Notifiche
Cancella tutti

Genova, era in una Casa di Riposo e non in RSA l' anziana deceduta dopo essere stata vaccinata con l' antiCovid Pfizer


marcopa
Illustrious Member
Registrato: 12 anni fa
Post: 7607
Topic starter  

http://lecorvettedellelba.blogspot.com/2021/01/genova-era-in-una-casa-di-riposo-e-non.html

Mercoledì 6 gennaio è deceduta a Genova una anziana di 89 anni che il giorno prima aveva ricevuto la prima dose del vaccino anti Covid Pfizer.

Il quotidiano La Stampa scrive che la donna era ospite della RSA San Giovanni di Genova.

Ma facendo una ricerca sul web non troviamo una RSA San Giovanni a Genova ma una casa di riposo per persone autosufficienti, dove l' assistenza medica è solo del medico di medicina generale, e comunque l' assistenza infermieristica è inferiore alle RSA vere e proprie.

Il motivo del mio post è segnalare che comunque dopo il vaccino gli anziani dovrebbero essere monitorati per qualche tempo, 24 ore almeno, e non lasciati da soli. Invece nelle Case di Riposo l' assistenza medica è totalmente assente e l' assistenza infermieristica molto minore rispetto alle RSA.

In una conversazione con la redazione del sito Il pane e le rose avevo "lanciato uno specifico allarme attorno alle case di Riposo"

https://www.pane-rose.it/files/index.php?c3:o54109:m2

In alcuni interventi delle ultime settimane sei andato oltre la questione RSA, lanciando uno specifico allarme attorno alle Case di Riposo. Per quali motivi?

Il fatto è che le Case di Riposo appaiono come una realtà sconosciuta: se ne ignora persino il numero. Almeno, rispetto alle RSA ci sono delle stime, sebbene non precise al 100%. Diciamo che il loro elenco, di difficile elaborazione, è scaturito dal confronto fra diversi elenchi regionali (perché queste strutture fanno capo alle Regioni), integrato dai dati forniti dall’Osservatorio Demenze dell’Istituto Superiore di Sanità. Su queste basi, si è stabilita la cifra di circa 4600 residenze. Le Case di Riposo rimandano a un discorso largamente diverso: vengono autorizzate dai Comuni e si differenziano nettamente dalle RSA, al contrario di quel che pensano certi superficiali giornalisti. Infatti, per le RSA si può parlare di strutture socio-sanitarie, per quanto riguarda le Case di Riposo l’aspetto sanitario è scarsamente contemplato, a partire dall’assistenza infermieristica, che è assai ridotta, soprattutto nelle ore notturne. Certo, a differenza che nelle RSA qui vi sono in prevalenza persone che hanno un certo grado di autonomia, ma in ogni caso parliamo di soggetti fragili. Non a caso molte delle situazioni più estreme si sono verificate in questi luoghi.

Infatti alcune settimane prima avevo scritto questo post

Covid 19, il pericolo oggi viene dalle Case di Riposo e non dalle RSA, ma non c'è nessun intervento specifico dalle istituzioni

http://lecorvettedellelba.blogspot.com/2020/10/covid-19-il-pericolo-oggi-sono-le-case.html

Tornando al caso di Genova,

la Residenza San Giovanni, dove era ospite secondo La Stampa l' anziana signora, si descrive così:

Residenza San Giovanni è una comunità alloggio che ospita, permanentemente o temporaneamente, persone anziane autosufficienti e non completamente autonome che, altrimenti, vivrebbero in solitudine.
In un ambiente familiare e socializzante, sono garantite le prestazioni alberghiere di pulizia, di ristorazione, di lavanderia e di guardaroba. Personale specializzato assiste e aiuta gli ospiti nella cura della loro igiene e professionisti esterni alla Residenza assicurano l’assistenza medica e infermieristica.

 

e tra le recensioni troviamo questa particolarmente istruttiva

 

11 mesi fa
Posto centrale molto comodo. Personale simpatico, preparato e disponibile. Proprietaria simpatica e alla mano. Mi è dispiaciuto togliere mia mamma dalla struttura ma purtroppo aveva bisogno di una RSA
 
M.P.
 

Quota
Etichette discussione
marcopa
Illustrious Member
Registrato: 12 anni fa
Post: 7607
Topic starter  

Sul sito Alessandriaoggi si legge

L’anziana era stata vaccinata ieri pomeriggio e subito dopo è stata colta da un’emorragia cerebrale e da uno sfogo rossocutaneo molto doloroso intorno al forellino della vaccinazione.

 

Genova – Una donna di 89 anni residente in una Rsa genovese sul territorio di Asl3 è morta all’alba per emorragia cerebrale dopo essere stata sottoposta a vaccinazione anticovid. L’anziana era stata vaccinata ieri pomeriggio e subito dopo è stata colta da un’emorragia cerebrale e da uno sfogo rossocutaneo molto doloroso intorno al forellino della vaccinazione. È stata trasportata in emergenza al Pronto Soccorso dell’ospedale Villa Scassi, dove è morta stamane. Data la concomitanza degli eventi sono state avviate indagini autoptiche. Sul posto sono giunti i Carabinieri, mentre è probabile che la Procura apra un fascicolo sul caso

 
Questo post è stato modificato 10 mesi fa da marcopa

RispondiQuota
Condividi:

I commenti sono chiusi.