Notifiche
Cancella tutti

Manette e galera per tutti...un momento! Non per mio figlio!


PietroGE
Famed Member
Registrato: 6 anni fa
Post: 3492
Topic starter  

https://genova.repubblica.it/cronaca/2021/04/19/news/beppe_grillo_mio_figlio_non_e_uno_stupratore_se_lo_era_perche_p_non_lo_avete_arrestato_subito_-297101223/?ref=RHTP-BH-I293269148-P1-S1-T1

Beppe Grillo: "Mio figlio non è uno stupratore. Allora arrestate me"

Sfogo social del fondatore del M5S: "Il video dimostra che era un rapporto consensuale". L'accusa dei pm però è durissima: "Tenuta per i capelli e costretta ad avere rapporti sessuali". Prime reazioni: Botta e risposta Boschi - Taverna, "Beppe Vergonati" e di rimando "Sciacalli"

.............................................................................................................................................................................................

Ci sarebbe poco da dire su questa vicenda di cronaca se non per il fatto che ancora una volta compare il costume italico di condannare gli altri e assolvere se stessi e la propria famiglia, segno evidente che ai principi non crede più nessuno, né all'indipendenza della magistratura. Solo qualche nota :
-Quelli che, come Grillo, i 5S e gli scribacchini di regime da 2O anni e più sventolano manette per tutti ora si scoprono garantisti. Durante tangentopoli bastava un avviso di garanzia e il tipo era già condannato definitivamente dal tribunale mediatico. Ora manifestano comprensione per il dolore del padre e si affidano alla 'notoriamente' giusta magistratura. Il grido alle accuse contro Berlusconi era : Buffone, fatti processare! Come cambiano le cose! Chissà come sarebbe stato il video di Grillo se fosse stata stuprata sua figlia.
-C'è però anche un riscontro politico. Per anni Grillo aveva apostrofato la sinistra come Pdioti, dopo la storia dello stupro è stato lui a portare i 5S a diventare la ruota di scorta del Pd, rinnegando tutto quello che c'era da rinnegare. Si aspettava in cambio dalla magistratura (che lui sa bene essere) di sinistra il non luogo a procedere. Al momento è stato deluso. Se si allinea ancora al Pd...chissà, forse arriverà una sentenza di assoluzione.

Questa discussione è stata modificata 2 settimane fa 2 tempo da PietroGE

Quota
uomospeciale
Honorable Member
Registrato: 10 anni fa
Post: 738
 

Aldilà della faccenda della quale mi interessa ben poco, credo che gli uomini dovrebbero imparare da queste ed altre esperienze iniziando ad essere molto più prudenti e guardinghi, ogni volta che si trovano ad avere a che fare con una donna.

Anzi direi che ormai è meglio evitare ogni approccio a prescindere.

Ormai noi uomini occidentali con le leggi che ci ritroviamo, siamo tutti colpevoli fino a prova contraria, e siamo tutti con un piede in galera salvo prove schiaccianti, ( meglio se video ) della nostra innocenza.

Troppo pericoloso, meglio una sega e via.... Problema risolto.

Non rischi niente, non spendi niente, non devi andare da nessuna parte né sei tenuto a dover sostenere il prezzo morale/materiale della relazione.

Un prezzo che con le donne di oggi è sempre più elevato e in continua ascesa, Insomma non ne vale proprio più la pena, son solo problemi e basta.


oriundo2006 hanno apprezzato
RispondiQuota
PietroGE
Famed Member
Registrato: 6 anni fa
Post: 3492
Topic starter  

Io però avevo messo questo post per i risvolti politici che i media manistream non possono e non vogliono analizzare, tutti concentrati sul lato umano e criminale della faccenda. Grillo è avvelenato perché dopo tutto quello che ha fatto per il Pd e la sinistra si aspettava un trattamento di favore da parte dei magistrati, cosa che, almeno per il momento, non si è vista. La svolta verso il governo giallo rosso e l'alleanza con il Pd c'è stata subito dopo i fatti relativi allo stupro. Grillo è stato il solo che ha trascinato i 5S ad una alleanza strategica con il Pd, tutti gli altri big dei 5S erano contrari. Grillo ha, infatti, preso nota del trattamento che la magistratura aveva e ha riservato a Salvini e ne ha tratto le conclusioni : per salvare suo figlio era necessario che il Mov diventasse le ruota di scorta del Pd. 


