Notifiche
Cancella tutti

Sulla stampa inglese qualcosa si muove: qual è la verità sulle morti di Covid?


Primadellesabbie
Famed Member
Registrato: 10 anni fa
Post: 4544
Topic starter  

Il sito della BBC, nella quotidiana rassegna stampa dà conto che il Daily Mail sembra aver aperto le danze (mi piacerebbe scoprire che, in fondo in fondo, la patina di civiltà di questo Paese non é stata ancora completamente dilavata):

(traduzione quasi automatica)

Qual è la verità sulle morti di Covid?
Le famiglie in lutto la scorsa notte hanno detto che le morti erano state erroneamente certificate come Covid-19.

Esigendo un'indagine, i massimi esperti medici e i parlamentari hanno anche insistito di essere "certi" che troppe vittime fossero attribuite al virus.

Un direttore del funerale ha detto che è stato "uno scandalo nazionale". Le affermazioni fanno parte di un'indagine del Daily Mail che solleva seri interrogativi sul numero vertiginoso delle vittime.

Sabato scorso più di 100 lettori hanno scritto lettere strazianti a seguito di un commovente articolo di Bel Mooney. Ha rivelato che la morte del padre di 99 anni, che soffriva di demenza e malattia polmonare ostruttiva cronica, è stata registrata come coronavirus.

Decine hanno espresso frustrazioni simili per il fatto che le cause di morte di parenti anziani e già malati fossero state attribuite erroneamente. Otto delle famiglie che hanno scritto al Daily Mail hanno esortato con successo i medici a modificare le cause di morte precedentemente registrate come Covid-19.

Layla Moran, la deputata liberaldemocratica che presiede il gruppo parlamentare di tutti i partiti sul coronavirus, ha dichiarato: "Il governo dovrebbe avviare immediatamente un'indagine pubblica sulla gestione della pandemia con un'indagine ad interim su tutte le morti di Covid che dovrebbe riferire il prima possibile."

"Queste cifre non solo distorte quando i dati sono stati così importanti nel decidere come rispondere alla pandemia, hanno causato angoscia e ansia ai parenti.

"Se abbiamo ricevuto le cifre più appropriate dovrebbe essere assolutamente preso in considerazione in qualsiasi inchiesta futura."

Un direttore di pompe funebri nel nord-ovest ha dichiarato al Mail: "Il modo in cui Covid è stato registrato e segnalato è uno scandalo nazionale e un'indagine approfondita dovrebbe essere aperta immediatamente".

Gli esperti medici hanno fatto pressione sui medici affinché includessero il Covid-19 come causa di morte perché l'anno scorso è stata dichiarata una "malattia soggetta a denuncia", il che significa che ogni caso deve essere segnalato ufficialmente.

La professoressa Clare Gerada, ex presidente del Royal College of GPs [medici di famiglia, nota mia], ha dichiarato: "Quando tutto questo verrà fuori, scopriremo di aver sovrastimato il Covid-19 come causa di morte".

Richard Vautrey, che presiede il comitato dei medici di famiglia della British Medical Association, ha affermato che il bilancio potrebbe essere stato sopravvalutato all'inizio della pandemia quando i test non erano ampiamente disponibili e "la causa della morte sarebbe stata basata sul miglior giudizio dei sintomi clinici".

Un portavoce del Dipartimento della Salute ha dichiarato: "Siamo fiduciosi che le statistiche sui decessi siano solide e forniscano un quadro accurato di coloro che sono purtroppo morti a causa del virus. La guida ai medici che compilano un certificato medico di causa di morte spiega che ci si aspetta che dichiarino la causa della morte al meglio delle loro conoscenze e convinzioni mediche. "

--------------------------

Dopo che BEL MOONEY del Mail ha rivelato che suo padre è stato erroneamente certificato come morente di coronavirus, una valanga di risposte mostra che è tutt'altro che sola

Indagine speciale di Paul Bracchi e Arthur Martin per il Daily Mail

Ci sono tre cose che dovresti sapere sulle ultime settimane di vita di Jessie Wylde.

Il primo è che aveva demenza e broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), una condizione polmonare che causa gravi difficoltà respiratorie; il secondo è che risiedeva presso la casa di cura Aldergrove Manor a Wolverhampton; e il terzo, che all'epoca Jessie, 83 anni, era residente ad Aldergrove, almeno, non c'erano casi confermati di Covid.

