Notifiche
Cancella tutti

Cingolani, transizione ecologica e vendita di armi, tecnologicamente innovative certo. Nomina suggerita da B.Grillo ?


marcopa
Illustrious Member
Registrato: 11 anni fa
Post: 7607
Topic starter  

La fiducia sarà votata mercoledì al Senato e giovedì alla Camera.

"Questo governo è una schifezza, scrive Maurizio Acerbo, segretario Prc, costruire l' alternativa !".
 
 Ma con chi ? Con Leu ? Cosa dicono le associazioni collaterali al centro sinistra dove sono impegnati molti attivisti del Prc:  Arci, Anpi, Un Ponte per, rete Disarmo. CGIL, etc. ???
 
Fortemente critici molti commenti su Cingolani, ma il nome sembra sia stato proposto dallo stesso Grillo che ha subito elogiato la sua nomina.
E troppi silenzi, Leu, associazioni ambientaliste, Reti della Pace e Disarmo.
 
Sono tutti molto bravi e probabilmente parlano tutti un ottimo inglese, 
 
ma a volte è importante dire un semplice NO !!!!
E il silenzio è complice.
 
Di seguito inserirò alcuni commenti sulla nomina di Cingolani al Ministero della transizione ecologica.
 
Marco

M5s -  "Buon lavoro al presidente Draghi e a tutto il governo. Un in bocca al lupo in particolare Luigi Di Maio, Stefano Patuanelli, Fabiana Dadone, e a Federico D'Inca', ministro dei Rapporti con Parlamento. E poi un augurio al nuovo "super ministro" all'Ambiente e alla transizione ecologica, Roberto Cingolani. Un profilo e un risultato che abbiamo fortemente voluto. Adesso subito al lavoro!". Così il M5S in un post sul suo account ufficiale. Secondo alcune fonti del Movimento, Beppe Grillo sarebbe particolarmente soddisfatto per la nomina di Cingolani che, stando alle stesse fonti, avrebbe lui stesso suggerito a Mario Draghi.

 
 

Quota
marcopa
Illustrious Member
Registrato: 11 anni fa
Post: 7607
Topic starter  
Potere al Popolo
 
 ALTRO CHE TRANSIZIONE ECOLOGICA: CHI È IL SUPER MINISTRO CINGOLANI?
 
Quella che doveva essere il simbolo dell’innovazione e della politica ecologista del nascente governo Draghi si è rivelata nei fatti come una delle più imbarazzanti operazioni di greenwashing degli ultimi anni.
Il neonato Ministero della transizione ecologica, tanto voluto da Grillo e subito realizzato da Draghi, è stato affidato a Roberto Cingolani, esperto di nanotecnologie e Direttore del dipartimento di tecnologia dell’azienda Leonardo di Finmeccanica, leader nella produzione ed esportazione di armamenti. Ci sembra evidente che questo aspetto del curriculum del nuovo super ministro non sia affatto marginale e anzi la dice lunga rispetto alla lotta ai cambiamenti climatici e all’inquinamento che il governo Draghi vorrebbe portare avanti durante il suo mandato.
Un tecnico molto politico, con le sue partecipazioni alla Leopolda di Renzi, ai meeting di Comunione e Liberazione, agli incontri pubblici di Letta e Casaleggio… Sarà lui a guidare il ministero che dovrà gestire la quota maggiore delle risorse previste dal Recovery Fund.
Siamo convinti che i nostri dubbi siano gli stessi di chi, da sempre, lotta sui territori per la giustizia climatica e contro ogni forma di devastazione ambientale.
Siamo convinti che dal dirigente di una fabbrica che traffica armi non possa arrivare nessuna svolta positiva per né per il nostro Paese né per l’ambiente. Il Ministero della transizione ecologica è infatti la degna espressione di un governo nato solo per gestire il malloppo del Recovery Plan ad esclusiva tutela degli interessi dell’alta finanza e di Confindustria.
A Cingolani e ai suoi nuovi colleghi non faremo sconti. Per la giustizia climatica e sociale, organizziamo l’opposizione!
 
Maurizio Acerbo Segretario Prc
 

Il governo del banchiere Draghi è una schifezza inguardabile. E non solo per i ministri politici su cui è impossibile non ironizzare, ma ancor di più per il profilo di quelli tecnici, espressione del mondo delle grandi imprese, della ricerca e delle università private e di Comunione e Liberazione. La transizione ecologica è una presa in giro affidata a uno di Leonardo Spa, la più grande azienda produttrice di armamenti del paese, passato per la Leopolda.