RispondiQuota
Holodoc
Estimable Member
Registrato: 6 anni fa
Post: 114
 

@pietroge

Tutti i leader 5S contro l'alleanza con il PD? Ma se Fico ha la doppia tessera da una vita...


RispondiQuota
PietroGE
Famed Member
Registrato: 6 anni fa
Post: 3492
Topic starter  

Lui va bene, è sempre stato pro Pd, Di Maio e gli altri no. Il partito di Bibbiano veniva attaccato giorno e notte. C'è voluto tutto il potere di convinzione di Grillo per fare una alleanza strategica con il Pd, alle regionali e comunali infatti nessuno dei 5S di voleva alleare con il Pd. L'artefice unico, con la ciliegina sulla torta di Conte come capo dei 5S, di questa svolta a sinistra è stato solo lui. Fico non lo avrebbe ascoltato nessuno tranne i pochi seguaci.


RispondiQuota
fiurdesoca
Trusted Member
Registrato: 5 anni fa
Post: 58
 

che sia un messaggio a tutti i politici? da ora in poi non contate più un cazzo e neppure un po' di riconoscenza vi meritate?


RispondiQuota
oriundo2006
Noble Member
Registrato: 12 anni fa
Post: 2384
 

Ma è solo un modo di tenere ricattati i 5 stelle al governo Draghi: basta tenere uno al vertice sotto schiaffo ( che perdura da due anni...quando in casi del genere la rapidità è d'obbligo per tante e tante ragioni ): la prima mancanza di riguardo è della magistratura verso la vittima. Guardate il tizio della 'terrazza sentimento': in galera dopo due minuti. E che cazz...Dunque Grillo è un pusillanime incapace di far capire al figlio ( delinquente anche se innocente...) quel poco di regole che sopravvivono oggi, la prima è non fare str. e se devi proprio levarti lo sfizio lo fai in disco con tutte quelle squinzie che non aspettano altro, non con un 'brava ragazza' dalla testa alquanto vuota, femmine le altre su cui tu ti presenti come il figlio di '..' e hai un pass non indifferente per circuire a comando: e quello LO VOGLIONO ... mentre le due assai meno. E grillone che fa una figura da ... grullo non capendo che non dai libertà totale ad un tipo che posta str. a destra e manca sui social credendosi chissà che: una bella avvitata serve eccome in certi casi. Proprio se vuoi bene ai giovani devi far sentire la voce della realtà e del rispetto. Ma non ne è capace, nè in casa nè in politica. Il tramonto di un personaggio che poteva davvero resuscitare e agglutinare tante energie che diversamente si perdono, anzi si sono già perse. 

@Uomo Speciale: la tua soluzione pò andar bene a chi ha più di sessanta\settanta anni. E cmq non arrendiamoci: femmine intelligenti e sensibili ce ne sono eccome. 

Questo post è stato modificato 2 settimane fa da oriundo2006

RispondiQuota
PietroGE
Famed Member
Registrato: 6 anni fa
Post: 3492
Topic starter  

La cosa, cioè il lato  politico della vicenda è ormai di dominio pubblico, con interrogativi, non nuovi, ma sempre sconfortanti per chi ancora crede che l'Italia sia una democrazia. Prendo l'articolo dal sito dei massoni (il Pds sarà felice!) quando anche loro si domandano che fine ha fatto la magistratura italiana vuol dire che siamo al marcio totale :

https://www.libreidee.org/2021/04/grillo-illuso-e-beffato-passato-col-pd-per-salvare-il-figlio/

Grillo illuso e beffato, passato col Pd per salvare il figlio?

La politica italiana appesa alle gesta erotiche, forse lecite e forse no, del giovane Ciro Grillo? Il possibile “stupro di gruppo” in Costa Smeralda, nell’estate 2019, ha davvero cambiato l’agenda parlamentare e governativa del paese? «Ora Beppe Grillo dovrebbe fare un altro video, stavolta per dirci tutta la verità sulla ipotetica trattativa dietro all’indagine per il presunto stupro imputato al figlio Ciro: qualcuno gli aveva forse promesso che il ragazzo se la sarebbe cavata con poco, se lui avesse mollato Salvini per dar vita al governo Conte-bis con il Pd?». Ai microfoni di “Forme d’Onda“, con Rudy Seery e Stefania Nicoletti, è il giornalista Gigi Moncalvo a riprendere l’interrogativo formulato a caldo da Paolo Becchi nel libro “Ladri di democrazia”, ovvero “La crisi di governo più pazza del mondo” (Historica Edizioni). Ovvero: c’è un nesso, tra la disavventura giudiziaria del figlio di Grillo – tuttora, solo indiziato – e lo stupefacente “ribaltone” dei 5 Stelle, che lasciarono la Lega per allearsi con l’odiato Pd, subito dopo gli eventi sardi finiti sotto la lente dei magistrati?