È stata trasferita lì all'inizio dello scorso anno dall'unità di alta dipendenza del New Cross Hospital della città, dove era in cura per problemi respiratori.

Il 26 aprile, circa tre mesi dopo aver lasciato l'ospedale, Jessie è morta.

Poco prima della sua morte, un medico di Aldergrove l'ha valutata e ha confermato che aveva la BPCO.

Eppure, nonostante sia stata data una diagnosi del genere, nonostante l'assenza di un'epidemia di Covid ad Aldergrove e nonostante non risultasse positiva per la stessa Covid, la causa della morte di Jessie è stata registrata come Covid.

La rivelazione ha aggravato il dolore della sua famiglia.

"Ho detto al cancelliere che non l'avrei accettato", ha detto suo figlio Gary quando gli abbiamo parlato questa settimana. 'Ho detto: "Non permetterò mai e poi mai che la causa della morte di mia madre venga registrata come Covid". "

La persona che ha preso quella decisione era un medico di guardia.

Quando lo ha scoperto, il signor Wylde, 59 anni, amministratore delegato di una ditta di finestre, ha contattato il medico regolare di Aldergrove, che conosceva Jessie.

"Il medico mi ha spiegato che, in assenza di un test, i medici sono incoraggiati a mettere Covid sui certificati di morte", ha detto. 'Ma ha convenuto che mia madre soffriva di BPCO e demenza grave, e ha anche accettato di far cambiare il certificato di morte. Questo è successo solo perché l'ho sfidato.

Jessie, che si è separata dal marito quando i suoi cinque figli sono cresciuti, era molto amata. É diventata una nonna di nove anni e una bisnonna di 16, il che le ha dato molta gioia in età avanzata.

"Non volevo che mia madre diventasse solo un'altra statistica", ha spiegato il signor Wylde. 'Il minimo che si meritava era che le informazioni giuste fossero incluse nel suo certificato di morte.'

Il suo certificato ora dice che la causa della morte è stata la malattia polmonare cronica (BPCO) e la demenza.

La parola "Covid" è stata rimossa.

La famiglia Wylde non è sola; le persone a livello nazionale, ora lo sappiamo, che hanno subito lutti durante la pandemia hanno avuto un'esperienza simile.

Le loro allarmanti testimonianze sono state inoltrate a questo giornale in seguito al commovente resoconto di Bel Mooney, nel Mail di sabato scorso, della morte del padre di 99 anni nelle prime ore del 9 febbraio. Aveva superato tre test Covid ma era ancora classificato come una delle 120.000 vittime del Covid in Gran Bretagna. Quando Bel ha messo in dubbio questo, il medico della casa di cura, dice, ha spiegato che era perché c'erano stati incidenti mortali Covid sullo stesso piano della demenza.

Più di 100 famiglie ci hanno contattato all'indomani del rapporto di Bel e, al momento della stesura, le lettere stavano ancora arrivando:

'Caro Bel, ti scrivo per farti sapere che ho avuto esattamente la stessa esperienza quando mia madre è morta tristemente'. . . 'Caro Bel, la stessa cosa è successa a mio padre'. . . 'Caro Bel, ho avuto gli stessi problemi quando è morta la mia adorata moglie.'

Nel 'sacco della posta' c'erano otto famiglie, tra cui i Wylde, che riuscirono a ottenere il certificato di morte o il certificato medico di causa della morte (MCCD) - contenente le informazioni necessarie per registrare un decesso - cambiato perché si rifiutavano di accettare che un caro uno era morto per Covid e aveva messo in discussione la diagnosi clinica.

Altri hanno affermato di non aver seguito una tale linea di condotta perché non volevano esacerbare le conseguenze del lutto.

Il buon senso ci dice che questi non possono essere gli unici esempi. Ma perché sta succedendo? Le ragioni sono - come spiegheremo - complesse quanto la pandemia stessa. I medici troppo tesi, ansiosi di fare la cosa giusta in una situazione senza precedenti in cui la registrazione degli incidenti di Covid è un requisito legale, rappresenterebbero la maggior parte.

Inoltre, ovviamente, c'è l'errore umano, il giudizio discutibile dei medici e forse quelli attirati verso il percorso più semplice e conveniente di fronte a carichi di lavoro impossibili.