Coalizione della vergogna

È la grande coalizione della vergogna, la sintesi della miseria di classi dirigenti che hanno prodotto il declino del paese e la crescita delle disuguaglianze. Il sostegno di M5S e LeU dimostra che in parlamento non ci sono forze di rottura né di sinistra.
Questo governo non è il mare minore ma il peggio che avanza. Contro questo governo neoliberista l’unica scelta di sinistra è l’opposizione sociale e politica. Rifondazione Comunista propone a tutte le soggettività della sinistra sociale e politica di lavorare insieme per la costruzione di un’alternativa.
Se non ora quando.


RispondiQuota
marcopa
Illustrious Member
Registrato: 11 anni fa
Post: 7607
Topic starter  
"""
E del resto questo surreale ministro della transizione ecologica, titolare di 100 brevetti
Cingolani, già a Leonardo "Aerospazio e difesa", 
 
è grande esperto di brevetti e nanotecnologie e robotica... e inoltre...ha dichiarato che il.solare.costa troppo:
 
 
Peccato per il #nucleare, con tutti quei veti... Ma il #gas è l'alternativa più sostenibile nel medio e lungo termine". 
 
Parole di #RobertoCingolani, neoministro della transizioneecologica, intervistato da... #ENI. | http://bit.ly/3tTw0Jh&source=gmail&ust=1613307192863000&usg=AFQjCNGvinXGs3wAhXcC8krvr08ADNqBw w"> http://bit.ly/3tTw0Jh
 
E se pensate che l'alternativa era la capa di Novamont...
 
Del resto in Francia il ministro della transizione ecologica che era un vero ambientalista si è dimesso un anno dopo."""
 
M.C. ecopacifista
 
VEDETE IL VIDEO DELLA TRANSIZIONE ECOLOGICA CHE SI PROSPETTA, ripreso dal sito di LEONARDO.
Roberto Cingolani capo tecnologico dell'industria bellica Leonardo, è stato nominato ministro per la transizione ecologica.
 
SE QUESTA E' LA VOSTRA TRANSIZIONE ECOLOGICA: NO GRAZIE !

RispondiQuota
marcopa
Illustrious Member
Registrato: 11 anni fa
Post: 7607
Topic starter  

Bonelli, Verdi:

 

“Rimaniamo stupiti di fonte alla scelta di Roberto Cingolani come nuovo ministro per la Transizione ecologica al quale, in ogni caso, rivolgiamo i nostri auguri di buon lavoro”: inizia così il post sui social di Angelo Bonelli, presidente della Federazione Nazionale dei Verdi, che non ha partecipato alle consultazioni con il nuovo presidente del Consiglio Draghi. “Per il bene dell’Italia, auspichiamo che Cingolani, Direttore del dipartimento di tecnologia dell’azienda Leonardo di Finmeccanica, leader nella produzione ed esportazione di armi, possa avere le giuste competenze per guidare la necessaria transizione ecologica. Avevamo immaginato, in questo ruolo, una figura come quella del professor Enrico Giovannini ma siamo pronti comunque a cooperare con il nuovo ministro Cingolani”. Poi, se la prende con Beppe Grillo, che avrebbe rinunciato a un’ipoteca già posta sul nuovo Ministero per la Transizione Ecologica per ottenere la riconferma del dicastero agli Affari Esteri.

“Beppe Grillo ha compiuto un disastro e per difendere Luigi Di Maio al ministero degli esteri ha rinunciato ad avere un ruolo sul ministero della transizione ecologica confermando quanto la sua sia stata un’operazione strumentale che non fa affatto bene all’ambiente: ci vorrebbe più ecologia della politica”.

“Ci auguriamo che Cingolani affronti l’emergenza smog nelle città che rappresenta una crisi ambientale e sanitaria senza precedenti, con investimenti importanti su un’infrastruttura strategica come il trasporto pubblico locale, adeguando il Piano energia e clima agli obiettivi europei sulla CO2, dismettendo le trivelle a oggi presenti nel Mar Mediterraneo e i finanziamenti alle fonti fossili in favore di investimenti cospicui sulle energie rinnovabili e per il raggiungimento dell’indipendenza energetica basato sulle energie pulite”, conclude Bonelli.

 
Cioè, la transizione ecologica in mano al CEO di Leonardo, l'azienda che vende le nostre armi ai peggiori regimi come l'Arabia Saudita tanto amata da Renzi, l'Egitto (e scordiamoci che venga fatta verità su Regeni), la Turchia di Erdogan... ne vedremo delle belle...
 
 
 
 

 
 
Commenta
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Articolo precedente

 

 


RispondiQuota
Condividi:

I commenti sono chiusi.