Notifiche
Cancella tutti

A Roma contro Draghi. Piazza San Silvestro domani sarà una piazza bellissima, in ogni caso


marcopa
Illustrious Member
Registrato: 11 anni fa
Post: 7599
Topic starter  
Domani pomeriggio si svolgerà a Piazza San Silvestro, dalle 14.00, una manifestazione contro il governo Draghi che contemporaneamente si presenterà alla Camera dei Deputati dopo il voto al Senato di questa sera.
 
Il sindacato di base Si.Cobas aveva chiesto la Piazza di Monte Citorio, ma lo spazio è stato negato. La protesta della sinistra, di alcuni sindacati e di collettivi vari, deve essere tenuta nascosta il più possibile. E domani pomeriggio in Piazza Monte Citorio si aggireranno troppi giornalisti. meglio quindi, dirottare il presidio verso la vicina Piazza San Silvestro.
 
Di seguito la protesta di Rifondazione per la divieto di manifestare sotto l' obelisco davanti alla Camera, protesta ospitata da il Riformista diretto da Piero Sansonetti ex direttore di Liberazione.
 
 
Alla manifestazione parteciperanno molti piccoli partiti politici della sinistra, Potere al Popolo, Rifondazione, PCI, Sinistra anticapitalista, coordinamento sinistra di opposizione, con PCL e PCML, i sindacati Si.Cobas e la componente della CGIL "Riconquistiamo tutto", poi gli studenti dell' OSA, il collettivo Militant, Attac, Noi restiamo, alcuni centri sociali romani, Democrazia Atea e Risorgimento socialista.
 
Molta sinistra diffusa politica, sociale e sindacale. Non tutta.
 
Il PC di Marco Rizzo, Marx21, e altri collettivi manifesteranno sabato 25 febbraio in tutta Italia.
 
Ricordo che nel 2011 quando si insediò il governo Monti a Roma era proibito manifestare dopo gli incidenti del 15 ottobre, e poi non era ancora chiaro a tutti il modo in cui il governo del professore avrebbe cercato di riallineare l' Italia alle linee guida dell' Unione Europea.
 
Ora sappiamo tutti e bene che il compito di Draghi sarà di guidare l' Italia nella scia delle indicazioni dell' Unione Europea, che ha destinato al nostro paese moltissime risorse con precisi vincoli. Le reazioni di chi si oppone a meno di sorprese saranno maggiori
 
Non so quanti saremo domani pomeriggio, i presenti saranno comunque molto diversi tra loro. Prc e Attac  con il Fronte Unico di classe, il Si.Cobas e nello stesso tempo Potere al Popolo e gli ambienti a lui vicini. Potevamo essere di più. A giugno agli Stati generali di Conte vicino a Villa Pamphili era presente quasi tutto il sindacato di base, ricordo USB, Cobas e Unicobas, e tutta la sinistra politica. Qui le cose sono andate in modo diverso.
 
Ma la strada giusta è quella seguita da chi sarà domani in Piazza San Silvestro. E i divieti della Questura di Roma lo dimostrano. Tutti i presenti sapranno che manifesteranno insieme ad  ambienti con cui non sempre collaborano. Ma l' opposizione al neoliberismo della UE, rappresentato oggi in Italia dal governo Draghi, è comunque comune a tutti e sincero, molto più sincero dell' europeismo di alcuni partecipanti al governo Draghi.
 
Mi auguro dunque un successo del presidio di domani, e che la prossima occasione di mobilitazione sia ancora più unitaria del concentramento di domani.
 
Che in ogni caso sarà bellissimo.
 
Marco
 
 

 


Quota
marcopa
Illustrious Member
Registrato: 11 anni fa
Post: 7599
Topic starter  

http://sicobas.org/2021/02/16/21837/

Ricorso al Tar del Lazio contro la mancata autorizzazione della manifestazione, e nel 2019 quando giurò Conte Lega e Salvini, con Toti, manifestarono davanti alla Camera...ma noi no, non possiamo....