Ma diciamo una cosa assolutamente chiara: non ha senso suggerire, come vorrebbero far credere i teorici della cospirazione e i negazionisti del virus, che i medici in massa stanno deliberatamente falsificando i certificati per esagerare il numero di morti Covid per giustificare restrizioni comportamentali e di viaggio; in altre parole, che tutto questo fa parte di un complotto governativo.

Detto questo, le prove che alcuni decessi vengono erroneamente attribuiti a Covid, come ad esempio Jessie Wylde, sono convincenti.

Così sono anche i racconti di famiglie con parenti anziani che stavano già ricevendo cure di fine vita che soffrivano, per esempio, di BPCO, malattie cardiache o cancro, quando hanno contratto il virus; avevano il virus, in altre parole, ma, agli occhi delle loro famiglie, non erano morti per Covid ma erano comunque classificati come morti Covid.

Nelle famiglie di tutto il paese questo da solo ha causato indicibili angosce, se la risposta all'articolo di Bel Mooney è qualcosa su cui basarsi; per molte famiglie, a torto oa ragione, Covid è visto come uno stigma - una "piaga" come dice Bel - che ha esacerbato il loro dolore.

Questa è la storia nascosta dietro le statistiche; quello che ci dicono le persone che hanno scritto al Mail in massa nell'ultima settimana.

Questo è il motivo per cui l'illustre patologo in pensione John Lee crede di non poter "pensare a nessun momento della mia carriera medica in cui è stato più importante avere una diagnosi accurata di una malattia e una comprensione del motivo preciso del motivo per cui i pazienti ne sono morti".

 

Da qui:

https://www.dailymail.co.uk/news/article-9305405/Grieving-relatives-demand-inquiry-loved-ones-wrongly-certified-virus-victims.html

e da qui:

https://www.bbc.co.uk/news/blogs-the-papers-56218934


Quota
Simsim
Estimable Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 157
 

Io vorrei capire come dovrei reagire leggendo questa roba. Perché francamente, se avessi la possibilità di scegliere cosa fare, io credo che ad oggi non ne lascerei in vita nessuno e farei volentierissimo il boia. Mi rendo conto della bestialità, ma francamente non riesco ad avere altra reazione. Che processo vuoi fare, questi hanno piegato il mondo, che punizione rieducativa gli vuoi dare?


RispondiQuota
Primadellesabbie
Famed Member
Registrato: 10 anni fa
Post: 4544
Topic starter  

@simsim

É l'assenza di una radicale e concreta opposizione al liberismo e alle sue quinte colonne che ha permesso al mostro che c'è sempre stato, e che ha goduto e gode di vaste compiacenze e simpatie, di concretizzarsi e scatenarsi.


RispondiQuota
Simsim
Estimable Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 157
 

@primadellesabbie ma certo che è così. Il problema è che a questo punto non stiamo più parlando di disparità economiche e sociali, che sono un'aberrazione ma che di fatto non privano della vita nessuno. Qui stiamo parlando di una privazione generalizzata di libertà, di terrorismo psicologico doppio per chi ha creduto alla storia della malattia, singolo per chi non ci ha creduto ma rode di rabbia nel vedere le cose andare in una certa maniera. Ci sono i morti veri di covid non curati, ci sono e ci saranno le migliaia di morti per tutte le altre malattie non curate. Qui non è più una questione di disparità, qui è un tentativo legalizzato di genocidio, usando le istituzioni e i poteri che dovrebbero essere garanzia e non nemico. Non c'è pena terrena che possa mai essere abbastanza e non ci sarà risarcimento per nessuna vittima diretta o indiretta, materiale o psicologica, di questa vicenda. 


RispondiQuota
GioCo
Noble Member
Registrato: 13 anni fa
Post: 1537
 
Postato da: @simsim

@primadellesabbie [...] stiamo parlando di una privazione generalizzata di libertà [...]. Non c'è pena terrena che possa mai essere abbastanza e non ci sarà risarcimento per nessuna vittima diretta o indiretta, materiale o psicologica, di questa vicenda. 

Non la butterei giù così. Non perché non riconosco una ragione ragionevole, ma perché le parole sono importanti e ancora più importante è come le usiamo. Le parole evocano (stati d'animo) e soprattutto su noi stessi quando le usiamo. Quindi è più sensato esercitare un poco di furbizia.

