuro.


Ora uniamo i puntini. Il covid non può essere sfruttato come arma da guerra se non segue il paradigma del ritardo della gratificazione, applicato ai bambini (noi quando non vogliamo ragionare) cioè se non segue la riapertura. Ma la minaccia deve rimanere funzionale alla necessità operativa dell'obbiettivo militare sottostante. Quindi la domanda che dovremmo porci se fossimo minimamente attrezzati per farlo a livello intellettivo, dovrebbe essere: qual'è questo obbiettivo militare?

Così forse smettiamo di riempirci la testa di ca%%ate col botto tipo deep state, Trump che ci salva, Colao che guida la ripartenza, Conte avvocato del popolo, Salvini problema di questo paese o tutto l'altro treno di amenità ripetute allo sfinimento, del tutto inaccettabili persino per il Male che si vorrebbe rappresentino queste stesse amenità, non tanto perché false ma perché presentate come assolute e svincolate da tutto il resto.

Poi avremmo chiaro forse perché inizieranno presto, forse prima della fine di quest'anno a parlare  cannoni e bombe. Serviranno per mettere una pietra tombale definitiva su tutte queste fesserie.

Se poi volete diventare proprio carbonari dichiarati, perché ormai siete lanciati su questa dura china, consiglio questo approfondimento QUI (con allegato specifica su cos'è una classe PPA) e questo QUI. Ovviamente noi non sappiamo se Starlink ha anche queste funzioni di intercettazione, ma a pensar male di solito ci si azzecca. Soprattuto quando Focus ci dice che il problema più grande è che la flottiglia di lavatrici SpaceX di Elon Musk potrebbe creare grane agli osservatori astronomici. Ecchissenefotte, possiamo aggiungere noi, no?

Questa discussione è stata modificata 1 mese fa 9 tempo da GioCo

esca hanno apprezzato
Quota
Primadellesabbie
Famed Member
Registrato: 9 anni fa
Post: 4164
1 Giugno 2020 , 9:26 9:26  

Le irriducibili diatribe che si accompagnano alla diffusione capillare ed ossessiva della cultura scientifica hanno stregato l'umanità producendo la visione esistenziale più intollerante che si sia fin qui immaginata.

Non è dato sapere fin dove si spingerà la tendenza avversa all'esistenza umana che si è servita di quest'arma irrituale, dopo essere riuscita ad irretire il mondo intero imponendo la necessità di gestire le conseguenze di un virus influenzale.

Lo strato di satelliti e detriti che circonda la Terra (mi riferisco ad uno dei link suggeriti), che sta per essere incrementato da "reti" di satelliti che confonderanno la lettura del cielo, formalizza il simbolico isolamento cosmico consono ai progetti in corso.

Questo post è stato modificato 1 mese fa 2 tempo da Primadellesabbie

RispondiQuota
Condividi: