Notifiche
Cancella tutti

Carlo Palermo esplosivo. P2, Rosacroce, governo mondiale. Nomi e cognomi


Tashtego
Honorable Member
Registrato: 9 anni fa
Post: 645
Topic starter  

A mio modo di vedere da mettere in prima pagina.


Cristoduli, Hospiton e danone hanno apprezzato
Quota
dallafleidars
Active Member
Registrato: 2 mesi fa
Post: 9
 

Agli inizi degli anni 90, avevo 20 anni, Carlo Palermo passò alcune serate nella taverna di casa mia, la scorta uno o due poliziotti rimanevano in soggiorno con me a guardare la tv. Al tempo consigliere provinciale, nella Rete se non sbaglio, appoggiò un piccolo comitato di cittadini che si opponevano ad una bretella stradale senza senso. Gli ingegneri megalomani avevano previsto addirittura un tunnel subalveo che sbucava proprio nel mio vigneto.

Incredibilmente un piccolo gruppo di cittadini ben coesi ha fermato la variante prevista con gli appalti già assegnati e tutta la politica territoriale e provinciale favorevole.

Inutile dire che per anni ne abbiamo subito le conseguenze.

Grande Carlo Palermo.


Cristoduli e Hospiton hanno apprezzato
RispondiQuota
Primadellesabbie
Famed Member
Registrato: 10 anni fa
Post: 4687
 

Notevole testimonianza scandita dal rigore con cui sono pesate le parole e dall'impegno di rimanere nell'ambito professionale, pur dovendo trasmettere un messaggio che va ben oltre le aule giudiziarie, l'appello finale svela la conoscenza e lo spessore dell'uomo. 


Cristoduli e Hospiton hanno apprezzato
RispondiQuota
Cristoduli
Eminent Member
Registrato: 4 mesi fa
Post: 28
 

Anche a me ha fatto molta impressione questa intervista, e la conoscenza di quest'Uomo che conoscevo solo di nome. Ciò che dice - nelle grandi linee - mi era noto. Ciò che mi ha fatto impressione è rendermi conto che finora è l'unica persona che, avendo appreso nel corso di tanti anni e ricerche cose inaudibili, abbia mantenuto la sua purezza, la sua capacità di scandalizzarsi, di impressionarsi, di impaurirsi anche, di fronte all'enormità nel tempo e nello spazio del disegno criminale di cui stiamo ora iniziando a patire l'esecuzione. Perchè è certo, anche non sapendolo, ma per semplice probabilità logica, che molte altre persone si saranno imbattute in dettagli, eventi, persone, nel corso di - come correttamente dice lui alla fine - le ultime migliaia di anni (capiamo cosa significa!), ma quanti di questi hanno continuato pervicacemente a indagare, a raccogliere documenti, a cercare di capire i collegamenti, come ha fatto quest'uomo, ancora con la capacità di stupirsi a 80 anni nel trovare il "tesoro", quel documento allegato agli atti del processo sulle logge massoniche e semplicemente ignorato, in cui ha trovato le conferme, di pugno dei soggetti stessi, di anni di sue ricerche? Semplicemente, nessuno, tutti si sono adeguati, o affiliati, o defilati. Per questo per me la statura morale, etica e spirituale di quest'Uomo è sbalorditiva.

Grazie per aver postato questo video, che, tra l'altro, se ci pensiamo bene, mette la parola fine a tutte le analisi, discussioni, sull'efficacia o meno di una qualunque delle iniziative politiche attuate in senso anticovid. Un disegno criminale di questa portata non lascia alcuno spazio alla fiducia che i "credenti" hanno messo nelle iniziative e misure del ghoverno, come in altro modo ha ben sottolineato MatteoGracis nel video postato credo da Gio.co - grazie anche a te! -


Hospiton hanno apprezzato
RispondiQuota
Hospiton
Trusted Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 84
 

