Notifiche
Cancella tutti

Resistenza Passiva: l'esempio dell'Halloween Pub


GioCo
Noble Member
Registrato: 13 anni fa
Post: 1416
Topic starter  

C'è stato un vero putiferio attorno a questo locale bolognese (QUI) e non capivo perché nonostante la sentenza che annullava la chiusura (e i sigilli) per reato penale di epidemia colposa (giustamente ritenuta assurda perché è contestabile solo il reato amministrativo) pare sia ancora sigillato e recentemente il 26 marzo i proprietari forzando i sigilli com'è loro diritto, sono stati di nuovo denunciati dai tutori dell'ordine intervenuti sul posto (QUI). Insomma, dato che la loro battaglia l'hanno portata avanti da ottobre del 2020 con il supporto della clientela che ne ha fatto una specie di bandiera rivoluzionaria, di fatto questa persecuzione insensata è (simbolicamente) IL braccio di ferro tra esercenti e governo attualmente in corso che avrebbe dato il via al movimento #ioapro.
 
Naturalmente non ho conferme, lascio solo questa interessantissima testimonianza QUI e invito CDC ad approfondire la faccenda (dal momento che mi pare venga dato risalto all'aspetto occupazionale) che mi sembra più che interessante. Se risultasse confermato gli andrebbe data certamente l'attenzione che merita. Sarebbe poi bello chiamare i protagonisti (i proprietari) e dargli voce raccogliendo la loro testimonianza diretta, magari in un video.
 
Se poi qualcun altro può arricchire queste notizie, ben venga...
 
Lascio come appunto una serie di video. La cosi detta "aggressione" al cronista di repubblica mentre la polizia era presente in modo massiccio e ha palesemente lasciato che il cronista venisse aggredito da alcuni clienti senza intervenire nemmeno verbalmente dal momento che erano preoccupati SOLO di perseguire il proprietario, mentre chiedeva gentilmente al cronista di spegnere la videocamera. Stranamente il cronista non ha richiesto di essere difeso dagli agenti durante l'aggressione ma ha pensato bene di scappare, perché evidentemente aveva la coda di paglia.
Poi Sanfilippo Angelo il cliente "aggressore" che risponde al cronista Valerio Lo Muzio di repubblica (il video-articolo QUI di repubblica) ci dice che non è stato affatto corretto come dice il quotidiano, non si sarebbe infatti nemmeno presentato come giornalista e ha rispreso senza chiedere il consenso, per questo è stato poi aggredito:
In ultimo l'intervento MOLTO MASSICCIO di polizia e carabinieri per forzare la chiusura del locale lo scorso gennaio:
 

Quota
Condividi:

I commenti sono chiusi.