Stiamo parlando prima di tutto di una cricca che notoriamente non ha intelligenza emotiva e infatti la viene a cercare poi da gente come noi (ma che abita la terra di mezzo)  lautamente compensata per le campagne di P.R. di successo che poi mette in piedi. Gente con abbastanza intelligenza emotiva per creare propaganda efficace ma non abbastanza da capire di essere solidale con un suicidio di massa.

Le aberrazioni sono sempre esistite. Ricordo bene di come mi parlavano i miei nonni dell'epoca del fascio e di quanta gente (mi dicevano) plaudiva piangente di gratitudine il Duce. Non certo solo perché la tessera era obbligatoria. Gente che poi si è convertita in massa sulla via di damasco diventando partigiana nell'ultimo minuto; mi raccontavano di come le folle che riempivano le piazze per i sermoni del mascellone s'erano poi radunate in loreto quando lo hanno appeso per i piedi altrettanto emotivamente coivolte ma per la rabbia. Ultimamente al solito m'è toccato litigare con un caro amico sulla aberrazione di festeggiare sul cadavere di un Uomo trattato come una bestia, fosse pure il Duce e (peggio!) sulla povera Claretta che nulla centrava con le beghe politiche italiote, creduloneria compresa. Se non sei capace di riconoscerti anche in persone che hai in odio, perché la vita non guarda in faccia nessuno e tu potevi benissimo stare al loro posto, come riuscirai a perdonare a te stesso l'odio che hai suscitato in altri? Pensi che il figlio dell'Uomo non sappia dell'odio che ha seminato nel cuore dei suoi simili e non pianga per questo?

Certo, non siamo santi e non abbiamo neppure il desiderio di diventarlo. Tuttavia il tentativo di usare legalmente le risorse per fare quello che ca%%o vogliamo lo leggiamo persino nei promessi sposi del Manzoni con l'azzeccagarbugli o l'innominato, icone senza tempo che ci rappresentano. Niente di cambiato sotto il sole, tranne i mezzi che però riflettono anche la demografia dell'orbe terracqueo. All'epoca di Manzoni la popolazione era certamente molto al di sotto degli attuali 7,8 miliardi (circa). Ma le deportazioni in proporzione non sono mai state meno spaventose, persino quando le navi erano di legno gli olandesi fecero del corno d'africa un commercio di schiavi di proporzioni bibliche, simile a quello che le attuali ONG fanno nei nostri mari casalinghi e le americhe ne portano ancora il segno evidente. Hanno forse in america distrutto la società civile e le tradizioni? Si, ma quelle dei nativi che di certo non hanno mai avuto in disprezzo i deportati quanto le giacche blu, i coloni e i cercatori d'oro.

L'unica novità che vedo con chiarezza è la supercazzola. Cioé la volontà ferrea di portare avanti politiche allucinanti come se fossero "antani con scappellamento a destra e sinistra" da alfieri dalla faccia di bronzo come Billo Cancelli. Cioé affermate con seria determinazione e con la convinzione che qualche effetto dovranno pur ottenerlo sul pubblico bovino. In quanto poi alla lettura di questi "effetti" beh, gente, ne sento di ogni. Prendi l'articolo su sputniknews.com (QUI) che riporta la polemica scattata sui social per l'ultima domenica libera lombarda. Ma davvero vogliamo credere che rifletta il pensiero del Lombardi? L'evidenza ci dice che la massa era in piazza. Poi se c'è gente che dice "per colpa loro non ne usciremo mai" è perché (te lo dico con certezza quasi matematica) erano a far festa anche loro e non lo vogliono ammettere. Come con il Duce, sempre pavidi quando si tratta di ammettere l'evidenza.

Quindi c'è speranza. Non di uscirne, ma di vedere che ogni cosa che sarà messa in pratica da questa rozza accozzaglia di cialtroneria umanoide, non potrà che risolversi in un completo disastro. Poi raccoglieranno i pezzi quelli che soppravvivono. Sinceramente @simsim spero di non essere tra questi, mi basta e avanza il presente.


RispondiQuota
Simsim
Estimable Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 157
 

Io invece voglio essere lì. Non ho visto altro che un mondo puntato col muso verso lo sfracello, avrei piacere, anche se per breve tempo, di vivere in un mondo che abbia una prospettiva di miglioramento come tendenza. Possibilmente libero dall'aura nefasta di questi scarti dell'umanità che ci dirigono dal buio del loro nascondersi.


RispondiQuota
Condividi:

I commenti sono chiusi.