Nel video che ha fatto discutere l’Italia – dice Moncalvo – è come se Grillo, attaccando gli inquirenti, in realtà se la prendesse soprattutto con chi, forse, gli aveva indebitamente promesso “un occhio di riguardo” nei confronti del figlio se il leader dei 5 Stelle avesse accettato di far cadere il governo gialloverde. Non solo: «E’ stata notevole la durata delle indagini: nel frattempo, Grillo ha accettato anche di “ingoiare il rospo” del governo Draghi, e persino di allearsi, quindi, con lo “psico-nano” Berlusconi». La sua di oggi, dice Moncalvo, sembra la rabbia di chi si scaglia contro chi non è stato ai patti. Qualcuno gli ha forse fatto promesse “impossibili”, per poi – appunto – disattenderle? Se questa ipotesi fosse sensata, benché aberrante (ma siamo pur sempre nell’Italia del “sistema-Palamara”, che l’ex capo dell’Anm ha illustrato nel libro di Alessandro Sallusti), Moncalvo si interroga: è possibile che dell’ipotetica “mediazione” si fossero occupati esponenti politici al massimo livello, come l’allora ministro della giustizia (il grillino Bonafede) e magari qualche dirigente del Pd, vicino alla magistratura?

E’ solo un’ipotesi, chiarisce Moncalvo: però almeno spiegherebbe la “schizofrenia” politica dei 5 Stelle e il vibrante risentimento dello stesso Grillo. Poi, comunque, chiosa il giornalista, in ogni caso la Procura di Tempio Pausania ha tirato dritto per la sua strada, arrivando a formalizzare la chiusura delle indagini: e l’agitazione di Grillo pare confermare l’imminente rinvio a giudizio dell’irrequieto Ciro, insieme ai suoi tre coetanei coinvolti nella “notte brava” per la quale sono stati denunciati da una ragazza, la loro presunta vittima. «Dobbiamo comunque essere grati a Grillo per una cosa», aggiunge Moncalvo: «Ha finalmente sbugiardato e disinnescato quel quacquaracquà di “Giuseppi” Conte, un leader di cartone che è stato mandato al macello». Per Moncalvo, l’ex premier «non conta niente, non serve a niente, non riuscirà mai a fare il leader del Movimento 5 Stelle, e con le sue parole democristiane in cui dà un colpo al cerchio (”capisco il dramma del padre”) e uno alla botte (”Grillo ha sbagliato, nel dire che ha ragazza ha aspettato otto giorni, prima di denunciare”) ha dimostrato di essere lì solo per i suoi fatti personali, per cercare di stringere un’alleanza – personale, sottolineo – con il Pd».


RispondiQuota
uomospeciale
Honorable Member
Registrato: 10 anni fa
Post: 738
 
Postato da: @oriundo2006

@Uomo Speciale: la tua soluzione pò andar bene a chi ha più di sessanta\settanta anni. E cmq non arrendiamoci: femmine intelligenti e sensibili ce ne sono eccome. 

Sensibili no questo non cambia di una virgola del fatto che oggi, grazie alle leggi che ritroviamo un po in tutto l’occidente, ogni volta che ti relazioni con una donna rischi grosso.

Perché ormai in quanto uomo la tua innocenza non dipende né da quello che fai, né dal quello che volevi fare, ma solo e soltanto dal giudizio di lei.

Da quello che lei ritiene che tu abbia fatto o abbia tentato di fare.

E se a te sta bene doverti relazionare con donne che a loro insindacabile giudizio e senza alcuna prova oltre alla loro parola, magari pure a distanza di anni, possono decidere di rovinarti la vita dicendo che quello che c’è stato tra voi è stata violenza pure se al momento erano pienamente lucide e consenzienti, fa pure.

Io di rischiare la reputazione,  la rovina economica, o il carcere per una scopata non ci penso proprio, se la tengano pure finché fa i vermi.

Ripeto, meglio una sega.


RispondiQuota
Condividi:

I commenti sono chiusi.