Abbiamo provveduto a notificare oggi all’Avvocatura dello Stato ed ad iscrivere al Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio ricorso contro la decisione della Questura di Roma di negare la possibilità di manifestare in piazza Montecitorio in occasione della fiducia al Governo Draghi.

Abbiamo chiesto al TAR di pronunciarsi con assoluta urgenza con un’istanza cautelare.

Sappiamo che dietro questo diniego motivato con ragioni di ordine pubblico ci sono in realtà ragioni squisitamente politiche.

Negare di manifestare in piazza davanti al Parlamento è tanto più grave in presenza di un voto di fiducia che vedrà l’assenza di reale opposizione in Parlamento.

La possibilità di manifestare non è mai stata negata in corrispondenza di votazioni sulla fiducia.

Nel 2019 in piazza Montecitorio si tenne una manifestazione convocata da FDI e Lega in occasione della fiducia al Governo Conte II, solo per testimoniare l’ultimo caso.

Sappiamo che la lotta politica non passa per i Tribunali, ma utilizzeremo ogni mezzo disponibile per opporci alla progressiva restrizione degli spazi democratici.

Attendendo la pronuncia del TAR confermiamo in ogni caso l’appuntamento previsto in piazza San Silvestro alle 14:00.

S.I. Cobas

 

https://www.repubblica.it/politica/2019/09/09/news/piazza_montecitorio_manifestazione_giorgia_meloni_matteo_salvini-235573628/

 



RispondiQuota
marcopa
Illustrious Member
Registrato: 11 anni fa
Post: 7599
Topic starter  

Sono stato a Piazza San Silvestro fino alle 16-16.30 ne sono uscito perplesso,

il presidio era promosso dal sindacato Si.Cobas e dal collettivo Fronte della Gioventù,

 

che in pratica hanno gestito il pomeriggio,

 

erano presenti Rifondazione, PCI, Potere al Popolo, Sinistra anticapitalista PCL e aggregazioni varie,

 

così invece di una discussione su come organizzare una grande campagna popolare contro il governo Draghi, come coinvolgere in questa campagna migliaia di persone, quali obbiettivi unitari individuare,

 

ci sono stati molti slogan dei due gruppi promotori, sono stati girati molti video, più o meno professionali dove i vari gruppi politici hanno espresso le loro posizioni.

 

Non una parola sui prossimi passi, se non da Marco Ferrando, PCL, che ha accennato a una manifestazione nazionale unitaria.

 

Continuo a pensare che nascerà un grande movimento contro il governo Draghi, perchè questo è un esecutivo che risponde all' UE e non al popolo italiano, ed adotta le politiche della UE, neoliberiste senza alternative.

 

Ma non nascerà da progetti dei gruppi politici e sindacali in azione in questi anni, una moltitudine incomunicante tra lro, e figuriamoci con l' insieme della popolazione italiana.

 

Nascerà, spinta dalla forza delle cose, e soprattutto per caso.

 

Marco

perplesso

 


RispondiQuota
esca
 esca
Prominent Member
Registrato: 12 anni fa
Post: 991
 

Nascera' qualche cosa spinta dalla forza degli eventi quando la malattia (non covid bensi' il marciume che tiene questo mondo per le palle) avra' esaurito il suo decorso, la febbre svanita ed i sintomi scemati, ergo il paziente ha da passa' a'nuttata e solo dopo, casomai, cadranno le teste. Il veleno si deve esaurire, niente scorciatoie.

Il baraccone dragodraghi (con il suo seguito di apparenti incompetenti - in realta' pericolosi agenti privi di morale - che guardacaso non sono stati sollevati dopo un'operato che si puo' riassumere come uno sfacelo dietro l'altro) e' li' per preciso desiderio di enti esterni di ignota residenza che di fronte ai movimenti di protesta non hanno mai fatto una piega, al massimo emettono ordini affinche' si provveda a strumentalizzarli. E infatti.

E' piu' efficace l'immagine del tarlo intento a rosicchiarsi l'armadio, che tutto puo' suscitare tranne perplessita'.

 


RispondiQuota
Condividi:

I commenti sono chiusi.