Palermo sempre lucido e puntuale, segnalo anche quest'intervista

Non stupisce che abbiano tentato di assassinarlo dopo soli 50 giorni dal suo arrivo alla procura di Trapani, che per quanto riguarda il quadro mediterraneo è una città chiave dal punto di vista logistico-militare, con riferimento alle complesse strategie di controllo cui fa riferimento l'ex magistrato (che si fece trasferire in Sicilia 2 anni dopo l'omicidio del giudice Montalto, con cui stava collaborando nell'ambito di un'inchiesta sul traffico di stupefacenti, forse all'epoca non ne erano del tutto consapevoli ma stavano raschiando la parte più superficiale di un verminaio di dimensioni inconcepibili). Trapani centro nevralgico dicevo, infatti vi si trovava il cosiddetto Centro Scorpione

https://it.wikipedia.org/wiki/Centro_Scorpione

nel suddetto centro operò il maresciallo Li Causi, membro dei Servizi ufficialmente ucciso in Somalia nel 1993, la cui eliminazione fu collegata a quella della giornalista Ilaria Alpi. Si entra nel campo minato, traffico d'armi, rifiuti, coinvolti personaggi innominabili, innumerevoli episodi mai risolti:

  • il caso Rostagno;
  • l'abbattimento dell'elicottero della Finanza, il Volpe 132, avvenuto il 2 marzo 1994 a largo di Capo Ferrato, presso Muravera, mentre seguiva una nave sospetta, probabilmente il mercantile Lucina;
  • i 7 marinai italiani sgozzati la notte tra il 6 e il 7 luglio 1994 proprio a bordo del mercantile Lucina, mentre la nave era attraccata nel porto algerino di Djen Djen (l'imbarcazione in quel momento era utilizzata dall'imprenditore Cellino, all'epoca proprietario della SEM Molini Sardi e noto certamente a chi segue la scena calcistica in quanto ex presidente del Cagliari); 

https://www.pensolibero.it/2016/03/13/leccidio-del-lucina/

Da evidenziare la vicenda di Gaetano Giacomina, collegato a Gladio, scampato al massacro algerino poiché in licenza a Cagliari e poi deceduto in circostanze mai chiarite a Capo Verde nel 1998

https://ricerca.gelocal.it/lanuovasardegna/archivio/lanuovasardegna/2001/09/04/SL401.html

ed ancora l'assassinio a Livorno nel 1995 dell'incursore del Col Moschin Marco Mandolini, probabilmente legato al summenzionato Li Causi ed a varie basi dei Servizi come Trapani e Capo Marrargiu in Sardegna

https://www.antimafiaduemila.com/home/mafie-news/254-focus/83310-da-gladio-ai-traffici-di-armi-in-somalia-i-misteri-dietro-la-morte-di-marco-mandolini.html

Possibile che anche la faccenda della Moby Prince si inserisca in tale contesto, si tratta di fatti avvenuti in anni cruciali per le sorti dell'Italia, dell'Europa e non solo, dato che nel triennio 1989-1992 si susseguono macroeventi quali il crollo del Muro, la fine del Comunismo, Desert Storm, Maastricht, il Britannia, l'inizio di Tangentopoli, gli attentati a Falcone e Borsellino. Insomma un ginepraio, i cui accadimenti meno noti al grande pubblico sono ben delineati in un libro che ho già citato in passato, "Rapporto Medusa" di Germana Von Dohnanyi, che segue sostanzialmente gli stessi percorsi investigativi di Palermo, anche se l'ex magistrato pian piano ha esteso il suo raggio d'azione, come si evince dal video pubblicato da Tashtego (e dalla lettura del volume "La Bestia", per il momento l'unico che ho consultato tra quelli scritti dal giudice campano). Il quadro cui abbiamo accennato è drammatico e parliamo solo di un assaggio dello scenario mediterraneo, possiamo immaginare cosa avvenga a livello globale.


dallafleidars e Primadellesabbie hanno apprezzato
RispondiQuota
Hospiton
Trusted Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 84
 

Per chi fosse interessato alla vicenda del Volpe e del Lucina (fatti che possono costituire un punto di partenza per analizzare l'intero scenario) inserisco anche un link che rimanda all'ottimo sito Omissis, contenente articoli particolareggiati e ricchi di informazioni

https://www.omissisedz.info/2019/05/volpe132-lucina-gladio-ustica-sarda.html

nell'articolo vengono citate altre morti sospette legate a quel torbido periodo, ad esempio quella di Mario Ferraro 

https://www.omissisedz.info/2018/07/mario-ferraro-perche-uccidono-luomo-dei.html

e da Ferraro si arriva alla storia del magistrato Paolo Adinolfi, scomparso nel nulla a Roma il 2 luglio 1994, e così via, una strage consumatasi in silenzio, mentre l'opinione pubblica italiana veniva distratta sapientemente tra lanci di monetine e discese in campo.


dallafleidars hanno apprezzato
RispondiQuota
Condividi:

I commenti sono chiusi.